Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Thesan: con le rinnovabili alla conquista dei mercati esteri:

Thesan: con le rinnovabili alla conquista dei mercati esteri

gennaio 28, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Mentre molte aziende italiane a causa dello spalma-incentivi voluto dal governo hanno dovuto abbandonare il settore del fotovoltaico o, peggio, licenziare e in qualche caso anche chiudere, Thesan è riuscita a giocare d’anticipo. La spin off di Savio, nata nel 2008 con l’obiettivo di aggiungere altri sbocchi – risparmio energetico e rinnovabili – a quelli tradizionali del gruppo produttore di componenti per serramenti in alluminio, ha infatti deciso di puntare tutto sull’estero.

Nel 2013 abbiamo lanciato una strategia di internazionalizzazione con la realizzazione di sei impianti fotovoltaici in Romania, a cui è seguita la costruzione di altri sei campi fotovoltaici in Ecuador, la più grande operazione di questo tipo realizzata finora nel Paese dell’America Latina”, spiega l’AD Aimone Balbo. E per il 2015 e 2016 l’azienda guarda anche a Brasile, Messico, Turchia, Giappone e si prepara per sbarcare negli Stati Uniti. “In una prima fase abbiamo realizzato impianti conto terzi. Poi, un anno fa, abbiamo deciso di affiancare a questa attività la produzione e vendita di energia rinnovabile a livello mondiale, attraverso grandi impianti fotovoltaici di cui manteniamo la proprietà. A questo scopo, abbiamo costituito la Thesan Clean Energy”. Entro il 2015, Thesan prevede di raggiungere i 30 MW di potenza installata, con una capacità di produzione annuale di 50.000 MWh. “Il fotovoltaico è un settore itinerante: i mercati nascono, esplodono e velocemente si saturano. Sopravvivono le aziende che capiscono questa dinamica e sono capaci di arrivare sui mercati in fase embrionale e cercare nuovi sbocchi al momento giusto. Quando in Italia c’è stata la chiusura dei conti energia, Thesan aveva già messo radici in altri Paesi”, aggiunge Balbo.

Oltre al fotovoltaico, l’azienda di Chiusa San Michele (Val di Susa) sta anche facendo i primi passi nel settore dell’idroelettrico. Thesan, in collaborazione con il Consorzio Interuniversitario Cineca, ha infatti realizzato il prototipo di una turbina innovativa, in grado di produrre energia anche nel caso di corsi d’acqua con portate ridotte o irregolari. Il progetto si è aggiudicato l’HPC Innovation Excellence Awards, un riconoscimento internazionale per le applicazioni più innovative nel settore del supercalcolo. Il prossimo passo, racconta Balbo, sarà l’eolico.

Accanto alle rinnovabili, c’è l’altro settore in cui Thesan ha deciso di specializzarsi: il risparmio energetico. “Gli edifici oggi sono responsabili in Europa del 40% dei consumi energetici, e nel 2008 non ci si era ancora focalizzati su come renderli più efficienti. Per questo abbiamo pensato che il settore del risparmio di energia potesse offrire interessanti spazi di crescita”. Un tema che l’azienda affronta però in modo originale. “La prima linea di prodotti realizzata da Thesan è Aircare: si tratta di sistemi di ventilazione degli ambienti che associano il ricambio d’aria all’efficienza energetica e al filtraggio dell’aria stessa, per eliminare particolato, PM10 e PM2,5, batteri, pollini, funghi e acari”. Per la loro azione di abbattimento degli inquinanti, Aircare viene esportata nelle aree urbane in Cina, India, Malesia, Indonesia, Tailandia, Singapore e Messico, tra le più inquinate al mondo. Il sistema a scambiatore di calore, grazie al quale in inverno l’aria interna in uscita cede calore a quella esterna in entrata (e viceversa in estate), senza che i due flussi si incontrino mai direttamente, rende Aircare attrattivo anche per i Paesi del Nord Europa, dove la spesa per il riscaldamento è consistente.

Negli ultimi anni, l’azienda piemontese ha visto aumentare il suo fatturato in maniera consistente: “Siamo passati dagli 11 milioni del 2013 agli oltre 17 del 2014, e per il 2015 puntiamo a raggiungere i 25-30 milioni”, spiega Balbo. Una quota importante del fatturato – circa l’8% – è destinata all’innovazione. Il motore su cui Thesan punta per crescere del 20-30% l’anno in termini di fatturato e potenza installata.

Nel futuro dell’azienda c’è da una parte la conquista di nuovi mercati, dal Giappone agli USA, dall’altra lo sviluppo di prodotti innovativi per ridurre gli sprechi di energia: “Stiamo lavorando a un progetto per ridurre il consumo di acqua calda sanitaria. All’Environment Park di Torino stiamo inoltre testando “Energy Skin”, un sistema di pannelli esterni alla casa che scambiano calore con l’ambiente circostante e lo convogliano all’interno”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende