Home » Rubriche »Top Contributors » Sostenibilità e modelli collaborativi: l’innovazione parte dal territorio:

Sostenibilità e modelli collaborativi: l’innovazione parte dal territorio Top Contributors

novembre 11, 2010 Rubriche, Top Contributors

Con l’articolo di Antonio Tencati, Assistant Professor Management & CSR, continua, nella sezione Top Contributors di Greenews.info, la serie di interventi dei docenti del Master MEMAE Bocconi.


L'Assemblea di Terra Madre, Courtesy of Slow Food

L’edizione 2010 del Salone del Gusto e di Terra Madre, svoltasi a Torino dal 21 al 25 ottobre, ha ottenuto uno straordinario successo di pubblico con oltre duecentomila visitatori, di cui il 30% stranieri, ed una ricaduta economica sul territorio stimata attorno ai 100 milioni di euro. Tuttavia, l’evento non ha solo un’importanza commerciale, ma è anche e soprattutto un fondamentale laboratorio politico e culturale, dove vengono avanzate iniziative e proposte per diversi e più consapevoli modelli di produzione e consumo.

A riprova di questa considerazione il 24 ottobre è stato illustrato il documento su “Sostenibilità e Politiche Alimentari”, che, nella sua versione definitiva, verrà presentato il 10 dicembre in occasione del Terra Madre Day. Si tratta di un altro elemento della strategia di Slow Food, volta a promuovere modelli di sviluppo locale rispettosi della terra e dell’uomo, in grado di costituire una credibile e praticabile alternativa a un paradigma competitivo ancora dominante, basato sulla prevalenza dello short-termism e sulla logica della massimizzazione dello shareholder value a discapito delle altre constituencies, che, ad evidenza, risulta insostenibile.

In effetti, la situazione mondiale è chiara per chi sa e vuole leggere dati e tendenze. La crisi economico-finanziaria è l’ultimo, dirompente sintomo di una patologia più ampia, caratterizzata anche da emergenze sociali, ambientali, istituzionali, culturali.

Circa un miliardo di persone soffre di fame cronicaL’impronta ecologica dell’umanità supera del 50% la capacità di carico del pianeta e, mentre le distanze sociali aumentano all’interno delle nazioni e tra Paesi, nel Nord del mondo la corsa alla crescita non rende i cittadini più felici. Al proposito, un dato riguardante l’Italia dovrebbe indurre a serie riflessioni, specialmente in sede politica: ormai circa il 7% del suolo nazionale risulta coperto da aree artificializzate. Gli stessi meccanismi di funzionamento della fiscalità locale, in cui le costruzioni rappresentano una fonte di entrate cruciale per i Comuni, hanno un evidente effetto distorsivo.

La sfida della sostenibilità, dunque, impone un profondo cambiamento nei paradigmi socio-economici, nelle coordinate interpretative, nelle modalità d’azione. Richiede di superare il mantra della competizione fine a se stessa per adottare forme dicollaborative governance tra soggetti pubblici, imprese e società civile. In questo quadro, Slow Food è un innovativo esempio di global action network, ossia di un’iniziativa multi-stakeholder volta a generare reali cambiamenti di sistema. E’ una prassi di globalizzazione virtuosa, che mette al centro della propria azione il cibo, le comunità locali, le loro identità, in una logica di rispetto, tutela e piena valorizzazione della biodiversità nelle sue varie declinazioni (ecologica, economica, sociale, culturale, ecc.).

L’esperienza di Slow Food si fonda su e promuove lo stesso approccio collaborativo, cui si ispirano le imprese migliori. La collaborative enterprise, infatti, supporta la propria sostenibilità lavorando per la sostenibilità del network di cui è parte e attivando processi ampi e condivisi di creazione di valore(i) per i differenti portatori d’interessi coinvolti. Si tratta di un modello che supera la prospettiva mainstreamprevalente e comporta una diversa e più completa visione del successo d’impresa. Se si vuole realizzare un vero sviluppo, è necessario integrare la tradizionale dimensione finanziaria per tenere conto delle istanze dei vari stakeholder (collaboratori, soci/azionisti, clienti, fornitori, partner finanziari, Stato, enti locali e pubblica amministrazione, comunità e ambiente) secondo un’ottica multiple bottom line.E’ dalla capacità di costruire relazioni sostenibili con i membri del proprio stakeholder network che l’impresa collaborativa deriva il suo successo duraturo.

Questa categoria interpretativa nuova trova nel nostro Paese opportunità di declinazione molto interessanti, perché si collega ad alcune caratteristiche distintive del tessuto produttivo italiano. Si pensi, ad esempio, ai distretti, alle reti di piccole e medie imprese, alle aziende familiari, alle filiere cooperative, alle esperienze più felici nel settore pubblico, ecc. Il framework collaborativo, allora, può svolgere un ruolo fondamentale nell’attuale fase di transizione innescata dalla crisi finanziaria. Bisogna creare, adesso, le condizioni per un diverso modello di sviluppo: ragionare di green economy o, in una accezione più estesa, di sustainable economy significa esattamente questo. E la strategiaEuropa 2020, assieme alla correlata Comunicazione della Commissione Europea, pubblicata alla fine d’ottobre e intitolata “Una politica industriale integrata per l’era della globalizzazione. Riconoscere il ruolo centrale di concorrenzialità e sostenibilità”, richiede proprio d’immaginare policy nuove, in cui l’eco-efficienza e l’eco-efficacia, i processi e i prodotti low o zero carbon, la social responsibility siano gli elementi chiave per combinare competitività, qualità della vita, coesione sociale e tutela del capitale naturale. Questi traguardi si possono raggiungere solo attraverso una collaborazione estesa tra imprese, soggetti pubblici e società civile per promuovere reali innovazioni di sistema, che, partendo dai territori, costruiscano più avanzati percorsi di sviluppo.

Antonio Tencati

Antonio Tencati è Assistant Professor of Management and CSR, CReSV (Centro Ricerche Sostenibilità e Valore), Università Bocconi. Curatore, con il Professor Laszlo Zsolnai della Corvinus University di Budapest, del volume The Collaborative Enterprise: Creating Values for a Sustainable World, pubblicato da Peter Lang AG – International Academic Publishers, Oxford-Bern.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende