Home » Campioni d'Italia »Rubriche » “Teraplando”, la terapia a pedali di Manuela Ansaldo:

“Teraplando”, la terapia a pedali di Manuela Ansaldo

gennaio 10, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Pedalare fa bene al corpo, allo spirito e alla mente. Una terapia buona non solo, per esempio, per chi soffre di obesità ma pure per chi deve fare i conti con rilevanti problemi psichici, come la depressione o l‘ansia. La dottoressa Manuela Ansaldo, psicoteraputa con PhD  in Neuroscienze è partita da questi assunti scientifici per elaborare una ricetta terapeutica base di attività aerobica.

Non si tratta di una nuova moda new age né di roba da casalinghe ricche e stressate. Teraplando – questo il nome della terapia con i pedali – è una formula consigliata dai medici del DSM Cinecittà di Roma ovvero gli psichiatri, guidati dal capo dipartimento Roberto Parravani, che indirizzano i loro pazienti alle cure di Manuela. Ed è anche un marchio registrato, che protegge appunto la precisa “formula” elaborata, perché non basta semplicemente pedalare per ottenere questo tipo di risultati. “Teraplando è il frutto dei miei studi sugli effetti benefici dell’attività aerobica sui toni dell’umore. Un risultato arrivato grazie anche alle collaborazioni scientifiche e alle relazioni e rapporti con i medici psichiatri del Dipartimento di Salute Mentale”.

Tanto ricerca, dunque, e lavoro sul funzionamento e le reazioni del cervello. Ma come si sviluppa, in concreto, l’attività per i pazienti, avviata nel 2015? “Io opero come personal trainer, da coach, e tratto ogni patologia in modo specifico. In altri termini è ben diversa la problematica di chi soffre di obesità e di chi deve confrontarsi con un disturbo bipolare. Per questo prima di iniziare l’attività vera e propria si parte con un test medico sportivo e mi consulto con il medico curante”. La terapia è anche un modo per attenuare gli effetti secondari provocati dall’assunzione dei farmaci che “portano spesso al sovrappeso”. Inoltre, spiega Manuela, “puntiamo sulle risorse auto-curative che ognuno di noi ha, ma che spesso non sa utilizzare“. Per questo tutti i partecipanti a Teraplando devono seguire delle indicazioni molto precise, in quanto “si tratta di un lavoro cardiaco di una certa intensità”, costantemente monitorato dal coach.

Oltre il dato individuale la psicoterapeuta romana riconosce l’effetto sociale del pedalare: “questa è una spinta per usare la bici anche fuori casa, con la famiglia, con gli amici. Le due ruote sono un grandissimo strumento di socializzazione“. Stare sul sellino, insomma, fa bene alla propria salute fisica e mentale, ma apre pure le porte anche ad un miglioramento dei rapporti e delle relazioni sociali.

Chiariti e comprovati i benefici, ora si dovrebbe trovare il modo di incentivare un metodo come Teraplando: “Per i primi due anni la terapia è stata offerta gratuitamente e vorrei continuare così, ma ora serve un supporto. E finora non ho avuto sostegni di questo tipo“. Eppure Teraplando è un’ottima risposta ad una società dove ci si muove poco e male, il che comporta costi enormi per la sanità pubblica. Perché non prevenire? “Il corpo umano è fatto per il movimento, i nostri geni sono predisposti per questo. La sedentarietà va conto natura, non è un caso che la depressione sia una malattia dei nostri tempi – denuncia la Dott.ssa Ansaldo – Stare ore e ore seduti davanti ad una scrivania con la luce artificiale non ha nessun giovamento per il corpo e la mente”.

Sarebbe utile per tutti ritagliarsi uno spazio in palestra, visto che siamo fatti per il movimento – “siamo dei mammiferi”, ribadisce la dottoressa. E invece la nostra scuola cosa fa? “Negli USA si promuove molto lo sport nei college, ma è orientato ad una dimensione agonistica e competitiva, mentre bisognerebbe sottolineare l’aspetto ludico. C’è da incanalare i ragazzi verso lo sport e verso uno stile di vita sano, sembra invece che il messaggio dominante sia quello legato al fatto che sei bravo se studi seduto su una sedia tutto il giorno. E, al contrario se fai movimento ‘perdi tempo’, quasi un giudizio negativo per chi si muove al di là degli spazi consentiti”.

Il messaggio in realtà è antico: mens sana in corpore sano. Senza per forza dover puntare all’agonismo, come sostiene la Ansaldo stessa, che nella “vita privata” è comunque una sportiva professionista: “sono una ciclista, faccio agonismo e sono seguita da un preparatore atletico”. Ma in Teraplando il traguardo da tagliare non è quello di gara, è quello del proprio benessere psicofisico.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende