Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Una sindaca in tribunale: Matilde Casa, colpevole di risanamento ambientale:

Una sindaca in tribunale: Matilde Casa, colpevole di risanamento ambientale

maggio 4, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Passino gli appalti truccati, i favoritismi, gli abusi di potere, la cementificazione selvaggia, ma il risanamento ambientale, per un sindaco italiano, rischia di essere veramente un oltraggio, nonostante l’articolo 9 della Costituzione, che recita: “La Repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”. A Lauriano, in provincia di Torino, paese industriale di 1.496 residenti – nel 1861 erano 2.262 – la sindaca Matilde Casa, 52 anni, laureata in Scienze Agrarie (non è un dettaglio), è sotto processo perché ha trasformato un terreno edificabile, già in precedenza agricolo, nuovamente in agricolo!

Eccezione alla regola in una nazione di palazzinari che hanno stravolto paesaggi, abbruttito borghi storici, rovinato litorali, provocato disastri naturali e seminato vittime innocenti. Ma per la sindaca è arrivato il rinvio a giudizio per abuso d’ufficio: secondo la tesi dei magistrati Matilde Casa, denunciata insieme al segretario e ad un tecnico comunale, ha creato un danno economico al proprietario del terreno, che intende costruire decine di case. L’amministratore, benché la decisione sia stata regolarmente votata dal consiglio comunale, è accusato di violazione dell’articolo 97 della Costituzione, quello che ne prescrive l’imparzialità.

Una tegola pesante per questa “Campionessa d’Italia”, che non ci nasconde la sua preoccupazione: “Trovarsi davanti ad un giudice e rischiare 4 anni non è per niente bello. Aspetto con ansia le ultime udienze (l’ultima sarà il 17 maggio, NdR), una situazione paradossale. Doveva capitare proprio a me che ho fatto abbattere un ecomostro!“. Una recidiva dunque. Matilde è diventata l’eroina di tanti cittadini ma lei, da scienziata del suolo, non arma di poesia e romanticismo la sua battaglia, preferisce calcoli e ragionamenti: “Da quando ci sono io in Comune ho assistito a quattro frane e smottamenti che ci sono costati 500mila euro. Sono soldi dei cittadini“. Non è solo l’incanto del paesaggio, ma l’analisi costi/benefici a far maturare le scelte di un sindaco responsabile che, nei giorni scorsi, ha visto mobilitarsi, a suo favore, una petizione sulla piattaforma Change.org.

La passione per l’ambiente non è comunque fiorita nel terreno conteso, ma sbocciata già dal primo anno di amministrazione. “Siamo stati il primo Comune in Piemonte ad aver installato le casette pubbliche dell’acqua, nel 2008, all’inizio della legislatura, ora tante amministrazioni hanno adottato questa misura, ma siamo stati all’avanguardia – racconta orgogliosa la sindaca – Abbiamo scommesso sul fotovoltaico arrivando a pareggiare i costi, i pannelli sono stati installati anche su una pensilina dell’autobus dove abbiamo montato delle prese per le bici elettriche che ancora non abbiamo, ma stiamo cercando i fondi. Lo stato dell’ambiente non cambia per queste iniziative, ma è importante dare un esempio, creare un modello“. Ovvero sensibilizzare i cittadini, fare da guida, trasmettere conoscenze e comportamenti virtuosi. Come dicevamo, c’è poi sempre anche il lato economico di questa progettualità green. “L’illuminazione è stata convertita a led dieci anni fa con un risparmio enorme per le casse comunali, quindi per il cittadino“.

Un’altra scelta di forte impatto politico e avanguardistico è stata quella di rifiutare un finanziamento pubblico – spesso un alibi per molti amministratori che sventolano la bandiera del “non possiamo far perdere soldi alla comunità”. Matilde e colleghi di maggioranza, al contrario, hanno rispedito al mittente un finanziamento di 400mila euro per costruire ex novo una scuola elementare: “Abbiamo rifiutato quei soldi e preso un immobile da ristrutturare nel centro storico. Una decisione che costa, stiamo pagando ancora il mutuo, ma in prospettiva si sarà realizzato un intervento per migliorare la qualità della vita dei cittadini“, recuperando l’esistente. Un esempio di quanto possa essere “fastidioso” un amministratore onesto che fa il proprio lavoro con coscienza e senso del bene pubblico, simile a quello della collega di San Lazzaro di Savena (di cui avevamo già parlato in questa rubrica), a favore di un’idea di sviluppo diverso.

“Siamo un paese industriale – dice Matilde Casa – sede di un’unità produttiva di Luxottica con più di mille dipendenti e di un caseificio che produce mozzarelle per tutta Italia, ma crediamo che ambiente e industria possano coesistere. Il suolo però non è un bene infinito“. Parlano i numeri: 1.500 abitanti e 750 immobili, una casa ogni due persone, un terzo vuota. Un deserto sociale. “La popolazione è in calo perché c’è un problema di servizi: mancano i trasporti efficienti e la banda larga“. Vuote le culle, vuote le case, vuoti anche i campi. E qui parte un’iniziativa singolare per l’Italia – in Francia esiste già – che mira a vivificare e fertilizzare quei terreni agricoli silenti con proprietari assenti. Lande desolate, in preda all’incuria. “Siamo tra i primi ad aver pensato ad un’associazione fondiaria e proposto alla Regione una legge in questa direzione, che metta insieme i proprietari, usando i terreni silenti per avere così della superficie che qualcuno possa gestire – spiega la sindaca – Purtroppo manca uno strumento legislativo, eppure solo in questo modo è possibile fare concretamente la manutenzione del territorio”. Prevenire invece di curare, ecco la filosofia pragmatica di Matilde, tutta da difendere. Ora anche in un’ aula di tribunale.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende