Home » Bollettino Europa »Rubriche » Un futuro (prossimo) senza petrolio è possibile?:

Un futuro (prossimo) senza petrolio è possibile?

dicembre 13, 2010 Bollettino Europa, Rubriche

Stoa, Courtesy of European Parliament, Flickr.comL’Europa funzionerà senza petrolio in meno di 10 anni, tra il 2015 e il 2020”, ha dichiarato Shai Agassi, fondatore e Ad di “Better Place“, nominato dalla rivista “Foreign Policy” uno dei cento pensatori più influenti al mondo.

Immaginare un futuro senza “oro nero”, un futuro in cui sulle strade circolino solo auto elettriche. Sogno o realtà? È questa la domanda che si sono posti, lo scorso martedì 7 dicembre, eurodeputati, esperti e premi Nobel, arrivati all’eurocamera per la Nona Conferenza Annuale di Stoa, il gruppo di lavoro del Parlamento Europeo che si occupa della valutazione delle opzioni scientifiche e tecnologiche.

Il 99% di tutte le auto vendute nell’Unione Europea utilizza ancora motori a combustione interna, ha spiegato in apertura la vicepresidente del Parlamento, la liberaldemocratica tedesca Silvana Koch-Mehrin. “Abbiamo bisogno di cambiamenti che devono entrare a far parte della strategia sugli investimenti verdi di Europa 2020”, ha aggiunto il popolare austriaco Paul Rübig, presidente di Stoa, sottolineando come oggi, tra le priorità del suo gruppo di lavoro, ci siano i trasporti eco-efficienti e le risorse sostenibili.

Uno scenario possibile per il semplice fatto, ha aggiunto Agassi, che il petrolio diventerà sempre più costoso. “Da dieci dollari al barile di qualche anno fa il petrolio è salito ormai a 100 dollari e, se la Cina non smetterà di produrre al ritmo attuale, aumenterà in pochi anni fino a 230 dollari al barile”. E a quel punto, sostiene Agassi, qualcosa andrà fatto di sicuro. La Cina lo ha già capito, dando il via agli investimenti nelle auto elettriche e, se l’Europa non vuole restare indietro e perdere il suo ruolo di prima produttrice di auto al mondo, questo è il momento di agire”.

Agire anche con idee un po’ folli. “Potremmo lanciare particelle di zolfo nell’atmosfera, per raffreddare il clima mondiale”, ha spiegato il professor Paul Crutzen. “Molti lo consideravano un progetto assurdo, ma la verità è che, se non limitiamo le nostre emissioni, dovremo davvero fare qualche pazzia per rimediare”. Vincitore del premio Nobel per la chimica nel 1995, Crutzen è diventato famoso per le sue teorie per salvare il mondo. Sua è l’idea di “antropocene“, un termine usato oggi per indicare l’attuale periodo della storia della Terra in cui l’azione umana sta giocando un ruolo eccessivo sugli ecosistemi mondiali. Durante la conferenza ha parlato di geo-ingegneria, ovvero del suo piano estremo di salvataggio che nessuno, nemmeno lui, vorrebbe vedere in atto, ma che forse diventerà necessario se continuiamo sulla strada dell’inquinamento, senza riuscire a trovare accordi sulla riduzione delle emissioni nocive. Del resto nel ventesimo secolo la popolazione è aumentata di quattro volte, le aree urbane di 10 volte, la produzione industriale di 40 volte, l’utilizzo di energia di 16 volte. A causa di ciò le emissioni di CO2 provocate dall’uomo sono ormai il doppio rispetto a quelle naturali. “Per evitare serie conseguenze dovremmo ridurre la nostra produzione di CO2 del 40% e di ossido di azoto del 70 o 80%, usando meno energia e ricorrendo di più a energie rinnovabili”, ha concluso il premio Nobel.

Più investimenti nelle energie rinnovabili quindi. “Dobbiamo chiedere alle autorità di incoraggiare lo sviluppo di tecnologie a basse emissioni di carbonio”, ha chiesto il deputato conservatore e vicepresidente di Stoa Malcolm Harbour, sollecitando un accordo per fissare misure comuni per favorire la diffusione delle auto elettriche.

Un’economia basata sul metanolo, in nome di un futuro più sostenibile, è invece la proposta di George Oláh, anche lui premio Nobel per la chimica nel 1995. “Non corriamo nessun pericolo di restare senza energia”, ha rassicurato. “Il problema è però quello di catturare, immagazzinare e consegnare l’energia”. Un modo sarebbe quello di replicare artificialmente il ciclo dell’anidride carbonica, rendendolo più veloce. Semplificando, la CO2 verrebbe catturata nell’atmosfera e trasformata in metanolo. “E così”, ha concluso “Noi che vogliamo tanto liberarci oggi dell’anidride carbonica scopriremo un giorno che ne abbiamo in realtà bisogno”. Intanto il 14 dicembre, a Strasburgo, all’ordine del giorno della seduta plenaria del Parlamento Europeo, si discuterà la proposta di risoluzione sulla revisione del Piano d’Azione per l’Efficienza Energetica.

Francesca Fradelloni

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende