Home » Bollettino Europa »Rubriche » “Tossicodipendenza da pesticidi”. Una malattia da agricoltura industriale:

“Tossicodipendenza da pesticidi”. Una malattia da agricoltura industriale

ottobre 19, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Un quarto dei 471 pesticidi approvati in Europa supera le soglie critiche per la persistenza nel suolo o nelle acque, e 79 di questi oltrepassano i valori critici di tossicità per gli organismi acquatici. Sono solo alcuni degli allarmanti dati contenuti nell’ultimo rapporto di Greenpeace dal titolo “Tossicodipendenza da pesticidi. Come l’agricoltura industriale danneggia il nostro ambiente”.

Nel documento l’organizzazione ambientalista ha analizzato la letteratura scientifica disponibile sull’uso dei pesticidi di sintesi in agricoltura. Ne emerge la minaccia che questi rappresentano per la biodiversità. Il pericolo cioè, legato alla scomparsa di specie, all’alterazione degli ecosistemi e della catena alimentare. Si parla di un 24,5% di specie vulnerabili o in via di estinzione, nella sola Europa, la cui esistenza viene quotidianamente sfidata dall’utilizzo dei pesticidi ma non solo, anche risorse preziose per l’ecosistema come l’impollinazione rischiano di scomparire a causa degli effetti nocivi di queste sostanze chimiche.

A preoccupare gli ambientalisti è il fatto che, lungi dall’essere un’attività contingente, ormai l’utilizzo di queste sostanze è la normalità. La loro persistente presenza, infatti, magari ne riduce le dosi e la concentrazione ma ne aumenta la durata, rendendo l’avvelenamento da pesticidi continuo e pressoché ineliminabile.

Tuttavia, Greenpeace insiste sulla pericolosità di un ulteriore fenomeno: i ‘cocktail’ di pesticidi. In questo caso, non solo il mix chimico amplifica gli effetti dannosi, ma questi ultimi non vengono valutati nei processi di autorizzazione UE. Se è vero, infatti, che a livello europeo il perfezionamento dei procedimenti autorizzativi dei pesticidi continua a essere un work in progress, resta il fatto che esistono ancora grosse lacune dal punto di vista delle valutazioni, dei controlli e del monitoraggio. Attualmente, l’UE autorizza l’uso di circa 500 principi attivi, ma il numero delle formulazioni in commercio è di gran lunga superiore. Queste formulazioni generalmente non contengono solo il principio attivo, ma anche additivi come solventi, tensioattivi ed emulsionanti progettati per renderli più efficaci (ad esempio per agevolare la penetrazione delle membrane cellulari). Solo i principi attivi, però, sono sottoposti ad autorizzazione, non l’intero composto. Dato che i formulati commerciali possono avere livelli di tossicità molto più elevati rispetto ai singoli principi attivi, e che i residui di pesticidi non compaiono generalmente da soli ma in combinazioni di più sostanze, è allarmante il fatto che l’UE non sia ancora riuscita a (o abbia voluto) regolamentarli adeguatamente. Nonostante sia gli effetti degli additivi sia quelli sinergici (additivi più principio attivo) siano descritti nella letteratura scientifica, essi non vengono ancora presi in considerazione nelle procedure di valutazione dei rischi. La discussione sulla standardizzazione dei metodi per valutare i composti va avanti da tempo, ma un accordo non è ancora stato raggiunto.

L’Unione Europea, inoltre, non è in grado di valutare correttamente i danni a lungo termine dell’esposizione a basse dosi di pesticidi, perché le sue rilevazioni si concentrano principalmente sulla tossicità acuta.

A livello UE, poi, oltre ai problemi fin qui esposti, ci sono altri aspetti che non vengono adeguatamente considerati. Un esempio è il fatto che, fin dal 2009, per l’Unione Europea la capacità delle sostanze di interferire con il sistema endocrino rappresenta uno dei criteri che può prevenirne l’autorizzazione. Fino a oggi, tuttavia, nessuna autorizzazione è stata negata a causa dei possibili effetti nocivi sul sistema endocrino e, nonostante il pericolo per la salute umana sia molto elevato, non sono ancora stati stabiliti metodi standard per quantificare tali effetti. Questa grave carenza va letta alla luce del fatto che, con grande probabilità, inserire un’adeguata valutazione delle interferenze endocrine all’interno dei processi autorizzativi porterebbe al ritiro di una serie di sostanze dal mercato e renderebbe più difficile autorizzare nuove sostanze.

Infine, lo stesso sistema di monitoraggio dell’UE presenta gravi lacune. La gamma di pesticidi che vengono analizzati è molto ristretta e si concentra prevalentemente sulle sostanze previste dai regolamenti europei, per lo più dalla Direttiva quadro sulle acque. Molte sostanze, in particolare pesticidi più recenti come i neonicotinoidi, non vengono monitorati come dovrebbero a dispetto del loro diffuso impiego. Questo significa che l’attuale regolamentazione sui pesticidi non è in grado di garantire una seria valutazione di tutti gli impatti dei pesticidi sull’ambiente. In altre parole, l’elenco delle sostanze che devono essere monitorate non è tempestivamente aggiornato.

Questi esempi mostrano il sostanziale fallimento del processo autorizzativo dei pesticidi nell’UE.

Come porre fine a questo fenomeno? Greenpeace sottolinea la necessità di un urgente intervento politico-finanziario per fare in modo che l’agricoltura viri verso l’ecologia prediligendo uno sviluppo sostenibile e interrompendo così finalmente la dipendenza dalle sostanze tossiche.

“La dipendenza dell’Europa dai pesticidi chimici è più che altro una tossicodipendenza. Le colture sono regolarmente irrorate con diverse sostanze chimiche, di solito applicate più volte su ogni coltura durante l’intera stagione di crescita. Eppure gli agricoltori dispongono già di alternative non chimiche per contrastare le specie nocive, ma hanno bisogno del necessario sostegno politico e finanziario affinché queste diventino il metodo più diffuso”, ha dichiarato Federica Ferrario, responsabile campagna Agricoltura Sostenibile di Greenpeace.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende