Home » Campioni d'Italia »Rubriche » TerniEnergia alla conquista della “green new era”:

TerniEnergia alla conquista della “green new era”

ottobre 1, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Per loro, la crisi non c’è mai stata, e quando l’azienda ha presentato ieri a Londra, presso la sede della Borsa, il nuovo piano industriale, lo ha fatto insistendo su alcune parole chiave scelte accuratamente: Discover the green new era”. TerniEnergia, gruppo in cui è confluito l’anno scorso anche TerniGreen e a sua volta parte di T.E.R.N.I. Research, è uno dei principali player italiani nel settore delle rinnovabili e probabilmente l’unico soggetto imprenditoriale, nel nostro Paese, ad essere attivo trasversalmente in così tanti settori della green economy: oltre a fotovoltaico e biomasse, l’efficienza energetica, la gestione degli pneumatici esausti, la bonifica ambientale, la pirogassificazione del legno.

Il suo sguardo verso il futuro è, motivatamente, positivo: nata nel 2005, ha già collezionato diversi riconoscimenti. Nel 2010 il presidente e amministratore delegato Stefano Neri è stato proclamato “Emerging Entrepreneur of the Year” per l’Italia dalla giuria del premio “Ernst & Young L’Imprenditore dell’Anno”. L’azienda si è posizionata per due anni consecutivi al vertice della classifica Deloitte Technology Fast 500 EMEA, dedicata alle società a crescita più veloce nel settore tecnologico, e poche settimane fa Milano Finanza l’ha collocata al primo posto per aumento di fatturato dal 2008 al 2012 (passato da 32 a 65 milioni) tra le 40 società che hanno affrontato la crisi trovando nuovi sbocchi e puntando sull’efficienza gestionale.

E sempre i numeri raccontano bene le attività dell’azienda: “TerniEnergia, dall’inizio dell’attività, ha realizzato oltre 270 impianti fotovoltaiciutility scale” (di grandi dimensioni, ndr), per complessivi 274 MW. Una parte consistente di questi è stata costruita per l’attività di power generation, con 33,3 MW di proprietà della società e 11,1 MW in joint venture con primari operatori nazionali e investitori”, racconta Neri. All’attività nel solare, che “consente ogni anno di risparmiare emissioni per 233.250 tonnellate di CO2, equivalenti a 35.200 tonnellate di petrolio”, si aggiunge quella nell’industria verde, confluita nel gruppo dopo la fusione per incorporazione di TerniGreen. Tanti gli stabilimenti realizzati e gestiti, come l‘impianto di Narni per il recupero della frazione organica del rifiuto solido urbano, con biodigestione anaerobica e compostaggio, per oltre 30.000 tonnellate annue e un recupero energetico di circa 1 MW; oppure l’impianto di pirogassificazione di biomassa a “chilometro zero” a Borgosesia, in Piemonte, anche questo per circa 1 MW di energia. A questi si aggiunge lo stabilimento per il recupero della gomma e dell’acciaio da pneumatici fuori uso in Umbria. “E’ il primo di questa tipologia installato in Italia e ha una capacità di 4 tonnellate all’ora e 22.500 tonnellate all’anno. L’investimento impiantistico è stato pari a circa 3 milioni di euro, escluse le opere edili. TerniEnergia ha già stipulato accordi di fornitura di pneumatici fuori uso con partner nazionali”, spiegano dall’azienda.

Un ruolo di primo piano è attribuito alla ricerca e all’innovazione. “L’attività più consistente è volta al miglioramento dei processi nel settore del trattamento dei rifiuti, alla ricerca di soluzioni per l’energy storage, all’implementazione di nuove tecnologie nello smart metering e nel telecontrollo degli impianti”, spiega Neri. Nel 2011, per esempio, TerniEnergia ha contribuito alla realizzazione di un  impianto fotovoltaico in provincia di Vicenza, dotato di un sofisticato sistema per lo stoccaggio dell’energia: una tecnologia per l’accumulo di energia costituita da batterie al sale, con una capacità di immagazzinamento di circa 230 kilowattora al giorno, ovvero circa il 40% della produzione dell’impianto. “Fino a due anni fa, l’attività di Ricerca e sviluppo era molto più evidente nei conti economici, attestandosi a circa il 10% delle revenues. Dal 2012, il gruppo T.E.R.N.I. Research, holding di maggioranza della società, ha fatto confluire le attività di R&D, scouting tecnologico e innovazione nell’acceleratore di business Italeaf”. Una strategia che “ha spostato su quest’ultima gran parte degli investimenti, ma ha consentito di gemmare nuove società con importanti margini di crescita, come Greenled Industry, attiva nella produzione di lampade led di grande potenza per installazioni in ambienti ostili come fabbriche siderurgiche, cementifici, forni industriali”.

“Lo sforzo che noi abbiamo fatto nell’industria ambientale e delle rinnovabili, è stato quello di affermarci come un protagonista tra i più attivi a livello europeo e un operatore integrato nel settore green, idoneo a costituire una piattaforma di aggregazione che rappresenti un’opportunità per gli investitori istituzionali”, sintetizza Neri.

Il piano industriale presentato ieri a Londra punta molto sull’internazionalizzazione, iniziata nel 2011 con la costituzione di quattro filiali in Grecia, Romania, Sudafrica e Polonia. Nel triennio 2014-16, la società si concentrerà in particolare su “Paesi emergenti caratterizzati da domanda di energia in forte crescita, mercati caratterizzati da domanda di sostituzione delle fonti di approvvigionamento energetico e di efficienza dei sistemi elettrici e aree geografiche prossime al raggiungimento della grid parity o in alternativa aree nelle quali è possibile operare attraverso power purchase agreement (accordo tra un soggetto produttore di energia e un soggetto compratore, ndr)”, si legge nel comunicato dell’azienda.

Una strada per crescere, intercettando mercati in cui sia più facile investire rispetto all’Italia: “Nel nostro Paese, anche al susseguirsi di mutamenti politici, c’è una continuità nell’incertezza normativa, autorizzativa e fiscale, in generale nel quadro regolatorio, che indebolisce la “competitività del sistema Italia” e che limita l’attrattività per gli investimenti esogeni. A questo si aggiunge la crescente pressione del fenomeno nimby, esploso negli ultimi anni. La certezza autorizzativa, il rispetto dei tempi, la programmabilità degli investimenti sono fattori determinanti per la crescita e la ripresa. Ma troppo spesso la politica tende a non considerare questi aspetti”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende