Home » Rubriche »Top Contributors » Cucinare? Materia per designer. La nuova didattica del PoliTO contro lo spreco alimentare:

Cucinare? Materia per designer. La nuova didattica del PoliTO contro lo spreco alimentare

luglio 24, 2017 Rubriche, Top Contributors

Cos’è un alimento? Cosa significa cucinare? Fondamentalmente il corpo umano è una fabbrica chimica. Ingerisce elementi variamente composti e ne espelle altri dopo un processo metabolico. Cucinare è un modo per esternalizzare una parte di questi processi. Significa che appaltiamo al calore dei fornelli l’incarico di svolgere alcune trasformazioni fisico-chimiche per facilitare al corpo il compito di scomporre le sostanze ingerite in carboidrati, proteine e grassi, gli elementi base di cui ci nutriamo.

In verità nutrirsi e cucinare, per ognuno di noi, sono esperienze non riducibili alle trasformazioni fisico-chimiche. Tra il crudo e il cotto passa la distinzione tra natura e cultura, tra l’uomo animale e homo sapiens, ma la storia che sto raccontando riguarda un modo laterale di trattare il cibo, di affrontare la questione dello spreco di risorse e la necessità di ampliare la nostra conoscenza.

In particolare, al Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino, si sono chiesti cosa può fare un designer per migliorare il modo in cui trattiamo il cibo. Secondo l’approccio sistemicoquello promosso dal corso di laurea in Design e Comunicazione Visiva – un designer di oggi, oltre a disegnare oggetti è, sempre di più, qualcuno che ridisegna processi, cioè cicli di vita della materia. Siccome la materia cibo è altamente deperibile e in Occidente, ci dicono le ricerche, ne sprechiamo tanto (circa il 40%, dalla raccolta fino al piatto), allora perché non cercare di capire meglio cosa avviene in questo processo?

Da queste riflessioni è nato il progetto di miglioramento della didattica FFWD (Fighting Food Waste Design), a cura di Paolo Tamborrini e Cristian Campagnaro (professori associati presso il Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino), in collaborazione con Sara Ceraolo (borsista di ricerca presso lo stesso dipartimento). Il progetto prevede un ciclo di workshop, esperienze pratiche e seminari, che portino gli studenti ad approfondire il tema della lotta allo spreco alimentare secondo un’ottica progettuale e sistemica e attraverso una pratica interdisciplinare. Alcune delle esperienze proposte sono molto semplici, come fare il formaggio partendo dal latte, oppure il sapone utilizzando l’olio, ma l’aspetto interessante è che l’esperienza è finalizzata a far conoscere agli allievi, concetti e nozioni che altrimenti, all’interno della propria disciplina non potrebbero mai conoscere e con cui, dunque, non potrebbero mai confrontarsi. I workshop sono solo la prima fase di un progetto che prevede di individuare dei borsisti che avranno il compito di approfondire le conoscenze e, contemporaneamente, di divulgare quanto hanno sperimentato. FFWD prevede inoltre l’acquisto di kit di cucina per trasformare e trattare il cibo, anche in eventi che potranno svolgersi fuori dalle aule.

Uno dei workshop di FFWD a cui ho assistito è stato articolato in quattro incontri, in collaborazione con l’Ing. Debora Fino, professore ordinario del DISAT. In un laboratorio del Dipartimento di Scienze Applicate e Tecnologia, Tonia Tommasi, ricercatrice ed ingegnere ambientale, ha mostrato come con due frullatori, un misuratore di pH, qualche chilogrammo di cibo avariato, batteri prelevati dai fanghi di depurazione, si possano ottenere bioidrogeno e biometano in quantità maggiore di quanto consente invece la semplice produzione di biogas. Il trucco appare semplice: in una prima fase, si frulla il cibo (meglio se già in via di decomposizione) poi, per far sì che il frullato sia di gradimento per i microrganismi che dovranno scomporlo, si aggiunge soda caustica. Per produrre bioidrogeno ci vogliono determinati batteri, diversi da quelli che occorrono per produrre biometano. Se vogliamo che i primi lavorino in pace, basta aggiungere acido cloridrico, riducendo così il pH. In questo modo i batteri responsabili della trasformazione in biometano muoiono, mentre i batteri responsabili della produzione di bioidrogeno si trasformano in spore, pronte a riattivarsi appena il pH ridiventa normale. Questo è il passaggio che consente la produzione di bioidrogeno. Quello che rimane dell’impasto di cibo sono acidi grassi volatili, che peraltro è il cibo preferito dai batteri che producono metano. Basta a questo punto inoculare nuovamente dei batteri presi dai fanghi di depurazione per far ripartire la trasformazione, stavolta in biogas.

In una centrale a bioidrogeno e biometano, grazie a questo doppio ciclo, sarebbe possibile ottenere il 5% di energia in più rispetto a quanto si può ottenere da una normale centrale a biogas. Dico sarebbe perché ora bisognerà capire se a livello industriale il gioco vale la candela. Ma sono anche altre le considerazioni sul tavolo: la prima è che si tratta di impianti capaci di utilizzare insieme gli scarti alimentari provenienti da flussi urbani e i reflui zootecnici, che normalmente seguono percorsi separati; la seconda è che si tratta di realizzare una centrale con due reattori più piccoli, più facili da controllare, e il costo dell’impianto sarebbe globalmente inferiore; la terza considerazione invece è critica, e riguarda l’idrogeno, che ha ancora problemi di stoccaggio, benché presenti il vantaggio di non produrre CO2 quando viene utilizzato.

Non è ancora chiaro cosa faranno i giovani ingegneri e designer della conoscenza acquisita in un workshop come questo. Quel che appare chiaro, però, è che se si vogliono disegnare processi sistemici, sostenibili, e finalizzati a ottimizzare la capacità dei sistemi urbani di metabolizzare le risorse utili a vivere e prosperare, avranno bisogno di interrogarsi su tutti i passaggi che fa, o che potrà fare, la materia. Un cambio di approccio radicale, molto più impattante di ogni singola innovazione e di ogni nuova scoperta.

Antonio Castagna

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende