Home » Rubriche »Top Contributors » L’idroelettrico che rispetta i fiumi: il progetto CH2OICE:

L’idroelettrico che rispetta i fiumi: il progetto CH2OICE Top Contributors

novembre 18, 2010 Rubriche, Top Contributors

Courtesy of steve_steady 64, Flickr.comL’offerta di “energia verde” nel mercato dell’energia elettrica è abbondante, ma chi certifica la “qualità ambientale” di tali produzioni? Una recente indagine ha verificato che in molti paesi europei sono presenti numerosi marchi di energia “verde” ma nella maggior parte dei casi sono marchi di proprietà dello stesso produttore dell’energia elettrica.

La certificazione che sia energia prodotta da fonti rinnovabili è principalmente basata sui RECSo sulla Garanzia d’origine. In pochissimi casi esiste un ente terzo che garantisce sul marchio. A livello italiano si differenzia solo il marchio “100% Energia Verde”, di proprietà dell’associazione REEF. Sebbene i soci dell’associazione siano solo produttori di energia elettrica, esiste una commissione di garanzia costituita da rappresentanti del GSE, di associazioni ambientaliste e di tutela dei consumatori e la gestione del marchio è affidata alCESI.

Un caso molto particolare è quello del marchio svizzero “GreenHydro – Naturemade”. Si tratta di un marchio di “qualità ambientale” per gli impianti idroelettrici. L’idea sottostante a GreenHydro è che gli impianti certificati, indipendentemente dalla loro taglia e dalla loro collocazione, siano caratterizzati da una gestione in grado di proteggere gli ecosistemi acquatici dove sono stati inseriti. Per fare questo il Green Hydro standard è composto da due diversi livelli: un primo livello di standard generici ed un secondo livello di standard più specifici e riferiti al singolo ecosistema in cui sono inseriti. La peculiarità ed il vantaggio del sistema Naturmade è il contestuale miglioramento ecologico degli impianti certificati. La proprietà del marchio è di VUE, parte terza rispetto a produttori e regolatori. L’ottenimento del marchio è basato sul rispetto di prescrizioni locali.

Visto il moltiplicarsi di offerte di vendita di energia “verde”, l’Autorità per l’energia elettrica e il gas (AEEG) ha avviato una consultazione specifica a luglio 2009 dal titolo “Meccanismo di controllo della vendita ai clienti finali di energia elettrica da fonti rinnovabili”.

In questo contesto da “free riders” è stato concepito CH2OICE (Certification for HydrO: Improving Clean Energy), progetto finanziato nell’ambito del programma comunitario “Intelligent Energy Europe”. I partner italiani di questo progetto sono Ambiente Italia(coordinatore del progetto), il CIRF - Centro Italiano di Riqualificazione Fluviale, l’APER – Associazione Produttori da Energie Rinnovabili, ilWWF e lo Studio Frosio. Ma sono coinvolti anche  partner spagnoli, francesi, sloveni, slovacchi e belga.

Questo progetto si pone l’obiettivo di sviluppare una procedura di certificazione tecnicamente ed economicamente fattibile per impianti di produzione di energia idroelettrica di più elevato standard ambientale, che sia esplicitamente coerente con i requisiti della Direttiva Quadro sulle Acque (2000/60/CE), integrata, per quanto possibile, con gli strumenti europei già esistenti (come Ecolabel ed EMAS). L’energia prodotta da impianti che seguiranno tale procedura dovrà essere riconoscibile attraverso uno specifico marchio.

La metodologia di certificazione è stata definita attraverso un processo di consultazione di esperti in numerose discipline e , allo stato attuale, è in fase di sperimentazione in alcuni impianti idroelettrici italiani e sloveni. La procedura riguarda principalmente impianti esistenti, ma, per permettere un utilizzo più ampio dei risultati del progetto, è stato considerato anche il tema delle nuove centrali e l’applicazione agli impianti in fase di rinnovo della concessione: sulla base dello stesso approccio logico adottato per la certificazione degli impianti esistenti, sono state realizzate linee guida tecniche, per supportare i decisori nel rilascio delle autorizzazioni e i produttori nella progettazione di nuovi impianti e nella redazione degli Studi d’Impatto Ambientale.

Giulio Conte, coordinatore del progetto, sostiene che “al momento la sfida è trovare un mercato per l’energia certificata CH2OICE in modo che i produttori siano interessati alla certificazione. Tenendo in considerazione il gran numero di conflitti per la costruzione di nuove centrali idroelettriche, sembra che almeno alcuni clienti dovrebbero essere interessati ad acquistare “energia verde”, tra cui le famiglie, le imprese della “green economy” e coloro che fortemente promuovono il rispetto dell’ambiente nelle loro strategie di marketing”.

Il progetto è giunto quasi alla fine e si possono tirare le somme di più di due anni di progetto. Per questo sono stati organizzati  un workshop (14 dicembre a Bolzano) e una conferenza internazionale (a febbraio a Roma) non solo per illustrare i risultati ottenuti, ma anche per raccogliere i pareri di numerosi stakeholder: dai produttori ai trader di energia, dalle associazioni ambientaliste a quelle dei consumatori.

Alessandro de Carli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

dicembre 8, 2016

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

Banca Etica, la prima e tutt’ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, ha espresso apprezzamento per l’articolo dedicato alla finanza etica all’interno della Legge di Bilancio, appena approvata ​dal Senato in via definitiva​. “È importante che vi sia il riconoscimento legislativo del valore sociale e ambientale, oltre che economico e finanziario, della finanza [...]

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende