Home » Bollettino Europa »Rubriche » Ue, arrivano i furgoni verdi:

Ue, arrivano i furgoni verdi

febbraio 21, 2011 Bollettino Europa, Rubriche

Courtesy of topspeed.comDa un sondaggio Ipsos del novembre scorso risulta che tre italiani su quattro ritengano lo sviluppo di un’economia verde fondamentale per far crescere il Paese e renderlo più competitivo.

L’Italia impara, piano piano, ad acquisire una mentalità più green, grazie anche all’influenza delle politiche sviluppate dal Parlamento Europeo. Ultimo in ordine di tempo è l’accordo raggiunto, martedì scorso 15 febbraio, suifurgoni verdi”: nuovi limiti di emissioni CO2 per i  veicoli commerciali europei, che partiranno in seguito all’approvazione del piano sottoscritto dagli Stati membri, che prevede anche incentivi per l’industria alla produzione di furgoni con una migliore efficienza energetica e penalità per chi non rispetta le nuove regole.

Dopo l’approvazione della direttiva sulle emissioni delle auto di due anni fa, il Parlamento si esprimerà quindi sui nuovi limiti alle emissioni CO2 per i “veicoli commerciali leggeri“. Lo scopo della normativa è innanzitutto di garantire una migliore qualità dell’aria e rispettare gli obiettivi di riduzione dell’impatto del cambiamento climatico, ma anche di incentivare la produzione di furgoni a basso consumo di carburante per aiutare le numerose piccole imprese che li utilizzano.

Le nuove regole mirano anche a stimolare l’innovazione nel settore e si applicheranno a tutti i veicoli di nuova fabbricazione. Il Parlamento ha raggiunto un accordo con gli Stati membri per un limite di 175g di CO2 per km dal 2014, limite che diminuirà a 147g CO2/km dal 2020.

I limiti esprimono la media di consumo fra tutto il parco auto del produttore. Fabbricare un furgone con un’emissione minore di 50g CO2/km darà al produttore un supercredito, valido per un lasso di tempo limitato, poiché conterà, per il calcolo della media, come più di un veicolo. Tale sistema scomparirà dal 2017. D’altro canto, i veicoli di nuova produzione che consumano più dei limiti imposti saranno soggetti a penalità fino a 95 euro per grammo dal 2019.

Tema attualissimo soprattutto nelle regioni del Nord Italia che ha visto, per esempio, nella città di Milano 35 giorni di allarme Pm10 con picchi ripetuti di 150 microgrammi al metro cubo, tre volte oltre la soglia giornaliera di 50. Così che anche nelle città italiane arrivano le soluzioni per ridurre le emissioni. Da lunedì, infatti nell’area milanese, tangenziali a velocità ridotta con un limite di velocità di 70 chilometri orari. Intanto a livello nazionale l’Anci, l’Associazione dei comuni italiani, lancia un appello al governo perché approvi presto il piano nazionale sulla qualità dell’aria. Punto debolissimo dell’Italia, già sotto attenta osservazione dell’Ue.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende