Home » Bollettino Europa »Rubriche » UE: l’onda lunga dello scandalo Volkswagen:

UE: l’onda lunga dello scandalo Volkswagen

settembre 28, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

A proposito del dieselgate, ormai, si è detto e scritto di tutto. Al netto del fatto, che sembra ormai chiaro, molto altro potrebbe però ancora emergere. Qual è dunque la posizione dell’Unione Europea verso uno scandalo che rischia di scuotere l’economia e la credibilità del suo Paese “locomotiva” e, con la Germania, anche il resto degli Stati UE?

Quello che è veramente necessario ora è avere una fotografia chiara della situazione di quanti veicoli ci sono in Europa con il software ingannevole“. Ha sintetizzato Lucia Caudet, la portavoce della Commissaria per il Mercato Interno, ricordando che la questione verrà discussa negli imminenti incontri comunitari.

La commissaria UE responsabile del tema – Elzbieta Bienkowska – ha, infatti, chiesto alla Presidenza lussemburghese di turno di mettere il caso Volkswagen in agenda della riunione del Consiglio Competitività del 1°ottobre a Lussemburgo.

La riunione a Bruxelles con le autorità nazionali di omologazione, invece, dovrebbe essere stata fissata per il 6 ottobre. Questo è, senza dubbio, il tema più delicato. Visto che sul tavolo ci sarà, probabilmente, la proposta della creazione di un’autorità indipendente europea che sostituisca le 28 autorità nazionali di omologazione dei veicoli nell’UE.

In attesa di questi appuntamenti formali, con la sensazione che l’eco-scandalo si possa allargare a macchia d’olio, l’Esecutivo comunitario chiede il rispetto delle norme e agli Stati Membri di vigilare e, nel caso, avviare indagini. L’obiettivo è avere, appunto, una “fotografia chiara” della situazione attuale.

L’apparente tiepida reazione di Bruxelles alla vicenda trova ragione nella ripartizione di competenze. Se è la Commissione che fissa limiti e regole, il potere di applicarle e verificarne il rispetto è tutto nelle mani degli Stati membri. Che si occupano anche dell’applicazione di possibili sanzioni  ai produttori di auto che non le rispettano. La Commissione non ha quindi poteri per aprire “un’inchiesta europea”, come era stato chiesto dal Ministro dell’Economia francese Michel Sapin, ma anche dall’organizzazione dei consumatori europei (Beuc). Bruxelles ha comunque dato la sua disponibilità a coordinare le indagini nazionali e il relativo scambio di informazioni.

Nel quadro appena descritto è necessario, inoltre, tenere presente che già dal 2016 saranno in vigore nuovi test su strada per le emissioni degli ossidi di azoto – proprio quelli “truccati” dal software sulle auto del gruppo Volkswagen. Questi, in una prima fase, saranno complementari a quelli in laboratorio, in quanto è già stato riscontrato come in generale i valori tra i due tipi di test possano divergere notevolmente. La decisione UE risale allo scorso maggio, ma restano da definire alcuni dettagli non secondari: i limiti che i nuovi test non dovranno superare e il da farsi sul fronte dell’omologazione, quando le prove in condizioni reali di guida non coincidano con quelli svolti in laboratorio.

Certo è che l’Unione Europea non può assolutamente permettersi il lusso di perdere il polso della situazione. Anche perché il software sulle emissioni incriminato è su 11 milioni di auto in tutto il mondo e non solo su modelli Volkswagen. Anche se la casa produttrice tedesca si è affrettata ad assicurare che le nuove euro 6 diesel vendute in UE sarebbero “in regola” perché tutte rispondenti alla normativa europea per i gas di scarico EU6. Un po’tardi per reclamare credibilità.

Nessuno può ancora prevedere le ripercussioni, sul piano economico, dello scandalo Volkswagen, ma assistere, in pochi giorni, al passaggio della Germania da prima della classe a traditrice di quelle buone regole che a tutti gli effetti ha contribuito a scrivere solleva grandi interrogativi anche sul risultato di parecchie partite che l’UE sta giocando su altri fronti.

Il coinvolgimento nell’affaire Volkswagen porta, ad esempio, a domandarsi quali saranno le sorti del TTIP, l’accordo per il partenariato transatlantico su commercio e investimenti. E poi con quale credibilità l’Unione Europea si presenterà al tavolo dei negoziati sul clima alla conferenza di Parigi ormai alle porte?

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Arte e cambiamenti climatici: a Venezia una conferenza e opere d’ispirazione scientifica

ottobre 19, 2017

Arte e cambiamenti climatici: a Venezia una conferenza e opere d’ispirazione scientifica

Il 27 ottobre a Venezia inaugurerà Climate 04 – Sea Level Rise, progetto d’arte pubblica sulle conseguenze dei cambiamenti climatici e l’innalzamento del livello del mare in Laguna, che trae ispirazione dai recenti studi sull’innalzamento del livello medio del mare, le onde estreme, e il ruolo delle piante costiere e di barena per l’ecosistema lagunare. L’iniziativa prevede [...]

I RAEE nell’economia circolare. I risultati dello studio IEFE Bocconi per Remedia

ottobre 18, 2017

I RAEE nell’economia circolare. I risultati dello studio IEFE Bocconi per Remedia

Un incremento dell’immesso al consumo dei prodotti pari a circa 1.330.000 tonnellate (rispetto alle 875.000 tonnellate di AEE – apparecchiature elettriche ed elettroniche – domestiche e professionali immesse nel sistema attuale) oltre a un aumento del numero di produttori coinvolti nel sistema RAEE, tra i 6.000 e i 9.000 in più (rispetto agli attuali 6.000/7.000 mila): sono [...]

Il CdM approva il “Bonus Verde”: detrazioni fiscali del 36% per la sistemazione di giardini e terrazzi

ottobre 17, 2017

Il CdM approva il “Bonus Verde”: detrazioni fiscali del 36% per la sistemazione di giardini e terrazzi

Dopo quasi tre anni di lavoro di sensibilizzazione, promozione, cultura e networking, il CNFFP – Coordinamento Nazionale Filiera del Florovivaismo e del Paesaggio annuncia l’approvazione, da parte del Consiglio dei Ministri, del cosiddetto “Bonus Verde”, ovvero la nuova detrazione fiscale del 36% per la cura del verde privato. Annunciato ieri dal Ministro delle Politiche Agricole, [...]

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

ottobre 16, 2017

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

È Hyundai IONIQ la vincitrice del titolo “Green Gold Award 2018”, assegnato dall’Unione Italiana Giornalisti Automotive (UIGA) martedì scorso a Frascati (Roma). Il premio rappresenta un importante riconoscimento alla triplice tecnologia sviluppata da Hyundai sulla gamma IONIQ, prima auto di serie al mondo disponibile in versione Hybrid, Electric oppure Plug-in Hybrid. IONIQ avvicina così le [...]

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

ottobre 13, 2017

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

Nasce a Milano MiMoto, il primo ed unico servizio di scooter sharing elettrico ed ecosostenibile della città. Un’idea semplice che unisce in sé rispetto per l’ambiente, Made in Italy, sicurezza stradale, condivisione ed efficienza. MiMoto oltre a essere una start up innovativa, è un servizio che ha l’obiettivo primario di offrire ai propri clienti finali [...]

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

ottobre 13, 2017

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

Sbarca in Italia Copernicus, il programma di osservazione della Terra sviluppato dalla Commissione Europea. C3S – Copernicus Climate Change Service è costituito da un insieme complesso di dati provenienti da più fonti (satelliti di osservazione, stazioni di terra, sensori in mare e aerei) che possono fornire informazioni affidabili e aggiornate su ambiente e sicurezza, aiutando a [...]

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

ottobre 12, 2017

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

Il 14 ottobre 2017 si celebrerà la prima Giornata mondiale dell’Educazione Ambientale, a 40 anni dalla Conferenza ONU di Tbilisi (capitale della Georgia), in cui si svolse – il 14 ottobre del 1977 – la Conferenza intergovernativa delle Nazioni Unite sull’educazione ambientale, organizzata da UNESCO e UNEP, che si concluse il 26 ottobre con una Dichiarazione [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende