Home » Campioni d'Italia »Rubriche » “Teraplando”, la terapia a pedali di Manuela Ansaldo:

“Teraplando”, la terapia a pedali di Manuela Ansaldo

gennaio 10, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Pedalare fa bene al corpo, allo spirito e alla mente. Una terapia buona non solo, per esempio, per chi soffre di obesità ma pure per chi deve fare i conti con rilevanti problemi psichici, come la depressione o l‘ansia. La dottoressa Manuela Ansaldo, psicoteraputa con PhD  in Neuroscienze è partita da questi assunti scientifici per elaborare una ricetta terapeutica base di attività aerobica.

Non si tratta di una nuova moda new age né di roba da casalinghe ricche e stressate. Teraplando – questo il nome della terapia con i pedali – è una formula consigliata dai medici del DSM Cinecittà di Roma ovvero gli psichiatri, guidati dal capo dipartimento Roberto Parravani, che indirizzano i loro pazienti alle cure di Manuela. Ed è anche un marchio registrato, che protegge appunto la precisa “formula” elaborata, perché non basta semplicemente pedalare per ottenere questo tipo di risultati. “Teraplando è il frutto dei miei studi sugli effetti benefici dell’attività aerobica sui toni dell’umore. Un risultato arrivato grazie anche alle collaborazioni scientifiche e alle relazioni e rapporti con i medici psichiatri del Dipartimento di Salute Mentale”.

Tanto ricerca, dunque, e lavoro sul funzionamento e le reazioni del cervello. Ma come si sviluppa, in concreto, l’attività per i pazienti, avviata nel 2015? “Io opero come personal trainer, da coach, e tratto ogni patologia in modo specifico. In altri termini è ben diversa la problematica di chi soffre di obesità e di chi deve confrontarsi con un disturbo bipolare. Per questo prima di iniziare l’attività vera e propria si parte con un test medico sportivo e mi consulto con il medico curante”. La terapia è anche un modo per attenuare gli effetti secondari provocati dall’assunzione dei farmaci che “portano spesso al sovrappeso”. Inoltre, spiega Manuela, “puntiamo sulle risorse auto-curative che ognuno di noi ha, ma che spesso non sa utilizzare“. Per questo tutti i partecipanti a Teraplando devono seguire delle indicazioni molto precise, in quanto “si tratta di un lavoro cardiaco di una certa intensità”, costantemente monitorato dal coach.

Oltre il dato individuale la psicoterapeuta romana riconosce l’effetto sociale del pedalare: “questa è una spinta per usare la bici anche fuori casa, con la famiglia, con gli amici. Le due ruote sono un grandissimo strumento di socializzazione“. Stare sul sellino, insomma, fa bene alla propria salute fisica e mentale, ma apre pure le porte anche ad un miglioramento dei rapporti e delle relazioni sociali.

Chiariti e comprovati i benefici, ora si dovrebbe trovare il modo di incentivare un metodo come Teraplando: “Per i primi due anni la terapia è stata offerta gratuitamente e vorrei continuare così, ma ora serve un supporto. E finora non ho avuto sostegni di questo tipo“. Eppure Teraplando è un’ottima risposta ad una società dove ci si muove poco e male, il che comporta costi enormi per la sanità pubblica. Perché non prevenire? “Il corpo umano è fatto per il movimento, i nostri geni sono predisposti per questo. La sedentarietà va conto natura, non è un caso che la depressione sia una malattia dei nostri tempi – denuncia la Dott.ssa Ansaldo – Stare ore e ore seduti davanti ad una scrivania con la luce artificiale non ha nessun giovamento per il corpo e la mente”.

Sarebbe utile per tutti ritagliarsi uno spazio in palestra, visto che siamo fatti per il movimento – “siamo dei mammiferi”, ribadisce la dottoressa. E invece la nostra scuola cosa fa? “Negli USA si promuove molto lo sport nei college, ma è orientato ad una dimensione agonistica e competitiva, mentre bisognerebbe sottolineare l’aspetto ludico. C’è da incanalare i ragazzi verso lo sport e verso uno stile di vita sano, sembra invece che il messaggio dominante sia quello legato al fatto che sei bravo se studi seduto su una sedia tutto il giorno. E, al contrario se fai movimento ‘perdi tempo’, quasi un giudizio negativo per chi si muove al di là degli spazi consentiti”.

Il messaggio in realtà è antico: mens sana in corpore sano. Senza per forza dover puntare all’agonismo, come sostiene la Ansaldo stessa, che nella “vita privata” è comunque una sportiva professionista: “sono una ciclista, faccio agonismo e sono seguita da un preparatore atletico”. Ma in Teraplando il traguardo da tagliare non è quello di gara, è quello del proprio benessere psicofisico.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende