Home » Rubriche »Top Contributors » Investimenti in energie rinnovabili e politiche pubbliche: lo studio IEFE Bocconi:

Investimenti in energie rinnovabili e politiche pubbliche: lo studio IEFE Bocconi Top Contributors

ottobre 21, 2010 Rubriche, Top Contributors

Courtesy of gicol, Flickr.comInvestimenti all’estero in energie rinnovabili: l’Italia c’è? E’questa la domanda che ci si è posti nella presentazione, all’Università Bocconi, dello studio “Investimenti all’estero in energie rinnovabili e ruolo delle politiche pubbliche“, curato dall’Istituto IEFE in collaborazione con Ernest & Young.

Dal report di Annalisa d’Orazio e Federico Pontoni emerge, innanzitutto, una tendenza globale alla crescita degli investimenti in energie rinnovabili, giunte a rappresentare, nel 2010, un quarto della capacità mondiale complessivamente installata.

Le aree geografiche che hanno attratto la maggior parte degli investimenti nel 2009 sono state l’Europa (37%), la Cina (28%) e il Nord America (17%), mentre sta diventando un’area “vocata” alle rinnovabili anche il Brasile (7%).

Dall’analisi delle tipologie di impianto sulle quali, prevalentemente, si concentrano gli investimenti, emerge la netta preferenza verso gli impianti eolici (56,3%), seguita dagli impianti solari (15,2% del totale), dagli impianti a biomasse e biogas (9%) e i biocarburanti (5,8%). Nel 2009 l’area mondiale con la maggior quota di TWh di energia elettrica rinnovabile prodotta è ancora l’UE, con il 17,5% (molto vicina dunque agli obiettivi del 2020), seguita da Stati Uniti e Cina.

L’UE presenta tuttavia situazioni ampiamente differenziate all’interno degli Stati Membri. I paesi leader sono la Germania e la Spagna, ma con una netta ripresa di alcuni paesi, tra cui l’Italia. Nuove aree altamente attrattive di investimenti, quali Portogallo, Repubblica Ceca, Grecia, Bulgaria, Polonia e Romania, stanno invece emergendo di recente.

La particolarità degli investimenti in energie rinnovabili è di essere fortemente condizionati da fattori indiretti, non strettamente legati a scelte strategiche aziendali: fattori che riguardano le caratteristiche naturali del Paese destinatario degli investimenti (presenza di vento, temperature, acqua, etc.) e le politiche di supporto messe in campo dai rispettivi Governi.

Per quanto riguarda le politiche pubbliche emerge che le misure di sostegno condizionano pesantemente le decisioni di investimento all’estero in impianti rinnovabili. Una delle azioni fondamentali che ha favorito gli investimenti nell’ultimo decennio è stata infatti la privatizzazione-liberalizzazione del mercato energetico. Anche l’intervento delle politiche sovra-nazionali costituisce poi un fattore incentivante .

Ultimo, ma non meno importante, tra le politiche, è il sostegno economico alla diffusione delle rinnovabili. Per garantirne l’efficacia sono tuttavia importanti una serie di condizioni “di contorno“, che spaziano dalle procedure amministrative di entrata e di connessione alla rete, alle caratteristiche del sistema bancario e finanziario, fino al consenso dei cittadini.

La crescente attenzione dei Governi alle politiche ambientali e alla promozione delle energie rinnovabili ha indubbiamente generato un interesse crescente degli operatori energetici e degli investitori finanziari verso un mercato delle rinnovabili di dimensioni allargate, avviando un processo di internazionalizzazione, che pur in fase nascente, si presenta molto differenziato da Paese a Paese.

Nell’indagine, svolta da gennaio ad aprile 2010 da IEFE e Ernest & Young su un campione di imprese italiane che operano nel settore energetico, emergono risultati interessanti per ciò che concerne le motivazioni principali di queste scelte strategiche di investimento. Le politiche di supporto rimangono determinanti, così come la “disponibilità” della componente tecnologica.

Ma vediamo le caratteristiche dell’investimento: le imprese privilegiano investimenti sul territorio nazionale, in impianti di piccola e media taglia dotati di tecnologie mature (idroelettrico, geotermico). Tanto che gli investimenti esteri, ad oggi molto ridotti ma con buone prospettive, replicano, di fatto, le peculiarità di quelli intrapresi sul territorio nazionale.

Nel processo di internazionalizzazione a livello mondiale, le imprese italiane sono comunque piuttosto in ritardo. Ne abbiamo parlato con Annalisa D’Orazio, direttrice di ricerca allo IEFE e co-autrice del rapporto.

D) Dottoressa, quali sono le motivazioni di questo ritardo?

R) Le cause che lo condizionano possono essere ricondotte a tre ragioni fondamentali. La prima riguarda una minore presenza nei mercati delle tecnologie; la seconda consiste nella modesta dimensione, così come la ridotta dotazione di capitale finanziario a disposizione; la terza è riconducibile a una minore capacità “culturale” di penetrazione in alcune aree internazionali, dovuta ad una ridotta destrezza nel fare rete e utilizzare adeguati strumenti finanziari.

D) Quali dovrebbero essere le azioni per favorire un’internazionalizzazione più estesa?

R) Sicuramente sarebbero auspicabili azioni per la crescita dimensionale delle aziende, così come un utilizzo più proficuo degli strumenti finanziari a disposizione. Infine, agevolare la costituzione di reti di aziende con l’aiuto di istituti dedicati e incrementare gli investimenti nella produzione di tecnologie, faciliterebbero l’internazionalizzazione delle imprese italiane.

Simone Falorni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

agosto 10, 2017

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

“Il 25 Agosto 2017 lascerò l’Italia per raggiungere Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, da dove il 28 Agosto partirò a piedi per ripercorrere, ben 231 anni dopo, il viaggio di Wolfgang Goethe del 1786. Il viaggio di Goethe  ha avuto una grande importanza nella cultura europea e sicuramente potrebbe coincidere con l’inizio del mito del [...]

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

agosto 4, 2017

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

RÖFIX, azienda austriaca presente in Italia dal 1980, ha lanciato una nuova linea di prodotti industriali per la bioedilizia a base di canapa a marchio “CalceClima Canapa“. I prodotti CalceClima – intonaco e finitura a base di canapulo e calce idraulica naturale – hanno già ottenuto il marchio di qualità Natureplus, che certifica la loro [...]

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

agosto 4, 2017

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

E’ stato prorogato fino al 7 settembre alle ore 13.00 il termine per la presentazione delle candidature per il CRESCO Award – Città sostenibili, il premio promosso da Fondazione Sodalitas e ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), in partnership con alcune aziende impegnate sul fronte della sostenibilità, per valorizzare la spinta innovativa dei Comuni italiani nel mettere [...]

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

agosto 3, 2017

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

Anche il lavaggio dell’automobile, in tempi di siccità, finisce sotto accusa per l’eccessivo  e inutile spreco di acqua. Un’ordinanza diffusa in alcune città italiane vieta infatti ai cittadini  l’utilizzo improprio  di  acqua destinata ad azioni quotidiane, come irrigare superfici private adibite ad attività sportive, riempire piscine private, alimentare impianti di condizionamento, pulizia e lavaggio della fossa  biologica o “lavare [...]

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

agosto 3, 2017

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

Torino sarà una delle città, con Berlino, Manchester e Göteborg, dove si testerà il servizio MaaS (acronimo di Mobility as a Service). La Città, insieme alla società partecipata 5T, è infatti tra i partner di IMove,  progetto del programma europeo Horizon 2020 che ha tra i suoi obiettivi la realizzazione di un servizio MaaS, che [...]

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

agosto 1, 2017

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

Mancano poche ore ormai al 2 agosto, il cosiddetto Earth Overshoot Day 2017 (o Giorno del superamento delle risorse della Terra), la giornata in cui l’umanità avrà usato l’intero “budget” annuale di risorse naturali. Stando ai dati a disposizione, il Global Footprint Network ha stimato che per soddisfare il nostro fabbisogno attuale di risorse naturali [...]

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

luglio 31, 2017

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

Sabato 2 e domenica 3 settembre 2017 a Rivalta di Lesignano De’ Bagni, in provincia di Parma, torna per il quarto anno l’appuntamento del “Rural Festival“, dedicato alla varietà di produzioni artigianali locali di agricoltori e allevatori: un invito alla scoperta e all’assaggio di prodotti di antiche razze animali e varietà vegetali. L’area protetta di biodiversità [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende