Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Thesan: con le rinnovabili alla conquista dei mercati esteri:

Thesan: con le rinnovabili alla conquista dei mercati esteri

gennaio 28, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Mentre molte aziende italiane a causa dello spalma-incentivi voluto dal governo hanno dovuto abbandonare il settore del fotovoltaico o, peggio, licenziare e in qualche caso anche chiudere, Thesan è riuscita a giocare d’anticipo. La spin off di Savio, nata nel 2008 con l’obiettivo di aggiungere altri sbocchi – risparmio energetico e rinnovabili – a quelli tradizionali del gruppo produttore di componenti per serramenti in alluminio, ha infatti deciso di puntare tutto sull’estero.

Nel 2013 abbiamo lanciato una strategia di internazionalizzazione con la realizzazione di sei impianti fotovoltaici in Romania, a cui è seguita la costruzione di altri sei campi fotovoltaici in Ecuador, la più grande operazione di questo tipo realizzata finora nel Paese dell’America Latina”, spiega l’AD Aimone Balbo. E per il 2015 e 2016 l’azienda guarda anche a Brasile, Messico, Turchia, Giappone e si prepara per sbarcare negli Stati Uniti. “In una prima fase abbiamo realizzato impianti conto terzi. Poi, un anno fa, abbiamo deciso di affiancare a questa attività la produzione e vendita di energia rinnovabile a livello mondiale, attraverso grandi impianti fotovoltaici di cui manteniamo la proprietà. A questo scopo, abbiamo costituito la Thesan Clean Energy”. Entro il 2015, Thesan prevede di raggiungere i 30 MW di potenza installata, con una capacità di produzione annuale di 50.000 MWh. “Il fotovoltaico è un settore itinerante: i mercati nascono, esplodono e velocemente si saturano. Sopravvivono le aziende che capiscono questa dinamica e sono capaci di arrivare sui mercati in fase embrionale e cercare nuovi sbocchi al momento giusto. Quando in Italia c’è stata la chiusura dei conti energia, Thesan aveva già messo radici in altri Paesi”, aggiunge Balbo.

Oltre al fotovoltaico, l’azienda di Chiusa San Michele (Val di Susa) sta anche facendo i primi passi nel settore dell’idroelettrico. Thesan, in collaborazione con il Consorzio Interuniversitario Cineca, ha infatti realizzato il prototipo di una turbina innovativa, in grado di produrre energia anche nel caso di corsi d’acqua con portate ridotte o irregolari. Il progetto si è aggiudicato l’HPC Innovation Excellence Awards, un riconoscimento internazionale per le applicazioni più innovative nel settore del supercalcolo. Il prossimo passo, racconta Balbo, sarà l’eolico.

Accanto alle rinnovabili, c’è l’altro settore in cui Thesan ha deciso di specializzarsi: il risparmio energetico. “Gli edifici oggi sono responsabili in Europa del 40% dei consumi energetici, e nel 2008 non ci si era ancora focalizzati su come renderli più efficienti. Per questo abbiamo pensato che il settore del risparmio di energia potesse offrire interessanti spazi di crescita”. Un tema che l’azienda affronta però in modo originale. “La prima linea di prodotti realizzata da Thesan è Aircare: si tratta di sistemi di ventilazione degli ambienti che associano il ricambio d’aria all’efficienza energetica e al filtraggio dell’aria stessa, per eliminare particolato, PM10 e PM2,5, batteri, pollini, funghi e acari”. Per la loro azione di abbattimento degli inquinanti, Aircare viene esportata nelle aree urbane in Cina, India, Malesia, Indonesia, Tailandia, Singapore e Messico, tra le più inquinate al mondo. Il sistema a scambiatore di calore, grazie al quale in inverno l’aria interna in uscita cede calore a quella esterna in entrata (e viceversa in estate), senza che i due flussi si incontrino mai direttamente, rende Aircare attrattivo anche per i Paesi del Nord Europa, dove la spesa per il riscaldamento è consistente.

Negli ultimi anni, l’azienda piemontese ha visto aumentare il suo fatturato in maniera consistente: “Siamo passati dagli 11 milioni del 2013 agli oltre 17 del 2014, e per il 2015 puntiamo a raggiungere i 25-30 milioni”, spiega Balbo. Una quota importante del fatturato – circa l’8% – è destinata all’innovazione. Il motore su cui Thesan punta per crescere del 20-30% l’anno in termini di fatturato e potenza installata.

Nel futuro dell’azienda c’è da una parte la conquista di nuovi mercati, dal Giappone agli USA, dall’altra lo sviluppo di prodotti innovativi per ridurre gli sprechi di energia: “Stiamo lavorando a un progetto per ridurre il consumo di acqua calda sanitaria. All’Environment Park di Torino stiamo inoltre testando “Energy Skin”, un sistema di pannelli esterni alla casa che scambiano calore con l’ambiente circostante e lo convogliano all’interno”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende