Home » Rubriche »Top Contributors » Investimenti in energie rinnovabili e politiche pubbliche: lo studio IEFE Bocconi:

Investimenti in energie rinnovabili e politiche pubbliche: lo studio IEFE Bocconi Top Contributors

ottobre 21, 2010 Rubriche, Top Contributors

Courtesy of gicol, Flickr.comInvestimenti all’estero in energie rinnovabili: l’Italia c’è? E’questa la domanda che ci si è posti nella presentazione, all’Università Bocconi, dello studio “Investimenti all’estero in energie rinnovabili e ruolo delle politiche pubbliche“, curato dall’Istituto IEFE in collaborazione con Ernest & Young.

Dal report di Annalisa d’Orazio e Federico Pontoni emerge, innanzitutto, una tendenza globale alla crescita degli investimenti in energie rinnovabili, giunte a rappresentare, nel 2010, un quarto della capacità mondiale complessivamente installata.

Le aree geografiche che hanno attratto la maggior parte degli investimenti nel 2009 sono state l’Europa (37%), la Cina (28%) e il Nord America (17%), mentre sta diventando un’area “vocata” alle rinnovabili anche il Brasile (7%).

Dall’analisi delle tipologie di impianto sulle quali, prevalentemente, si concentrano gli investimenti, emerge la netta preferenza verso gli impianti eolici (56,3%), seguita dagli impianti solari (15,2% del totale), dagli impianti a biomasse e biogas (9%) e i biocarburanti (5,8%). Nel 2009 l’area mondiale con la maggior quota di TWh di energia elettrica rinnovabile prodotta è ancora l’UE, con il 17,5% (molto vicina dunque agli obiettivi del 2020), seguita da Stati Uniti e Cina.

L’UE presenta tuttavia situazioni ampiamente differenziate all’interno degli Stati Membri. I paesi leader sono la Germania e la Spagna, ma con una netta ripresa di alcuni paesi, tra cui l’Italia. Nuove aree altamente attrattive di investimenti, quali Portogallo, Repubblica Ceca, Grecia, Bulgaria, Polonia e Romania, stanno invece emergendo di recente.

La particolarità degli investimenti in energie rinnovabili è di essere fortemente condizionati da fattori indiretti, non strettamente legati a scelte strategiche aziendali: fattori che riguardano le caratteristiche naturali del Paese destinatario degli investimenti (presenza di vento, temperature, acqua, etc.) e le politiche di supporto messe in campo dai rispettivi Governi.

Per quanto riguarda le politiche pubbliche emerge che le misure di sostegno condizionano pesantemente le decisioni di investimento all’estero in impianti rinnovabili. Una delle azioni fondamentali che ha favorito gli investimenti nell’ultimo decennio è stata infatti la privatizzazione-liberalizzazione del mercato energetico. Anche l’intervento delle politiche sovra-nazionali costituisce poi un fattore incentivante .

Ultimo, ma non meno importante, tra le politiche, è il sostegno economico alla diffusione delle rinnovabili. Per garantirne l’efficacia sono tuttavia importanti una serie di condizioni “di contorno“, che spaziano dalle procedure amministrative di entrata e di connessione alla rete, alle caratteristiche del sistema bancario e finanziario, fino al consenso dei cittadini.

La crescente attenzione dei Governi alle politiche ambientali e alla promozione delle energie rinnovabili ha indubbiamente generato un interesse crescente degli operatori energetici e degli investitori finanziari verso un mercato delle rinnovabili di dimensioni allargate, avviando un processo di internazionalizzazione, che pur in fase nascente, si presenta molto differenziato da Paese a Paese.

Nell’indagine, svolta da gennaio ad aprile 2010 da IEFE e Ernest & Young su un campione di imprese italiane che operano nel settore energetico, emergono risultati interessanti per ciò che concerne le motivazioni principali di queste scelte strategiche di investimento. Le politiche di supporto rimangono determinanti, così come la “disponibilità” della componente tecnologica.

Ma vediamo le caratteristiche dell’investimento: le imprese privilegiano investimenti sul territorio nazionale, in impianti di piccola e media taglia dotati di tecnologie mature (idroelettrico, geotermico). Tanto che gli investimenti esteri, ad oggi molto ridotti ma con buone prospettive, replicano, di fatto, le peculiarità di quelli intrapresi sul territorio nazionale.

Nel processo di internazionalizzazione a livello mondiale, le imprese italiane sono comunque piuttosto in ritardo. Ne abbiamo parlato con Annalisa D’Orazio, direttrice di ricerca allo IEFE e co-autrice del rapporto.

D) Dottoressa, quali sono le motivazioni di questo ritardo?

R) Le cause che lo condizionano possono essere ricondotte a tre ragioni fondamentali. La prima riguarda una minore presenza nei mercati delle tecnologie; la seconda consiste nella modesta dimensione, così come la ridotta dotazione di capitale finanziario a disposizione; la terza è riconducibile a una minore capacità “culturale” di penetrazione in alcune aree internazionali, dovuta ad una ridotta destrezza nel fare rete e utilizzare adeguati strumenti finanziari.

D) Quali dovrebbero essere le azioni per favorire un’internazionalizzazione più estesa?

R) Sicuramente sarebbero auspicabili azioni per la crescita dimensionale delle aziende, così come un utilizzo più proficuo degli strumenti finanziari a disposizione. Infine, agevolare la costituzione di reti di aziende con l’aiuto di istituti dedicati e incrementare gli investimenti nella produzione di tecnologie, faciliterebbero l’internazionalizzazione delle imprese italiane.

Simone Falorni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Borse di studio UNESCO “MAB Young Scientists Award”. Fino al 30 novembre

settembre 22, 2017

Borse di studio UNESCO “MAB Young Scientists Award”. Fino al 30 novembre

Fin dal 1989 il Programma Uomo e Biosfera dell’UNESCO ha finanziato, con borse di studio del valore massimo di 5.000 dollari, giovani scienziati che abbiano condotto ricerche sugli ecosistemi, sulle risorse naturali e sulla biodiversità. Mediante tali borse di studio (chiamate “MAB Young Scientists Awards”), il programma MAB sta investendo in una nuova generazione di [...]

Puliamo il Mondo festeggia 25 anni

settembre 22, 2017

Puliamo il Mondo festeggia 25 anni

25 anni di impegno civile, sociale e di volontariato ambientale con 15 milioni di persone coinvolte in tutta Italia e 100mila aree ripulite. Sono i numeri di Puliamo il Mondo, la storica campagna di volontariato ambientale organizzata in Italia da Legambiente in collaborazione con la Rai e in programma questo week-end 22, 23 e 24 settembre [...]

Green City Milano 2017: l’evoluzione del verde meneghino a confronto con Lione e Mosca

settembre 19, 2017

Green City Milano 2017: l’evoluzione del verde meneghino a confronto con Lione e Mosca

“Siamo arrivati alla terza edizione di Green City Milano e non posso che ringraziare i cittadini e le associazioni che hanno organizzato oltre 500 eventi in tutta la città. Sarà un’occasione per raccontare la strada che Milano sta intraprendendo dal punto di vista del verde…”. Esordisce così Pierfrancesco Maran, Assessore all’Urbanistica, Verde e Agricoltura del [...]

Urbanpromo Green: a Venezia si parla di sviluppo urbano sostenibile

settembre 19, 2017

Urbanpromo Green: a Venezia si parla di sviluppo urbano sostenibile

Il 21 e 22 settembre, presso la Scuola di Dottorato dell’Università IUAV di Venezia a Palazzo Badoer, si terrà la prima edizione di Urbanpromo Green, una manifestazione che segna l’ampliamento della proposta di Urbanpromo, organizzato dall’Istituto Nazionale di Urbanistica e da Urbit, che agli eventi incentrati sul social housing e sulla rigenerazione urbana – in [...]

Settimana europea della Mobilità: il focus 2017 è sulla “condivisione”

settembre 18, 2017

Settimana europea della Mobilità: il focus 2017 è sulla “condivisione”

Ogni anno la Settimana Europea della Mobilità – dal 16 al 22 settembre – si concentra su un particolare argomento relativo alla mobilità sostenibile, sulla cui base le autorità locali sono invitate a organizzare attività per i propri cittadini e a lanciare e promuovere misure permanenti a sostegno. Per l’edizione 2017 è stato scelto come focal [...]

ALD Automotive Italia lancia il noleggio di moto elettriche con Energica

settembre 14, 2017

ALD Automotive Italia lancia il noleggio di moto elettriche con Energica

Energica Motor Company S.p.A. e ALD Automotive Italia hanno comunicato ufficialmente la nascita di una sinergia per la promozione della mobilità elettrica ad elevate prestazioni sul territorio italiano. Grazie a questo accordo ALD Automotive, divisione del gruppo bancario francese Société Générale specializzata nei servizi di mobilità, noleggio a lungo termine e fleet management, offrirà ai [...]

Biometano da rifiuti: in provincia di Milano il primo impianto con tecnologia “Biosip”

settembre 12, 2017

Biometano da rifiuti: in provincia di Milano il primo impianto con tecnologia “Biosip”

Agatos SpA, società specializzata nella realizzazione di impianti da energia rinnovabile, co-generazione e efficientamento energetico, ha annunciato che la Città Metropolitana di Milano ha emesso l’Autorizzazione Unica dirigenziale per la costruzione e la messa in esercizio, in provincia di Milano, del primo impianto di produzione di biometano da FORSU (la frazione organica dei rifiuti solidi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende