Home » Rubriche »Top Contributors » Investimenti in energie rinnovabili e politiche pubbliche: lo studio IEFE Bocconi:

Investimenti in energie rinnovabili e politiche pubbliche: lo studio IEFE Bocconi Top Contributors

ottobre 21, 2010 Rubriche, Top Contributors

Courtesy of gicol, Flickr.comInvestimenti all’estero in energie rinnovabili: l’Italia c’è? E’questa la domanda che ci si è posti nella presentazione, all’Università Bocconi, dello studio “Investimenti all’estero in energie rinnovabili e ruolo delle politiche pubbliche“, curato dall’Istituto IEFE in collaborazione con Ernest & Young.

Dal report di Annalisa d’Orazio e Federico Pontoni emerge, innanzitutto, una tendenza globale alla crescita degli investimenti in energie rinnovabili, giunte a rappresentare, nel 2010, un quarto della capacità mondiale complessivamente installata.

Le aree geografiche che hanno attratto la maggior parte degli investimenti nel 2009 sono state l’Europa (37%), la Cina (28%) e il Nord America (17%), mentre sta diventando un’area “vocata” alle rinnovabili anche il Brasile (7%).

Dall’analisi delle tipologie di impianto sulle quali, prevalentemente, si concentrano gli investimenti, emerge la netta preferenza verso gli impianti eolici (56,3%), seguita dagli impianti solari (15,2% del totale), dagli impianti a biomasse e biogas (9%) e i biocarburanti (5,8%). Nel 2009 l’area mondiale con la maggior quota di TWh di energia elettrica rinnovabile prodotta è ancora l’UE, con il 17,5% (molto vicina dunque agli obiettivi del 2020), seguita da Stati Uniti e Cina.

L’UE presenta tuttavia situazioni ampiamente differenziate all’interno degli Stati Membri. I paesi leader sono la Germania e la Spagna, ma con una netta ripresa di alcuni paesi, tra cui l’Italia. Nuove aree altamente attrattive di investimenti, quali Portogallo, Repubblica Ceca, Grecia, Bulgaria, Polonia e Romania, stanno invece emergendo di recente.

La particolarità degli investimenti in energie rinnovabili è di essere fortemente condizionati da fattori indiretti, non strettamente legati a scelte strategiche aziendali: fattori che riguardano le caratteristiche naturali del Paese destinatario degli investimenti (presenza di vento, temperature, acqua, etc.) e le politiche di supporto messe in campo dai rispettivi Governi.

Per quanto riguarda le politiche pubbliche emerge che le misure di sostegno condizionano pesantemente le decisioni di investimento all’estero in impianti rinnovabili. Una delle azioni fondamentali che ha favorito gli investimenti nell’ultimo decennio è stata infatti la privatizzazione-liberalizzazione del mercato energetico. Anche l’intervento delle politiche sovra-nazionali costituisce poi un fattore incentivante .

Ultimo, ma non meno importante, tra le politiche, è il sostegno economico alla diffusione delle rinnovabili. Per garantirne l’efficacia sono tuttavia importanti una serie di condizioni “di contorno“, che spaziano dalle procedure amministrative di entrata e di connessione alla rete, alle caratteristiche del sistema bancario e finanziario, fino al consenso dei cittadini.

La crescente attenzione dei Governi alle politiche ambientali e alla promozione delle energie rinnovabili ha indubbiamente generato un interesse crescente degli operatori energetici e degli investitori finanziari verso un mercato delle rinnovabili di dimensioni allargate, avviando un processo di internazionalizzazione, che pur in fase nascente, si presenta molto differenziato da Paese a Paese.

Nell’indagine, svolta da gennaio ad aprile 2010 da IEFE e Ernest & Young su un campione di imprese italiane che operano nel settore energetico, emergono risultati interessanti per ciò che concerne le motivazioni principali di queste scelte strategiche di investimento. Le politiche di supporto rimangono determinanti, così come la “disponibilità” della componente tecnologica.

Ma vediamo le caratteristiche dell’investimento: le imprese privilegiano investimenti sul territorio nazionale, in impianti di piccola e media taglia dotati di tecnologie mature (idroelettrico, geotermico). Tanto che gli investimenti esteri, ad oggi molto ridotti ma con buone prospettive, replicano, di fatto, le peculiarità di quelli intrapresi sul territorio nazionale.

Nel processo di internazionalizzazione a livello mondiale, le imprese italiane sono comunque piuttosto in ritardo. Ne abbiamo parlato con Annalisa D’Orazio, direttrice di ricerca allo IEFE e co-autrice del rapporto.

D) Dottoressa, quali sono le motivazioni di questo ritardo?

R) Le cause che lo condizionano possono essere ricondotte a tre ragioni fondamentali. La prima riguarda una minore presenza nei mercati delle tecnologie; la seconda consiste nella modesta dimensione, così come la ridotta dotazione di capitale finanziario a disposizione; la terza è riconducibile a una minore capacità “culturale” di penetrazione in alcune aree internazionali, dovuta ad una ridotta destrezza nel fare rete e utilizzare adeguati strumenti finanziari.

D) Quali dovrebbero essere le azioni per favorire un’internazionalizzazione più estesa?

R) Sicuramente sarebbero auspicabili azioni per la crescita dimensionale delle aziende, così come un utilizzo più proficuo degli strumenti finanziari a disposizione. Infine, agevolare la costituzione di reti di aziende con l’aiuto di istituti dedicati e incrementare gli investimenti nella produzione di tecnologie, faciliterebbero l’internazionalizzazione delle imprese italiane.

Simone Falorni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende