Home » Rubriche »Top Contributors » Cinque Terre e turismo: il presidente del Parco risponde alla polemica sul “numero chiuso”:

Cinque Terre e turismo: il presidente del Parco risponde alla polemica sul “numero chiuso”

febbraio 19, 2016 Rubriche, Top Contributors

Pubblichiamo la risposta di Vittorio Alessandro, presidente del Parco delle Cinque Terre, alle polemiche degli ultimi giorni sulla restrizione degli accessi all’area protetta. Di turismo sostenibile e flussi Greenews.info aveva già parlato a ottobre 2015 in occasione del 5° Workshop Nazionale IMAGE, dedicato all’ecoturismo, nel quale era intervenuto, sul tema dei “numeri” nelle Cinque Terre, Michele Pagani, in rappresentanza della Regione Liguria.

Il turismo delle Cinque Terre deve essere governato dalle stesse Cinque Terre: Ente Parco, Amministratori e portatori di interesse. Ciò detto, sono infondate le preoccupazioni emerse in questi giorni. Ha fatto rumore sentir parlare di numero chiuso, ma il Parco delle Cinque Terre non ha cancelli (anche volendone chiudere), e il suo territorio ha soltanto bisogno di sapere, in anticipo, e di poter governare entità e caratteristiche dei flussi turistici; la convenzione con l’Università di Venezia, che il Parco ha recentemente stipulato, mira proprio a questo obiettivo.

Ha colpito l’idea che si dovesse, fin da ora, prenotare la visita ai borghi ma, quella rivolta ai Sindaci e al territorio, è l’offerta di usare uno straordinario strumento esistente, la Cinque Terre Card, per qualificare e mirare l’accoglienza.

Si è parlato poi del rischio di allontanare i turisti dalla Via dell’Amore, ma la via dell’Amore è chiusa da tre anni è mezzo, purtroppo lo resterà ancora per un po’.

Il sistema delle prenotazioni non deprime il turismo, piuttosto ne aumenta l’appeal e istituisce anzi un patto virtuoso fra visitatore ed ospite che eleva la qualità dell’accoglienza, rendendo il visitatore più riconoscibile ed obbligando il residente a una maggiore attenzione verso il proprio territorio. Non è vero che esso apra necessariamente la strada a chi ha più soldi o a chi arriva prima, perché con la gestione dei flussi si può selezionare, fra “i turismi”, il più stanziale, quello degli studenti, delle famiglie, il percorso più consapevole.

Il turismo non può e non deve essere subìto, non è una manna da mettere in tasca una volta per sempre. Le reazioni di questi giorni
segnalano anzi quanto esso sia umorale, esposto alle emozioni ancor più che la borsa. Se si vuole davvero salvaguardarlo, non va accolto come una rendita eterna, soprattutto in un territorio così piccolo e fragile come il nostro.

Vanno dunque costruite e ben governate strutture che conservino nel tempo il patrimonio culturale e ambientale e insieme la qualità dell’accoglienza. Come ha sottolineato ieri il Sottosegretario Ilaria Borletti, bisogna saper valorizzare i territori (tutti, anch’essi,
irripetibili) collocati non lontano da quelli – Firenze, Venezia, le Cinque Terre – che hanno già conquistato un’immagine internazionale.

E infine, ma non per ultimi, gli aspetti che riguardano la sicurezza. Durante la stagione estiva il Parco spende risorse per gestire al meglio l’accoglienza, rafforzando l’azione del Corpo Forestale, di Vigili del Fuoco, della Capitaneria di Porto e mettendo in campo volontari dell’Associazione Carabinieri, degli Alpini, della Pubblica assistenza, del Soccorso Alpino. Ma tutto ciò può non bastare, se i flussi di massa sono incontrollati, e un eventuale incidente – oltre al dolore -produrrebbe effetti sul turismo, quelli sì, difficili da cancellare.

Troppo spesso si interviene con gli strumenti delle emergenze e della straordinarietà, a danno già inferto. C’è invece da intraprendere il coraggio dell’ordinario, usare la forza della misura giusta al momento giusto e inventare, inventare. Qui c’è lavoro per tutti.

Vittorio Alessandro

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende