Home » Rubriche »Top Contributors » Agrofarma risponde a Greenews.info sui pesticidi: “Sono medicine per le piante”:

Agrofarma risponde a Greenews.info sui pesticidi: “Sono medicine per le piante” Top Contributors

novembre 17, 2014 Rubriche, Top Contributors

Riceviamo e pubblichiamo la lettera inviataci dal Dott. Andrea Barella, presidente di Agrofarma (l’associazione di Federchimica -Confindustria che rappresenta le imprese produttrici di composti chimici per la difesa delle colture dai parassiti animali e vegetali), in risposta all’articolo del direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, pubblicato il 27 ottobre scorso nella sezione Green News di LaStampa.it, dal titolo “Il silenzioso flagello dei pesticidi sull’ambiente“. Lasciamo che siano i lettori a valutare i contenuti delle due posizioni e per fornire ulteriori basi alla discussione pubblicheremo, appena disponibili, gli atti del convegno ISDE di Arezzo. E’possibile intervenire nella pagina Facebook di Greenews.info e seguire il dibattito su Twitter con l’hashtag #bioedintorni.

Gentile Dottor Gandiglio,

Le scrivo relativamente all’articolo da Lei pubblicato il 27 ottobre sull’edizione online del quotidiano La Stampa (pagine Tuttogreen), intitolato Il silenzioso flagello dei pesticidi sull’ambiente e riguardante le 8e Giornate Italiane Mediche dell’Ambiente, organizzate ad Arezzo dall’ISDE Italia, in quest’edizione focalizzate sul tema “Agricoltura e salute: il caso dei pesticidi”.

Leggendo quanto riportato, ritengo vi sia il rischio concreto di creare confusione tra i lettori del sito web, dal momento che si tende a dare un’immagine non corretta e fuorviante di ciò che è l’agricoltura e la sicurezza alimentare nel nostro Paese.

Come prima cosa vorrei sottolineare quello che è il ruolo degli agrofarmaci in agricoltura, un punto da Lei tralasciato nel Suo articolo, ma di fondamentale importanza per comprendere l’indispensabilità del loro utilizzo. Questi mezzi tecnici rappresentano, infatti, degli alleati fondamentali per la difesa e la cura delle coltivazioni agricole, delle vere e proprie “medicine” per le piante, le quali, proprio come gli esseri umani, possono ammalarsi, necessitando quindi di cure a sostegno della propria salute.

È proprio grazie al supporto di mezzi tecnici come gli agrofarmaci che le colture possono dunque essere protette da una molteplicità di rischi, i quali comprometterebbero la qualità e la resa dei raccolti con dannose conseguenze per il nostro patrimonio alimentare e la sicurezza dei consumatori. In particolare, un corretto uso dei prodotti fitosanitari rappresenta oggi l’unico modo di proteggere le colture dalle malattie e dai parassiti, mantenendo inalterata la qualità degli alimenti e preservando una corretta igiene alimentare. I fitofarmaci consentono, infatti, di evitare le contaminazioni anche dopo la raccolta, così come lo sviluppo di alcune tossine naturali, come ad esempio quelle presenti nei cereali, molto dannose per il nostro organismo e in alcuni casi potenzialmente cancerogene, quali sono quelle generate dal Fusarium.

Rispetto poi a quanto affermato relativamente alla sicurezza di questi prodotti, riteniamo opportuno evidenziare che il comparto è regolato da una normativa italiana ed europea molto stringente e che la Direttiva europea 2009/128/CE ha istituito ulteriori misure per promuovere un utilizzo sostenibile degli agrofarmaci, dall’immissione in commercio fino allo smaltimento del prodotto. Tutti gli agrofarmaci sono pertanto introdotti sul mercato a seguito di un rigoroso iter di autorizzazione, volto a garantire il rispetto di rigidi parametri di compatibilità ambientale, nonché la rispondenza ad elevati standard di sicurezza, a tutela dell’operatore agricolo, del consumatore e dell’ambiente stesso.

Inoltre, in merito al quantitativo di agrofarmaci utilizzati nel nostro Paese, che Lei sostiene essere piuttosto consistente e di cui riferisce traendo spunto dalla rivista Science, ritengo sia fondamentale, per una corretta informazione, evidenziare anche il percorso che ha portato nel tempo a una significativa riduzione dei volumi di utilizzo. Nell’ultimo ventennio, i costanti investimenti del comparto in R&D hanno permesso l’introduzione di formulazioni e prodotti sempre più sicuri e sostenibili, in grado di svolgere la loro azione in maniera selettiva e mirata, andando così a ridurre progressivamente le dosi d’impiego degli stessi mezzi tecnici. Ciò ha portato ad una riduzione del 34% nel consumo nazionale di agrofarmaci, passando dalle 141.200 tonnellate del 1990 alle 93.792 del 2011.

Tale risultato è stato possibile anche grazie al continuo impegno dell’industria nella formazione degli operatori agricoli, indispensabile affinché i mezzi tecnici possano essere utilizzati in maniera corretta e sostenibile. L’informazione e la formazione degli operatori agricoli sono, infatti, fondamentali per diffondere una maggiore consapevolezza sul corretto impiego degli agrofarmaci in particolare e sullo sviluppo sostenibile dell’agricoltura di qualità italiana in generale.

Proprio in virtù del costante impegno nel trasferimento di know-how dall’industria all’agricoltore si colloca il progetto SOFT (Sustainable Operations in Fitoiatric Treatements), un’iniziativa formativa curata dall’Associazione e dedicata agli operatori agricoli, al fine di educarli al corretto impiego congiunto degli agrofarmaci e delle macchine agricole.

In risposta poi al problema, da Lei evidenziato, riguardante la presenza di residui di agrofarmaci nelle acque superficiali monitorate dell’ISPRA, Agrofarma si è mossa aderendo al progetto TOPPS, che mira a preservare le acque italiane riducendo l’inquinamento puntiforme da agrofarmaci, ciò attraverso un programma di formazione che si avvale di attività dimostrative dedicate agli operatori del settore.

Relativamente, invece, alla presenza di residui di fitofarmaci negli alimenti, cui Lei accenna, vorrei farLe notare come i risultati dell’ultimo rapporto ufficiale del Ministero della Salute, relativo all’anno 2012, evidenzino che il 99,5% dei campioni analizzati sia risultato a norma. Secondo il rapporto infatti, i prodotti ortofrutticoli che presentano un residuo di agrofarmaci oltre il limite consentito, è calato di 10 volte in 10 anni, passando dallo 5,6% allo 0,5%, rispetto ad una media europea pari al 2,5%. L’Italia pertanto, come confermato anche dagli esperti dell’EFSA, autorità competente in Europa al controllo e alle certificazione dei prodotti agroalimentare, si colloca a pieno titolo in UE quale leader nella sicurezza alimentare.

Inoltre, è opportuno sottolineare che l’eventuale presenza di residui al di sopra della soglia stabilita dalla legge non rappresenta automaticamente un fattore di rischio per il consumatore. Infatti, la soglia massima consentita di residuo, eventualmente presente per ogni sostanza, è fissata applicando un fattore di sicurezza 100; ciò significa che il valore massimo ammissibile di ogni singola sostanza è 100 volte inferiore rispetto all’effettiva soglia di pericolosità per la salute dei consumatori, in modo da garantire un ampio margine di sicurezza.

In merito poi al passaggio in cui Lei afferma che “le conoscenze, le tecniche e i prodotti per cambiare modello oggi ci sarebbero, a partire dall’agricoltura biologica, quella incontestabilmente più sana e meno impattante sull’ambiente”, desidero farLe notare che, nella realtà dei fatti, anche l’agricoltura biologica, proprio come quella tradizionale, non può fare a meno di utilizzare i mezzi tecnici per riuscire ad ottenere raccolti adeguati e salutari per il consumatore. I mezzi tecnici destinati all’agricoltura biologica, inoltre, seguono le stesse procedure di registrazione di quelli cosiddetti di “sintesi”, pertanto entrambi devono essere considerati sicuri allo stesso modo.

Noi di Agrofarma riteniamo che, qualunque tipologia di agricoltura si intenda praticare, biologica o tradizionale, essa debba risultare sostenibile da tre punti di vista: economico, ambientale e sociale. Se l’agricoltura tradizionale o quella biologica non sono in grado di rispettare tutti e tre questi requisiti fondamentali, allora non possono essere considerate una scelta giusta e sostenibile. Per questo, come Associazione, promuoviamo una visione più ampia e avanguardistica che non escluda una strada a fronte di un’altra, ma che anzi sappia tenere insieme entrambe, conoscendone virtù e limiti, e valorizzando le risorse che offrono. Agrofarma crede fortemente in un’agricoltura sempre più integrata, che contempli la chimica, per poter raggiungere un obiettivo comune, ovvero sfamare la popolazione mondiale riuscendo a produrre di più con meno risorse.

Infine, mi preme sottolineare che il “principio di precauzione”, di cui si richiede l’applicazione nel Suo articolo, è in realtà già ampiamente attuato in Europa, a differenza invece di altri Paesi, come ad esempio gli Stati Uniti.

Agrofarma continuerà a rendersi disponibile ed aperta al dialogo su questi temi con i media, con le autorità responsabili, con gli agricoltori e con tutti coloro i quali siano interessati a trovare soluzioni efficaci, che tutelino la salute dei consumatori, il complesso degli attori del settore agricolo, nonché l’ambiente, confidando in una discussione sempre basata su criteri oggettivi ed esclusivamente scientifici.

Nel ringraziarLa dell’attenzione dedicata a questa lettera, auspico che sia dato sempre più spazio anche alla voce delle aziende produttrici che ogni giorno lavorano con serietà e professionalità in questo settore, a sostegno di un confronto aperto e basato su evidenze scientifiche; al riguardo, consideri pure l’Associazione disponibile per un incontro e per qualsiasi approfondimento ed intervento sul tema.

Cordiali saluti.

Andrea Barella

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende