Home » Rubriche »Top Contributors » Finanza e imprese: un nuovo patto per la sostenibilità?:

Finanza e imprese: un nuovo patto per la sostenibilità? Top Contributors

ottobre 24, 2011 Rubriche, Top Contributors

Gli indignati di tutto il mondo premono e mettono alle strette, come non era mai successo prima, le istituzioni finanziarie. I governi arrancano e non riescono a trovare soluzioni adeguate alla crisi. Ma i cambiamenti climatici e l’inquinamento globale non aspettano e avanzano inesorabilmente. Chi finanzierà dunque la necessaria rivoluzione delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica? Difficilmente gli Stati avranno risorse sufficienti e la reponsabilità ricadrà nelle mani di banche, imprese e investitori. Questa sfida è raccolta nel nuovo volume di Intesa Sanpaolo Fare energia con l’impresa. Guida agli strumenti per investire nelle energie rinnovabili“, di cui pubblichiamo la prefazione del Prof. Andrea Beltratti, Presidente del Consiglio di Gestione della banca.  

La recessione del 2009 ha apparentemente distolto l’interesse dalle tematiche ambientali.  In  Europa,  la diminuzione delle  emissioni di CO2, dovuta  alla  fase di  rallentamento dell’attività economica, ha ridotto  i prezzi di mercato dei certificati di emissione.  In Australia e Stati Uniti l’idea di introdurre analoghi mercati è stata addirittura abbandonata.

La rilevanza dei problemi connessi all’elevato tasso di disoccupazione mondiale ha, purtroppo, messo in secondo piano la necessità di migliorare l’utilizzo delle risorse ambientali.  Tuttavia, nel prossimo  futuro, le  risorse pubbliche, tradizionalmente  importanti per consentire di operare  in maniera profittevole anche a fronte di prezzi che non sempre tengono conto delle esternalità negative generate dall’uso di beni  scarsi ed inquinanti, potrebbero essere significativamente ridotte dalla necessità di riassorbimento del debito pubblico.

È necessario guardare al lungo periodo. La recessione del 2009 apparirà, allora, come un incidente di percorso senza ripercussioni rilevanti sul livello di produzione. L’utilizzo delle risorse energetiche – rinnovabili e non – proseguirà, aumentando le pressioni sull’ambiente  e  costringendo  le  economie  a diventare  sempre più  efficienti. In questo  contesto, sono  i consumatori,  le  imprese e gli  intermediari finanziari che – avvertendo  in maniera più  forte  il  senso di  responsabilità  -  rappresentano  l’avanguardia  in grado di generare esternalità positive e quindi persuadere gli altri operatori al rispetto dell’ambiente.

Intesa Sanpaolo si impegna in questo campo da tempo e per alcuni buoni motivi. In particolare, rendere possibile  il finanziamento di  iniziative che hanno un contenuto di produttività sociale superiore a quello privato, operare coerentemente con gli obiettivi di responsabilità sociale che ci siamo dati e dimostrare, al contempo, come  la finanza sia  in grado di favorire una crescita economica sostenibile nel lungo termine.

Nella maggioranza dei casi ciò che manca non è  la volontà di  rispettare  l’ambiente ma un’informazione chiara, che consenta di scegliere i mezzi più efficienti per raggiungere i propri obiettivi. Questa pubblicazione contribuisce a colmare tale gap informativo, fornendo alle imprese una panoramica di come prodotti e servizi finanziari possono offrire il giusto sostegno ad investimenti utili all’ambiente.

Andrea Beltratti*

*Presidente del Consiglio di Gestione Intesa Sanpaolo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende