Home » Rubriche »Top Contributors » La comunicazione e l’informazione ambientale oggi:

La comunicazione e l’informazione ambientale oggi Top Contributors

ottobre 14, 2010 Rubriche, Top Contributors

In vista del workshop IEFE del 27 ottobre “La comunicazione ambientale: politiche pubbliche e strategie aziendali nell’era della Green Economy”, proseguiamo la pubblicazione, in esclusiva, degli interventi dei docenti del Master MEMAE Bocconi con un articolo congiunto di Edoardo Croci, Sabrina Melandri e Tania Molteni.

Comunicazione ambientale, Courtesy of colors B&W, Flickr.comNegli ultimi anni si è verificato un forte sviluppo delle attività di comunicazione ed informazione ambientale promosse dalle pubbliche amministrazioni e dalle imprese, anche attraverso le loro forme associative (associazioni di categoria, consorzi, ecc.). In alcuni casi, queste attività rispondono a precisi obblighi normativi nei confronti di cittadini e consumatori, ma nella maggior parte dei casi si tratta di attività volontarie frutto di scelte strategiche, legate alla maggiore sensibilità dell’opinione pubblica nei confronti del degrado ambientale.

In Italia, la tutela dell’ambiente, infatti, occupa il terzo posto nella classifica delle grandi preoccupazioni degli italiani, subito dopo la disoccupazione e la crisi economica (indagine Gfk-Eurisko, 2009). Il 60% degli intervistati da Eurisko afferma di adottare comportamenti più attenti all’ambiente rispetto al passato e il 64% di fare più attenzione alle notizie che fanno riferimento all’ambiente.

Recenti studi indicano inoltre che da parte dei consumatori vi è un interesse crescente verso l’eco-compatibilità dei prodotti e vi è disponibilità a pagare una maggiorazione a fronte della presenza di caratteristiche ambientali positive. Il 52% dei consumatori italiani intervistati da Eurisko sarebbe disposto a pagare un premium-price per prodotti a basso impatto ambientale.

La qualità ambientale è quindi un fattore competitivo e di caratterizzazione del prodotto e, come tale, è stata inserita dalle aziende anche nelle proprie strategie di marketing. Negli ultimi anni sono cresciuti in maniera significativa i messaggi pubblicitari che contengono esplicitamente riferimenti all’ambiente e alla sua tutela. Uno studio recentemente condotto dalla Scuola Sant’Anna di Pisa, che aggiorna e si confronta con una precedente indagine dello IEFE Bocconi datata 2001, relativo alla diffusione della pubblicità ecologica su carta stampata in Italia, riporta che circa il 10% dei messaggi pubblicitari, apparsi tra 2007 e 2008 su un campione di riviste e quotidiani, ha un contenuto ambientale. Questo dato è nettamente in crescita rispetto al 2001 quando, su un analogo campione d’indagine, la percentuale era pari soltanto al 6,5% . Sussistono però rilevanti differenze e finalità nelle strategie di comunicazione dei soggetti privati rispetto alle pubbliche amministrazioni, che meritano uno specifico approfondimento.

ATTIVITA’ DI COMUNICAZIONE AMBIENTALE NELLE IMPRESE

Per le imprese, le associazioni industriali ed i consorzi, le attività di comunicazione ambientale mirano ad associare l’immagine aziendale ai valori positivi della tutela ambientale, a comunicare i benefit ambientali legati a prodotti e servizi, a prevenire o gestire situazioni di crisi legate agli impatti ambientali delle attività produttive, a fornire al pubblico strumenti conoscitivi nell’ambito di processi di certificazione ambientale.

Per quanto le attività di comunicazione ambientale e sociale siano sempre più consolidate e diffuse nelle imprese, non sempre si dimostrano in grado di realizzare i propri obiettivi di comunicazione e di essere realmente efficaci. Secondo l’indagine Eurobarometro, il 47% degli intervistati dichiara di non aver fiducia nei rapporti ambientali e sociali delle imprese e solo il 6% dichiara di avere piena fiducia nei “claim” sulle prestazioni ambientali dei prodotti.

La forte proliferazione di messaggi “ecologici” e le modalità con cui spesso vengono confezionati – vaghezza dei contenuti, eccessivi tecnicismi, assenza di dati e parametri di confronto – possono provocare diffidenza ed incertezza nei consumatori riguardo al reale impegno delle imprese a favore dell’ambiente.

ATTIVITA’ DI COMUNICAZIONE AMBIENTALE NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Per le pubbliche amministrazioni, la comunicazione ambientale risponde a molteplici finalità di informazione e sensibilizzazione: comunicare ai cittadini i risultati ambientali delle politiche pubbliche e gli impatti delle opere pubbliche, informare i cittadini sulle conseguenze ambientali delle loro azioni per promuovere comportamenti corretti, diffondere una conoscenza di base propedeutica a processi partecipativi, mettere a disposizione del pubblico dati ed indicatori sull’evoluzione dello stato dell’ambiente.

La maggior parte delle Regioni pubblica e aggiorna – pur se con frequenze diverse – un Rapporto sullo Stato dell’Ambiente, avvalendosi delle ARPA. Secondo l’ultimo rapporto annuale di Legambiente “Ecosistema Urbano”, al 2008 51 Comuni italiani avevano pubblicato un Rapporto sullo Stato dell’Ambiente, 40 un bilancio sociale e 22 un bilancio ambientale.

Nei processi di partecipazione a livello territoriale, in particolare, la qualità dell’informazione ambientale costituisce una variabile fondamentale. Fenomeni come la “sindrome NIMBY” e le difficoltà nell’acquisire il consenso per le grandi opere (soprattutto energetiche e trasportistiche) dimostrano la rilevanza nello sviluppare processi decisionali inclusivi, in cui i portatori d’interesse devono poter disporre di una base conoscitiva sulla decisione, piano, o progetto.

ATTIVITA’ DI COMUNICAZIONE AMBIENTALE NEGLI ENTI NO-PROFIT

Gli enti no-profit e le associazioni ambientaliste svolgono un ruolo primario in termini di sensibilizzazione del pubblico e divulgazione in materia ambientale, attraverso un’ampia gamma di attività di informazione e comunicazione: l’organizzazione di eventi, di momenti di formazione ed educazione ambientale, è supportata inoltre dalla produzione di strumenti che, per le associazioni più strutturate, non si limitano all’emissione di comunicati stampa “d’opinione”, ma prevedono anche la collaborazione con enti ed istituti di ricerca nella pubblicazione di rapporti e documenti di divulgazione scientifica. Spesso le associazioni rappresentano un vero e proprio riferimento culturale per i cittadini sui temi ambientali.

Edoardo Croci, Sabrina Melandri e Tania Molteni

Edoardo Croci è Direttore di Ricerca presso lo IEFE Bocconi. Sabrina Melandri e Tania Molteni sono ricercatrici presso lo stesso istituto dell’Università Bocconi di Milano.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

aprile 28, 2017

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

Di recente il Parlamento Europeo ha annunciato di aver raggiunto un accordo su un nuovo tipo di etichetta energetica per gli elettrodomestici con l’obiettivo di creare un sistema che sia realmente “2.0″. L’intenzione è fare in modo che, grazie alla presenza di QR code e link, entro la fine del 2019 ogni etichetta rimandi ad [...]

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende