Home » Rubriche »Very Important Planet » Una telecamera per l’ambiente. Ignazio Figus regista di pastori e contadini:

Una telecamera per l’ambiente. Ignazio Figus regista di pastori e contadini

gennaio 27, 2017 Rubriche, Very Important Planet

Nato in Sardegna, nella catalana Alghero nel 1960, ma nuorese e barbaricino d’adozione, Ignazio Figus è un regista di documentari antropologici e responsabile del settore produzione audiovisiva dell’Istituto Superiore Regionale Etnografico della Sardegna. Le sue opere sono dedicate a piccole comunità, come in “Giorni di Lollove”, all’affascinante storia dei campanari sardi in “Toccos e Ripiccos”, all’agricoltura in “La lavorazione del lino a Busachi”, al lavoro in campagna in “Trittico pastorale” e “Giuseppe, Pastore di periferia” che racconta la resistenza di un allevatore di città. Ed infine “Ab Origine” dedicato all’alimentazione sostenibile. Una filmografia molto “green” e legata al millenario rapporto tra uomo e natura.

D) Ignazio nei tuoi documentari il soggetto principale (non potrebbe essere diversamente per un antropologo), è l’uomo, ma sempre a contatto con la natura. Cosa ti appassiona, in particolare, in questo rapporto?

R) L’ ambiente è una costante del mio lavoro e nasce per l’attenzione al pastoralismo.  Ho dedicato una parte importante della mia carriera alla ricerca sull’essere pastori oggi individuando il pastore come colui che ancora vive il territorio. Un elemento armonico, una sorta di mediatore tra le sue  esigenze di lavoro e quelle della natura che lo circonda. Nel documentario “Tritico Pastorale” documento cosa succede quando la modernità modifica l’equilibrio tra uomo e natura. Si tratta di un approccio alle tematiche ambientali con una figura simbolo come quella del pastore. Il paradosso è evidente nel film “Giuseppe, pastore di periferia” dove Nuoro, città e capitale del pastoralismo, contende a questo allevatore il diritto a continuare a lavorare. La periferia lo aggredisce e lo rigetta. Giuseppe era una persona pacata e di grande saggezza che affrontava la questione con filosofia, ma nella sua storia emerge il rapporto conflittuale tra città e campagna, dove la città ha perso e smarrito  la sua  memoria storica.

D) L’ambiente è anche il tema  del tuo ultimo documentario “Ab Origine” dove però cambia la prospettiva. Una lettura sulle attuali tendenze alimentari…

R)  In questo lavoro ho cercato di mettere in relazione chi vive in città  con il mondo della campagna. I protagonisti del film sono una comunità che, ad un certo punto della propria vita, cambia abitudini, sia nell’alimentazione, decidendo cosa mangiare, che nella qualità delle loro relazioni. Mi viene il termine ecologia delle relazioni… Le persone non cambiano solo il loro modo di consumare, attraverso l’acquisto dei prodotti dei contadini,  ma formano una vera e propria comunità con obiettivi, aspettative, legami. Tutti uniti da una forte esigenza di naturalità, vedono nel ritorno alla terra l’unico modo per affrancarsi da una vita non soddisfacente, uno strumento per liberarsi dai veleni. L’emancipazione dall’alienazione del vivere contemporaneo.

D) Il documentario è, di fatto, una vera  e propria inchiesta sul movimento biologico in Sardegna, con un personaggio principale che ha animato questa comunità. Chi è e chi sono gli altri protagonisti del racconto?

R)  Il film è incentrato sulla figura dell’agronomo poeta Maurizio Fadda, uno dei promotori dell’agricoltura biologica in Sardegna, che  ha svolto un gran lavoro di animazione sul campo. Ma con lui  c’è tutta una comunità. Ci sono in particolare i nuovi contadini, con un’istruzione alta, che perso il lavoro per la crisi  hanno deciso di diventare agricoltori,  ma con una forte consapevolezza. Dimostrando che è possibile ottenere del reddito, anche se non alto, e vivere dignitosamente dalla terra. Soggetti che confermano la reale possibilità di fare delle cose nell’ambiente e per l’ambiente. Si tratta di una sorta di utopia realizzata o in fase di realizzazione. E poi  ci sono coloro che consumano il cibo a chilometro zero, a filiera corta e che si organizzano con i mercatini del biologico e i gruppi d’acquisto…

D) E’evidente che l’ambiente è un tema determinante nel tuo lavoro di regista, ma quali sono, secondo te, i maggiori pericoli ecologici per il nostro pianeta?

R)  Ci sono i temi, purtroppo, classici come il riscaldamento globale, l‘inquinamento atmosferico e tanti altri che non trovano una soluzione per l’incapacità della politica di leggerli con la giusta razionalità. Una serie di problemi che ci porteranno, inevitabilmente, al disastro. Oltre queste urgenze planetarie ci sono le nostre pessime abitudini. Io credo che l’atteggiamento del singolo possa contribuire, e non poco, ad un maggiore equilibrio con la natura. In “Ab Origine”  faccio parlare una piccola comunità che decide in modo compatto e dimostra che è possibile il cambiamento.

D) E tu? Dai seguito a questa attenzione ecologica anche nella tua vita quotidiana?

R) Io, mia moglie, i miei figli siamo diventati assidui frequentatori del mercatino del biologico realizzato da questa comunità. Ho sempre una grande attenzione, nei limiti di ciò che è possibile, per l’ambiente: vado a lavorare in bici, in una città non proprio comoda per le due ruote come Nuoro, evito di sprecare acqua. Attraverso la somma dei comportamenti individuali è possibile la  rivoluzione ecologica…

D) Il cinema può aiutare a far diventare più “green” questo mondo?

R) Penso proprio di si, il cinema è un veicolo molto efficace, può avere una valenza positiva. Dopo le proiezioni di “Ab Origine” si sviluppano dei dibattiti, partecipa anche Maurizio che spiega il modello che in alcuni casi è stato adottato in altri contesti. A Nuoro la comunità cresce e oggi oltre il mercatino si è tornato a coltivare il grano…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende