Home » Rubriche »Top Contributors » Protezione delle biodiversità e strategie aziendali:

Protezione delle biodiversità e strategie aziendali Top Contributors

novembre 4, 2010 Rubriche, Top Contributors

Courtesy of Pedro cavalcanteIl 2010 è stato dichiarato dalle Nazioni Unite l’anno della biodiversità con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale sulla rilevanza di questo tema, fattore fondamentale per il mantenimento di ecosistemi vitali e produttivi, in grado di generare i servizi ecologici alla base del nostro benessere.

In questo quadro, un numero crescente di multinazionali ha iniziato ad affrontare il tema sviluppando specifiche strategie e progetti. Ma che tipi di iniziative vengono messe in atto dalle imprese? Quali settori e quali attori sono più attivi? Quali motivazioni guidano questi programmi?

Il tema è stato oggetto di uno studio realizzato presso l’Università Bocconi, che ha puntato ad esaminare i comportamenti delle prime 50 imprese della classifica di Fortune. Dai dati raccolti emerge che 27 aziende su 50 sono attive sul fronte della biodiversità, con una politica strutturata o con azioni specifiche. Si tratta prevalentemente di realtà appartenenti a settori ad alto impatto ambientale quale oil & gas ed energia, seguite da food e grande distribuzione. Banche e assicurazioni, assieme alle aziende di telecomunicazioni sono invece meno impegnate.

Per quanto concerne i tipi di intervento, prevalgono azioni dirette alla conservazione degli habitat e alla salvaguardia di specie animali in via di estinzione o di specie indigene. Queste due tipologie di programmi rappresentano più del 54% di quelli osservati e vengono realizzati in prevalenza mediante interventi di riforestazione o di conservazione delle foreste. Seguono azioni di ripristino di aree degradate, progetti di monitoraggio della qualità ambientale e della biodiversità, interventi di educazione e iniziative dirette ad esercitare pressioni sui fornitori. A livello geografico, le aree in cui vengono realizzati i progetti riguardano ancora prevalentemente le zone vicino alle quali le imprese svolgono le proprie operations. Nel caso delle aziende petrolifere ed energetiche, ad esempio, la stretta relazione tra la localizzazione geografica degli interventi e quella degli impianti sembra dettata da una logica di compensazione, con l’obiettivo di acquietare le associazioni ambientaliste e le comunità locali.

In termini organizzativi, gli interventi indicati vengono realizzati quasi sempre mediante partnership con agenzie di chiara fama internazionale, con governi e con il coinvolgimento di ONG locali. L’efficacia dell’alleanza dipende infatti molto dalle competenze e dalla reputazione del soggetto coinvolto. Ciò ha creato un mercato ristretto intorno alle ONG, dove prevalgono poche associazioni di chiara fama internazionale quali WWF, The Nature Conservancy e National Fish and Wildlife Foundation. In un numero minore di casi le aziende impegnate in questo ambito hanno creato specifiche fondazioni che operano direttamente sul campo. Dal 1992, ad esempio, Total ha costituito la Total Foundation, un’organizzazione che in questi anni ha investito oltre 24 milioni di dollari in numerosi progetti – dallo Yemen alla Francia, dalle Fiandre al Gabon – di conservazione e ripristino degli ecosistemi, supportando la ricerca scientifica in questo contesto. Toyota nell’Aprile 2009 ha lanciato la Toyota do Brasil Foundation con l’obiettivo di proteggere la Foresta Atlantica, di cui oggi rimane meno dell’8% della superficie originale. Nel settore alimentare, Nestlé è una delle imprese più attive, con molteplici progetti realizzati in tutto il mondo (Marocco, Argentina, Indonesia, Messico, Colombia, ecc.) che includono la riforestazione e conservazione di più di un milione di alberi, la protezione di habitat naturali e la salvaguardia della fauna locale, la protezione delle acque. Shell coopera con oltre 100 organizzazioni scientifiche e di conservazione in 40 paesi. Exxon ha investito oltre 1 milione di dollari all’anno nel fondo “Save the Tiger”, dalla sua costituzione ad oggi, e oltre 13 milioni in progetti realizzati nei paesi dove vive questo felino, in serio pericolo di estinzione. Nel settore finanziario, Bank of America ha sviluppato un interessante progetto, ormai ventennale, di riforestazione e sfruttamento sostenibile di un’area boschiva nel Nord California con un investimento di 65 milioni di dollari.

Si tratta, chiaramente, solo di alcuni esempi che testimoniano un’attenzione crescente verso il tema, anche se restano molti dubbi sulle finalità di queste strategie. La media degli investimenti, infatti, è ancora estremamente limitata, nell’ordine di 30 milioni di euro a decennio. Una cifra assolutamente marginale rispetto ai profitti che queste multinazionali registrano annualmente (il valore medio dei progetti monitorati è dell’ordine 0,0003% del fatturato). In questo senso, per molte imprese le motivazioni che sembrano prevalere sono legate più all’immagine e alla logica della sponsorizzazione che ad un’integrazione reale nelle politiche sviluppate sul fronte della sostenibilità.

La protezione della biodiversità rappresenta una delle sfide fondamentali dei prossimi decenni. La sopravvivenza di un’ampia diversità biologica è la chiave di volta della resilienza del nostro pianeta e del suoi ecosistemi. Ridurre le emissioni di processo o di prodotto, riciclare le risorse, aumentare l’efficienza energetica sono iniziative fondamentali che le imprese stanno attuando in modo sempre più intenso e continuativo anche a fronte di risposte positive da parte dei consumatori, dei mercati finanziari, delle istituzioni. Tuttavia, queste strategie non bastano. Senza contrasto alla devastazione degli ecosistemi e alla perdita di biodiversità il lento cammino autodistruttivo del nostro pianeta non si fermerà. Come scriveva Edgard Morin nel 1980 “l’umanità è passata dall’attività integrata entro gli ecosistemi alla conquista della biosfera, ma non è riuscita a sfuggire alla biosfera. La società umana ormai racchiude gli ecosistemi nelle sue maglie, ma non sfugge ai principi fondamentali della relazione ecologica. L’uomo é salito in cima alla natura, ma rimane all’interno della natura”.

Stefano Pogutz e Walter Mottola

Stefano Pogutz è direttore del Master MEMAE Bocconi, Walter Mottola è assistente dello stesso master.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende