Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Una batteria al rabarbaro per accumulare energia in modo pulito. La sfida di Green Energy Storage:

Una batteria al rabarbaro per accumulare energia in modo pulito. La sfida di Green Energy Storage

dicembre 14, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Una batteria al rabarbaro per accumulare energia in modo pulito. E’questa la nuova sfida, in concorrenza con i giganti mondiali, di Green Energy Storage, start-up italiana nata nel 2015 che, dopo aver acquistato il brevetto dalla prestigiosa Università di Harvard, ha conquistato l’interesse di Sorgenia, la prima azienda a testare sul campo il prodotto, in distribuzione sul mercato dal 2018. Una svolta rivoluzionaria che punta a offrire un’alternativa per accumuli “green” non solo ai clienti italiani, ma ai “prosumer” di ogni angolo del pianeta.

Gli uomini e le donne di Green Energy Storage sono un gruppo di professionisti dell’efficienza energetica e dello storage, che non hanno perso tempo dopo aver scoperto la geniale invenzione degli scienziati americani. “Non capita tutti i giorni che si faccia un accordo con la più grande università del mondo. Siamo molto orgogliosi di aver concepito una batteria green in Italia“. Parole di Salvatore Pinto, ingegnere, fondatore e azionista di maggioranza dell’azienda tricolore con ambizioni internazionali.

Il prodotto è a basso costo e ridotto impatto ambientale. “Nello specifico sfruttiamo una molecola prodotta dalle piante durante la fotosintesi: il chinone. Facilmente estraibile dal rabarbaro e da altri vegetali” spiega Pinto, che pensa ad una sinergia con il settore agricolo:  ”il progetto può offrire opportunità ai territori attraverso, per esempio, l’estrazione dai residui del vino o da altre soluzioni“. Valorizzare gli scarti delle lavorazioni agricole ovvero recupero ambientale e valorizzazione economica, senza dimenticare la sostituzione degli elementi chimici nelle batterie che hanno oggi un forte costo ecologico.

Un primo vantaggio della batteria è l’ottimizzazione dell’autoproduzione energetica di aziende e famiglie. E’ stata pensata, infatti, per l’efficienza e il risparmio energetico di abitazioni, edifici commerciali e imprese. “Una risposta concreta alle esigenze dell’energia rinnovabile, sempre più alla ricerca di sistemi che possano garantire in maniera economica ed ecologica l’accumulo di energia” sostiene l’ingegnere,  che traccia le linee di sviluppo aziendali: “il nostro mercato parte dalle case per arrivare ai campi; fino ai grandi operatori“.

Le stime di sviluppo dell’energia da fonti rinnovabili aprono un orizzonte molto interessante anche dal punto di vista economico. Per l’International Energy Agency entro il 2021 il 28% dell’energia elettrica globale verrà prodotta principalmente dal fotovoltaico e dagli impianti eolici onshore. Sono dati che il fondatore di Green Energy Storage porta a dimostrazione della validità del proprio piano di businnes : “Il mercato dello storage vale 200 miliardi di dollari, di cui il 40% in Europa. Noi siamo avanti perché la nostra tecnologia costa meno, vogliamo arrivare a 200 dollari per kilowattora nei prossimi 4 anni. E’ come andare su Marte, noi ci siamo perché presentiamo una batteria funzionante, abbiamo non un unico prodotto, ma una famiglia di batterie che partono da una capacità di 3kW per arrivare fino a 10kW e oltre. Merito del network di competenze che abbiamo messo in campo”.

Tra i protagonisti di questa impresa i cervelli di Harvard – i professori Michael J. Aziz e Roy G. Gordondell’Università di Tor Vergata di Roma (la docente Silvia Licoccia) e la Fondazione Bruno Kessler di Trento. Ma anche un’altra azienda italiana: “Industrie De Nora , anche loro italiani ma con un mercato mondiale: operano in 23 paesi con un fatturato di 600 milioni di euro. Alleanze fondamentali per diventare un ‘azienda globale, poi per crescere cerchiamo investimenti negli USA”, aggiunge Pinto, che in Italia ha stretto un legame con Sorgenia, che affiancherà la start up attraverso un progetto a lungo termine.“Lo sviluppo di soluzioni economiche ed ecocompatibili di stoccaggio dell’energia – spiega il CEO dell’operatore milanese Gianfilippo Mancini – consentirà ai consumatori di immagazzinare la propria auto produzione rinnovabile e, grazie anche a software evoluti di dispacciamento e di controllo dei propri consumi, di rendersi autonomi dalla rete elettrica. Abbiamo perciò individuato in Energy Green Storage il partner ideale per sperimentare e sviluppare questo nuovo modello integrato”.

La batteria ha ricevuto finanziamenti nazionali e internazionali importanti: “Possiamo contare su un investimento di 2 milioni di euro della Commissione Europea, con il programma Horizon 2020, e altri 3 milioni di euro dalla Provincia Autonoma di Trento“, conclude Pinto. Ora il giudizio passa al mercato.

Gian Basilio Nieddu

 


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende