Home » Top Contributors » Biodiversità urbana:

Biodiversità urbana Top Contributors

dicembre 21, 2009 Top Contributors

Pubblichiamo l’intervento di Marco Dinetti, Direttore Scientifico della rivista “Ecologia Urbana” e Responsabile Nazionale Ecologia Urbana di LIPU/BirdLife Italia. Dinetti è autore del libro “Biodiversità Urbana“, che la redazione di Greenews.info ha deciso di “adottare” come “regalo di Natale intelligente 2009″, per il carattere pionieristico della ricerca, la ricchezza della documentazione e, soprattutto, la straordinaria capacità di aiutare a riscoprire, con la competenza dello scienziato e lo sguardo incantato del poeta, la natura che si annida nelle nostre città.   

Aiuola Fiorita, Courtesy of Marco Dinetti

Il recente rapporto delle Nazioni Unite in tema di popolazione mondiale ci dice che dal 2008 le città stanno ospitando più del 50% degli abitanti del Pianeta. Le aree urbane influenzano l’ecosistema globale (cambiamenti climatici, inquinamento) ma al tempo stesso ospitano anche una certa biodiversità.

Se la biodiversità è la “diversità della vita”, in parole più semplici l’insieme degli habitat, piante ed animali, la biodiversità urbana è la natura selvatica ospitata dalle nostre città. Ad uno sguardo frettoloso e disattento potrebbe apparire che gli unici esseri viventi – oltre noi umani – che si muovono nelle metropoli sono gli animali domestici quali cani e gatti, gli onnipresenti piccioni, qualche passero, oltre ai pochi alberi che resistono alla costante espansione urbanistica (oggi definita urban sprawl).

La realtà, per fortuna, è ben diversa, in quanto c’è ancora un mondo di vita attorno a noi. Per dare qualche numero in proposito, a Roma ci sono 1285 specie di piante spontanee, mentre a Berlino sono 1243. Nel territorio comunale di Torino nidificano 90 specie di uccelli, mentre a Firenze sono 86. Gran parte di questi animali e piante sono “ospiti graditi” e pertanto portano colore e suoni nel deserto di cemento e asfalto. Alcune specie possono diventare “problematiche” perché interferiscono con attività quali i trasporti e l’agricoltura, mentre altre ancora sono “aliene” in quanto introdotte da altri continenti.
Anche gli habitat sono variegati, basti pensare ai monumenti, agli stessi palazzi, a parchi e giardini, alle sponde dei fiumi, gli orti e gli appezzamenti coltivati delle periferie, gli aeroporti. Ciascun ambito mostra precise caratteristiche ecologiche ed ospiti particolari.

Comprendere questa biodiversità ha un valore culturale e soprattutto scientifico, se si considerano gli ormai numerosi filoni di ricerca che si occupano di capire come gli organismi si adattano, si insediano e sopravvivono in questi ecosistemi continuamente in trasformazione che sono le città. Ecco che i ricercatori hanno coniato il concetto di “gradiente urbano-ruralein cui i fattori di impatto si spalmano partendo dal centro storico (dove la pressione antropica è più pressante) fino alle periferie e alle zone periurbane (dove in genere si va affermando una presenza maggiore di spazi aperti e zone verdi).

Altri studiosi tentano di individuare i “winners” ed i “losers”, vale a dire quali sono le specie che hanno più o meno successo nel fenomeno dell’inurbamento. Ma ci sono molti aspetti in cui animali e piante funzionano da indicatori di qualità e sostenibilità dell’ecosistema urbano: prendiamo ad esempio la bioacustica, che ci mostra come gli uccelli siano sensibili al rumore provocato dal traffico, oppure l’attuale fenomeno del declino dei passeri nelle città, che viene collegato all’inquinamento atmosferico e alla riduzione delle aree verdi.

Occuparsi di biodiversità urbana, un tema finora sottovalutato, soprattutto nel nostro Paese, ha anche dei risvolti gestionali, basti pensare alla gestione del verde urbano (urban forestry). Se il tema dei cambiamenti climatici è così attuale e importante a livello planetario, una valida risposta è sfruttare la innata capacità che le piante hanno di sottrarre carbonio dall’atmosfera e di produrre ossigeno.

Senza dubbio il ventaglio di figure che va dai politici e amministratori degli enti pubblici, ai tecnici, agli operatori impiegati nel settore privato – che in forme diverse gestiscono gli ecosistemi urbani – è molto ampio. Il loro operato incide sulla pianificazione urbanistica e la progettazione, fino alle fasi di realizzazione di edilizia, infrastrutture e verde pubblico. Il ruolo di queste figure è determinante al fine di configurare gli scenari urbani e, in definitiva, ciò che si configura come paesaggio urbano.

In tutte queste fasi non si dovrebbe mai prescindere dal considerare il ruolo della biodiversità urbana. Ecco perchè, accanto alle reti infrastrutturali occorre progettare reti ecologiche: utili per connettere spazi verdi con diverse funzioni e dimensioni, si possono configurare anche come greenways per favorire la mobilità non motorizzata dei cittadini (piste pedonali, ciclabili, ecc.).

Ma qual è la percezione dei cittadini nei confronti della biodiversità urbana? In questo ambito sono state effettuate diverse ricerche, non solo in Paesi europei ed americani, ma anche in Italia. Le esigenze sono diverse a seconda delle categorie sociali (anziani, giovani, ecc.) ma, sempre, viene espressa una forte richiesta di aree verdi dove incontrarsi, rilassarsi, giocare, svolgere attività sportive e ricreative. Un punto cruciale è che tali spazi siano facilmente raggiungibili.

Il nostro stile di vita, sempre più frenetico e virtuale, sta pesantemente compromettendo il mantenimento di un contatto quotidiano con la natura, da cui discende un atteggiamento corretto e rispettoso verso l’ambiente. E’ quindi una vera salvezza che si stia moltiplicando la realizzazione di sentieri-natura nei parchi pubblici, ma anche quella di parchi ecologici ed “oasi urbane”, in cui viene facilitato l’incontro tra il cittadino e la natura.

Non dimentichiamoci che il 2010 sarà l’anno internazionale dedicato alla biodiversità, quindi un’occasione speciale per riconciliarsi con la natura. E’ evidente infatti come sia più facile considerare qualcosa che possiamo toccare con mano quotidianamente. Questo è il valore principale di parlare di biodiversità urbana.

Marco Dinetti

Marco Dinetti è Direttore Scientifico della rivista “Ecologia Urbana” e Responsabile Nazionale Ecologia Urbana di LIPU/BirdLife Italia. Autore di centinaia di pubblicazioni scientifiche e divulgative sui temi dell’ornitologia e della conservazione e gestione della biodiversità è Coordinatore per l’Italia della rete internazionale IENE – Infra Eco Network Europe che si occupa dei problemi della biodiversità in rapporto alle infrastrutture di trasporto. Il libro “Biodiversità Urbana” (presentazione di Fulco Pratesi, 293 pp., Pontedera, 2009, 25 euro) si rivolge sia agli amministratori cittadini che agli appassionati del tema e può essere ordinato alla redazione di Ecologia Urbana all’indirizzo e-mail: robin.marco@tiscalinet.it

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende