Home » Rubriche »Top Contributors » Protezione delle biodiversità e strategie aziendali:

Protezione delle biodiversità e strategie aziendali Top Contributors

novembre 4, 2010 Rubriche, Top Contributors

Courtesy of Pedro cavalcanteIl 2010 è stato dichiarato dalle Nazioni Unite l’anno della biodiversità con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale sulla rilevanza di questo tema, fattore fondamentale per il mantenimento di ecosistemi vitali e produttivi, in grado di generare i servizi ecologici alla base del nostro benessere.

In questo quadro, un numero crescente di multinazionali ha iniziato ad affrontare il tema sviluppando specifiche strategie e progetti. Ma che tipi di iniziative vengono messe in atto dalle imprese? Quali settori e quali attori sono più attivi? Quali motivazioni guidano questi programmi?

Il tema è stato oggetto di uno studio realizzato presso l’Università Bocconi, che ha puntato ad esaminare i comportamenti delle prime 50 imprese della classifica di Fortune. Dai dati raccolti emerge che 27 aziende su 50 sono attive sul fronte della biodiversità, con una politica strutturata o con azioni specifiche. Si tratta prevalentemente di realtà appartenenti a settori ad alto impatto ambientale quale oil & gas ed energia, seguite da food e grande distribuzione. Banche e assicurazioni, assieme alle aziende di telecomunicazioni sono invece meno impegnate.

Per quanto concerne i tipi di intervento, prevalgono azioni dirette alla conservazione degli habitat e alla salvaguardia di specie animali in via di estinzione o di specie indigene. Queste due tipologie di programmi rappresentano più del 54% di quelli osservati e vengono realizzati in prevalenza mediante interventi di riforestazione o di conservazione delle foreste. Seguono azioni di ripristino di aree degradate, progetti di monitoraggio della qualità ambientale e della biodiversità, interventi di educazione e iniziative dirette ad esercitare pressioni sui fornitori. A livello geografico, le aree in cui vengono realizzati i progetti riguardano ancora prevalentemente le zone vicino alle quali le imprese svolgono le proprie operations. Nel caso delle aziende petrolifere ed energetiche, ad esempio, la stretta relazione tra la localizzazione geografica degli interventi e quella degli impianti sembra dettata da una logica di compensazione, con l’obiettivo di acquietare le associazioni ambientaliste e le comunità locali.

In termini organizzativi, gli interventi indicati vengono realizzati quasi sempre mediante partnership con agenzie di chiara fama internazionale, con governi e con il coinvolgimento di ONG locali. L’efficacia dell’alleanza dipende infatti molto dalle competenze e dalla reputazione del soggetto coinvolto. Ciò ha creato un mercato ristretto intorno alle ONG, dove prevalgono poche associazioni di chiara fama internazionale quali WWF, The Nature Conservancy e National Fish and Wildlife Foundation. In un numero minore di casi le aziende impegnate in questo ambito hanno creato specifiche fondazioni che operano direttamente sul campo. Dal 1992, ad esempio, Total ha costituito la Total Foundation, un’organizzazione che in questi anni ha investito oltre 24 milioni di dollari in numerosi progetti – dallo Yemen alla Francia, dalle Fiandre al Gabon – di conservazione e ripristino degli ecosistemi, supportando la ricerca scientifica in questo contesto. Toyota nell’Aprile 2009 ha lanciato la Toyota do Brasil Foundation con l’obiettivo di proteggere la Foresta Atlantica, di cui oggi rimane meno dell’8% della superficie originale. Nel settore alimentare, Nestlé è una delle imprese più attive, con molteplici progetti realizzati in tutto il mondo (Marocco, Argentina, Indonesia, Messico, Colombia, ecc.) che includono la riforestazione e conservazione di più di un milione di alberi, la protezione di habitat naturali e la salvaguardia della fauna locale, la protezione delle acque. Shell coopera con oltre 100 organizzazioni scientifiche e di conservazione in 40 paesi. Exxon ha investito oltre 1 milione di dollari all’anno nel fondo “Save the Tiger”, dalla sua costituzione ad oggi, e oltre 13 milioni in progetti realizzati nei paesi dove vive questo felino, in serio pericolo di estinzione. Nel settore finanziario, Bank of America ha sviluppato un interessante progetto, ormai ventennale, di riforestazione e sfruttamento sostenibile di un’area boschiva nel Nord California con un investimento di 65 milioni di dollari.

Si tratta, chiaramente, solo di alcuni esempi che testimoniano un’attenzione crescente verso il tema, anche se restano molti dubbi sulle finalità di queste strategie. La media degli investimenti, infatti, è ancora estremamente limitata, nell’ordine di 30 milioni di euro a decennio. Una cifra assolutamente marginale rispetto ai profitti che queste multinazionali registrano annualmente (il valore medio dei progetti monitorati è dell’ordine 0,0003% del fatturato). In questo senso, per molte imprese le motivazioni che sembrano prevalere sono legate più all’immagine e alla logica della sponsorizzazione che ad un’integrazione reale nelle politiche sviluppate sul fronte della sostenibilità.

La protezione della biodiversità rappresenta una delle sfide fondamentali dei prossimi decenni. La sopravvivenza di un’ampia diversità biologica è la chiave di volta della resilienza del nostro pianeta e del suoi ecosistemi. Ridurre le emissioni di processo o di prodotto, riciclare le risorse, aumentare l’efficienza energetica sono iniziative fondamentali che le imprese stanno attuando in modo sempre più intenso e continuativo anche a fronte di risposte positive da parte dei consumatori, dei mercati finanziari, delle istituzioni. Tuttavia, queste strategie non bastano. Senza contrasto alla devastazione degli ecosistemi e alla perdita di biodiversità il lento cammino autodistruttivo del nostro pianeta non si fermerà. Come scriveva Edgard Morin nel 1980 “l’umanità è passata dall’attività integrata entro gli ecosistemi alla conquista della biosfera, ma non è riuscita a sfuggire alla biosfera. La società umana ormai racchiude gli ecosistemi nelle sue maglie, ma non sfugge ai principi fondamentali della relazione ecologica. L’uomo é salito in cima alla natura, ma rimane all’interno della natura”.

Stefano Pogutz e Walter Mottola

Stefano Pogutz è direttore del Master MEMAE Bocconi, Walter Mottola è assistente dello stesso master.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende