Home » Bollettino Europa »Rubriche » UE: rifiuti, emissioni, etichette e inquinanti all’ordine del giorno della mini-plenaria:

UE: rifiuti, emissioni, etichette e inquinanti all’ordine del giorno della mini-plenaria

febbraio 6, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

La gestione dei rifiuti, se fatta in maniera efficiente, può attrarre investimenti e creare lavoro. In particolare, l’industria del riciclo ha un potenziale europeo di mezzo milione di posti di lavoro. E’ una realtà ormai ampiamente nota agli operatori, ma ora lo afferma esplicitamente anche una risoluzione approvata dal Parlamento Europeo lo scorso 2 febbraio durante la “mini sessione plenaria” di Bruxelles.

Il testo della risoluzione, approvata con 632 voti a favore, 18 contrari e 22 astensioni, affronta le problematiche sollevate da 114 petizioni inviate dai cittadini europei, nel periodo 2004-2010, sul mancato rispetto della legislazione comunitaria nella gestione dei rifiuti. Tali denunce provengono principalmente da Italia, Francia, Spagna e Irlanda. Nello specifico, il Parlamento chiede alla Commissione di proporre criteri più chiari per la creazione delle discariche e le distanze minime da scuole, case e ospedali per ridurre i rischi sanitari. I deputati propongono anche un sistema a colori per classificare i rifiuti al fine di aiutare i cittadini a comprendere il ciclo dei rifiuti e aumentare i tassi di riciclo. Si chiedono infine maggiori investimenti per predisporre strutture di gestione dei rifiuti efficienti. Infatti, i principali problemi evidenziati dalle petizioni sono la mancanza di personale adeguato a livello locale e regionale, di risorse sufficienti e di un sistema di controllo efficiente a livello europeo. Dovrebbero dunque essere rinforzate le ispezioni, sia a livello comunitario sia nazionale e, per migliorare la lotta alle infiltrazioni del crimine organizzato nel processo di gestione dei rifiuti, è auspicabile la definizione di un sistema efficace di monitoraggio finanziario sui fondi comunitari erogati alle imprese, da parte di autorità locali e nazionali.

Sempre nel corso della mini sessione plenaria, il Parlamento Europeo ha posto il veto sulla proposta della Commissione di cambiare le etichette nutrizionali dei prodotti alimentari riguardanti le percentuali di zuccheri, sale e grassi contenuti negli alimenti stessi. La proposta avrebbe consentito, per esempio, un annuncio del “15% in meno di zucchero” basato su una precedente formulazione dello stesso prodotto. Secondo i 393 deputati che hanno votato contro la proposta, le nuove etichette avrebbero potuto trarre in inganno i consumatori, in quanto il prodotto sarebbe potuto sembrare più sano rispetto ad un altro simile, recante però l’annuncio “basso livello di zucchero”. Effettivamente, dalla comparazione di prodotti analoghi, sempre nel caso dello zucchero presente in essi, la legislazione europea impone una riduzione del 30% al fine di essere considerati più sani.

Matthias Groote, il direttore della Commissione Ambiente, Salute Pubblica e Sicurezza Alimentare del Parlamento EU (ENVI), si è detto soddisfatto dell’approvazione della risoluzione legislativa approvata “in difesa degli interessi dei consumatori, i quali necessitano delle giuste informazioni per una comparazione chiara nella scelta dei prodotti alimentari che acquistano”.

Proprio dalla Commissione ENVI, riunitasi lo scorso 31 Gennaio, arriva inoltre la richiesta di miglioramento del sistema per lo scambio delle quote di emissioni di CO2 dell’Unione Europea, al fine di ridurre dell’80% i gas clima-alteranti entro il 2050. Il rapporto non legislativo del deputato liberale britannico Chris Davies appoggia fortemente la “tabella di marcia verso un’economia competitiva a basse emissioni di carbonio nel 2050” della Commissione Europea, sottolineando però l’importanza di investire maggiormente nelle tecnologie green. Il deputato inglese ritiene che il sistema UE di scambio delle quote di emissione (il cosiddetto Sistema ETS) svolgerà un ruolo essenziale per introdurre sul mercato un’ampia gamma di tecnologie a bassa intensità di carbonio.

A questo proposito le richieste della Commissione ENVI si dirigono, in particolare, verso la produzione di biocombustibili. Le richieste sarebbero di sviluppare criteri di sostenibilità per l’utilizzo delle biomasse e l’introduzione di fattori che considerino la formazione di gas serra causata dalla produzione dei biocombustibili stessi. Nel caso del settore dei trasporti, gli euro-deputati chiedono, inoltre alla Commissione, una proposta legislativa per tagliare le emissioni provenienti dal traffico marittimo, in assenza di una accordo internazionale sulla questione. Infine, una raccomandazione riguarda la nuova PAC e i target relativi all’utilizzo sostenibile dell’energia nel settore agricolo.

Dalla Commissione Europea arriva infine la proposta di aggiungere quindici nuove sostanze chimiche all’elenco di trentatré inquinanti monitorati e controllati nelle acque europee di superficie. Infatti, secondi i tecnici della Commissione i miglioramenti della qualità dell’acqua nell’UE potrebbero essere compromessi da nuove forme di inquinamento chimico. Le quindici sostanze comprendono prodotti chimici industriali e sostanze utilizzate nei biocidi, nei farmaci e nei prodotti fitosanitari, scelte sulla base di prove scientifiche che ne attestano la possibilità di rappresentare un rischio significativo per la salute. La Commissione propone l’elenco rivisitato come parte della direttiva che modifica la direttiva quadro sulle acque (WFD) e la direttiva sugli standard di qualità ambientale (EQSD). La proposta sarà trasmessa al Consiglio e al Parlamento per la discussione e l’adozione.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende