Home » Bollettino Europa »Rubriche » UE che predica bene e razzola male. Il triste primato nella deforestazione:

UE che predica bene e razzola male. Il triste primato nella deforestazione

luglio 8, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

A livello globale, la deforestazione rimane una delle sfide ambientali più gravi, che affligge tanto i Paesi in via di sviluppo quanto le regioni industrializzate. Un patrimonio inestimabile per quanto riguarda la vita animale e vegetale e fondamentale nella lotta all’inquinamento da CO2 che viene distrutto ad un ritmo impressionante. La FAO stima, infatti, che si perdano foreste nella misura di un campo da calcio ogni due secondi.

Le motivazioni sono molteplici: dal bisogno di legname allo spazio per nuovi terreni agricoli. È di recente pubblicazione un rapporto della Commissione Europea in cui, per la prima volta a livello UE, viene stimato l’impatto del consumo di prodotti come la carne, i biocarburanti e i prodotti finiti, per esempio i mobili, sulla deforestazione in tutto il mondo; individuando quali settori industriali sono i maggiori contribuenti.

Tre i risultati principali della ricerca. In primo luogo, per il periodo 1990-2008, l’Unione Europea, con 9 milioni di ettari di terreno, ha prodotto più deforestazione globale tra tutte le regioni industrializzate – Cina compresa. Quattro volte il gigante asiatico e tre volte il Nord America. La causa principale è la domanda europea crescente di carne, latticini, biomassa e biocarburanti per l’energia, e altri prodotti che richiedono grandi aree di terreno. Questo ha messo una crescente pressione sugli ecosistemi forestali.

La quota maggiore della distruzione delle foreste è legata al consumo di prodotti all’interno dei paesi più boscosi. La relazione individua due driver principali di questa deforestazione “domestica”: mangimi per animali e olio vegetale per alimenti e prodotti energetici. Quasi il 36% dei prodotti commerciati internazionalmente vanno verso l’UE.

Il problema è stato sollevato di fronte alle grandi aziende e industrie da parte delle principali organizzazioni ambientaliste. Greenpeace, ad esempio, ha già messo in pratica azioni e sollecitazioni nei confronti di multinazionali come Nestlé, Cargill e Unilever. Resta tuttavia il fatto che dovrebbero essere i governi ad agire per dare seguito a queste iniziative e accelerare una riduzione della deforestazione. Spetterebbe all’UE, in particolare, rivendicare una leadership nelle politiche ambientali e climatiche, impegnandosi, in maniera compatta a rispettare la promessa di ridurre la deforestazione tropicale lorda del 50% entro il 2020. Un obbligo a cui non sono mai seguite proposte politiche concrete.

Se l’UE intende avere successo nell’arginare la distruzione delle foreste, ha bisogno infatti di mettere in atto decisioni per ridurre le materie prime e i principali prodotti legati alla deforestazione. In più, dovrebbe sostenere i Paesi in via di sviluppo per combattere il fenomeno entro i propri confini. In termini concreti questo significa garantire che i beni di consumo immessi sul mercato europeo siano “ad impatto zero”. Le entrate derivanti dalla tassazione delle industrie ad alta intensità di emissioni di carbonio potrebbero, ad esempio, essere utilizzate per sostenere le azioni dei Paesi in via di sviluppo nella lotta contro la deforestazione.

La scorsa settimana un primo passo è stato fatto in merito ad un piano di azione sul clima  a lungo termine e alla decisione di investire 281,4 milioni di Euro in nuovi progetti ambientali e climatici. La Commissione Europea ha approvato il finanziamento di 248 nuovi piani del Programma LIFE+. In Italia saranno 52 i progetti finanziati: 38 nella categoria Politica e governance ambientali, progetti pilota che contribuiscono a migliorare le politiche apportando idee, tecnologie, metodi e strumenti innovativi. 12 in Natura e biodiversità per migliorare lo stato di conservazione delle specie e degli habitat in pericolo. 2 nella categoria Informazione e comunicazione, per un totale di 106,2 milioni di Euro. Janez Potočnik, Commissario per l’Ambiente, ha dichiarato: “Il Programma LIFE+ continua ad essere una fonte vitale di finanziamento di progetti innovativi. Questi, incideranno in misura tutt’altro che trascurabile sul capitale naturale dell’Europa contribuendo a proteggerlo, conservarlo e rafforzarlo, e concorreranno a fare dell’UE un’economia più efficiente dal punto di vista delle risorse, più verde, competitiva e a basse emissioni di carbonio”.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

dicembre 11, 2017

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

Esiste un avamposto della biodiversità sulla Terra prima della “fine del mondo”: si chiama Global Seed Vault (GSV) e si trova nell’arcipelago delle Isole Svalbard a 1.300 chilometri dal Polo Nord. Pochi ne conoscono l’esistenza, ma si tratta del più grande deposito di semi del mondo e potrebbe essere l’ultima risorsa dell’umanità in caso di [...]

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

dicembre 7, 2017

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

Cento storie di imprese virtuose rappresentano il nucleo di partenza del primo Atlante Italiano dell’Economia Circolare – presentato nei giorni scorsi a Roma – che raccoglie esperienze basate sul riutilizzo, sulla riduzione degli sprechi, sulla diminuzione dei rifiuti, sulla reimmissione nel ciclo produttivo di materie prime recuperate (seconde). Il progetto è promosso da Ecodom, il [...]

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

dicembre 6, 2017

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

Si è svolta sabato 2 dicembre, a Parma, la “Giornata interdisciplinare di studio sull’antibiotico-resistenza” organizzata dall’Ordine dei Medici Veterinari di Parma con il sostegno di MSD Animal Health. Undici relatori, moderati dal Dr. Alberto Brizzi, organizzatore e presidente dell’Ordine, hanno illustrato, da prospettive diverse, gli impatti attuali e i rischi futuri relativi alla cosiddetta AMR [...]

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

dicembre 5, 2017

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili, nei primi dieci mesi del 2017 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno raggiunto complessivamente circa 726 MW (+20% rispetto allo stesso periodo del 2016). Si conferma inoltre il trend mensile del fotovoltaico, che con i 29 MW connessi a ottobre 2017 raggiunge quota 352 MW [...]

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

dicembre 5, 2017

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

Il 5 dicembre è la Giornata Mondiale del Suolo. Una celebrazione che in Italia assume un significato particolare, essendo uno dei paesi in Europa con il più alto ritmo di consumo di questa risorsa non rinnovabile. Per questo Fondazione Cariplo ha scelto di lanciare proprio oggi il nuovo portale dedicato all’Ambiente, che avrà il compito di [...]

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

dicembre 1, 2017

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

Il 13 agosto 2017 è entrata in vigore la legge 123/2017, che recepisce la direttiva UE 2015/720 e contiene la nuova normativa sulle borse di plastica, con importanti novità anche per i sacchetti ultraleggeri utilizzati per gli alimenti sfusi (es. frutta e verdura) che non rispettino i criteri di compostabilità e biodegradabilità. In particolare il testo dispone [...]

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

novembre 30, 2017

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

Una campagna all’insegna del beneficio multiplo: più efficienza energetica, risparmio, valore, comfort, attenzione per l’ambiente e salute, sono questi i sei principi cardine che hanno ispirato la creazione della nuova campagna di Rete IRENE (Imprese per la Riqualificazione Energetica negli Edifici) aderente alla Campagna nazionale per l’efficienza energetica “Italia in Classe A”. Lanciata ufficialmente nei giorni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende