Home » Bollettino Europa »Rubriche » UE: buone notizie per i consumatori. Meno per l’Italia, causa discariche:

UE: buone notizie per i consumatori. Meno per l’Italia, causa discariche

giugno 4, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

“Sollecito i decisori politici nazionali e le parti interessate ad avvalersi dei risultati del Quadro di Valutazione per costituire un contesto qualitativamente valido nell’interesse dei consumatori. Soltanto i consumatori che conoscono i loro diritti e sanno come farli valere possono sfruttare appieno le potenzialità del mercato unico al fine di incentivare l’innovazione e la crescita. È essenziale pertanto creare le condizioni opportune per valorizzare tale potenzialità nell’interesse dell’economia europea, dei consumatori e delle aziende”. Questa è la dichiarazione di John Dalli, Commissario Europeo per la Salute e i Consumatori, in occasione della presentazione dell’edizione di primavera del “Quadro di valutazione dei Mercati dei Beni di Consumo”, pubblicato lo scorso 29 maggio durante il Vertice Europeo dei Consumatori 2012.

Il Quadro fornisce dati e avvertimenti sul modo in cui il mercato unico funziona in termini di scelta, prezzi e tutela dei diritti dei consumatori. I risultati di questa edizione evidenziano progressi nelle condizioni che si offrono ai consumatori sul piano nazionale. Il Quadro indica che le condizioni generali per i consumatori sono migliorate, per il secondo anno consecutivo, dopo l’autunno del 2009, in Lussemburgo, Regno Unito, Danimarca, Austria, Irlanda, Finlandia, Paesi Bassi, Belgio, Germania, Francia e Svezia, ma, a quanto si legge, il nostro Paese resta escluso dalla graduatoria.

Emergono però altri aspetti negativi: si registra, ad esempio, un gap nel commercio elettronico che, nonostante continui a crescere, rimane essenzialmente domestico nonostante le chiare potenzialità che presenta nella sua dimensione transfrontaliera, in termini di più ampia scelta e di possibilità per il risparmio. A tal proposito si dovrebbero incentivare gli sforzi per valorizzare appieno i vantaggi di un vero e proprio mercato unico digitale. Altro elemento negativo sono le pratiche commerciali illegali. Infatti, dal 2010 un numero crescente di consumatori e dettaglianti dell’UE si è imbattuto in pubblicità e offerte fuorvianti e ingannevoli, se non addirittura fraudolente, ed è cresciuto il numero di coloro che hanno ricevuto prodotti che non avevano mai ordinato.

L’obiettivo della nuova Agenda del Consumatore Europeo 2014-2020 è dunque di “emancipare” i consumatori e sensibilizzarli, offrendo loro gli strumenti per partecipare più attivamente al mercato ed influenzarlo, esercitando il potere di scelta. A questo proposito, le proposte attualmente all’esame riguardano i meccanismi di risoluzione delle controversie senza dover adire il tribunale e la risoluzione delle controversie online, con l’obiettivo di aiutare i consumatori europei a risolvere i loro problemi indipendentemente dal luogo e dal modo in cui acquistano un prodotto o un servizio nell’UE.

Da Bruxelles, arrivano poi altre novità, non piacevoli, in questo caso, per il nostro Paese. La scorsa settimana, è stato infatti inoltrato all’Italia un altro richiamo formale. La Commissione ha chiesto a Roma di conformarsi alla normativa dell’UE sulle discariche. La discarica di Malagrotta, in Lazio, contiene rifiuti che non hanno subito il pre-trattamento prescritto dalla Direttiva sulle Discariche, che prevede processi fisici, termici, chimici, o biologici, inclusa la cernita, allo scopo di ridurne il volume o la natura pericolosa e di facilitarne il trasporto o favorirne il recupero. Su raccomandazione del Commissario all’Ambiente Janez Potočnik, la Commissione ha deciso di inviare un parere motivato all’Italia nel quale si richiede l’adempimento entro due mesi. In caso contrario, la Commissione potrà decidere di adire la Corte di Giustizia dell’Unione Europea e applicare sanzioni.

L’indagine EU Pilot ha confermato che nella discarica di Malagrotta, e probabilmente in altre discariche del Lazio, parte dei rifiuti vengono interrati senza essere trattati. Nel piano di gestione dei rifiuti per il Lazio, adottato nel gennaio 2012, sono inoltre emerse contraddizioni tra la capacità di trattamento meccanico-biologico e il quantitativo di rifiuti prodotto nella Regione. Il deficit di capacità ammonta a 126.891 tonnellate all’anno nella sola provincia di Latina e a più di un milione di tonnellate all’anno nella provincia di Roma. Già il 17 giugno 2011 la Commissione aveva inviato una lettera di messa in mora. Ma le autorità italiane avevano risposto che i rifiuti interrati a Malagrotta avrebbero dovuto essere considerati pre-trattati, in quanto sminuzzati prima di essere interrati – condizione non sufficiente, secondo l’UE, per evitare l’inquinamento. Fatto sta che oggi la Commissione torna a rilevare che le autorità italiane non adottano misure sufficienti per ridurre i possibili effetti negativi sull’ambiente e gli eventuali rischi per la salute umana, come invece prescritto dalla Direttiva Quadro sui Rifiuti. I problemi dell’Italia con i rifiuti, si potrebbe dunque concludere, non sembrano finire mai.

Donatella Scatamacchia

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende