Home » Rubriche »Top Contributors » Se lo fanno le foglie, possiamo farlo anche noi?:

Se lo fanno le foglie, possiamo farlo anche noi? Top Contributors

novembre 3, 2010 Rubriche, Top Contributors

In occasione della sua partecipazione al Festival della Scienza di Genova, dove domani terrà la lectio magistralis Possiamo costruire foglie artificiali per la produzione di combustibile solare?, pubblichiamo in esclusiva un intervento di James Barber, Ernst Chain Professor Biochemistry presso l’Imperial College di Londra e presidente della International Society of Photosynthesis Research.

Foglie, Courtesy of Flickr.comGli organismi fotosintetici sono in grado di catturare efficacemente la luce del sole, per poi convertirla in molecole organiche. Queste molecole sono i mattoni costituenti di ogni organismo vivente: senza la fotosintesi, la vita sul nostro pianeta non si sarebbe evoluta nel modo che conosciamo.

Si stima che, attualmente, la fotosintesi produca ogni anno più di 100 miliardi di tonnellate di biomasse, il che equivale a cento volte il peso di tutti gli abitanti della Terra; questo processo, inoltre, ha un tasso medio di stoccaggio di energia pari a circa 100 TW (TeraWatt, mille miliardi di Watt). Il petrolio, il gas e il carbone derivano da milioni di anni di attività fotosintetica: questi combustibili fossili forniscono la maggior parte dell’energia necessaria per alimentare gli strumenti tecnologici, scaldare le nostre case e creare tutti i vari materiali e prodotti chimici che incontriamo nella nostra vita quotidiana. Sappiamo che prima o poi le riserve di combustibili fossili si esauriranno: cosa succederà allora? E anche prima di questo momento, a causa di un uso sempre maggiore di petrolio, gas e carbone, ci troviamo a doverci confrontare con il problema dei livelli di anidride carbonica e degli altri gas a effetto serra, la cui continua crescita nell’atmosfera ha implicazioni notevoli per i cambiamenti climatici globali.

Il successo della fotosintesi come sistema per generare e immagazzinare energia nasce dal fatto che le materie prime necessarie per la sintesi delle biomasse sono disponibili in quantità praticamente illimitate: si tratta della luce del sole, dell’acqua e dell’anidride carbonica. Al cuore del processo di fotosintesi è la separazione dell’acqua in ossigeno e “idrogeno”; l’ossigeno è rilasciato nell’atmosfera, dove diventa disponibile per la nostra respirazione e per bruciare i combustibili che fanno funzionare i nostri apparecchi tecnologici. L’”idrogeno” normalmente non è rilasciato nell’atmosfera ma si combina con l’anidride carbonica a dare zuccheri e altre molecole organiche di vario tipo. Quando bruciamo combustibili (gas, carbone, petrolio, biomasse e biocarburanti) per rilasciare energia, quel che succede è che stiamo combinando l’”idrogeno” immagazzinato in queste molecole organiche con l’ossigeno atmosferico, completando un ciclo che iniziò milioni di anni fa proprio grazie alla luce solare. Allo stesso modo l’energia è rilasciata dalle molecole organiche che costituiscono il nostro cibo nel momento in cui sono metabolizzate dal corpo mediante la respirazione. Nel mondo biologico,  pertanto, la fotosintesi porta alla divisione dell’acqua in ossigeno e “idrogeno”, mentre la respirazione agisce al contrario, combinando ossigeno e idrogeno in un modo molto efficiente e molto preciso che porta alla creazione di energia metabolica. Dal punto di vista energetico, di conseguenza, la sintesi delle molecole organiche rappresenta una tecnica di immagazzinamento di idrogeno – e quindi di luce solare sotto forma di legami chimici.

I drammatici problemi relativi all’energia, all’anidride carbonica e ai cambiamenti climatici, che ci troveremo a dover affrontare nei prossimi decenni, dovrebbero tenere conto del contribuito che potrebbe arrivare da combustibili che derivano direttamente dalla fotosintesi e dallo sviluppo di nuove tecnologie basate sui principi della fotosintesi – principi che come è stato spiegato fanno sì che si tratti di un processo molto efficiente. Seguendo questo principio sfrutteremo le grandi quantità di energia solare disponibile per dividere l’acqua e produrre ossigeno molecolare (O2) e altri residui richiesti per la produzione di carburanti come il gas idrogeno, gli alcoli e gli idrocarburi.

Al giorno d’oggi il tasso annuo di consumo globale di energia sta raggiungendo i 14 TeraWatt, il 25% dei quali utilizzati dagli Stati Uniti e dall’Europa. Nel prossimo futuro questo valore crescerà a causa dell’industrializzazione nelle nazioni sottosviluppate e in via di sviluppo e della crescita della popolazione mondiale. Si prevede che nel 2030 il tasso di consumo globale annuo di energia raggiungerà i 20 TW, raddoppiando nel 2050 e triplicando prima della fine del secolo. L’85% dell’energia consumata oggi, all’incirca, proviene da combustibili fossili – e la percentuale è pari al 90% nel caso dei paesi industrializzati. Petrolio, gas e carbone soddisfano questa richiesta approssimativamente in uguale proporzione. Le altre fonti energetiche sono quella idroelettrica, nucleare, le biomasse e le fonti rinnovabili come l’energia solare, del vento, delle maree e delle onde. Oggigiorno l’uso delle biomasse è quello più rilevante ed è localizzato soprattutto in regioni sottosviluppate come l’Africa e l’India, dove il carburante deriva dal legno e altre materie organiche; in realtà non  si tratta di fonti rinnovabili al 100%, dato che non c’è alcuna pianificazione e la tendenza è quella di muoversi in direzione dei combustibili fossili.

Il basso livello a cui le sorgenti non fossili contribuiscono alla richiesta energetica riflette il fatto che oggi abbiamo a disposizione ampie risorse di petrolio, gas e carbone; e anche quando le riserve di petrolio diminuiranno, ci saranno ancora da sfruttare grosse quantità di gas e, soprattutto, di carbone. Nella piazza globale, pertanto, il problema dell’immediato futuro non è una limitazione nelle riserve di combustibili fossili, quanto piuttosto le conseguenze della loro combustione. Se dovessimo bruciare tutte le riserve, infatti, il livello di anidride carbonica nell’aria e negli oceani raggiungerebbe valori equivalenti a quelli che esistevano sul nostro pianeta molto prima che l’umanità si evolvesse. Nonostante questa minaccia, è sicuro che i combustibili fossili continueranno a essere la fonte energetica principale almeno per i prossimi anni; è di vitale importanza, tuttavia, che essi siano utilizzati in modo da minimizzare la quantità di anidride carbonica rilasciata nell’atmosfera. Bisogna sviluppare tecnologie in grado di intrappolare la CO2.

In parallelo, quasi sicuramente ci sarà un miglioramento nell’efficienza dell’utilizzo dell’energia e un’integrazione, quando possibile, da parte dei combustibili non fossili. Dobbiamo anche impegnarci per sviluppare nuove tecnologie, basate su principi che ancora devono essere rivelati dalla ricerca di base, e in particolare quelli che si focalizzano sull’enorme quantità di energia di cui disponiamo sotto forma di radiazione solare.

Il sole fornisce energia al nostro pianeta, ogni anno, con un tasso di 100.000 TW: l’energia proveniente da un’ora di luce solare è dunque equivalente a tutta l’energia che l’umanità consuma in un anno.  Esistono già tecnologie in grado di catturare la luce del sole e produrre elettricità e l’efficienza e la robustezza di questi sistemi fotovoltaici migliora ogni giorno di più. Paragonati ai combustibili fossili, però, i sistemi fotovoltaici oggi rappresentano un modo per nulla economico per generare elettricità a causa degli alti costi di produzione. Col tempo, però, questi costi si abbasseranno rispetto a quelli dei combustibili fossili; è inoltre probabile che un’unione dei principi dei sistemi fotovoltaici (specialmente quelli che utilizzano  materiali organici o inorganici economici) con i concetti derivati dai sistemi di fotosintesi naturale fornisca infine una soluzione a lungo termine.

Il nostro sole è al primo posto tra le fonti energetiche: le sue risorse sono inesauribili su scala umana, e il suo utilizzo è innocuo per l’ambiente e per il clima. L’enorme potenziale di energia solare è un’opportunità che dovrebbe essere colta con molta urgenza. La biologia ha scelto questa sorgente energetica, e non c’è alcun motivo per cui queste reazioni chimiche, escogitate dagli organismi fotosintetici, non debbano essere imitate dall’intelligenza umana. Abbiamo già una conoscenza sufficiente per iniziare e le nanotecnologie adatte da sfruttare. Raccogliendo le esperienze più importanti di scienziati di diverse discipline dovrebbe essere possibile, come risposta ai problemi relativi alle emissioni di anidride carbonica e ai cambiamenti climatici, far progredire le tecnologie dedicate alla produzione di combustibile solare e costruire, finalmente, una vera e propria foglia artificiale.

James Barber

Traduzione dall’inglese di Eva Filoramo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende