Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Una sindaca in tribunale: Matilde Casa, colpevole di risanamento ambientale:

Una sindaca in tribunale: Matilde Casa, colpevole di risanamento ambientale

maggio 4, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Passino gli appalti truccati, i favoritismi, gli abusi di potere, la cementificazione selvaggia, ma il risanamento ambientale, per un sindaco italiano, rischia di essere veramente un oltraggio, nonostante l’articolo 9 della Costituzione, che recita: “La Repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”. A Lauriano, in provincia di Torino, paese industriale di 1.496 residenti – nel 1861 erano 2.262 – la sindaca Matilde Casa, 52 anni, laureata in Scienze Agrarie (non è un dettaglio), è sotto processo perché ha trasformato un terreno edificabile, già in precedenza agricolo, nuovamente in agricolo!

Eccezione alla regola in una nazione di palazzinari che hanno stravolto paesaggi, abbruttito borghi storici, rovinato litorali, provocato disastri naturali e seminato vittime innocenti. Ma per la sindaca è arrivato il rinvio a giudizio per abuso d’ufficio: secondo la tesi dei magistrati Matilde Casa, denunciata insieme al segretario e ad un tecnico comunale, ha creato un danno economico al proprietario del terreno, che intende costruire decine di case. L’amministratore, benché la decisione sia stata regolarmente votata dal consiglio comunale, è accusato di violazione dell’articolo 97 della Costituzione, quello che ne prescrive l’imparzialità.

Una tegola pesante per questa “Campionessa d’Italia”, che non ci nasconde la sua preoccupazione: “Trovarsi davanti ad un giudice e rischiare 4 anni non è per niente bello. Aspetto con ansia le ultime udienze (l’ultima sarà il 17 maggio, NdR), una situazione paradossale. Doveva capitare proprio a me che ho fatto abbattere un ecomostro!“. Una recidiva dunque. Matilde è diventata l’eroina di tanti cittadini ma lei, da scienziata del suolo, non arma di poesia e romanticismo la sua battaglia, preferisce calcoli e ragionamenti: “Da quando ci sono io in Comune ho assistito a quattro frane e smottamenti che ci sono costati 500mila euro. Sono soldi dei cittadini“. Non è solo l’incanto del paesaggio, ma l’analisi costi/benefici a far maturare le scelte di un sindaco responsabile che, nei giorni scorsi, ha visto mobilitarsi, a suo favore, una petizione sulla piattaforma Change.org.

La passione per l’ambiente non è comunque fiorita nel terreno conteso, ma sbocciata già dal primo anno di amministrazione. “Siamo stati il primo Comune in Piemonte ad aver installato le casette pubbliche dell’acqua, nel 2008, all’inizio della legislatura, ora tante amministrazioni hanno adottato questa misura, ma siamo stati all’avanguardia – racconta orgogliosa la sindaca – Abbiamo scommesso sul fotovoltaico arrivando a pareggiare i costi, i pannelli sono stati installati anche su una pensilina dell’autobus dove abbiamo montato delle prese per le bici elettriche che ancora non abbiamo, ma stiamo cercando i fondi. Lo stato dell’ambiente non cambia per queste iniziative, ma è importante dare un esempio, creare un modello“. Ovvero sensibilizzare i cittadini, fare da guida, trasmettere conoscenze e comportamenti virtuosi. Come dicevamo, c’è poi sempre anche il lato economico di questa progettualità green. “L’illuminazione è stata convertita a led dieci anni fa con un risparmio enorme per le casse comunali, quindi per il cittadino“.

Un’altra scelta di forte impatto politico e avanguardistico è stata quella di rifiutare un finanziamento pubblico – spesso un alibi per molti amministratori che sventolano la bandiera del “non possiamo far perdere soldi alla comunità”. Matilde e colleghi di maggioranza, al contrario, hanno rispedito al mittente un finanziamento di 400mila euro per costruire ex novo una scuola elementare: “Abbiamo rifiutato quei soldi e preso un immobile da ristrutturare nel centro storico. Una decisione che costa, stiamo pagando ancora il mutuo, ma in prospettiva si sarà realizzato un intervento per migliorare la qualità della vita dei cittadini“, recuperando l’esistente. Un esempio di quanto possa essere “fastidioso” un amministratore onesto che fa il proprio lavoro con coscienza e senso del bene pubblico, simile a quello della collega di San Lazzaro di Savena (di cui avevamo già parlato in questa rubrica), a favore di un’idea di sviluppo diverso.

“Siamo un paese industriale – dice Matilde Casa – sede di un’unità produttiva di Luxottica con più di mille dipendenti e di un caseificio che produce mozzarelle per tutta Italia, ma crediamo che ambiente e industria possano coesistere. Il suolo però non è un bene infinito“. Parlano i numeri: 1.500 abitanti e 750 immobili, una casa ogni due persone, un terzo vuota. Un deserto sociale. “La popolazione è in calo perché c’è un problema di servizi: mancano i trasporti efficienti e la banda larga“. Vuote le culle, vuote le case, vuoti anche i campi. E qui parte un’iniziativa singolare per l’Italia – in Francia esiste già – che mira a vivificare e fertilizzare quei terreni agricoli silenti con proprietari assenti. Lande desolate, in preda all’incuria. “Siamo tra i primi ad aver pensato ad un’associazione fondiaria e proposto alla Regione una legge in questa direzione, che metta insieme i proprietari, usando i terreni silenti per avere così della superficie che qualcuno possa gestire – spiega la sindaca – Purtroppo manca uno strumento legislativo, eppure solo in questo modo è possibile fare concretamente la manutenzione del territorio”. Prevenire invece di curare, ecco la filosofia pragmatica di Matilde, tutta da difendere. Ora anche in un’ aula di tribunale.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

gennaio 17, 2017

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

“Giardini d’Autore“, la mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini, presso il Parco Federico Fellini, location dal fascino intramontabile, per l’edizione di primavera 2017, in programma dal 17 al 19 marzo. La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia. Un appuntamento [...]

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

gennaio 17, 2017

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, in Toscana, è nato nel 1985 in seguito a una proposta di legge di iniziativa popolare per tutelare dagli scempi estrattivi una catena montuosa unica al mondo, impervia e affacciata sul mare, con una biodiversità eccezionale (vede la presenza del 50% delle specie vegetali riconosciute in Italia, 28 habitat [...]

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

gennaio 12, 2017

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 [...]

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

gennaio 11, 2017

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

Dal 1° gennaio 2017 le aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, che nei mesi scorsi avevano emesso una gara congiunta per la fornitura di energia elettrica, si riforniscono solo più con energia prodotta da fonti rinnovabili. L’opzione “verde”, che impegna il fornitore a consegnare energia al 100% ottenuta da fonti rinnovabili certificate, consentirà di evitare l’immissione [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende