Home » Rubriche »Top Contributors » E’la burocrazia bellezza! Viaggio nei meandri dei Decreti sulle rinnovabili:

E’la burocrazia bellezza! Viaggio nei meandri dei Decreti sulle rinnovabili

maggio 4, 2012 Rubriche, Top Contributors

Dopo il tempo delle bozze - secondo prassi ormai consolidata, l’adozione di un provvedimento da parte del Governo è preceduta dalla diffusione di bozze più o meno ufficiali, quasi a voler sondare il terreno – i testi definitivi dei decreti sulle rinnovabili elettriche sono arrivati. L’attuazione del Decreto Legislativo n. 28/2011 sugli incentivi alle rinnovabili non ha fatto eccezione; in questo il nuovo Governo “dei tecnici” non si discosta da quello che lo ha preceduto.

Una novità nella tecnica legislativa però c’è: l’apparizione dei consideranda iniziali. E non si tratta di una mera formalità, perché in questo preambolo al testo il Governo fornisce alcune indicazioni sostanziali:

  • la definizione di un indice di priorità delle tecnologie da incentivare (minor costo unitario, maggiori ricadute sulla filiera industriale, minor impatto ambientale e sulla rete);
  • un richiamo alla semplificazione e alla stabilità del sistema di incentivazione che consenta uno sviluppo “nuovo, più virtuoso” del mercato, coerente con gli obiettivi prefissati e che non ponga oneri eccessivi in capo ai consumatori;
  • un altro richiamo sulla necessità di sviluppare le fonti termiche e l’efficienza energetica ritenute “modalità economicamente più efficienti” .

Nella versione del finale del decreto poi sono stati eliminati alcuni punti spinosi, quali l’aggiornamento dell’obiettivo del PAN (il Piano d’Azione Nazionale) a 140 TWh, lasciando la sola indicazione che la produzione rinnovabile potrebbe rappresentare il “32%-35%” dei consumi elettrici totali (la forchetta inizialmente era del 32%-40%). Ed è stato anche rimosso qualsiasi riferimento ai meccanismi di flessibilità e all’importazione di elettricità da fonti rinnovabili dall’estero.

Il testo, insieme al decreto sul Quinto Conto Energia per il fotovoltaico, che sarebbe dovuto essere esaminato dalla Conferenza delle Regioni, con l’espressione del previsto parere, il 9 maggio è slittato a fine alla fine del mese e la versione definitiva dei due decreti (quello sulle rinnovabili e quello sul quinto Conto energia) si avrà dunque a ridosso della data prevista per l’indizione della prima asta (il 1° luglio). La cosa, in tutta evidenza, non fa che aggravare la situazione di incertezza in cui si trovano gli investitori.

Ma il Decreto soddisfa le condizioni che il Governo stesso ha posto? Quali prospettive offre al settore?

Una prima considerazione è che continua la latitanza del mercato o, meglio di un vero mercato. Si introducono, infatti, elementi di rischio di mercato che però sono ben poco gestibili e controllabili dall’impresa: dall’accesso stesso al regime di incentivazione alla modalità di calcolo del premio che pone non poche  incognite. Il mercato è assente perché ancora una volta si premiano gli insider, coloro che conoscono le procedure, le regole formali piuttosto che le nuove iniziative o l’innovazione.

In questo senso, a nostro modesto avviso, il decreto non fa nulla per semplificare, ma introduce un ulteriore livello di burocrazia e questo è ben esemplificato dalla documentazione richiesta per l’iscrizione ai registri: perché chiedere una relazione tecnica, copia del progetto definitivo, copia del titolo autorizzativo e copia della soluzione di connessione elettrica accettata e una dichiarazione giurata del rispetto delle condizioni di non cumulabilità degli incentivi?

L’avere ottenuto un’autorizzazione non dovrebbe già essere la condizione sufficiente per stabilire la rispondenza dell’impianto alla normativa e quindi all’accesso agli incentivi? Il progetto definitivo non include già le informazioni tecniche necessarie per la valutazione dell’impianto? Perché chiedere un’apposita “dichiarazione giurata” che è stata definita da un autorevole commentatore quale Salvatore Giacchetti, Presidente di Sezione del Consiglio di Stato: «un inutile aggravamento del procedimento» che «crea, per la sua scarsa definizione sul piano formale, una serie di dubbi e di difficoltà applicative pratiche, che incentivano un contenzioso meramente formalistico»?

Questa documentazione potrebbe essere richiesta (o non chiesta affatto se già in possesso della pubblica amministrazione) solo dopo l’approvazione dell’accesso al regime incentivante, in fase preliminare, invece, basterebbero delle dichiarazioni (autocertificazioni) da parte del richiedente, come del resto viene già fatto per quanto riguarda gli appalti.

A tal proposito a chi scrive è tornata in mente l’ottava fatica di Asterix nel lungometraggio “Le dodici fatiche di Asterix”, quella de “La casa che rende folli”, dove per un’interminabile serie di rimandi, formulari, bolli e certificati – la burocrazia – i nostri rischiano, per l’appunto, di diventar pazzi.

E, infatti, sempre sul piano dell’efficacia ed efficienza, meritano attenzione “le procedure pubbliche d’asta in modalità telematica”; il DM precisa che il GSE, scaduti i termini di presentazione delle offerte, ha 60 giorni di tempo per comunicare la graduatoria. La domanda sorge spontanea: perché 60 giorni per una procedura che dovrebbe essere automatica in quanto non sono consentiti dei rilanci? Cosa peraltro tipica in un’asta elettronica e primo elemento da introdurre se davvero si volessero minimizzare i costi.

Anche in questo caso è spontaneo il parallelo con l’asta elettronica prevista dalle norme in materia di appalti: ai soggetti le cui offerte sono ritenute ammissibili dovrebbe essere consentita la possibilità di presentare simultaneamente, per via elettronica, nuovi prezzi e/o valori e che “nel corso di ogni fase dell’asta elettronica, le amministrazioni aggiudicatrici comunichino in tempo reale, a tutti gli offerenti, almeno le informazioni che consentano loro di conoscere, in ogni momento, la rispettiva classificazione”.

Allo stesso modo non ci si capacita, infine, dei 90 giorni per presentare le offerte (30 i giorni di pubblicazione del bando prima dell’inizio dei termini, 60 i giorni in cui è possibile avanzare offerte), dato che le tariffe a base d’asta, così come le caratteristiche dell’impianto (autorizzato) e dell’offerta, sono definiti dal decreto. Così, una procedura che potrebbe durare qualche giorno, un paio di settimane al massimo, mettendo in fila i tempi previsti dal decreto finisce per protrarsi per mesi – senza contare gli inevitabili ricorsi.

Viene da pensare che il decreto, così com’è, sia più che altro un modo per consentire di assorbire lo stock di impianti a progetto. Come dice la nota canzone: chi ha avuto, ha avuto, ha avuto… chi ha dato, ha dato, ha dato… e – almeno per qualche anno – scordamose pure ‘o futuro.

Niccolò Cusumano e Antonio Sileo*

*IEFE Bocconi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende