Home » Rubriche »Very Important Planet » “Un giorno devi andare”, l’Amazzonia di Giorgio Diritti:

“Un giorno devi andare”, l’Amazzonia di Giorgio Diritti

settembre 13, 2013 Rubriche, Very Important Planet

«L’Amazzonia è uno dei più preziosi patrimoni di natura rimasti al mondo. Il film “Un giorno devi andare” ha scelto questa terra per un viaggio doloroso, personale ma anche sociale e culturale, per arrivare in una dimensione profonda, scandita solo dalla natura. Quella natura che oggi è minacciata a livello globale da un modo di vivere drammaticamente insostenibile, e che dobbiamo con tutte le nostre forze proteggere e conservare». Sono le parole usate da Isabella Pratesi, direttore Conservazione Internazionale del WWF Italia, in occasione della premiazione del Kineo&WWF Award assegnato al film “Un giorno devi andare” del regista Giorgio Diritti. La protagonista del film è Augusta (Jasmine Trinca), una giovane donna italiana, che spinta da dolorose vicende familiari decide di mettere in discussione le certezze su cui aveva costruito la sua esistenza per intraprendere un viaggio che la porterà nel silenzio e nei suoni della natura amazzonica.

D) Diritti, com’è nata l’idea del film e cosa vi ha portato a scegliere l’Amazzonia?

R) Ero stato in Amazzonia già dieci anni prima per lavori di carattere documentale. In quell’occasione ero rimasto molto colpito e affascinato dalla dimensione e dall’immensità di quei luoghi ma anche dall’acqua e dal cielo dell’Amazzonia. Quelle cose sono rimaste dentro di me. E non solo. In occasione di quel viaggio sono venute a galla alcune di quelle tematiche che poi ho riproposto nel film. Mi riferisco, ad esempio, al senso dell’esistenza, alla riscoperta delle priorità delle cose e al valore del rapporto con gli altri. Tutto è nato così, da questo primo contatto che mi ha fortemente emozionato e interrogato.

D) Nella sinossi del film si legge che “la protagonista scopre anche in questa terra remota i tentativi di conquista del mondo occidentale”. Lei che è stato in Amazzonia ce li può descrivere?

R) I tentativi di conquista sono molteplici e fanno parte, secondo me, dei limiti dell’uomo occidentale che è andato in quei luoghi con la presunzione di insegnare a quelle culture qual era il giusto modo di vivere. Spesso dietro quella logica si è mascherato un vero e proprio “furto”. Dal punto di vista ambientale conosciamo il grande problema della deforestazione. Ma oltre a questo ci sono fortissimi interessi nel campo della farmaceutica. Questo settore ha saccheggiato i saperi delle popolazioni indigene e i segreti sulle proprietà di alcune erbe. Li ha poi brevettati e trasformati in medicinali creando un business grazie a ciò che era stato un patrimonio comune delle popolazioni indigene.

D) Viaggiando in Amazzonia si percepisce il rischio che sta correndo la natura del luogo? Gli abitanti percepiscono il pericolo?

R) In alcuni casi sì e in altri no. L’Amazzonia è molto vasta. Per fortuna ci sono zone ancora inesplorate. Basta però avvicinarsi alle città e ci si rende di qual è il disastro dal punto di vista culturale e ambientale. A Manaus nei periodi di secca, ad esempio, capita di trovare due o tre metri di plastica galleggiante in riva al fiume. Ciò accade perché in passato le popolazioni erano abituate a buttare in acqua gli scarti della loro vita quotidiana. In quel caso si trattava però di frazioni biodegradabili. La modernità ha invece portato le bottiglie di plastica che loro hanno continuato a buttare in acqua come se fossero le bucce di frutta o verdura. Solo adesso si sta sviluppando un po’ di attenzione verso questo problema e il governo sta cercando di sensibilizzare le popolazioni su questo tema.

D) Nel caso di “Un giorno devi andare” l’Amazzonia può essere considerata uno dei protagonisti della pellicola. Oltre a questo film, ambiente e natura sono presenti anche nei suoi precedenti lavori?

R) Sì, in ogni mio film c’è sempre un rapporto molto forte con ambiente e natura. La dimensione del paesaggio e il rapporto con la terra sono a mio avviso una delle chiavi di maggiore partecipazione alla vita. Nelle storie che racconto i paesaggi che fanno da sfondo alle vicende umane sono sempre protagonisti tanto quanto gli uomini. Credo che l’uomo sia una parte di tutto l’insieme e che nonostante la sua invadenza sia un essere biologico facente parte della terra. Ciò che racconto è quindi sempre una sinergia forte tra ciò che la terra dà all’uomo e ciò che l’uomo dà alla terra.

D) Secondo lei il cinema può aiutare a sensibilizzare gli spettatori sulle tematiche ambientali?

R) Può aiutare tantissimo. E’ un mezzo che racconta per emozioni. In questo modo credo che possa sensibilizzare ancora di più altre forme di comunicazione, come ad esempio quella giornalistica. Questo è dimostrato non solo dai lavori che ho prodotto ma anche da importanti documentari e film fatti negli ultimi anni (ad esempio dalla BBC) che permettono che ci sia una maggiore coscienza di ciò che ci circonda e di conseguenza un amore nei confronti dell’ambiente in cui viviamo.

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende