Home » Bollettino Europa »Rubriche » Tre euro al chilo. Eurostat calcola la produttività delle risorse naturali italiane:

Tre euro al chilo. Eurostat calcola la produttività delle risorse naturali italiane

luglio 25, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

Nell’Unione Europea l’Italia è ai primi posti per quanto riguarda la produttività delle risorse naturali e per il miglioramento dell’efficacia del loro utilizzo. Due fenomeni che dovrebbero rendere la crescita economica del nostro Paese sempre più “sostenibile”. A dirlo è un recente rapporto Eurostat della Commissione Europea, che fa il confronto tra l’anno 2000 e il 2015 e in cui si calcola la produttività delle risorse come il rapporto tra il PIL e il consumo nazionale delle materie prime. Il nostro Paese risulta terzo sui 28 con la più alta produttività quantificata in 3,04 euro per kg di risorse naturali, preceduta solo da Olanda e Gran Bretagna, prime con entrambe 3,44 euro/kg, e Lussemburgo, secondo con 3,39. Negli ultimi posti, invece, con una produttività inferiore all’euro, Bulgaria (0,28), Romania (0,31) Estonia e Lettonia (0,50), Polonia (0,64), Lituania (0,80) e Ungheria (0,88).

L’Italia si posiziona terza anche per il maggior aumento della produttività delle risorse naturali negli ultimi quindici anni, pari a un balzo del +85,4%. Un miglioramento ancora più significativo è stato registrato solo da Spagna e Cipro, primi entrambi con +120,3%, e Irlanda, seconda con +98,2%. In alcuni Paesi è stato invece registrato un peggioramento nella produttività: Romania (-35,8%), Estonia (-19,1%) e Malta (-7,6%).

Il centro di statistica europeo spiega la performance italiana con la diminuzione del consumo nazionale delle materie prime, dalla biomassa al petrolio sino ai minerali non metallici, calcolata come l’estrazione nazionale di materie prime più le importazioni meno le esportazioni.

Possiamo dunque tirare un sospiro di sollievo credendo che la nostra economia stia finalmente iniziando a rispettare i limiti imposti dal pianeta che tutti abitiamo? Non proprio, per una serie di ragioni, micro e macro.

La prima. L’Italia, nonostante i discreti risultati raggiunti negli ultimi anni, non ha nessuna strategia nazionale in merito all’utilizzo efficiente delle risorse.

La seconda. Il calcolo effettuato da Bruxelles viene fatto attraverso il DMC, Domestic Material Consumption. Secondo questo criterio, nel corso dell’ultimo anno la produttività delle risorse nell’UE è arrivata ad una media di 2,00€/kg, il 35,4% in più rispetto al 2000. Questo significa che, mentre il PIL è aumentato, la quantità di materiali incorporati nei beni che produciamo, utilizziamo e consumiamo è diminuita. Tuttavia, la produttività delle risorse è influenzata da moltissimi fattori. Inoltre, il DMC non dice tutto. Altri indicatori come l’RMI (Raw Material Input - le materie prime importate) o l’RMC (Raw Material Consumption – volume totale delle materie prime utilizzate, includendo quelle importate) esprimono assai meglio la complessità delle risorse naturali ‘fagocitate’ dall’economia. Perché guardano a tutte le materie prime coinvolte nei processi produttivi.

Ampliando lo spettro le cifre si gonfiano circa di un terzo (del 28% circa nel 2013), il che significa milioni di tonnellate in più. L’import di materie prime (energia inclusa) incide, per esempio, sui conti europei per l’astronomico importo di 528 miliardi di euro (dati del 2010), equivalente a circa il 30% dell’import totale europeo. Lo stesso possiamo dire per le emissioni di gas serra legate alle attività umane. Il RMC rientra tra gli indicatori “desiderati” all’interno della strategia UE “Per un utilizzo efficiente delle risorse”, ma sono necessari ulteriori sviluppi per armonizzare i relativi risultati.

C’è poi una terza ragione per non dormire tranquilli. Dati alla mano, i consumi della popolazione dell’intero pianeta sembrano inarrestabili. Le risorse naturali diminuiscono nel mondo, più velocemente di quanto la natura riesca a ricrearne. L’estrazione globale delle risorse è aumentata del 65% solo tra il 1980 e il 2007, e se oggi nei paesi OCSE è pressoché stabile, continua a crescere nelle economie emergenti. A tal punto che l’Agenzia Europea per l’Ambiente ha stimato un nuovo raddoppio al 2030.

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

giugno 1, 2017

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

Dopo i 20 anni di Cinemambiente, nella Torino “green” si celebra un altro compleanno: [TO]BIKE, il servizio di bike sharing cittadino, compie sette anni. Inaugurato nel 2010, dalla sua attivazione ad oggi ha registrato 27.500 abbonati annuali, che ogni anno percorrono sulle oltre 1.100 biciclette gialle circolanti in città circa 3.700.000 chilometri. Come già lo scorso anno l’intento [...]

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

maggio 31, 2017

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

La 20° edizione del Festival Cinemambiente è la prima che si tiene nell’Antropocene, la nuova epoca geologica segnata dalle attività umane, da poco formalmente riconosciuta dalla società scientifica internazionale. La coincidenza temporale sarà lo spunto ideale per “Il punto” di Luca Mercalli, che apre ufficialmente il cartellone degli appuntamenti (alle ore 21 di stasera al [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende