Home » Bollettino Europa »Rubriche » UE: buone notizie per i consumatori. Meno per l’Italia, causa discariche:

UE: buone notizie per i consumatori. Meno per l’Italia, causa discariche

giugno 4, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

“Sollecito i decisori politici nazionali e le parti interessate ad avvalersi dei risultati del Quadro di Valutazione per costituire un contesto qualitativamente valido nell’interesse dei consumatori. Soltanto i consumatori che conoscono i loro diritti e sanno come farli valere possono sfruttare appieno le potenzialità del mercato unico al fine di incentivare l’innovazione e la crescita. È essenziale pertanto creare le condizioni opportune per valorizzare tale potenzialità nell’interesse dell’economia europea, dei consumatori e delle aziende”. Questa è la dichiarazione di John Dalli, Commissario Europeo per la Salute e i Consumatori, in occasione della presentazione dell’edizione di primavera del “Quadro di valutazione dei Mercati dei Beni di Consumo”, pubblicato lo scorso 29 maggio durante il Vertice Europeo dei Consumatori 2012.

Il Quadro fornisce dati e avvertimenti sul modo in cui il mercato unico funziona in termini di scelta, prezzi e tutela dei diritti dei consumatori. I risultati di questa edizione evidenziano progressi nelle condizioni che si offrono ai consumatori sul piano nazionale. Il Quadro indica che le condizioni generali per i consumatori sono migliorate, per il secondo anno consecutivo, dopo l’autunno del 2009, in Lussemburgo, Regno Unito, Danimarca, Austria, Irlanda, Finlandia, Paesi Bassi, Belgio, Germania, Francia e Svezia, ma, a quanto si legge, il nostro Paese resta escluso dalla graduatoria.

Emergono però altri aspetti negativi: si registra, ad esempio, un gap nel commercio elettronico che, nonostante continui a crescere, rimane essenzialmente domestico nonostante le chiare potenzialità che presenta nella sua dimensione transfrontaliera, in termini di più ampia scelta e di possibilità per il risparmio. A tal proposito si dovrebbero incentivare gli sforzi per valorizzare appieno i vantaggi di un vero e proprio mercato unico digitale. Altro elemento negativo sono le pratiche commerciali illegali. Infatti, dal 2010 un numero crescente di consumatori e dettaglianti dell’UE si è imbattuto in pubblicità e offerte fuorvianti e ingannevoli, se non addirittura fraudolente, ed è cresciuto il numero di coloro che hanno ricevuto prodotti che non avevano mai ordinato.

L’obiettivo della nuova Agenda del Consumatore Europeo 2014-2020 è dunque di “emancipare” i consumatori e sensibilizzarli, offrendo loro gli strumenti per partecipare più attivamente al mercato ed influenzarlo, esercitando il potere di scelta. A questo proposito, le proposte attualmente all’esame riguardano i meccanismi di risoluzione delle controversie senza dover adire il tribunale e la risoluzione delle controversie online, con l’obiettivo di aiutare i consumatori europei a risolvere i loro problemi indipendentemente dal luogo e dal modo in cui acquistano un prodotto o un servizio nell’UE.

Da Bruxelles, arrivano poi altre novità, non piacevoli, in questo caso, per il nostro Paese. La scorsa settimana, è stato infatti inoltrato all’Italia un altro richiamo formale. La Commissione ha chiesto a Roma di conformarsi alla normativa dell’UE sulle discariche. La discarica di Malagrotta, in Lazio, contiene rifiuti che non hanno subito il pre-trattamento prescritto dalla Direttiva sulle Discariche, che prevede processi fisici, termici, chimici, o biologici, inclusa la cernita, allo scopo di ridurne il volume o la natura pericolosa e di facilitarne il trasporto o favorirne il recupero. Su raccomandazione del Commissario all’Ambiente Janez Potočnik, la Commissione ha deciso di inviare un parere motivato all’Italia nel quale si richiede l’adempimento entro due mesi. In caso contrario, la Commissione potrà decidere di adire la Corte di Giustizia dell’Unione Europea e applicare sanzioni.

L’indagine EU Pilot ha confermato che nella discarica di Malagrotta, e probabilmente in altre discariche del Lazio, parte dei rifiuti vengono interrati senza essere trattati. Nel piano di gestione dei rifiuti per il Lazio, adottato nel gennaio 2012, sono inoltre emerse contraddizioni tra la capacità di trattamento meccanico-biologico e il quantitativo di rifiuti prodotto nella Regione. Il deficit di capacità ammonta a 126.891 tonnellate all’anno nella sola provincia di Latina e a più di un milione di tonnellate all’anno nella provincia di Roma. Già il 17 giugno 2011 la Commissione aveva inviato una lettera di messa in mora. Ma le autorità italiane avevano risposto che i rifiuti interrati a Malagrotta avrebbero dovuto essere considerati pre-trattati, in quanto sminuzzati prima di essere interrati – condizione non sufficiente, secondo l’UE, per evitare l’inquinamento. Fatto sta che oggi la Commissione torna a rilevare che le autorità italiane non adottano misure sufficienti per ridurre i possibili effetti negativi sull’ambiente e gli eventuali rischi per la salute umana, come invece prescritto dalla Direttiva Quadro sui Rifiuti. I problemi dell’Italia con i rifiuti, si potrebbe dunque concludere, non sembrano finire mai.

Donatella Scatamacchia

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende