Home » Bollettino Europa »Rubriche » UE: rifiuti, emissioni, etichette e inquinanti all’ordine del giorno della mini-plenaria:

UE: rifiuti, emissioni, etichette e inquinanti all’ordine del giorno della mini-plenaria

febbraio 6, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

La gestione dei rifiuti, se fatta in maniera efficiente, può attrarre investimenti e creare lavoro. In particolare, l’industria del riciclo ha un potenziale europeo di mezzo milione di posti di lavoro. E’ una realtà ormai ampiamente nota agli operatori, ma ora lo afferma esplicitamente anche una risoluzione approvata dal Parlamento Europeo lo scorso 2 febbraio durante la “mini sessione plenaria” di Bruxelles.

Il testo della risoluzione, approvata con 632 voti a favore, 18 contrari e 22 astensioni, affronta le problematiche sollevate da 114 petizioni inviate dai cittadini europei, nel periodo 2004-2010, sul mancato rispetto della legislazione comunitaria nella gestione dei rifiuti. Tali denunce provengono principalmente da Italia, Francia, Spagna e Irlanda. Nello specifico, il Parlamento chiede alla Commissione di proporre criteri più chiari per la creazione delle discariche e le distanze minime da scuole, case e ospedali per ridurre i rischi sanitari. I deputati propongono anche un sistema a colori per classificare i rifiuti al fine di aiutare i cittadini a comprendere il ciclo dei rifiuti e aumentare i tassi di riciclo. Si chiedono infine maggiori investimenti per predisporre strutture di gestione dei rifiuti efficienti. Infatti, i principali problemi evidenziati dalle petizioni sono la mancanza di personale adeguato a livello locale e regionale, di risorse sufficienti e di un sistema di controllo efficiente a livello europeo. Dovrebbero dunque essere rinforzate le ispezioni, sia a livello comunitario sia nazionale e, per migliorare la lotta alle infiltrazioni del crimine organizzato nel processo di gestione dei rifiuti, è auspicabile la definizione di un sistema efficace di monitoraggio finanziario sui fondi comunitari erogati alle imprese, da parte di autorità locali e nazionali.

Sempre nel corso della mini sessione plenaria, il Parlamento Europeo ha posto il veto sulla proposta della Commissione di cambiare le etichette nutrizionali dei prodotti alimentari riguardanti le percentuali di zuccheri, sale e grassi contenuti negli alimenti stessi. La proposta avrebbe consentito, per esempio, un annuncio del “15% in meno di zucchero” basato su una precedente formulazione dello stesso prodotto. Secondo i 393 deputati che hanno votato contro la proposta, le nuove etichette avrebbero potuto trarre in inganno i consumatori, in quanto il prodotto sarebbe potuto sembrare più sano rispetto ad un altro simile, recante però l’annuncio “basso livello di zucchero”. Effettivamente, dalla comparazione di prodotti analoghi, sempre nel caso dello zucchero presente in essi, la legislazione europea impone una riduzione del 30% al fine di essere considerati più sani.

Matthias Groote, il direttore della Commissione Ambiente, Salute Pubblica e Sicurezza Alimentare del Parlamento EU (ENVI), si è detto soddisfatto dell’approvazione della risoluzione legislativa approvata “in difesa degli interessi dei consumatori, i quali necessitano delle giuste informazioni per una comparazione chiara nella scelta dei prodotti alimentari che acquistano”.

Proprio dalla Commissione ENVI, riunitasi lo scorso 31 Gennaio, arriva inoltre la richiesta di miglioramento del sistema per lo scambio delle quote di emissioni di CO2 dell’Unione Europea, al fine di ridurre dell’80% i gas clima-alteranti entro il 2050. Il rapporto non legislativo del deputato liberale britannico Chris Davies appoggia fortemente la “tabella di marcia verso un’economia competitiva a basse emissioni di carbonio nel 2050” della Commissione Europea, sottolineando però l’importanza di investire maggiormente nelle tecnologie green. Il deputato inglese ritiene che il sistema UE di scambio delle quote di emissione (il cosiddetto Sistema ETS) svolgerà un ruolo essenziale per introdurre sul mercato un’ampia gamma di tecnologie a bassa intensità di carbonio.

A questo proposito le richieste della Commissione ENVI si dirigono, in particolare, verso la produzione di biocombustibili. Le richieste sarebbero di sviluppare criteri di sostenibilità per l’utilizzo delle biomasse e l’introduzione di fattori che considerino la formazione di gas serra causata dalla produzione dei biocombustibili stessi. Nel caso del settore dei trasporti, gli euro-deputati chiedono, inoltre alla Commissione, una proposta legislativa per tagliare le emissioni provenienti dal traffico marittimo, in assenza di una accordo internazionale sulla questione. Infine, una raccomandazione riguarda la nuova PAC e i target relativi all’utilizzo sostenibile dell’energia nel settore agricolo.

Dalla Commissione Europea arriva infine la proposta di aggiungere quindici nuove sostanze chimiche all’elenco di trentatré inquinanti monitorati e controllati nelle acque europee di superficie. Infatti, secondi i tecnici della Commissione i miglioramenti della qualità dell’acqua nell’UE potrebbero essere compromessi da nuove forme di inquinamento chimico. Le quindici sostanze comprendono prodotti chimici industriali e sostanze utilizzate nei biocidi, nei farmaci e nei prodotti fitosanitari, scelte sulla base di prove scientifiche che ne attestano la possibilità di rappresentare un rischio significativo per la salute. La Commissione propone l’elenco rivisitato come parte della direttiva che modifica la direttiva quadro sulle acque (WFD) e la direttiva sugli standard di qualità ambientale (EQSD). La proposta sarà trasmessa al Consiglio e al Parlamento per la discussione e l’adozione.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende