Home » Bollettino Europa »Rubriche » Tre euro al chilo. Eurostat calcola la produttività delle risorse naturali italiane:

Tre euro al chilo. Eurostat calcola la produttività delle risorse naturali italiane

luglio 25, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

Nell’Unione Europea l’Italia è ai primi posti per quanto riguarda la produttività delle risorse naturali e per il miglioramento dell’efficacia del loro utilizzo. Due fenomeni che dovrebbero rendere la crescita economica del nostro Paese sempre più “sostenibile”. A dirlo è un recente rapporto Eurostat della Commissione Europea, che fa il confronto tra l’anno 2000 e il 2015 e in cui si calcola la produttività delle risorse come il rapporto tra il PIL e il consumo nazionale delle materie prime. Il nostro Paese risulta terzo sui 28 con la più alta produttività quantificata in 3,04 euro per kg di risorse naturali, preceduta solo da Olanda e Gran Bretagna, prime con entrambe 3,44 euro/kg, e Lussemburgo, secondo con 3,39. Negli ultimi posti, invece, con una produttività inferiore all’euro, Bulgaria (0,28), Romania (0,31) Estonia e Lettonia (0,50), Polonia (0,64), Lituania (0,80) e Ungheria (0,88).

L’Italia si posiziona terza anche per il maggior aumento della produttività delle risorse naturali negli ultimi quindici anni, pari a un balzo del +85,4%. Un miglioramento ancora più significativo è stato registrato solo da Spagna e Cipro, primi entrambi con +120,3%, e Irlanda, seconda con +98,2%. In alcuni Paesi è stato invece registrato un peggioramento nella produttività: Romania (-35,8%), Estonia (-19,1%) e Malta (-7,6%).

Il centro di statistica europeo spiega la performance italiana con la diminuzione del consumo nazionale delle materie prime, dalla biomassa al petrolio sino ai minerali non metallici, calcolata come l’estrazione nazionale di materie prime più le importazioni meno le esportazioni.

Possiamo dunque tirare un sospiro di sollievo credendo che la nostra economia stia finalmente iniziando a rispettare i limiti imposti dal pianeta che tutti abitiamo? Non proprio, per una serie di ragioni, micro e macro.

La prima. L’Italia, nonostante i discreti risultati raggiunti negli ultimi anni, non ha nessuna strategia nazionale in merito all’utilizzo efficiente delle risorse.

La seconda. Il calcolo effettuato da Bruxelles viene fatto attraverso il DMC, Domestic Material Consumption. Secondo questo criterio, nel corso dell’ultimo anno la produttività delle risorse nell’UE è arrivata ad una media di 2,00€/kg, il 35,4% in più rispetto al 2000. Questo significa che, mentre il PIL è aumentato, la quantità di materiali incorporati nei beni che produciamo, utilizziamo e consumiamo è diminuita. Tuttavia, la produttività delle risorse è influenzata da moltissimi fattori. Inoltre, il DMC non dice tutto. Altri indicatori come l’RMI (Raw Material Input - le materie prime importate) o l’RMC (Raw Material Consumption – volume totale delle materie prime utilizzate, includendo quelle importate) esprimono assai meglio la complessità delle risorse naturali ‘fagocitate’ dall’economia. Perché guardano a tutte le materie prime coinvolte nei processi produttivi.

Ampliando lo spettro le cifre si gonfiano circa di un terzo (del 28% circa nel 2013), il che significa milioni di tonnellate in più. L’import di materie prime (energia inclusa) incide, per esempio, sui conti europei per l’astronomico importo di 528 miliardi di euro (dati del 2010), equivalente a circa il 30% dell’import totale europeo. Lo stesso possiamo dire per le emissioni di gas serra legate alle attività umane. Il RMC rientra tra gli indicatori “desiderati” all’interno della strategia UE “Per un utilizzo efficiente delle risorse”, ma sono necessari ulteriori sviluppi per armonizzare i relativi risultati.

C’è poi una terza ragione per non dormire tranquilli. Dati alla mano, i consumi della popolazione dell’intero pianeta sembrano inarrestabili. Le risorse naturali diminuiscono nel mondo, più velocemente di quanto la natura riesca a ricrearne. L’estrazione globale delle risorse è aumentata del 65% solo tra il 1980 e il 2007, e se oggi nei paesi OCSE è pressoché stabile, continua a crescere nelle economie emergenti. A tal punto che l’Agenzia Europea per l’Ambiente ha stimato un nuovo raddoppio al 2030.

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende