Home » Bollettino Europa »Rubriche » UE: l’onda lunga dello scandalo Volkswagen:

UE: l’onda lunga dello scandalo Volkswagen

settembre 28, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

A proposito del dieselgate, ormai, si è detto e scritto di tutto. Al netto del fatto, che sembra ormai chiaro, molto altro potrebbe però ancora emergere. Qual è dunque la posizione dell’Unione Europea verso uno scandalo che rischia di scuotere l’economia e la credibilità del suo Paese “locomotiva” e, con la Germania, anche il resto degli Stati UE?

Quello che è veramente necessario ora è avere una fotografia chiara della situazione di quanti veicoli ci sono in Europa con il software ingannevole“. Ha sintetizzato Lucia Caudet, la portavoce della Commissaria per il Mercato Interno, ricordando che la questione verrà discussa negli imminenti incontri comunitari.

La commissaria UE responsabile del tema – Elzbieta Bienkowska – ha, infatti, chiesto alla Presidenza lussemburghese di turno di mettere il caso Volkswagen in agenda della riunione del Consiglio Competitività del 1°ottobre a Lussemburgo.

La riunione a Bruxelles con le autorità nazionali di omologazione, invece, dovrebbe essere stata fissata per il 6 ottobre. Questo è, senza dubbio, il tema più delicato. Visto che sul tavolo ci sarà, probabilmente, la proposta della creazione di un’autorità indipendente europea che sostituisca le 28 autorità nazionali di omologazione dei veicoli nell’UE.

In attesa di questi appuntamenti formali, con la sensazione che l’eco-scandalo si possa allargare a macchia d’olio, l’Esecutivo comunitario chiede il rispetto delle norme e agli Stati Membri di vigilare e, nel caso, avviare indagini. L’obiettivo è avere, appunto, una “fotografia chiara” della situazione attuale.

L’apparente tiepida reazione di Bruxelles alla vicenda trova ragione nella ripartizione di competenze. Se è la Commissione che fissa limiti e regole, il potere di applicarle e verificarne il rispetto è tutto nelle mani degli Stati membri. Che si occupano anche dell’applicazione di possibili sanzioni  ai produttori di auto che non le rispettano. La Commissione non ha quindi poteri per aprire “un’inchiesta europea”, come era stato chiesto dal Ministro dell’Economia francese Michel Sapin, ma anche dall’organizzazione dei consumatori europei (Beuc). Bruxelles ha comunque dato la sua disponibilità a coordinare le indagini nazionali e il relativo scambio di informazioni.

Nel quadro appena descritto è necessario, inoltre, tenere presente che già dal 2016 saranno in vigore nuovi test su strada per le emissioni degli ossidi di azoto – proprio quelli “truccati” dal software sulle auto del gruppo Volkswagen. Questi, in una prima fase, saranno complementari a quelli in laboratorio, in quanto è già stato riscontrato come in generale i valori tra i due tipi di test possano divergere notevolmente. La decisione UE risale allo scorso maggio, ma restano da definire alcuni dettagli non secondari: i limiti che i nuovi test non dovranno superare e il da farsi sul fronte dell’omologazione, quando le prove in condizioni reali di guida non coincidano con quelli svolti in laboratorio.

Certo è che l’Unione Europea non può assolutamente permettersi il lusso di perdere il polso della situazione. Anche perché il software sulle emissioni incriminato è su 11 milioni di auto in tutto il mondo e non solo su modelli Volkswagen. Anche se la casa produttrice tedesca si è affrettata ad assicurare che le nuove euro 6 diesel vendute in UE sarebbero “in regola” perché tutte rispondenti alla normativa europea per i gas di scarico EU6. Un po’tardi per reclamare credibilità.

Nessuno può ancora prevedere le ripercussioni, sul piano economico, dello scandalo Volkswagen, ma assistere, in pochi giorni, al passaggio della Germania da prima della classe a traditrice di quelle buone regole che a tutti gli effetti ha contribuito a scrivere solleva grandi interrogativi anche sul risultato di parecchie partite che l’UE sta giocando su altri fronti.

Il coinvolgimento nell’affaire Volkswagen porta, ad esempio, a domandarsi quali saranno le sorti del TTIP, l’accordo per il partenariato transatlantico su commercio e investimenti. E poi con quale credibilità l’Unione Europea si presenterà al tavolo dei negoziati sul clima alla conferenza di Parigi ormai alle porte?

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

agosto 10, 2017

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

“Il 25 Agosto 2017 lascerò l’Italia per raggiungere Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, da dove il 28 Agosto partirò a piedi per ripercorrere, ben 231 anni dopo, il viaggio di Wolfgang Goethe del 1786. Il viaggio di Goethe  ha avuto una grande importanza nella cultura europea e sicuramente potrebbe coincidere con l’inizio del mito del [...]

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

agosto 4, 2017

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

RÖFIX, azienda austriaca presente in Italia dal 1980, ha lanciato una nuova linea di prodotti industriali per la bioedilizia a base di canapa a marchio “CalceClima Canapa“. I prodotti CalceClima – intonaco e finitura a base di canapulo e calce idraulica naturale – hanno già ottenuto il marchio di qualità Natureplus, che certifica la loro [...]

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

agosto 4, 2017

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

E’ stato prorogato fino al 7 settembre alle ore 13.00 il termine per la presentazione delle candidature per il CRESCO Award – Città sostenibili, il premio promosso da Fondazione Sodalitas e ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), in partnership con alcune aziende impegnate sul fronte della sostenibilità, per valorizzare la spinta innovativa dei Comuni italiani nel mettere [...]

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

agosto 3, 2017

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

Anche il lavaggio dell’automobile, in tempi di siccità, finisce sotto accusa per l’eccessivo  e inutile spreco di acqua. Un’ordinanza diffusa in alcune città italiane vieta infatti ai cittadini  l’utilizzo improprio  di  acqua destinata ad azioni quotidiane, come irrigare superfici private adibite ad attività sportive, riempire piscine private, alimentare impianti di condizionamento, pulizia e lavaggio della fossa  biologica o “lavare [...]

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

agosto 3, 2017

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

Torino sarà una delle città, con Berlino, Manchester e Göteborg, dove si testerà il servizio MaaS (acronimo di Mobility as a Service). La Città, insieme alla società partecipata 5T, è infatti tra i partner di IMove,  progetto del programma europeo Horizon 2020 che ha tra i suoi obiettivi la realizzazione di un servizio MaaS, che [...]

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

agosto 1, 2017

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

Mancano poche ore ormai al 2 agosto, il cosiddetto Earth Overshoot Day 2017 (o Giorno del superamento delle risorse della Terra), la giornata in cui l’umanità avrà usato l’intero “budget” annuale di risorse naturali. Stando ai dati a disposizione, il Global Footprint Network ha stimato che per soddisfare il nostro fabbisogno attuale di risorse naturali [...]

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

luglio 31, 2017

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

Sabato 2 e domenica 3 settembre 2017 a Rivalta di Lesignano De’ Bagni, in provincia di Parma, torna per il quarto anno l’appuntamento del “Rural Festival“, dedicato alla varietà di produzioni artigianali locali di agricoltori e allevatori: un invito alla scoperta e all’assaggio di prodotti di antiche razze animali e varietà vegetali. L’area protetta di biodiversità [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende