Home » Bollettino Europa »Rubriche » Ue, in arrivo misure anti-diossina in cibi e mangimi ‎:

Ue, in arrivo misure anti-diossina in cibi e mangimi ‎

ottobre 24, 2011 Bollettino Europa, Rubriche

Ci avevano provato gli studenti dell’Istituto secondario superiore Augusto Righi di Taranto con la proposta di legge presentata al Senato (l’11 ottobre) al fine di attivare un marchio di protezione, il Dioxin Free. Contro la diossina nei cibi si è scatenata una vera battaglia che ha appassionato anche i più giovani consumatori. Così il 21 ottobre è arrivato il via libera degli Stati membri dell’Ue alla proposta della Commissione europea di migliorare la protezione dei cittadini e dell’industria contro la possibile contaminazione da diossina.

Quattro le nuove misure che verranno adottate nell’Ue entro la metà del 2012 per ridurre il rischio di contaminazione della catena alimentare. Questi provvedimenti, riferisce Bruxelles, eviteranno lo stop delle vendite di prodotti alimentari dal mercato e costi significativi in termini economici, sia per i consumatori che per le industrie. “Una decisione – afferma il commissario Ue alla Salute, John Dalli – nata dopo i casi allarmanti di uova e mangimi provenienti, lo scorso inverno, dalla Germania”. Problema in campo nelle stanze della Ue dal 2001. In quell’anno, infatti, la Commissione Europea inviò ai parlamentari europei una importante comunicazione in cui si leggeva che “l’esposizione a diossine e a Pcb diossino-simili supera la dose tollerabile settimanale (TWI - Tolerable Weekly Intake) e la dose tollerabile giornaliera (TDI - Tolerable Daily Intake) in parte considerevole della popolazione europea”. Nella comunicazione si leggeva che “i prodotti della pesca ed altri prodotti di origine animale rappresentano circa l’ 80% delle fonti di contaminazione”. La comunicazione del 2001 intendeva promuovere non solo l’informazione sui problemi della contaminazione, ma anche la consapevolezza per attuare strategie di prevenzione.

Le diossine rischiano di diventare un problema in particolare per le donne che, con le gravidanze e l’allattamento, cedono al feto e ai lattanti queste sostanze definite Pops (Persistent Organic Pollutants), altamente cancerogene e genotossiche (possono cioè modificare il Dna che si trasmette dai genitori ai figli). In passato l’attenzione sulla sicurezza alimentare si è per lo più concentrata in passato sugli Ogm, tanto da definire la dizione “Ogm Free”. Ma mentre per gli Ogm non è dimostrata la tossicità (ma si ricorre al “principio di precauzione”), per quanto riguarda le diossine è assolutamente dimostrata la loro tossicità essendo classificate nel Gruppo 1 dallo Iarc (Agenzia Internazionale Ricerca sul Cancro), ossia nel gruppo delle sostante più cancerogene. E’ recente lo studio dei ricercatori dell’Università di Uppsala (Svezia) che ha dimostrato per la prima volta l’esistenza di un legame tra l’esposizione a inquinanti ambientali come la diossina e l’aterosclerosi e l’indurimento delle vene, che apre la strada a ictus e infarto. Lo riporta la rivista Environmental Health Perspectives in uno studio che aggiunge un altro tassello alle cause delle malattie cardiovascolari. Monica Lind, autrice della ricerca, sottolinea che anche se molte di queste sostanze sono state da tempo messe al bando, “data la loro persistenza si trovano ancora nell’ambiente, le ingeriamo con il cibo e, poiché vengono immagazzinate nel corpo, i loro livelli aumentano sempre di più durante l’invecchiamento”.

Lo scandalo delle uova (e dei maiali) e dei mangimi alla diossina si era allargata alla Francia e alla Danimarca, mentre in Germania il governo cercava di rassicurare i consumatori e invitava la popolazione a non farsi prendere dal panico. Intanto però la Corea del Sud aveva limitato le importazioni alimentari dalla Germania e la Russia aveva annunciato simili provvedimenti. Per questo l’Unione europea decise di intervenire direttamente per regolamentare, con una normativa, l’attività dei produttori di mangimi ed evitare il ripetersi di casi di contaminazione di diossina come quello avvenuto a causa dell’azienda Harles & Jentzsch che aveva aggiunto ai mangimi animali acidi grassi destinati all’industria della carta.

Benedetta Musso

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende