Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Una sindaca in tribunale: Matilde Casa, colpevole di risanamento ambientale:

Una sindaca in tribunale: Matilde Casa, colpevole di risanamento ambientale

maggio 4, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Passino gli appalti truccati, i favoritismi, gli abusi di potere, la cementificazione selvaggia, ma il risanamento ambientale, per un sindaco italiano, rischia di essere veramente un oltraggio, nonostante l’articolo 9 della Costituzione, che recita: “La Repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”. A Lauriano, in provincia di Torino, paese industriale di 1.496 residenti – nel 1861 erano 2.262 – la sindaca Matilde Casa, 52 anni, laureata in Scienze Agrarie (non è un dettaglio), è sotto processo perché ha trasformato un terreno edificabile, già in precedenza agricolo, nuovamente in agricolo!

Eccezione alla regola in una nazione di palazzinari che hanno stravolto paesaggi, abbruttito borghi storici, rovinato litorali, provocato disastri naturali e seminato vittime innocenti. Ma per la sindaca è arrivato il rinvio a giudizio per abuso d’ufficio: secondo la tesi dei magistrati Matilde Casa, denunciata insieme al segretario e ad un tecnico comunale, ha creato un danno economico al proprietario del terreno, che intende costruire decine di case. L’amministratore, benché la decisione sia stata regolarmente votata dal consiglio comunale, è accusato di violazione dell’articolo 97 della Costituzione, quello che ne prescrive l’imparzialità.

Una tegola pesante per questa “Campionessa d’Italia”, che non ci nasconde la sua preoccupazione: “Trovarsi davanti ad un giudice e rischiare 4 anni non è per niente bello. Aspetto con ansia le ultime udienze (l’ultima sarà il 17 maggio, NdR), una situazione paradossale. Doveva capitare proprio a me che ho fatto abbattere un ecomostro!“. Una recidiva dunque. Matilde è diventata l’eroina di tanti cittadini ma lei, da scienziata del suolo, non arma di poesia e romanticismo la sua battaglia, preferisce calcoli e ragionamenti: “Da quando ci sono io in Comune ho assistito a quattro frane e smottamenti che ci sono costati 500mila euro. Sono soldi dei cittadini“. Non è solo l’incanto del paesaggio, ma l’analisi costi/benefici a far maturare le scelte di un sindaco responsabile che, nei giorni scorsi, ha visto mobilitarsi, a suo favore, una petizione sulla piattaforma Change.org.

La passione per l’ambiente non è comunque fiorita nel terreno conteso, ma sbocciata già dal primo anno di amministrazione. “Siamo stati il primo Comune in Piemonte ad aver installato le casette pubbliche dell’acqua, nel 2008, all’inizio della legislatura, ora tante amministrazioni hanno adottato questa misura, ma siamo stati all’avanguardia – racconta orgogliosa la sindaca – Abbiamo scommesso sul fotovoltaico arrivando a pareggiare i costi, i pannelli sono stati installati anche su una pensilina dell’autobus dove abbiamo montato delle prese per le bici elettriche che ancora non abbiamo, ma stiamo cercando i fondi. Lo stato dell’ambiente non cambia per queste iniziative, ma è importante dare un esempio, creare un modello“. Ovvero sensibilizzare i cittadini, fare da guida, trasmettere conoscenze e comportamenti virtuosi. Come dicevamo, c’è poi sempre anche il lato economico di questa progettualità green. “L’illuminazione è stata convertita a led dieci anni fa con un risparmio enorme per le casse comunali, quindi per il cittadino“.

Un’altra scelta di forte impatto politico e avanguardistico è stata quella di rifiutare un finanziamento pubblico – spesso un alibi per molti amministratori che sventolano la bandiera del “non possiamo far perdere soldi alla comunità”. Matilde e colleghi di maggioranza, al contrario, hanno rispedito al mittente un finanziamento di 400mila euro per costruire ex novo una scuola elementare: “Abbiamo rifiutato quei soldi e preso un immobile da ristrutturare nel centro storico. Una decisione che costa, stiamo pagando ancora il mutuo, ma in prospettiva si sarà realizzato un intervento per migliorare la qualità della vita dei cittadini“, recuperando l’esistente. Un esempio di quanto possa essere “fastidioso” un amministratore onesto che fa il proprio lavoro con coscienza e senso del bene pubblico, simile a quello della collega di San Lazzaro di Savena (di cui avevamo già parlato in questa rubrica), a favore di un’idea di sviluppo diverso.

“Siamo un paese industriale – dice Matilde Casa – sede di un’unità produttiva di Luxottica con più di mille dipendenti e di un caseificio che produce mozzarelle per tutta Italia, ma crediamo che ambiente e industria possano coesistere. Il suolo però non è un bene infinito“. Parlano i numeri: 1.500 abitanti e 750 immobili, una casa ogni due persone, un terzo vuota. Un deserto sociale. “La popolazione è in calo perché c’è un problema di servizi: mancano i trasporti efficienti e la banda larga“. Vuote le culle, vuote le case, vuoti anche i campi. E qui parte un’iniziativa singolare per l’Italia – in Francia esiste già – che mira a vivificare e fertilizzare quei terreni agricoli silenti con proprietari assenti. Lande desolate, in preda all’incuria. “Siamo tra i primi ad aver pensato ad un’associazione fondiaria e proposto alla Regione una legge in questa direzione, che metta insieme i proprietari, usando i terreni silenti per avere così della superficie che qualcuno possa gestire – spiega la sindaca – Purtroppo manca uno strumento legislativo, eppure solo in questo modo è possibile fare concretamente la manutenzione del territorio”. Prevenire invece di curare, ecco la filosofia pragmatica di Matilde, tutta da difendere. Ora anche in un’ aula di tribunale.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende