Home » Bollettino Europa »Rubriche » Tre euro al chilo. Eurostat calcola la produttività delle risorse naturali italiane:

Tre euro al chilo. Eurostat calcola la produttività delle risorse naturali italiane

luglio 25, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

Nell’Unione Europea l’Italia è ai primi posti per quanto riguarda la produttività delle risorse naturali e per il miglioramento dell’efficacia del loro utilizzo. Due fenomeni che dovrebbero rendere la crescita economica del nostro Paese sempre più “sostenibile”. A dirlo è un recente rapporto Eurostat della Commissione Europea, che fa il confronto tra l’anno 2000 e il 2015 e in cui si calcola la produttività delle risorse come il rapporto tra il PIL e il consumo nazionale delle materie prime. Il nostro Paese risulta terzo sui 28 con la più alta produttività quantificata in 3,04 euro per kg di risorse naturali, preceduta solo da Olanda e Gran Bretagna, prime con entrambe 3,44 euro/kg, e Lussemburgo, secondo con 3,39. Negli ultimi posti, invece, con una produttività inferiore all’euro, Bulgaria (0,28), Romania (0,31) Estonia e Lettonia (0,50), Polonia (0,64), Lituania (0,80) e Ungheria (0,88).

L’Italia si posiziona terza anche per il maggior aumento della produttività delle risorse naturali negli ultimi quindici anni, pari a un balzo del +85,4%. Un miglioramento ancora più significativo è stato registrato solo da Spagna e Cipro, primi entrambi con +120,3%, e Irlanda, seconda con +98,2%. In alcuni Paesi è stato invece registrato un peggioramento nella produttività: Romania (-35,8%), Estonia (-19,1%) e Malta (-7,6%).

Il centro di statistica europeo spiega la performance italiana con la diminuzione del consumo nazionale delle materie prime, dalla biomassa al petrolio sino ai minerali non metallici, calcolata come l’estrazione nazionale di materie prime più le importazioni meno le esportazioni.

Possiamo dunque tirare un sospiro di sollievo credendo che la nostra economia stia finalmente iniziando a rispettare i limiti imposti dal pianeta che tutti abitiamo? Non proprio, per una serie di ragioni, micro e macro.

La prima. L’Italia, nonostante i discreti risultati raggiunti negli ultimi anni, non ha nessuna strategia nazionale in merito all’utilizzo efficiente delle risorse.

La seconda. Il calcolo effettuato da Bruxelles viene fatto attraverso il DMC, Domestic Material Consumption. Secondo questo criterio, nel corso dell’ultimo anno la produttività delle risorse nell’UE è arrivata ad una media di 2,00€/kg, il 35,4% in più rispetto al 2000. Questo significa che, mentre il PIL è aumentato, la quantità di materiali incorporati nei beni che produciamo, utilizziamo e consumiamo è diminuita. Tuttavia, la produttività delle risorse è influenzata da moltissimi fattori. Inoltre, il DMC non dice tutto. Altri indicatori come l’RMI (Raw Material Input - le materie prime importate) o l’RMC (Raw Material Consumption – volume totale delle materie prime utilizzate, includendo quelle importate) esprimono assai meglio la complessità delle risorse naturali ‘fagocitate’ dall’economia. Perché guardano a tutte le materie prime coinvolte nei processi produttivi.

Ampliando lo spettro le cifre si gonfiano circa di un terzo (del 28% circa nel 2013), il che significa milioni di tonnellate in più. L’import di materie prime (energia inclusa) incide, per esempio, sui conti europei per l’astronomico importo di 528 miliardi di euro (dati del 2010), equivalente a circa il 30% dell’import totale europeo. Lo stesso possiamo dire per le emissioni di gas serra legate alle attività umane. Il RMC rientra tra gli indicatori “desiderati” all’interno della strategia UE “Per un utilizzo efficiente delle risorse”, ma sono necessari ulteriori sviluppi per armonizzare i relativi risultati.

C’è poi una terza ragione per non dormire tranquilli. Dati alla mano, i consumi della popolazione dell’intero pianeta sembrano inarrestabili. Le risorse naturali diminuiscono nel mondo, più velocemente di quanto la natura riesca a ricrearne. L’estrazione globale delle risorse è aumentata del 65% solo tra il 1980 e il 2007, e se oggi nei paesi OCSE è pressoché stabile, continua a crescere nelle economie emergenti. A tal punto che l’Agenzia Europea per l’Ambiente ha stimato un nuovo raddoppio al 2030.

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende