Home » Green Economy »Racconti d'Ambiente »Rubriche » Un “filo di canapa” ci guiderà verso la nuova economia. Storia di un’eco-pianta:

Un “filo di canapa” ci guiderà verso la nuova economia. Storia di un’eco-pianta

Che cosa si può fare con la canapa? Cambiare il mondo, semplice. La cannabis è infatti una risorsa straordinaria: una pianta che combatte il climate change, cresce senza chimica e “sequestra” più C02 di un bosco. I suoi semi e il suo olio sono veri superalimenti, tra i più ricchi di proteine e preziosi nutrienti. La canapa è inoltre “costruttiva”, un mattone perfetto per una casa in bioedilizia. La sua fibra si trasforma poi in tessuti sani, resistenti e sostenibili e i suoi princìpi possono lenire il dolore di gravi malattie e curarne altre. Il nuovo libro di Chiara Spadaro, giornalista ambientale e antropologa, offre tutte le “istruzioni per l’uso” e fa il punto sul vivace dibattito in corso. “Il filo di canapa. L’ecopianta del futuro (128 pagine, 8 euro, Altreconomia Edizioni) è in libreria dal 4 febbraio 2016, nelle botteghe del commercio equo solidale e sul sito web altreconomia.it. Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo un estratto dell’Introduzione.

La pianta madre della economia verde ha foglie a sette punte: è alta e robusta, adatta alla coltivazione con metodi naturali; assorbe CO2 e depura i terreni; cresce rapidamente per lasciare spazio ad altre colture; le proprietà nutrizionali dei suoi semi ne fanno un toccasana per la salute alimentare; mentre i fiori, impiegati in medicina, hanno importanti proprietà curative. La canapa è una pianta antichissima della quale ci siamo dimenticati (o meglio, han fatto in modo che ci dimenticassimo). L’Italia, da secondo produttore mondiale negli anni Quaranta, ha abbandonato questa coltura amica dell’ambiente: per la fatica della lavorazione manuale, per i pregiudizi cresciuti attorno ai suoi effetti psicotropi e – soprattutto – per l’interesse delle grandi multinazionali, orientate all’industria del petrolio e dei suoi derivati. In questi tempi in cui si parla molto di cambiamenti climatici e dell’urgenza di trovare un modello alternativo da seguire, per la sopravvivenza, riscoprire la canapa è una scelta non solo doverosa, ma di semplice buon senso. Ed è stato lavorando a questo piccolo manuale che me ne sono resa conto: scrivere di canapa è la naturale prosecuzione della mia ricerca sulla biodiversità in agricoltura.

Un’altra tappa di quel percorso che indica un’alternativa all’attuale, distruttivo modello di consumo e sviluppo. “Cambiamo il sistema, non il clima”, recitava uno slogan dei movimenti in manifestazione alla Conferenza sul clima di Parigi (COP 21) del dicembre 2015. Il primo passo verso questo cambiamento, da fare collettivamente, è l’uscita dalla dipendenza del petrolio. La scelta della canapa, va in questa direzione, anche se di questo tema, tuttavia, nessuno ha parlato durante la conferenza ufficiale. Il nuovo Accordo internazionale sul clima (consultabile qui), firmato da quasi 200 Paesi – gli stessi responsabili delle emissioni di gas serra che stanno soffocando il Pianeta - entrerà in vigore nel 2020 e prevede di limitare a + 1,5 gradi l’aumento della temperatura media globale rispetto ai valori dell’era preindustriale. L’accordo prevede anche che i Paesi industrializzati eroghino, dal 2020, 100 miliardi l’anno per promuovere tecnologie a basso impatto ambientale, verso un’economia più verde.

A ben vedere sarebbe sufficiente investire una parte di questi soldi nella promozione della cultura e della coltivazione della canapa: alcuni percorsi in questa direzione sono già tracciati. Mentre i governi mondiali discutevano l’accordo di Parigi, infatti, al “Global Village of Alternatives” di Montreuil, si animava il “World hemp quarter”: promosso dalla rete internazionale di realtà “hemp friendly” Initiative Chanvre per mostrare le soluzioni che offre la canapa e condividere le esperienze di filiere locali e aziende agricole dedicate alla canapicoltura, testimoni della transizione verso un mondo più sostenibile. Anche in Italia, negli ultimi anni, si stanno difondendo le realtà che tornano a lavorare sulla canapa, nei suoi diversi aspetti.

È quello che mostriamo nelle pagine che seguono: un’alternativa ecologica alla crisi ambientale e climatica è a portata di mano – grazie alla canapa – e in molte zone si è già tradotta in esperienza concreta. Basti pensare che quasi tutti i materiali e prodotti inquinanti che ci circondano, potrebbero essere sostituiti da derivati naturali dalla canapa, pianta versatile coltivabile in modo ecologico, nonché fitodepurante e protettiva dei terreni. Dall’alimentazione (semi e olio) alle alternative alla petrolchimica (plastiche resistenti, ma biodegradabili); dalla carta (con rese in fibra per ettaro 4 volte superiori a quella degli alberi da cellulosa) all’edilizia (con un risparmio di gas ed elettricità fino al 40% rispetto ai normali edifici e una riduzione del 75% delle emissioni di CO2); dalle fibre tessili, sane e resistenti, alla cosmesi e – soprattutto – alla medicina. Seguendo questo “filo di canapa” scoprirete questi molteplici usi e troverete tanti aspetti pratici e concreti per approfondire la conoscenza della Cannabis Sativa L.. L’eco-pianta del “ritorno al futuro”.

Chiara Spadaro*

*Autrice per Altreconomia dei libri ”Adesso pasta” (2011), “Piccolo è meglio” (2012), “Vademecum per la biodiversità quotidiana” (2013) e di “Il pane e la madre” (2014).

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende