Home » Rubriche »Very Important Planet » Ulderico Pesce: “Vi racconto come si può morire di amianto anche nei luoghi di cultura”:

Ulderico Pesce: “Vi racconto come si può morire di amianto anche nei luoghi di cultura”

gennaio 16, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Attore, autore, narratore e regista di opere teatrali. Ulderico Pesce, classe 1963, di origini lucane, affida l’espressione della sua creatività e dei suoi valori al palcoscenico. Oltre ad aver partecipato come attore ad alcuni film e fiction televisive, ha lavorato in diversi spettacoli teatrali ed è autore e regista di numerose pièce, molte delle quali dedicate a temi ambientali. Tra queste, Asso di monnezza, che racconta e denuncia i traffici illeciti di rifiuti in Italia, e Storie di scorie, che racconta del pericolo nucleare in Italia. Dirige il Centro Mediterraneo delle Arti e attualmente è impegnato nella lavorazione di un nuovo spettacolo, di cui racconta qualche anticipazione a Greenews.info.

D) Pesce, è vero che sta lavorando a uno spettacolo su temi ambientali? Ci sono questioni ambientali che le interessano e che vorrebbe portare in futuro sul palcoscenico?

R) Il tema ambientale che mi piacerebbe trattare prossimamente è il petrolio: come vengono scavati i pozzi, come e quanto greggio viene estratto. Oggi però sto lavorando a un progetto teatrale che si chiamaL’Italia dell’amianto”. Debutto l’anno prossimo a Roma. Sebbene ci siano dei riferimenti anche agli operai di Casale Monferrato e di Monfalcone, mi concentro di più sulla storia di tre individui in particolare. La Scala di Milano aveva un sipario tagliafuoco in amianto che ha provocato la morte del siparista Enzo Mantovani e di due vigili del fuoco. Racconto la sua storia attraverso la Traviata di Verdi, la cui protagonista Violetta fra l’altro muore di una malattia ai polmoni. Racconto come si può morire di amianto in uno dei luoghi di massima cultura del nostro Paese…

D) I suoi lavori spesso parlano di ambiente, perché pensa sia importante occuparsi di questo tema attraverso il teatro?

R) L’apporto che può dare qualsiasi strumento emozionale è fortissimo, perché gli italiani sono poco sensibili ai numeri. Se racconti loro le cause dell’inquinamento con numeri e percentuali si limitano a prenderne atto, mentre coinvolgerli emotivamente significa sollecitare un loro intervento attivo. Pertanto credo che tutti i mezzi di comunicazione emozionali – come il teatro, la musica, il cinema – possano convincere più dei numeri.

D) Storie di scorie è dedicato al tema del nucleare. Quali messaggi ha cercato di trasmettere raccontando la storia di Nicola, la cui vita si intreccia a più riprese con la questione del nucleare e delle scorie nucleari?

R) Il problema del nucleare in Italia non è finito con il referendum. Poiché abbiamo avuto 4 centrali atomiche attive per tanti anni che hanno prodotto tonnellate di scorie che rimangono radioattive per 150 mila anni nel nostro territorio, il caso non è affatto chiuso. Vanno messe in sicurezza e gestite le scorie che abbiamo a Rotondella in Basilicata, nella centrale atomica del Garigliano in Campania, a Caorso vicino Piacenza, nel deposito di Saluggia e di Trino Vercellese in Piemonte, a Casaccia a 25 km da Roma, per citare quelli maggiormente a rischio. Senza dimenticare una serie di piccoli depositi come Varese o Como, insieme a tutto il materiale militare radioattivo, per esempio a Pisa o in Sardegna. Buona parte di questo materiale è conservato in malo modo in prossimità di torrenti e fiumi…

D) Qual è la sua posizione in proposito?

R) Io valorizzerei tutte quelle energie pulite che oggi vanno per la maggiore in Germania, in Francia, in Scandinavia, evitando di affidare la gestione a quelle società che non operano in modo chiaro. Mi fido poco dell’Italia e degli italiani, credo però in quei pochi italiani lungimiranti. Sono convinto che il nostro sia un problema culturale, che esiste fin dall’Unità d’Italia.

D) “Asso di monnezza” si focalizza invece sul tema dei rifiuti, portando sul palcoscenico i due volti dell’Italia: quello virtuoso e quello del traffico illecito e dello smaltimento illegale dell’immondizia. In uno scenario molto negativo, lo spettacolo sembra comunque anche lasciare aperta qualche speranza. È così?

R) In Italia ci si sforza di trovare sempre nuovi modi per fare soldi, pertanto ogni motivo è buono per elargire ricchezza e benefici a pochi. Anche la questione dei rifiuti sarebbe un problema facilissimo da risolvere, ma non si vuole perché “la monnezza” porta potere e soldi. Per quanto mi riguarda il primo traguardo da raggiungere è inserire il reato ambientale nel codice penale italiano. Per questo sto raccogliendo firme per una petizione popolare sul mio sito, perché il primo problema è legislativo. Il reato ambientale non esiste in Italia, esiste la truffa. Se io trasporto sostanze tossiche come il cromo 6 e invece ho dichiarato che trasporto alimenti, per esempio, posso essere processato per truffa ma non per un’azione contro l’ambiente, quando invece è chiaro che io sto trasportando delle sostanze tossiche da smaltire illegalmente in un terreno. Da questo punto di vista Federico II nel 1231 con la Costituzione di Melfi è stato assolutamente all’avanguardia rispetto al nostro codice penale, perché aveva previsto la condanna a morte per chi inquina. La condanna a morte è eccessiva, ma trent’anni di reclusione, in linea con la maggior parte dei paesi europei, si dovrebbero prevedere.

D) Quanto è importante per lei l’ambiente nella quotidianità, quali sono i piccoli gesti che compie per rispettarlo?

R) L’ambiente per me viene prima della famiglia, perché non c’è famiglia senza ambiente, è ciò che rende bella la vita. Occuparmi di ambiente quotidianamente attraverso i miei spettacoli è un impegno grosso, a volte vado in tour anche gratis, perché so quanto è importante divulgare certe riflessioni. Sono convinto sia necessario tornare a formare un bambino sensibile ai fiori, agli animali, alle piante, al creato tutto. Per questo sogno una riforma totale del sistema scolastico, in cui gli alunni siano a contatto diretto con animali, piante, fiori, per trasmettere loro l’amore e il rispetto per la natura.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende