Home » Rubriche »Smart City »Top Contributors » Città intelligenti a Cernobbio: sono proprio tutti “smart” quei parametri?:

Città intelligenti a Cernobbio: sono proprio tutti “smart” quei parametri? Top Contributors

settembre 14, 2012 Rubriche, Smart City, Top Contributors

Mentre cresce l’attesa sui risultati dell’ammissione, per i primi 17 progetti esecutivi delle regioni con obiettivo convergenza (Campania, Puglia, Calabria e Sicilia), al finanziamento della linea Smart Cities & Communities (200,7 milioni di euro) del MIUR, il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca,  sul tema smart city si continua a fare ricerca.

Ultimo in ordine di tempo il rapporto “Smart Cities in Italia: un’opportunità nello spirito del Rinascimento per una nuova qualità della vita” promosso dal gruppo ABB e presentato, nei giorni scorsi, nella prestigiosa cornice di Villa d’Este a Cernobbio nell’ambito della 38° edizione del Forum The European House – Ambrosetti.

Due le tesi principali prospettate nella corposa ricerca. La prima è che il concetto di smart city non è ancora univoco, lasciando così ampio spazio ad interpretazioni e significati diversi da quelli che già sono stati più o meno codificati. La seconda – esplicitata nell’introduzione dell’amministratore delegato di ABB Italia, Barbara Frei – è che appare necessario dare «un’impronta tutta Italiana a questo cammino che tenga conto delle identità culturali, delle dimensioni, delle vocazioni e delle caratteristiche peculiari delle nostre città».

Il modello dominante che viene proposto come Smart City vede la tecnologia e l’innovazione come fattori abilitanti e necessari per costruire l’infrastruttura, ma punta l’attenzione – secondo la tendenza più attuale – sui servizi che si appoggiano a questa rete infrastrutturale materiale. La ricerca si spinge addirittura oltre: Smart City diventa «un modello urbano che minimizza lo sforzo per i bisogni “bassi” e soddisfa efficacemente i bisogni più “alti”» e, ancora, una «occasione per “reinventare” il territorio italiano recuperando un’idea forte di futuro, pur senza dimenticare il passato».

La sensazione che si ha, leggendo il report, è che si cerchi di allargare oltremodo il campo di azione del contenitore “Smart City”, caricandolo di significati più politici, quasi filosofici – magari anche condivisibili – che tecnico-operativi, ispirando suggestioni che, soprattutto nel nostro Paese, hanno compromesso più di un’iniziativa. Già troppe volte si è detto infatti: questo sì, ma in realtà serve altro.

La ricerca lancia quindi sette proposte utili ad impostare un piano di sviluppo delle smart cities. Alcune di queste concrete e condivisibili, mentre di altre si fatica a trovare una spiegazione, come per esempio la necessità di «definire una visione del Paese e una strategia per realizzarla, riaffermando il ruolo di indirizzo del Governo»: anche limitandone il significato al tema in oggetto, andrebbe reso più evidente il collegamento con la Cabina di Regia per l’Agenda Digitale Italiana, istituita proprio quest’anno, della quale la ricerca sposa (pur senza dirlo esplicitamente) l’interpretazione ampia e omnicomprensiva data al concetto di Smart City.

Viene poi proposto il lancio di una versione italiana del modello europeo di partenariato per l’innovazione: e qui ci si chiede perché, in un contesto che spinge sempre più verso una stretta integrazione europea, politica, economica e fiscale, si vuole costruire una versione italiana di un qualcosa già (con un certo comune sforzo) codificato.

Interessanti, anche se possono sembrare dettate più dal buon senso che da finalità strategiche, le promozioni di soluzione smart già esistenti e a basso costo. A nostro avviso questa pare la proposta maggiormente condivisibile. Le soluzioni avanzate, infatti, non si discostano troppo da quanto già definito dalla Commissione Europea all’interno del SET Plan: mobilità ed efficienza energetica. Soluzioni per le quali l’Europa ha anche stanziato cospicui fondi, con iniziative nazionali già ben avviate, come testimoniano i già citati 200 milioni dei bandi del MIUR.

All’interno della ricerca viene poi presentata una classifica delle città più smart d’Italia, che utilizza alcuni indicatori di performance, anzi di smartness, raggruppati in 3 temi principali: gestione della mobilità, gestione delle risorse e qualità della vita cittadina.

Sorprende un po’, francamente, vedere al primo posto la città di Milano, che molto sta facendo in questa direzione ma che è, oggettivamente, agli inizi del percorso, e ancor di più vedere Roma al secondo posto. Anche in virtù del fatto che gli indicatori di cui sopra, nel dettaglio, richiamano tra gli altri, piste ciclabili, politiche energetiche, raccolta differenziata dei rifiuti o indice di velocità negli uffici pubblici; tutti temi dei quali molto si parla sui giornali – ma raramente come casi di successo. Saranno forse stati il «Tempo minimo per raggiungere un hub intercontinentale» o il «numero di destinazioni da aeroporto» a contribuire in modo più significativo al punteggio…

In conclusione, e più in generale, il dubbio che resta è se sia oggi davvero utile, per la crescita delle Smart Cities, continuare a ragionare su contorni definitori e nuove (sovra)strutture e non piuttosto concentrarsi su azioni e iniziative “facilmente” realizzabili, seguendo le indicazioni della Commissione Europea, con il SET Plan e le Smart Cities & Communities Initiatives, e, ancora, del MIUR e della sua strategia operativa esplicitata con i bandi appena assegnati. In fondo essere smart vuol anche dire valorizzare quanto già si ha.

Giacomo Selmi e Antonio Sileo

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende