Home » Rubriche »Very Important Planet » “Un giorno devi andare”, l’Amazzonia di Giorgio Diritti:

“Un giorno devi andare”, l’Amazzonia di Giorgio Diritti

settembre 13, 2013 Rubriche, Very Important Planet

«L’Amazzonia è uno dei più preziosi patrimoni di natura rimasti al mondo. Il film “Un giorno devi andare” ha scelto questa terra per un viaggio doloroso, personale ma anche sociale e culturale, per arrivare in una dimensione profonda, scandita solo dalla natura. Quella natura che oggi è minacciata a livello globale da un modo di vivere drammaticamente insostenibile, e che dobbiamo con tutte le nostre forze proteggere e conservare». Sono le parole usate da Isabella Pratesi, direttore Conservazione Internazionale del WWF Italia, in occasione della premiazione del Kineo&WWF Award assegnato al film “Un giorno devi andare” del regista Giorgio Diritti. La protagonista del film è Augusta (Jasmine Trinca), una giovane donna italiana, che spinta da dolorose vicende familiari decide di mettere in discussione le certezze su cui aveva costruito la sua esistenza per intraprendere un viaggio che la porterà nel silenzio e nei suoni della natura amazzonica.

D) Diritti, com’è nata l’idea del film e cosa vi ha portato a scegliere l’Amazzonia?

R) Ero stato in Amazzonia già dieci anni prima per lavori di carattere documentale. In quell’occasione ero rimasto molto colpito e affascinato dalla dimensione e dall’immensità di quei luoghi ma anche dall’acqua e dal cielo dell’Amazzonia. Quelle cose sono rimaste dentro di me. E non solo. In occasione di quel viaggio sono venute a galla alcune di quelle tematiche che poi ho riproposto nel film. Mi riferisco, ad esempio, al senso dell’esistenza, alla riscoperta delle priorità delle cose e al valore del rapporto con gli altri. Tutto è nato così, da questo primo contatto che mi ha fortemente emozionato e interrogato.

D) Nella sinossi del film si legge che “la protagonista scopre anche in questa terra remota i tentativi di conquista del mondo occidentale”. Lei che è stato in Amazzonia ce li può descrivere?

R) I tentativi di conquista sono molteplici e fanno parte, secondo me, dei limiti dell’uomo occidentale che è andato in quei luoghi con la presunzione di insegnare a quelle culture qual era il giusto modo di vivere. Spesso dietro quella logica si è mascherato un vero e proprio “furto”. Dal punto di vista ambientale conosciamo il grande problema della deforestazione. Ma oltre a questo ci sono fortissimi interessi nel campo della farmaceutica. Questo settore ha saccheggiato i saperi delle popolazioni indigene e i segreti sulle proprietà di alcune erbe. Li ha poi brevettati e trasformati in medicinali creando un business grazie a ciò che era stato un patrimonio comune delle popolazioni indigene.

D) Viaggiando in Amazzonia si percepisce il rischio che sta correndo la natura del luogo? Gli abitanti percepiscono il pericolo?

R) In alcuni casi sì e in altri no. L’Amazzonia è molto vasta. Per fortuna ci sono zone ancora inesplorate. Basta però avvicinarsi alle città e ci si rende di qual è il disastro dal punto di vista culturale e ambientale. A Manaus nei periodi di secca, ad esempio, capita di trovare due o tre metri di plastica galleggiante in riva al fiume. Ciò accade perché in passato le popolazioni erano abituate a buttare in acqua gli scarti della loro vita quotidiana. In quel caso si trattava però di frazioni biodegradabili. La modernità ha invece portato le bottiglie di plastica che loro hanno continuato a buttare in acqua come se fossero le bucce di frutta o verdura. Solo adesso si sta sviluppando un po’ di attenzione verso questo problema e il governo sta cercando di sensibilizzare le popolazioni su questo tema.

D) Nel caso di “Un giorno devi andare” l’Amazzonia può essere considerata uno dei protagonisti della pellicola. Oltre a questo film, ambiente e natura sono presenti anche nei suoi precedenti lavori?

R) Sì, in ogni mio film c’è sempre un rapporto molto forte con ambiente e natura. La dimensione del paesaggio e il rapporto con la terra sono a mio avviso una delle chiavi di maggiore partecipazione alla vita. Nelle storie che racconto i paesaggi che fanno da sfondo alle vicende umane sono sempre protagonisti tanto quanto gli uomini. Credo che l’uomo sia una parte di tutto l’insieme e che nonostante la sua invadenza sia un essere biologico facente parte della terra. Ciò che racconto è quindi sempre una sinergia forte tra ciò che la terra dà all’uomo e ciò che l’uomo dà alla terra.

D) Secondo lei il cinema può aiutare a sensibilizzare gli spettatori sulle tematiche ambientali?

R) Può aiutare tantissimo. E’ un mezzo che racconta per emozioni. In questo modo credo che possa sensibilizzare ancora di più altre forme di comunicazione, come ad esempio quella giornalistica. Questo è dimostrato non solo dai lavori che ho prodotto ma anche da importanti documentari e film fatti negli ultimi anni (ad esempio dalla BBC) che permettono che ci sia una maggiore coscienza di ciò che ci circonda e di conseguenza un amore nei confronti dell’ambiente in cui viviamo.

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende