Home » Bollettino Europa »Rubriche » Un “menu à la carte” anche per l’autorizzazione alle importazioni di OGM?:

Un “menu à la carte” anche per l’autorizzazione alle importazioni di OGM?

aprile 13, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

OGM, croce e delizia di Bruxelles. Dopo il via libera alla nuova normativa – che ha impegnato l’Unione Europea per 4 anni e prevede la possibilità per gli Stati membri di limitare o bandire la coltivazione di Organismi Geneticamente Modificati sul proprio territorio - è ora il turno di un’analoga regola dedicata al sistema di autorizzazione alle importazioni. La Commissione UE dovrebbe, infatti, presentare la revisione dell’attuale normativa intorno al 22 aprile. Modifica concepita sulla falsariga di quella adottata per la coltivazione, che lascia ai 28 l’ultima parola dando loro il diritto di vietarli sul territorio nazionale anche se autorizzati a livello UE.

Al momento sono 17 gli OGM destinati all’alimentazione e ai mangimi che aspettano l’autorizzazione. Con le nuove regole – che devono comunque ricevere il via libera di Parlamento e Consiglio – è più che probabile che ottengano il semaforo verde alla commercializzazione da parte della Commissione. Tra questi c’è anche il controverso mais 1507 della Pioneer, bocciato nel 2014 dal Parlamento Europeo con la motivazione che era geneticamente manipolato per produrre una tossina letale per insetti come farfalle e falene.

Puntuali le critiche. Che riportano il dibattito nuovamente al punto di partenza attorno a un tema che ha diviso gli Stati membri per anni e ha causato all’Esecutivo europeo non poco imbarazzo. Visto che le esistenti procedure di autorizzazione, che richiedono una maggioranza qualificata in seno al Consiglio e non a maggioranza semplice, hanno già provocato scontri tra le istituzioni UE.

Per questo motivo Jean-Claude Juncker aveva promesso di affrontare la questione dall’inizio del suo programma politico.Farò in modo che le regole di procedura che disciplinano le varie autorizzazioni per gli OGM siano riviste. Non voglio che la Commissione prenda una decisione contraria alla maggioranza degli Stati membri”. Aveva dichiarato nel mese di luglio 2014 in occasione dell’insediamento della sua nuova squadra.

Gli ambientalisti sono nuovamente sul piede di guerra. Justine Maillot di Greenpeace ha dichiarato: “Sulla procedura di autorizzazione per i prodotti OGM per consumo animale o umano, la Commissione opta per lo stessa clausola di esenzione che conferisce agli Stati membri l’ultima parola sulla coltivazione. Mentre ci aspettavamo una vera riforma procedurale”. E ha aggiunto che autorizzare le importazioni di OGM in un singolo mercato nazionale è come approvarle in tutti gli Stati membri. Le associazioni ambientaliste auspicavano invece una reale riforma procedurale che superasse la nazionalizzazione delle scelte in materia di transgenico. E sono scettici anche sulla non chiarezza del legame tra le esenzioni e le regole sulla libera circolazione dei beni nel mercato interno, ma sopratutto verso gli accordi commerciali internazionali. Alla luce anche dei negoziati in atto riguardanti il Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) con gli Stati Uniti, la patria degli OGM.

Greenpeace, insieme a Friends of the Earth Europe e Slow Food ha quindi inviato una lettera al presidente della Commissione UE, nella quale viene sottolineato come tentativi per spostare la responsabilità per questo tipo di coltivazioni dal livello comunitario a quello nazionale non renderebbero l’UE più democratica perché la Commissione sarebbe sempre in grado di autorizzare gli OGM contro la maggioranza del Consiglio, del Parlamento e del popolo europeo. “Junker, che ha promesso di riformare il sistema delle autorizzazioni – ha poi sottolineato il direttore di Greenpeace Europa Jorgo Risspotrebbe invece finire per approvare più coltivazioni OGM sotto la bandiera del libero commercio, spazzando via le preoccupazioni dei cittadini europei e i rischi per l’ambiente”.

Le associazioni verdi non sono, però, l’unica voce ad esprimere rammarico per l’introduzione di un’altra clausola di esenzione. “La Commissione europea persiste nel suo errore di abbandonare il livello europeo di regolamentazione degli OGM, al fine di rinazionalizzare il processo decisionale”, ha detto José Bové, Eurodeputato francese dei Verdi.

Tuttavia, il già sentito ritornello “l’ultima parola agli Stati”, riesce a scontentare anche il settore agricolo. Che sottolinea i gravi impatti economici e sociali che la revisione potrebbe causare. Evidenziabili in significative perdite di posti di lavoro e minori investimenti nella catena agroalimentare con una grave distorsione della concorrenza tra i Paesi che autorizzano gli OGM e quelli che li vietano. Un rischio per il mercato interno che potrebbe arrivare a minare addirittura  i requisiti di base dei trattati UE. Posizione sostenuta da Pekka Pesonen, Segretario generale dell’organizzazione europea degli agricoltori e delle cooperative agricole (Copa-Cogeca).

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

dicembre 11, 2017

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

Esiste un avamposto della biodiversità sulla Terra prima della “fine del mondo”: si chiama Global Seed Vault (GSV) e si trova nell’arcipelago delle Isole Svalbard a 1.300 chilometri dal Polo Nord. Pochi ne conoscono l’esistenza, ma si tratta del più grande deposito di semi del mondo e potrebbe essere l’ultima risorsa dell’umanità in caso di [...]

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

dicembre 7, 2017

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

Cento storie di imprese virtuose rappresentano il nucleo di partenza del primo Atlante Italiano dell’Economia Circolare – presentato nei giorni scorsi a Roma – che raccoglie esperienze basate sul riutilizzo, sulla riduzione degli sprechi, sulla diminuzione dei rifiuti, sulla reimmissione nel ciclo produttivo di materie prime recuperate (seconde). Il progetto è promosso da Ecodom, il [...]

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

dicembre 6, 2017

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

Si è svolta sabato 2 dicembre, a Parma, la “Giornata interdisciplinare di studio sull’antibiotico-resistenza” organizzata dall’Ordine dei Medici Veterinari di Parma con il sostegno di MSD Animal Health. Undici relatori, moderati dal Dr. Alberto Brizzi, organizzatore e presidente dell’Ordine, hanno illustrato, da prospettive diverse, gli impatti attuali e i rischi futuri relativi alla cosiddetta AMR [...]

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

dicembre 5, 2017

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili, nei primi dieci mesi del 2017 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno raggiunto complessivamente circa 726 MW (+20% rispetto allo stesso periodo del 2016). Si conferma inoltre il trend mensile del fotovoltaico, che con i 29 MW connessi a ottobre 2017 raggiunge quota 352 MW [...]

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

dicembre 5, 2017

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

Il 5 dicembre è la Giornata Mondiale del Suolo. Una celebrazione che in Italia assume un significato particolare, essendo uno dei paesi in Europa con il più alto ritmo di consumo di questa risorsa non rinnovabile. Per questo Fondazione Cariplo ha scelto di lanciare proprio oggi il nuovo portale dedicato all’Ambiente, che avrà il compito di [...]

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

dicembre 1, 2017

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

Il 13 agosto 2017 è entrata in vigore la legge 123/2017, che recepisce la direttiva UE 2015/720 e contiene la nuova normativa sulle borse di plastica, con importanti novità anche per i sacchetti ultraleggeri utilizzati per gli alimenti sfusi (es. frutta e verdura) che non rispettino i criteri di compostabilità e biodegradabilità. In particolare il testo dispone [...]

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

novembre 30, 2017

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

Una campagna all’insegna del beneficio multiplo: più efficienza energetica, risparmio, valore, comfort, attenzione per l’ambiente e salute, sono questi i sei principi cardine che hanno ispirato la creazione della nuova campagna di Rete IRENE (Imprese per la Riqualificazione Energetica negli Edifici) aderente alla Campagna nazionale per l’efficienza energetica “Italia in Classe A”. Lanciata ufficialmente nei giorni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende