Home » Rubriche »Top Contributors » Sostenibilità e modelli collaborativi: l’innovazione parte dal territorio:

Sostenibilità e modelli collaborativi: l’innovazione parte dal territorio Top Contributors

novembre 11, 2010 Rubriche, Top Contributors

Con l’articolo di Antonio Tencati, Assistant Professor Management & CSR, continua, nella sezione Top Contributors di Greenews.info, la serie di interventi dei docenti del Master MEMAE Bocconi.


L'Assemblea di Terra Madre, Courtesy of Slow Food

L’edizione 2010 del Salone del Gusto e di Terra Madre, svoltasi a Torino dal 21 al 25 ottobre, ha ottenuto uno straordinario successo di pubblico con oltre duecentomila visitatori, di cui il 30% stranieri, ed una ricaduta economica sul territorio stimata attorno ai 100 milioni di euro. Tuttavia, l’evento non ha solo un’importanza commerciale, ma è anche e soprattutto un fondamentale laboratorio politico e culturale, dove vengono avanzate iniziative e proposte per diversi e più consapevoli modelli di produzione e consumo.

A riprova di questa considerazione il 24 ottobre è stato illustrato il documento su “Sostenibilità e Politiche Alimentari”, che, nella sua versione definitiva, verrà presentato il 10 dicembre in occasione del Terra Madre Day. Si tratta di un altro elemento della strategia di Slow Food, volta a promuovere modelli di sviluppo locale rispettosi della terra e dell’uomo, in grado di costituire una credibile e praticabile alternativa a un paradigma competitivo ancora dominante, basato sulla prevalenza dello short-termism e sulla logica della massimizzazione dello shareholder value a discapito delle altre constituencies, che, ad evidenza, risulta insostenibile.

In effetti, la situazione mondiale è chiara per chi sa e vuole leggere dati e tendenze. La crisi economico-finanziaria è l’ultimo, dirompente sintomo di una patologia più ampia, caratterizzata anche da emergenze sociali, ambientali, istituzionali, culturali.

Circa un miliardo di persone soffre di fame cronicaL’impronta ecologica dell’umanità supera del 50% la capacità di carico del pianeta e, mentre le distanze sociali aumentano all’interno delle nazioni e tra Paesi, nel Nord del mondo la corsa alla crescita non rende i cittadini più felici. Al proposito, un dato riguardante l’Italia dovrebbe indurre a serie riflessioni, specialmente in sede politica: ormai circa il 7% del suolo nazionale risulta coperto da aree artificializzate. Gli stessi meccanismi di funzionamento della fiscalità locale, in cui le costruzioni rappresentano una fonte di entrate cruciale per i Comuni, hanno un evidente effetto distorsivo.

La sfida della sostenibilità, dunque, impone un profondo cambiamento nei paradigmi socio-economici, nelle coordinate interpretative, nelle modalità d’azione. Richiede di superare il mantra della competizione fine a se stessa per adottare forme dicollaborative governance tra soggetti pubblici, imprese e società civile. In questo quadro, Slow Food è un innovativo esempio di global action network, ossia di un’iniziativa multi-stakeholder volta a generare reali cambiamenti di sistema. E’ una prassi di globalizzazione virtuosa, che mette al centro della propria azione il cibo, le comunità locali, le loro identità, in una logica di rispetto, tutela e piena valorizzazione della biodiversità nelle sue varie declinazioni (ecologica, economica, sociale, culturale, ecc.).

L’esperienza di Slow Food si fonda su e promuove lo stesso approccio collaborativo, cui si ispirano le imprese migliori. La collaborative enterprise, infatti, supporta la propria sostenibilità lavorando per la sostenibilità del network di cui è parte e attivando processi ampi e condivisi di creazione di valore(i) per i differenti portatori d’interessi coinvolti. Si tratta di un modello che supera la prospettiva mainstreamprevalente e comporta una diversa e più completa visione del successo d’impresa. Se si vuole realizzare un vero sviluppo, è necessario integrare la tradizionale dimensione finanziaria per tenere conto delle istanze dei vari stakeholder (collaboratori, soci/azionisti, clienti, fornitori, partner finanziari, Stato, enti locali e pubblica amministrazione, comunità e ambiente) secondo un’ottica multiple bottom line.E’ dalla capacità di costruire relazioni sostenibili con i membri del proprio stakeholder network che l’impresa collaborativa deriva il suo successo duraturo.

Questa categoria interpretativa nuova trova nel nostro Paese opportunità di declinazione molto interessanti, perché si collega ad alcune caratteristiche distintive del tessuto produttivo italiano. Si pensi, ad esempio, ai distretti, alle reti di piccole e medie imprese, alle aziende familiari, alle filiere cooperative, alle esperienze più felici nel settore pubblico, ecc. Il framework collaborativo, allora, può svolgere un ruolo fondamentale nell’attuale fase di transizione innescata dalla crisi finanziaria. Bisogna creare, adesso, le condizioni per un diverso modello di sviluppo: ragionare di green economy o, in una accezione più estesa, di sustainable economy significa esattamente questo. E la strategiaEuropa 2020, assieme alla correlata Comunicazione della Commissione Europea, pubblicata alla fine d’ottobre e intitolata “Una politica industriale integrata per l’era della globalizzazione. Riconoscere il ruolo centrale di concorrenzialità e sostenibilità”, richiede proprio d’immaginare policy nuove, in cui l’eco-efficienza e l’eco-efficacia, i processi e i prodotti low o zero carbon, la social responsibility siano gli elementi chiave per combinare competitività, qualità della vita, coesione sociale e tutela del capitale naturale. Questi traguardi si possono raggiungere solo attraverso una collaborazione estesa tra imprese, soggetti pubblici e società civile per promuovere reali innovazioni di sistema, che, partendo dai territori, costruiscano più avanzati percorsi di sviluppo.

Antonio Tencati

Antonio Tencati è Assistant Professor of Management and CSR, CReSV (Centro Ricerche Sostenibilità e Valore), Università Bocconi. Curatore, con il Professor Laszlo Zsolnai della Corvinus University di Budapest, del volume The Collaborative Enterprise: Creating Values for a Sustainable World, pubblicato da Peter Lang AG – International Academic Publishers, Oxford-Bern.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende