Home » Rubriche »Very Important Planet » Torniamo alla “Terra Madre”. Intervista a Ermanno Olmi:

Torniamo alla “Terra Madre”. Intervista a Ermanno Olmi

agosto 31, 2012 Rubriche, Very Important Planet

Dei suoi 81 anni Ermanno Olmi ne ha passati più di 60 dietro la macchina da presa, come regista innanzitutto, ma anche come sceneggiatore, montatore, produttore e, per non farsi mancare nulla, scenografo. Un palmarès, quello collezionato con le sue opere cinematografiche, degno di un campione olimpico che abbia scoperto l’elisir di lunga vita, dalla terna di premi per il suo capolavoro sul mondo contadino “L’albero degli zoccoli” del 1978 (Palma d’oro, Nastro d’argento e Premio Cesar), al Leone d’oro alla carriera nel 2008 al Festival del Cinema di Venezia, dove in queste settimane ritorna come presidente della giuria del Green Drop Award. Ciò che traspare dalle sue opere è soprattutto un grande, smisurato amore per la natura in tutti i suoi aspetti, dalla natura umana, raccontata in molte sue pellicole, alla “Terra madre”, protagonista di un omonimo documentario del 2009 divenuto un cult per tutti gli ambientalisti. Lo incontriamo a Venezia all’inaugurazione di una mostra di un suo giovane amico architetto intitolata, guarda caso, “Come uno spazio fra gli alberi”… nomen omen. Quando ci presentiamo e diciamo che Greenews.info parla esclusivamente di ambiente esclama: «mi pare che abbiate fatto una buona scelta». Una piccola soddisfazione.

D) Maestro, lei si è occupato molto anche di lavoro, in questo periodo di crisi cosa consiglia ai giovani?

R) Guardare alla natura, che si esprime attraverso la sua varietà. È questa la sua forza. Pensando di guadagnare qualcosa noi sacrifichiamo questa immensurabile varietà, è il caso delle monocolture intensive, ma così buttiamo via un patrimonio di biodiversità. Assecondando il progetto della natura, al tempo stesso si trova il proprio progetto, che può essere di insediamento, nel caso di un architetto, o di vita – un concetto che vale per tutti. Quando l’uomo subentra alla natura senza porsi da amico e alleato crea, uso un’immagine forte, un casino enorme.

D) All’ingresso, nella sala espositiva della mostra “Come uno spazio fra gli alberi, c’è un grande albero sradicato da un tornado. Un segno che la natura non sempre è benigna. Che effetto le ha fatto?

R) Mi ha molto impressionato, dico la verità. Il tornado è un fenomeno naturale che noi uomini definiamo “disastro” ma a ben guardare ha delle ricadute positive perché la natura si riappropria dei suoi spazi, ricrea la condizione zero per riprodurre se stessa. Guardando quest’albero sradicato, con tutte le sue radici, riusciamo a vedere, per la prima volta forse, ciò che non vediamo di solito di un albero, ciò che sta sotto alla realtà visibile. È stato messo qui per essere contemplato.

D) È un concetto non semplice da comprendere, specie per chi ha subito gravi danni a seguito di calamità naturali, non trova?

R) La differenza tra un tornado e un campo di monocoltura estensiva, queste vaste chilometrate di mais, ad esempio, che troviamo nella pianura padana, non è poi molta, se ci riflettiamo. Quella produzione di mais, che dà un certo profitto all’uomo, è un danno per la natura, il tornado, quando non comporta perdite di vite umane, è invece un momento di necessità armonica della natura stessa.

D) Sembra una visione mistica…

R) Un po’ lo è. Vede, noi siamo creature in qualche modo in vista nel piano della Creazione, ma non siamo i padroni della terra. Soprattutto non siamo in grado di capire le ragioni che muovono il mondo, comprese le calamità naturali. Dobbiamo chiederci dov’è il punto di rottura tra uomo e natura. Per me è quando l’uomo pretende di fare delle scelte che sfidano la natura.

D) Nella sua opera cinematografica e documentaristica i temi ambientali sono molto presenti. Quanto hanno influenzato la sua quotidianità?

R) Mi piace moltissimo cucinare, uno degli atti di creazione più alti consentiti all’uomo. Invento anche delle ricette.

D) Questa dichiarazione sembra l’incipit del suo “Terra madre”, che si apre con le parole di Vandana Shiva alla convention internazionale sul futuro dell’alimentazione e dell’agricoltura di Torino nel 2006: “tutto è cibo e tutto è il cibo di qualcun altro. Questo è ciò che ci unisce. Siamo cibo, mangiamo cibo e siamo fatti di cibo”. Non mi dica che si produce da solo ciò che mangia e cucina?

R) Se mi sta chiedendo se faccio l’orto, le rispondo di sì! Mi aiuta mia moglie.

D) Qualche consiglio particolare per orticoltori e aspiranti tali? Qualche dieta particolare?

R) Uso prodotti seguendo i ritmi delle stagioni, la natura sa ciò di cui abbiamo bisogno.

D) Lei ha vissuto per anni a Milano, poi ha deciso di trasferirsi in montagna, nell’Altopiano di Asiago. C’è un motivo particolare in questa scelta?

R) E da quasi cinquant’anni che vivo ad Asiago ormai. La città era cresciuta troppo in fretta e non la riconoscevo più. Ho cercato un luogo dove ritrovare me stesso e ricominciare a vivere e a ripensare il mio lavoro.

Alessandra Sgarbossa

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende