Home » Rubriche »Top Contributors » L’idroelettrico che rispetta i fiumi: il progetto CH2OICE:

L’idroelettrico che rispetta i fiumi: il progetto CH2OICE Top Contributors

novembre 18, 2010 Rubriche, Top Contributors

Courtesy of steve_steady 64, Flickr.comL’offerta di “energia verde” nel mercato dell’energia elettrica è abbondante, ma chi certifica la “qualità ambientale” di tali produzioni? Una recente indagine ha verificato che in molti paesi europei sono presenti numerosi marchi di energia “verde” ma nella maggior parte dei casi sono marchi di proprietà dello stesso produttore dell’energia elettrica.

La certificazione che sia energia prodotta da fonti rinnovabili è principalmente basata sui RECSo sulla Garanzia d’origine. In pochissimi casi esiste un ente terzo che garantisce sul marchio. A livello italiano si differenzia solo il marchio “100% Energia Verde”, di proprietà dell’associazione REEF. Sebbene i soci dell’associazione siano solo produttori di energia elettrica, esiste una commissione di garanzia costituita da rappresentanti del GSE, di associazioni ambientaliste e di tutela dei consumatori e la gestione del marchio è affidata alCESI.

Un caso molto particolare è quello del marchio svizzero “GreenHydro – Naturemade”. Si tratta di un marchio di “qualità ambientale” per gli impianti idroelettrici. L’idea sottostante a GreenHydro è che gli impianti certificati, indipendentemente dalla loro taglia e dalla loro collocazione, siano caratterizzati da una gestione in grado di proteggere gli ecosistemi acquatici dove sono stati inseriti. Per fare questo il Green Hydro standard è composto da due diversi livelli: un primo livello di standard generici ed un secondo livello di standard più specifici e riferiti al singolo ecosistema in cui sono inseriti. La peculiarità ed il vantaggio del sistema Naturmade è il contestuale miglioramento ecologico degli impianti certificati. La proprietà del marchio è di VUE, parte terza rispetto a produttori e regolatori. L’ottenimento del marchio è basato sul rispetto di prescrizioni locali.

Visto il moltiplicarsi di offerte di vendita di energia “verde”, l’Autorità per l’energia elettrica e il gas (AEEG) ha avviato una consultazione specifica a luglio 2009 dal titolo “Meccanismo di controllo della vendita ai clienti finali di energia elettrica da fonti rinnovabili”.

In questo contesto da “free riders” è stato concepito CH2OICE (Certification for HydrO: Improving Clean Energy), progetto finanziato nell’ambito del programma comunitario “Intelligent Energy Europe”. I partner italiani di questo progetto sono Ambiente Italia(coordinatore del progetto), il CIRF - Centro Italiano di Riqualificazione Fluviale, l’APER – Associazione Produttori da Energie Rinnovabili, ilWWF e lo Studio Frosio. Ma sono coinvolti anche  partner spagnoli, francesi, sloveni, slovacchi e belga.

Questo progetto si pone l’obiettivo di sviluppare una procedura di certificazione tecnicamente ed economicamente fattibile per impianti di produzione di energia idroelettrica di più elevato standard ambientale, che sia esplicitamente coerente con i requisiti della Direttiva Quadro sulle Acque (2000/60/CE), integrata, per quanto possibile, con gli strumenti europei già esistenti (come Ecolabel ed EMAS). L’energia prodotta da impianti che seguiranno tale procedura dovrà essere riconoscibile attraverso uno specifico marchio.

La metodologia di certificazione è stata definita attraverso un processo di consultazione di esperti in numerose discipline e , allo stato attuale, è in fase di sperimentazione in alcuni impianti idroelettrici italiani e sloveni. La procedura riguarda principalmente impianti esistenti, ma, per permettere un utilizzo più ampio dei risultati del progetto, è stato considerato anche il tema delle nuove centrali e l’applicazione agli impianti in fase di rinnovo della concessione: sulla base dello stesso approccio logico adottato per la certificazione degli impianti esistenti, sono state realizzate linee guida tecniche, per supportare i decisori nel rilascio delle autorizzazioni e i produttori nella progettazione di nuovi impianti e nella redazione degli Studi d’Impatto Ambientale.

Giulio Conte, coordinatore del progetto, sostiene che “al momento la sfida è trovare un mercato per l’energia certificata CH2OICE in modo che i produttori siano interessati alla certificazione. Tenendo in considerazione il gran numero di conflitti per la costruzione di nuove centrali idroelettriche, sembra che almeno alcuni clienti dovrebbero essere interessati ad acquistare “energia verde”, tra cui le famiglie, le imprese della “green economy” e coloro che fortemente promuovono il rispetto dell’ambiente nelle loro strategie di marketing”.

Il progetto è giunto quasi alla fine e si possono tirare le somme di più di due anni di progetto. Per questo sono stati organizzati  un workshop (14 dicembre a Bolzano) e una conferenza internazionale (a febbraio a Roma) non solo per illustrare i risultati ottenuti, ma anche per raccogliere i pareri di numerosi stakeholder: dai produttori ai trader di energia, dalle associazioni ambientaliste a quelle dei consumatori.

Alessandro de Carli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

aprile 28, 2017

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

Di recente il Parlamento Europeo ha annunciato di aver raggiunto un accordo su un nuovo tipo di etichetta energetica per gli elettrodomestici con l’obiettivo di creare un sistema che sia realmente “2.0″. L’intenzione è fare in modo che, grazie alla presenza di QR code e link, entro la fine del 2019 ogni etichetta rimandi ad [...]

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende