Home » Rubriche »Very Important Planet » Umberto Pelizzari, l’uomo dell’acqua contro la plastica:

Umberto Pelizzari, l’uomo dell’acqua contro la plastica

gennaio 8, 2016 Rubriche, Very Important Planet

L’apneista italiano che ha stabilito record mondiali in tutte le discipline dell’apnea, Umberto Pelizzari, non sta mai fermo. Chiusa la carriera agonistica, rimane impegnato come docente presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa al master di secondo livello di medicina subacquea ed iperbarica e come fondatore dell’Apnea Academy, una associazione ideata per la formazione e la ricerca per l’apnea subacquea. A Greenews.info racconta il suo rapporto con uno degli elementi fondamentali del Pianeta… l’acqua!

D) Pelizzari, lei ha conseguito record in tutte le discipline dell’apnea: cosa le ha insegnato la sua lunga esperienza di apneista?

R) Si riesce a praticare uno sport ad alti livelli solo se hai una percezione consapevole del tuo corpo, una sensazione che alleni e migliori negli anni, a mano a mano che ci si abitua a ricevere certe risposte a certi limiti e a sapere come si comporta in condizioni limite. Nel momento in cui smetti di gareggiare l’allenamento finisce, quello che resta è la capacità di dominare certi impulsi e certi comportamenti rendendoli meno istintivi.

D) Perché ha scelto di intraprendere questa carriera insolita?

R) Quando si decide di praticare uno sport non si pensa di diventarne un campione, io mai lo avrei immaginato, sono di Busto Arsizio! Mi piaceva nuotare, cercavo di migliorarmi, ho partecipato anche a gare che hanno affinato la mia percezione dell’acqua. Durante l’università ho fatto il militare nei Vigili del Fuoco, finita l’università ho fatto un esperimento in profondità all’Isola d’Elba, nel distaccamento di Porto Ferraio. E già in quell’occasione registrai il mio primo record.

D) Qual è il suo legame con l’ambiente naturale e in particolare con l’acqua?

R) L’acqua, nel mio caso, è il mare, che è il mio mondo. Quando non riesco ad andare al mare, almeno un’ora in piscina tutti i giorni devo farla per vivere la sensazione che mi regala l’acqua.

D) Negli anni in cui ha gareggiato come ha visto cambiare il mare e i fondali, sia dal punto di vista delle specie presenti sia dell’inquinamento?

R) In genere noi viviamo come inquinamento del mare quelle situazioni che sono facili da individuare, come per esempio i rifiuti di plastica dispersi nelle acque. Ma i rifiuti di plastica come sacchetti o bottiglie non rappresentano l’unica minaccia, perché i prelievi di acqua dei mari a diverse profondità dimostrano che c’è una forte presenza di plastica in polvere finissima che ormai si è diffusa globalmente. È una condizione molto estesa.

D) Qual è il mare che preferisce?

R) A me piace moltissimo il Mediterraneo. Lì son nato come apneista e quindi lo sento un po’ come la mia casa. È un mare che cambia e che regala tantissimo a seconda delle stagioni.

D) Che tipo di rispetto, in generale, ha riscontrato nei confronti dell’acqua?

R) Penso ci sia una maggiore sensibilità generale nei confronti dell’ambiente, anche nelle nuove generazioni c’è una cultura ambientale diversa, lo rispettano meglio e di più. Quindi passi avanti sono stati sicuramente fatti.

D) Quali sono i gesti quotidiani che compie per rispettare l’ambiente?

R) Ho tre figli e in tutte le occasioni in cui usano l’acqua insisto perché loro facciano attenzione a non sprecare. Non è solo per ragioni di risparmio economico, è importante che capiscano che l’acqua accessibile e potabile non è scontata. Quando cresceranno è mia intenzione portarli in Africa anche per vedere la fatica che fanno i bambini della loro età per bere l’acqua, costretti a percorrere chilometri a piedi per andare a prenderla dai pozzi. È un gesto di educazione al rispetto dell’acqua come risorsa preziosa, tanto quanto l’energia. Sono piccole attenzione che devono essere insegnate ai bambini. Questo significa pensare globalmente ma agire localmente: ognuno deve agire nel quotidiano per orientare il comportamento verso la sostenibilità.

D) Secondo lei qual è l’emergenza ambientale più urgente?

R) Io tifo per il mare. Mi auguro che le organizzazioni internazionali si mettano d’accordo per ripulirlo non solo dei rifiuti visibili, ma anche dall’inquinamento invisibile. Il Mediterraneo in particolare è un mare che si ammala facilmente, ha bisogno di un intervento ancora più urgente. E poi vorrei che si riuscisse a eliminare le isole di plastica create dagli accumuli di rifiuti portati dalle correnti dei mari. Vorrei liberare il mare da tutti questi rifiuti e riciclare la plastica per altri usi.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende