Home » Bollettino Europa »Rubriche » UE che predica bene e razzola male. Il triste primato nella deforestazione:

UE che predica bene e razzola male. Il triste primato nella deforestazione

luglio 8, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

A livello globale, la deforestazione rimane una delle sfide ambientali più gravi, che affligge tanto i Paesi in via di sviluppo quanto le regioni industrializzate. Un patrimonio inestimabile per quanto riguarda la vita animale e vegetale e fondamentale nella lotta all’inquinamento da CO2 che viene distrutto ad un ritmo impressionante. La FAO stima, infatti, che si perdano foreste nella misura di un campo da calcio ogni due secondi.

Le motivazioni sono molteplici: dal bisogno di legname allo spazio per nuovi terreni agricoli. È di recente pubblicazione un rapporto della Commissione Europea in cui, per la prima volta a livello UE, viene stimato l’impatto del consumo di prodotti come la carne, i biocarburanti e i prodotti finiti, per esempio i mobili, sulla deforestazione in tutto il mondo; individuando quali settori industriali sono i maggiori contribuenti.

Tre i risultati principali della ricerca. In primo luogo, per il periodo 1990-2008, l’Unione Europea, con 9 milioni di ettari di terreno, ha prodotto più deforestazione globale tra tutte le regioni industrializzate – Cina compresa. Quattro volte il gigante asiatico e tre volte il Nord America. La causa principale è la domanda europea crescente di carne, latticini, biomassa e biocarburanti per l’energia, e altri prodotti che richiedono grandi aree di terreno. Questo ha messo una crescente pressione sugli ecosistemi forestali.

La quota maggiore della distruzione delle foreste è legata al consumo di prodotti all’interno dei paesi più boscosi. La relazione individua due driver principali di questa deforestazione “domestica”: mangimi per animali e olio vegetale per alimenti e prodotti energetici. Quasi il 36% dei prodotti commerciati internazionalmente vanno verso l’UE.

Il problema è stato sollevato di fronte alle grandi aziende e industrie da parte delle principali organizzazioni ambientaliste. Greenpeace, ad esempio, ha già messo in pratica azioni e sollecitazioni nei confronti di multinazionali come Nestlé, Cargill e Unilever. Resta tuttavia il fatto che dovrebbero essere i governi ad agire per dare seguito a queste iniziative e accelerare una riduzione della deforestazione. Spetterebbe all’UE, in particolare, rivendicare una leadership nelle politiche ambientali e climatiche, impegnandosi, in maniera compatta a rispettare la promessa di ridurre la deforestazione tropicale lorda del 50% entro il 2020. Un obbligo a cui non sono mai seguite proposte politiche concrete.

Se l’UE intende avere successo nell’arginare la distruzione delle foreste, ha bisogno infatti di mettere in atto decisioni per ridurre le materie prime e i principali prodotti legati alla deforestazione. In più, dovrebbe sostenere i Paesi in via di sviluppo per combattere il fenomeno entro i propri confini. In termini concreti questo significa garantire che i beni di consumo immessi sul mercato europeo siano “ad impatto zero”. Le entrate derivanti dalla tassazione delle industrie ad alta intensità di emissioni di carbonio potrebbero, ad esempio, essere utilizzate per sostenere le azioni dei Paesi in via di sviluppo nella lotta contro la deforestazione.

La scorsa settimana un primo passo è stato fatto in merito ad un piano di azione sul clima  a lungo termine e alla decisione di investire 281,4 milioni di Euro in nuovi progetti ambientali e climatici. La Commissione Europea ha approvato il finanziamento di 248 nuovi piani del Programma LIFE+. In Italia saranno 52 i progetti finanziati: 38 nella categoria Politica e governance ambientali, progetti pilota che contribuiscono a migliorare le politiche apportando idee, tecnologie, metodi e strumenti innovativi. 12 in Natura e biodiversità per migliorare lo stato di conservazione delle specie e degli habitat in pericolo. 2 nella categoria Informazione e comunicazione, per un totale di 106,2 milioni di Euro. Janez Potočnik, Commissario per l’Ambiente, ha dichiarato: “Il Programma LIFE+ continua ad essere una fonte vitale di finanziamento di progetti innovativi. Questi, incideranno in misura tutt’altro che trascurabile sul capitale naturale dell’Europa contribuendo a proteggerlo, conservarlo e rafforzarlo, e concorreranno a fare dell’UE un’economia più efficiente dal punto di vista delle risorse, più verde, competitiva e a basse emissioni di carbonio”.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende