Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Una batteria al rabarbaro per accumulare energia in modo pulito. La sfida di Green Energy Storage:

Una batteria al rabarbaro per accumulare energia in modo pulito. La sfida di Green Energy Storage

dicembre 14, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Una batteria al rabarbaro per accumulare energia in modo pulito. E’questa la nuova sfida, in concorrenza con i giganti mondiali, di Green Energy Storage, start-up italiana nata nel 2015 che, dopo aver acquistato il brevetto dalla prestigiosa Università di Harvard, ha conquistato l’interesse di Sorgenia, la prima azienda a testare sul campo il prodotto, in distribuzione sul mercato dal 2018. Una svolta rivoluzionaria che punta a offrire un’alternativa per accumuli “green” non solo ai clienti italiani, ma ai “prosumer” di ogni angolo del pianeta.

Gli uomini e le donne di Green Energy Storage sono un gruppo di professionisti dell’efficienza energetica e dello storage, che non hanno perso tempo dopo aver scoperto la geniale invenzione degli scienziati americani. “Non capita tutti i giorni che si faccia un accordo con la più grande università del mondo. Siamo molto orgogliosi di aver concepito una batteria green in Italia“. Parole di Salvatore Pinto, ingegnere, fondatore e azionista di maggioranza dell’azienda tricolore con ambizioni internazionali.

Il prodotto è a basso costo e ridotto impatto ambientale. “Nello specifico sfruttiamo una molecola prodotta dalle piante durante la fotosintesi: il chinone. Facilmente estraibile dal rabarbaro e da altri vegetali” spiega Pinto, che pensa ad una sinergia con il settore agricolo:  ”il progetto può offrire opportunità ai territori attraverso, per esempio, l’estrazione dai residui del vino o da altre soluzioni“. Valorizzare gli scarti delle lavorazioni agricole ovvero recupero ambientale e valorizzazione economica, senza dimenticare la sostituzione degli elementi chimici nelle batterie che hanno oggi un forte costo ecologico.

Un primo vantaggio della batteria è l’ottimizzazione dell’autoproduzione energetica di aziende e famiglie. E’ stata pensata, infatti, per l’efficienza e il risparmio energetico di abitazioni, edifici commerciali e imprese. “Una risposta concreta alle esigenze dell’energia rinnovabile, sempre più alla ricerca di sistemi che possano garantire in maniera economica ed ecologica l’accumulo di energia” sostiene l’ingegnere,  che traccia le linee di sviluppo aziendali: “il nostro mercato parte dalle case per arrivare ai campi; fino ai grandi operatori“.

Le stime di sviluppo dell’energia da fonti rinnovabili aprono un orizzonte molto interessante anche dal punto di vista economico. Per l’International Energy Agency entro il 2021 il 28% dell’energia elettrica globale verrà prodotta principalmente dal fotovoltaico e dagli impianti eolici onshore. Sono dati che il fondatore di Green Energy Storage porta a dimostrazione della validità del proprio piano di businnes : “Il mercato dello storage vale 200 miliardi di dollari, di cui il 40% in Europa. Noi siamo avanti perché la nostra tecnologia costa meno, vogliamo arrivare a 200 dollari per kilowattora nei prossimi 4 anni. E’ come andare su Marte, noi ci siamo perché presentiamo una batteria funzionante, abbiamo non un unico prodotto, ma una famiglia di batterie che partono da una capacità di 3kW per arrivare fino a 10kW e oltre. Merito del network di competenze che abbiamo messo in campo”.

Tra i protagonisti di questa impresa i cervelli di Harvard – i professori Michael J. Aziz e Roy G. Gordondell’Università di Tor Vergata di Roma (la docente Silvia Licoccia) e la Fondazione Bruno Kessler di Trento. Ma anche un’altra azienda italiana: “Industrie De Nora , anche loro italiani ma con un mercato mondiale: operano in 23 paesi con un fatturato di 600 milioni di euro. Alleanze fondamentali per diventare un ‘azienda globale, poi per crescere cerchiamo investimenti negli USA”, aggiunge Pinto, che in Italia ha stretto un legame con Sorgenia, che affiancherà la start up attraverso un progetto a lungo termine.“Lo sviluppo di soluzioni economiche ed ecocompatibili di stoccaggio dell’energia – spiega il CEO dell’operatore milanese Gianfilippo Mancini – consentirà ai consumatori di immagazzinare la propria auto produzione rinnovabile e, grazie anche a software evoluti di dispacciamento e di controllo dei propri consumi, di rendersi autonomi dalla rete elettrica. Abbiamo perciò individuato in Energy Green Storage il partner ideale per sperimentare e sviluppare questo nuovo modello integrato”.

La batteria ha ricevuto finanziamenti nazionali e internazionali importanti: “Possiamo contare su un investimento di 2 milioni di euro della Commissione Europea, con il programma Horizon 2020, e altri 3 milioni di euro dalla Provincia Autonoma di Trento“, conclude Pinto. Ora il giudizio passa al mercato.

Gian Basilio Nieddu

 


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende