Home » Rubriche »Top Contributors » Le leggi della natura in tre parole non comuni:

Le leggi della natura in tre parole non comuni Top Contributors

ottobre 28, 2010 Rubriche, Top Contributors

In occasione del tour di presentazione del suo ultimo libro Le regole del gioco. Come la termodinamica fa funzionare l’universo (Zanichelli, 2010), che avrà inizio il 4 novembre a Torino e culminerà a Genova, il 6, con una omonima lectio magistralis al Festival della Scienza, pubblichiamo in esclusiva l’intervento di Peter Atkins, docente presso il Lincoln College dell’Università di Oxford.

Il Prof. Peter Atkins, Courtesy of Oxford UniversityEcco parole che tutti usiamo ma siamo in pochi a comprendere: ognuno parla di temperatura, energia e calore, ma quando ci viene chiesto di spiegare esattamente il significato di questi termini brancoliamo nel buio alla ricerca di spiegazioni.

In questi casi la scienza ci aiuta e ci ostacola allo stesso tempo. Ci aiuta fornendo a queste parole un significato preciso, ma ci ostacola “piratando” alcune parole e usandole per i propri fini. Prende in prestito termini come “degenerazione” e “velocità” e le rende precise, a volte confondendo un ascoltatore o un lettore occasionale.

In questa sede mi occuperò della prima classe di termini: i nomi di concetti che sembrano familiari ma che sono invero molto sottili e che la scienza ci aiuta a comprendere.

Cominciamo con temperatura. Ognuno di noi ha un vago senso di cosa significhi questa parola: quanto caldo o quanto freddo è un oggetto. Ma cosa significa caldo? E freddo? Non servirebbe a molto dire che caldo significa che ha una temperatura alta!

La comprensione scientifica della temperatura avviene in due fasi. Nella prima, ci mettiamo al di fuori di un oggetto e pensiamo a cosa ci dice la sua temperatura; a questo livello, la temperatura è la proprietà che ci dice in quale direzione scorrerà l’energia quando due corpi sono messi in contatto tra loro: l’energia fluisce sotto forma di calore dal corpo a temperatura più alta verso quello a temperatura più bassa. (Naturalmente, a questo punto, stiamo fingendo di sapere perfettamente cosa intendiamo con i termini energia e calore!)

Nella seconda fase immaginiamo di restringerci fino ad avere le dimensioni di una molecola e di guardare cosa sta succedendo agli atomi dell’oggetto in questione. Scopriamo qualcosa di abbastanza notevole: in primo luogo, vediamo che gli atomi possono esistere soltanto in certi stati di energia, e che in ogni oggetto alcuni atomi sono in stati di energia alta, alcuni in stati di energia intermedia e altri in stati di energia bassa – con tutti i valori numerici in un certo rapporto tra loro. Qualsiasi oggetto che osserviamo che sia alla stessa temperatura (quella misurata da un termometro) ha i propri atomi che stanno gli uni rispetto agli altri in un certo rapporto per quanto riguarda i livelli energetici. Se la temperatura cresce il rapporto cambia, poiché aumenta il numero di atomi che si spostano dagli stati di energia più bassa a quelli di energia più alta. Eppure, qualunque sia il materiale in esame, i rapporti tra le popolazioni cambiano nello stesso modo.

A livello atomico, pertanto, la temperatura è semplicemente il parametro che determina i rapporti tra le popolazioni di atomi rispetto ai loro livelli di energia, indipendentemente dalla sostanza in esame. Una temperatura elevata indica che ci sono molti atomi nei livelli di energia più alti e, viceversa, una bassa temperatura indica che la maggior parte degli atomi è nei livelli più bassi.

Veniamo al calore. Secondo la scienza non c’è una cosa come il calore! Il calore non è una cosa: è un mezzo per trasferire energia. Per capire cosa significa, restringiamoci di nuovo fino al livello atomico e guardiamo cosa succede mentre l’energia si diffonde sotto forma di calore da un oggetto caldo a un oggetto freddo.

Vediamo che gli atomi dell’oggetto caldo vibrano vigorosamente, mentre quelli dell’oggetto freddo vibrano un pochino (ricordiamo infatti che temperatura bassa indica atomi in bassi livelli di energia, e di conseguenza atomi un po’ pigri nelle loro vibrazioni). Sui bordi del solido, gli atomi che vibrano con vigore urtano quelli più pigri, e gli ultimi si danno una svegliata e cominciano a vibrare con maggiore intensità. Questo trasferimento di energia tramite urti è il processo di trasferimento di energia tramite calore; si noti che il calore è un processo, non una cosa. E’ il processo di trasferimento dell’energia tramite la stimolazione del movimento casuale degli atomi.

E finalmente, veniamo all’energia. Devo ammettere che questo è un termine davvero elusivo. A un livello è semplice da comprendere, ma a un altro è straordinariamente sottile e sfuggente. Al livello più semplice, l’energia è la capacità di compiere un lavoro, dove un lavoro è un movimento contro una forza opposta – come alzare un peso in contrapposizione alla spinta della gravità. Di conseguenza, se un oggetto ha molta energia – come l’acqua calda o una molla compressa – può compiere molto lavoro, così diciamo che ha molta energia. A mano a mano che l’acqua si raffredda o la molla si distende, l’oggetto diventa meno capace di compiere lavoro, così diciamo che la sua energia è diminuita.

Eppure, quando ci chiediamo quale sia la vera natura dell’energia, sbattiamo contro un muro (o, se non altro, a me succede così): alcuni si rivolgono alla relatività generale e dicono che è una misura della curvatura dello spaziotempo. Altri fanno appello alla meccanica quantistica e dicono che è una quantità che determina come gli oggetti evolvono nel tempo. Ma a questo punto credo che mi unirò alla massa e userò questo termine così importante e così astratto senza sapere cosa significa davvero. Ed è un po’ strano pensare che molto di quello che spendiamo ogni anno sia dedicato a qualcosa che di fatto ci è sconosciuto!

Peter Atkins

Traduzione dall’inglese di Eva Filoramo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende