Home » Bollettino Europa »Rubriche » Turismo tra i ghiacci e risorse naturali. Che fare?:

Turismo tra i ghiacci e risorse naturali. Che fare?

settembre 20, 2010 Bollettino Europa, Rubriche

Courtesy of BELGA_Novosti_David SholomovichDal 13 al 15 settembre si è tenuta al Parlamento Europeo la nona conferenza dei parlamentari della regione artica, che ha lanciato l’allarme su una nuova preoccupante tendenza turistica, che potrebbe generare gravi incidenti, definiti ”Titanic Artico“. 

Si tratta di una “moda” nata con l’apertura di nuove vie di navigazione, a seguito dello scioglimento dei ghiacci, che ha visto tour operator sconsiderati affrettarsi a proporre crociere e “safari artici” con imbarcazioni assolutamente inadeguate.

Il presidente del Consiglio nordico Helgi Hjorvar ha lanciato un avvertimento molto duro ai partecipanti alla conferenza: mentre businessmen e politici discutono, nelle loro riunioni, di come sfruttare al meglio le opportunità economiche delle nuove zone accessibili dell’Artide, la mancanza di coordinamento e l’inadeguatezza dei mezzi di trasporti annunciano una catastrofe imminente.

Ma in ballo c’è anche la tutela delle risorse naturali e la gestione delle rotte commerciali. La regione artica, infatti, è ricca di risorse naturali, giacimenti di petrolio e carbone. E lo scioglimento dei ghiacciai apre la possibilità di nuove rotte marittime, creando un collegamento fra l’Europa e l’Asia senza dover circumnavigare le Americhe. Proprio in questi giorni un vascello sta invece attraversando il Mare Artico dalla Norvegia alla Cina evitando il canale di Suez e risparmiando così 10-15 giorni di navigazione. 

Diverse le opinioni dei partecipanti alla conferenza: il Segretario di Stato norvegese per gli Affari Esteri, Erik Lahnstein, ha precisato come l’idea del suo paese non sia “di preservare la regione artica come un museo”, ma piuttosto di “utilizzarla per il bene di tutto il genere umano”, tenendo conto delle immense risorse disponibili. Dal mondo accademico sono al contrario emerse serie preoccupazioni per il rischio di spoliazione selvaggia delle ricchezze naturali. Joshua Simiar, studioso canadese, ha ricordato che la pressione dovuta alla domanda mondiale di risorse naturali mette gli abitanti della regione di fronte a un bivio tra lo sviluppo sostenibile e lo sfruttamento indiscriminato. “Siccome conosciamo bene l’associazione storica fra ricchezza di risorse e conseguenze negative di lungo termine” ha detto Simiar, “non vogliamo che la nostra regione sia sfruttata in modo intensivo”.

E’ da notare inoltre che mentre, fino a oggi,  le questioni (solo apparentemente “di nicchia”)  legate allo sviluppo dell’Artico sono state portate sul tavolo europeo da Danimarca, Svezia e Finlandia, presto potrebbe aggiungersi la voce dell’Islanda, probabile aderente all’Unione Europea.

Il presidente della delegazione per le relazioni con la regione artica, l’irlandese Pat Gallagher, ha dunque colto l’occasione per enfatizzare il ruolo dell’UE – pur con richiami che non sembrano sposarsi particolarmente bene con la green economy europea: “Dovremmo giocare un ruolo più attivo nella politica dell’Artide. L’UE può essere di aiuto alle popolazioni che vivono nella regione, nell’immediato e nel lungo termine. Il riscaldamento globale sta rapidamente trasformando l’Artide. Il risultato dello scioglimento dei ghiacci e della neve, è che si aprono nuove rotte marittime, nuove aree di pesca, e opportunità maggiori per l’esplorazione di giacimenti. Si stima che il 30% delle risorse mondiali non scoperte di petrolio e gas si trovino nella regione artica”.

Redazione Greenews.info

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende