Home » Bollettino Europa »Rubriche » Un “menu à la carte” anche per l’autorizzazione alle importazioni di OGM?:

Un “menu à la carte” anche per l’autorizzazione alle importazioni di OGM?

aprile 13, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

OGM, croce e delizia di Bruxelles. Dopo il via libera alla nuova normativa – che ha impegnato l’Unione Europea per 4 anni e prevede la possibilità per gli Stati membri di limitare o bandire la coltivazione di Organismi Geneticamente Modificati sul proprio territorio - è ora il turno di un’analoga regola dedicata al sistema di autorizzazione alle importazioni. La Commissione UE dovrebbe, infatti, presentare la revisione dell’attuale normativa intorno al 22 aprile. Modifica concepita sulla falsariga di quella adottata per la coltivazione, che lascia ai 28 l’ultima parola dando loro il diritto di vietarli sul territorio nazionale anche se autorizzati a livello UE.

Al momento sono 17 gli OGM destinati all’alimentazione e ai mangimi che aspettano l’autorizzazione. Con le nuove regole – che devono comunque ricevere il via libera di Parlamento e Consiglio – è più che probabile che ottengano il semaforo verde alla commercializzazione da parte della Commissione. Tra questi c’è anche il controverso mais 1507 della Pioneer, bocciato nel 2014 dal Parlamento Europeo con la motivazione che era geneticamente manipolato per produrre una tossina letale per insetti come farfalle e falene.

Puntuali le critiche. Che riportano il dibattito nuovamente al punto di partenza attorno a un tema che ha diviso gli Stati membri per anni e ha causato all’Esecutivo europeo non poco imbarazzo. Visto che le esistenti procedure di autorizzazione, che richiedono una maggioranza qualificata in seno al Consiglio e non a maggioranza semplice, hanno già provocato scontri tra le istituzioni UE.

Per questo motivo Jean-Claude Juncker aveva promesso di affrontare la questione dall’inizio del suo programma politico.Farò in modo che le regole di procedura che disciplinano le varie autorizzazioni per gli OGM siano riviste. Non voglio che la Commissione prenda una decisione contraria alla maggioranza degli Stati membri”. Aveva dichiarato nel mese di luglio 2014 in occasione dell’insediamento della sua nuova squadra.

Gli ambientalisti sono nuovamente sul piede di guerra. Justine Maillot di Greenpeace ha dichiarato: “Sulla procedura di autorizzazione per i prodotti OGM per consumo animale o umano, la Commissione opta per lo stessa clausola di esenzione che conferisce agli Stati membri l’ultima parola sulla coltivazione. Mentre ci aspettavamo una vera riforma procedurale”. E ha aggiunto che autorizzare le importazioni di OGM in un singolo mercato nazionale è come approvarle in tutti gli Stati membri. Le associazioni ambientaliste auspicavano invece una reale riforma procedurale che superasse la nazionalizzazione delle scelte in materia di transgenico. E sono scettici anche sulla non chiarezza del legame tra le esenzioni e le regole sulla libera circolazione dei beni nel mercato interno, ma sopratutto verso gli accordi commerciali internazionali. Alla luce anche dei negoziati in atto riguardanti il Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) con gli Stati Uniti, la patria degli OGM.

Greenpeace, insieme a Friends of the Earth Europe e Slow Food ha quindi inviato una lettera al presidente della Commissione UE, nella quale viene sottolineato come tentativi per spostare la responsabilità per questo tipo di coltivazioni dal livello comunitario a quello nazionale non renderebbero l’UE più democratica perché la Commissione sarebbe sempre in grado di autorizzare gli OGM contro la maggioranza del Consiglio, del Parlamento e del popolo europeo. “Junker, che ha promesso di riformare il sistema delle autorizzazioni – ha poi sottolineato il direttore di Greenpeace Europa Jorgo Risspotrebbe invece finire per approvare più coltivazioni OGM sotto la bandiera del libero commercio, spazzando via le preoccupazioni dei cittadini europei e i rischi per l’ambiente”.

Le associazioni verdi non sono, però, l’unica voce ad esprimere rammarico per l’introduzione di un’altra clausola di esenzione. “La Commissione europea persiste nel suo errore di abbandonare il livello europeo di regolamentazione degli OGM, al fine di rinazionalizzare il processo decisionale”, ha detto José Bové, Eurodeputato francese dei Verdi.

Tuttavia, il già sentito ritornello “l’ultima parola agli Stati”, riesce a scontentare anche il settore agricolo. Che sottolinea i gravi impatti economici e sociali che la revisione potrebbe causare. Evidenziabili in significative perdite di posti di lavoro e minori investimenti nella catena agroalimentare con una grave distorsione della concorrenza tra i Paesi che autorizzano gli OGM e quelli che li vietano. Un rischio per il mercato interno che potrebbe arrivare a minare addirittura  i requisiti di base dei trattati UE. Posizione sostenuta da Pekka Pesonen, Segretario generale dell’organizzazione europea degli agricoltori e delle cooperative agricole (Copa-Cogeca).

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende