Home » Rubriche »Top Contributors » Italia a tutto gas:

Italia a tutto gas Top Contributors

giugno 30, 2011 Rubriche, Top Contributors

Già pochi giorni dopo l’incidente agli impianti nucleari di Fukushima, in molti, tra gli addetti ai lavori, si erano immaginati quali sarebbero state le ripercussioni sulla produzione di energia da fonte elettronucleare e cosa sarebbe successo alle altre fonti energetiche, in particolar modo nei Paesi dove il consenso va, faticosamente, conquistato.

Le prime risposte non hanno tardato ad arrivare: indubbiamente significative le rinunce alla produzione da fonte elettronucleare di Germania e Svizzera. I discorsi e gli scenari sui destini delle altre fonti, invece, sembrano destinati a protrarsi per lungo tempo. Sono tuttavia in molti a pensare che, tra i protagonisti del dopo Fukushima, un attore emergente c’è già: il gas naturale. Tanto che, neanche un mese dopo il disastro giapponese, esperti di settore parlavano di “sindrome giapponese” e Paolo Scaroni, amministratore delegato di Eni, in un’audizione presso la Camere dei Deputati, ravvisava condizioni favorevoli per un nuovo slancio al mercato del gas, con un sostegno dei prezzi (crollati per la crisi economica) nel breve termine e con un rafforzamento del ruolo globale nel medio-lungo.

E ancor più di recente l’AIE, l’Agenzia Internazionale per l’Energia, ha addirittura parlato di “età dell’oro”, in un report che, per altro, non aveva nemmeno fatto in tempo a tener conto dell’abbandono dell’atomo in Germania, dove nel mix per generare elettricità, il nucleare pesa il 22%, a fronte di un 50% del carbone, un 17% di rinnovabili e solo un 8% di gas naturale. Quest’ultimo dato potrebbe forse bastare, da solo, per giustificare previsioni decisamente al rialzo per la domanda, almeno europea.

E i prezzi? Evidentemente, molto dipenderà dall’offerta e dal grado di integrazione dei tre macro-mercati mondiali – USA, Europa e Asia – negli ultimi anni sempre più vicini (e liquidi) grazie alle navi che trasportano GNL, il gas liquefatto che richiede il trattamento nei contestati rigassificatori. Grazie a questo modello di trasporto, per esempio, il resto del mondo ha beneficiato dell’improvvisa disponibilità di gas non convenzionale negli Stati Uniti, che ha liberato grandi quantità di GNL sui mercati spot, mettendo in crisi il tradizionale modello di approvvigionamento via tubo.

Ma cosa succederà da noi, in Italia, dove nel 2008, quando i consumi di energia elettrica hanno raggiunto il massimo storico, il gas è già arrivato a contribuire per il 54% alla produzione elettrica? Innanzitutto, come ha sottolineato un esperto del calibro di Alberto Clô subito dopo l’esito referendario, va chiarito che – a differenza degli altri Paesi - nel nostro paese non c’è nessun buco da colmare. La nostra offerta elettrica (con le rinnovabili che crescono) è decisamente adeguata per far fronte ad una domanda che non ha particolari ragioni per crescere.

L’intero sistema italiano del gas (gasdotti, terminali di rigassificazione, produzione nazionale e stoccaggi), negli ultimi anni ha inoltre già attraversato situazioni critiche, e una vera e propria emergenza, nell’inverno 2005-2006. Tanto che lo si potrebbe paragonare a un atleta ormai ben allenato ad affrontare situazioni difficili o stress test, come di recente è stata l’interruzione delle forniture dalla Libia, con la chiusura del gasdotto Greenstream. Continuando con la metafora, gli stoccaggi rappresentano di certo i polmoni del sistema. Nell’attuale configurazione, questi svolgono un ruolo essenziale nel soddisfacimento delle esigenze di modulazione dei consumi, in quanto assicurano alle società di vendita del gas la flessibilità necessaria all’esecuzione dei contratti di somministrazione. E tanto più grande è la capacità di stoccaggio, maggiore sarà la capacità di contribuire a garantire le forniture e, quindi, la sicurezza energetica del Paese.

Ma una buona capacità di stoccaggio è anche condizione necessaria per la creazione di un mercato liquido – sia nel settore del gas sia in quello elettrico – aumentando la possibilità di arbitraggio anche tra mercati di diversi Paesi. Quest’ultima condizione è per l’Italia, che da tempo viaggia a tutto gas, un traguardo da non mancare, insieme alla mai spenta speranza che il nostro Paese diventi un hub del gas, con la conseguenza che una quota importante dei flussi di metano transitino lungo la penisola (e forse anche attraverso la Sardegna) per poi essere consumati da altri paesi dell’Unione garantendo al contempo un’offerta italiana che ci metta al riparo da aumenti di prezzo.

La possibilità che l’Italia diventi il crocevia del gas europeo dipende dalla rapidità con cui saremo in grado di costruire i corridoi di approvvigionamento: i primi progetti realizzati saranno naturali barriere all’entrata in operatività di altre infrastrutture. Creare corridoi significa costruire gasdotti e terminali di rigassificazione; per farli però è necessario anche (e in misura non certo minoritaria) costruire il consenso presso i territori che dovranno ospitare queste infrastrutture. La missione, invero, non è per nulla facile, specie con i governanti e gli amministratori attuali, che non godono certo di molta fiducia presso i cittadini.

Consentitemi infine una postilla sull’utilizzo del gas naturale per autotrazione: i numeri sui consumi sono ancora molto contenuti e le vendite di autoveicoli alimentabili a metano nel 2010 ed anche quest’anno, dopo gli spettacolari risultati del 2009, senza incentivi sono crollate. Tuttavia il numero di stazioni di rifornimento continua a crescere (siamo ad oltre 810), diverse regioni continuano ad erogare aiuti, le flotte aziendale e pubbliche, anche quest’anno, lasciano ben sperare. Certo è una strada lunga e con tante curve ma il fatto che il gas possa competere ad armi pari con diesel e benzina, e quindi con il fratello maggiore petrolio, sarebbe una prima dimostrazione che l’epopea dell’oro nero non è poi così lontana dal tramonto.

Antonio Sileo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende