Home » Rubriche »Top Contributors » L’idroelettrico che rispetta i fiumi: il progetto CH2OICE:

L’idroelettrico che rispetta i fiumi: il progetto CH2OICE Top Contributors

novembre 18, 2010 Rubriche, Top Contributors

Courtesy of steve_steady 64, Flickr.comL’offerta di “energia verde” nel mercato dell’energia elettrica è abbondante, ma chi certifica la “qualità ambientale” di tali produzioni? Una recente indagine ha verificato che in molti paesi europei sono presenti numerosi marchi di energia “verde” ma nella maggior parte dei casi sono marchi di proprietà dello stesso produttore dell’energia elettrica.

La certificazione che sia energia prodotta da fonti rinnovabili è principalmente basata sui RECSo sulla Garanzia d’origine. In pochissimi casi esiste un ente terzo che garantisce sul marchio. A livello italiano si differenzia solo il marchio “100% Energia Verde”, di proprietà dell’associazione REEF. Sebbene i soci dell’associazione siano solo produttori di energia elettrica, esiste una commissione di garanzia costituita da rappresentanti del GSE, di associazioni ambientaliste e di tutela dei consumatori e la gestione del marchio è affidata alCESI.

Un caso molto particolare è quello del marchio svizzero “GreenHydro – Naturemade”. Si tratta di un marchio di “qualità ambientale” per gli impianti idroelettrici. L’idea sottostante a GreenHydro è che gli impianti certificati, indipendentemente dalla loro taglia e dalla loro collocazione, siano caratterizzati da una gestione in grado di proteggere gli ecosistemi acquatici dove sono stati inseriti. Per fare questo il Green Hydro standard è composto da due diversi livelli: un primo livello di standard generici ed un secondo livello di standard più specifici e riferiti al singolo ecosistema in cui sono inseriti. La peculiarità ed il vantaggio del sistema Naturmade è il contestuale miglioramento ecologico degli impianti certificati. La proprietà del marchio è di VUE, parte terza rispetto a produttori e regolatori. L’ottenimento del marchio è basato sul rispetto di prescrizioni locali.

Visto il moltiplicarsi di offerte di vendita di energia “verde”, l’Autorità per l’energia elettrica e il gas (AEEG) ha avviato una consultazione specifica a luglio 2009 dal titolo “Meccanismo di controllo della vendita ai clienti finali di energia elettrica da fonti rinnovabili”.

In questo contesto da “free riders” è stato concepito CH2OICE (Certification for HydrO: Improving Clean Energy), progetto finanziato nell’ambito del programma comunitario “Intelligent Energy Europe”. I partner italiani di questo progetto sono Ambiente Italia(coordinatore del progetto), il CIRF - Centro Italiano di Riqualificazione Fluviale, l’APER – Associazione Produttori da Energie Rinnovabili, ilWWF e lo Studio Frosio. Ma sono coinvolti anche  partner spagnoli, francesi, sloveni, slovacchi e belga.

Questo progetto si pone l’obiettivo di sviluppare una procedura di certificazione tecnicamente ed economicamente fattibile per impianti di produzione di energia idroelettrica di più elevato standard ambientale, che sia esplicitamente coerente con i requisiti della Direttiva Quadro sulle Acque (2000/60/CE), integrata, per quanto possibile, con gli strumenti europei già esistenti (come Ecolabel ed EMAS). L’energia prodotta da impianti che seguiranno tale procedura dovrà essere riconoscibile attraverso uno specifico marchio.

La metodologia di certificazione è stata definita attraverso un processo di consultazione di esperti in numerose discipline e , allo stato attuale, è in fase di sperimentazione in alcuni impianti idroelettrici italiani e sloveni. La procedura riguarda principalmente impianti esistenti, ma, per permettere un utilizzo più ampio dei risultati del progetto, è stato considerato anche il tema delle nuove centrali e l’applicazione agli impianti in fase di rinnovo della concessione: sulla base dello stesso approccio logico adottato per la certificazione degli impianti esistenti, sono state realizzate linee guida tecniche, per supportare i decisori nel rilascio delle autorizzazioni e i produttori nella progettazione di nuovi impianti e nella redazione degli Studi d’Impatto Ambientale.

Giulio Conte, coordinatore del progetto, sostiene che “al momento la sfida è trovare un mercato per l’energia certificata CH2OICE in modo che i produttori siano interessati alla certificazione. Tenendo in considerazione il gran numero di conflitti per la costruzione di nuove centrali idroelettriche, sembra che almeno alcuni clienti dovrebbero essere interessati ad acquistare “energia verde”, tra cui le famiglie, le imprese della “green economy” e coloro che fortemente promuovono il rispetto dell’ambiente nelle loro strategie di marketing”.

Il progetto è giunto quasi alla fine e si possono tirare le somme di più di due anni di progetto. Per questo sono stati organizzati  un workshop (14 dicembre a Bolzano) e una conferenza internazionale (a febbraio a Roma) non solo per illustrare i risultati ottenuti, ma anche per raccogliere i pareri di numerosi stakeholder: dai produttori ai trader di energia, dalle associazioni ambientaliste a quelle dei consumatori.

Alessandro de Carli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

giugno 28, 2017

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

Un legame stretto, nonostante 10 mila chilometri di distanza, tra la Sardegna e l’arcipelago di Okinawa in Giappone. Isole che condividono la lunga aspettativa di vita, sono tra le popolazioni  più longeve del mondo. Merito di uno stile di vita semplice e sano. Ma un altro filo che unisce  è la custodia di antiche tradizioni, come  la [...]

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

giugno 27, 2017

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

Bellezze naturali e attrazioni turistiche: sono numerosi i punti di interesse che anche quest’anno cicloturisti e trekker potranno raggiungere grazie al TrenoBus delle Dolomiti, il servizio intermodale che offre ai ciclisti e agli amanti del trekking la possibilità di percorrere le piste ciclabili dell’intero anello dolomitico e di passeggiare nel cuore dei numerosi punti di [...]

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende