Home » Rubriche »Very Important Planet » Un’auto (a idrogeno) per sfuggire all’apocalisse. Intervista a Gianluigi Ricuperati:

Un’auto (a idrogeno) per sfuggire all’apocalisse. Intervista a Gianluigi Ricuperati

ottobre 14, 2011 Rubriche, Very Important Planet

Scrittore, giornalista, eclettico opinionista dai modi gentili e dai pensieri coraggiosi. Gianluigi Ricuperati, 33 anni e un primo fortunatissimo romanzo in libreria, “Il mio impero è nell’aria” (Minimum Fax, 305 pp., 15 €), dopo anni in cui si è dedicato al saggismo di vario genere, sui temi dell’ambiente ha l’approccio dello scettico. Nessuna retorica, molta onestà: le società occidentali, pigre, dovrebbero e potrebbero fare molto di più per preservare i disastri ecologici. Un “mea culpa” collettivo e sincero, che parte, prima di tutto, da se stesso e dalla sua quotidianità di torinese che ama “le comodità”.

D) Gianluigi Ricuperati, ti definisci un ecologista?

R) Lo sono meno di quanto sarebbe corretto essere. Dovrei usare la bicicletta ma non lo faccio. Prendo un centinaio di aerei all’anno. No, non posso definirmi tale. Ma se avessi voce in capitolo, destinerei così tante risorse nella giusta direzione che un giorno qualcuno potrà dirsi ecologista pur prendendo cento aerei all’anno e scorrazzando in giro con Vespa e automobili: all’idrogeno, magari

D) Pensi dunque che saranno le politiche mondiali, i maxi vertici delle grandi potenze, a risolvere i problemi ambientali, oppure l’educazione dei singoli cittadini?

R) Sospetto banalmente che la via efficace risieda a metà strada tra le due opzioni.

D) Quali sono i tuoi gesti quotidiani in favore dell’ambiente?

R) Raccolta differenziata e non buttare cartacce per terra.

D) Hai un tuo “paradiso terrestre”, il paesaggio più bello che hai visto nella tua vita?

R) Sì, sono le Hawaii, che ho visitato l’anno scorso e che mi sembrano il trionfo della coesistenza pacifica di ecosistemi meravigliosamente diversi tra loro.

D) Che rapporto hai con la natura? Fai sport, cammini, vai in montagna, mare, campagna?

R) Mi piacciono i campeggi. Mi piace il calcio, ma non posso più praticarlo con quel sano brutale egoismo che mi permetteva di scartare, dribblare, divertirmi nella più completa caotica danza del sé.

D) Perché?

R) L’asma, stigma di un’infanzia fantastica e piena di letture e immersioni nei fumetti e nelle immagini di ogni tipo, è andata via col finire dell’adolescenza, ma ha lasciato in dono un angoscioso fiato corto, che m’impedisce di giocare come vorrei e forse, nei sogni retroattivi, potrei.

D) La metropoli più sporca che hai visitato o in cui hai vissuto?

R) Tra quelle “civili”, Bologna.

D) Dai un giudizio sulla tua città, Torino, dal punto di vista ambientale. Partiamo dalla Ztl.

R) Ottima. La allargherei imponendo un ingresso costoso a chi viene in auto in centro al sabato e alla domenica, e forse con parte dei proventi si potrebbero sostenere più dignitosamente i servizi delle biblioteche civiche e diversi eventi culturali.

D) E sul servizio bike sharing?

R) Mi sembra formidabile. Da aumentare a dismisura, anche se io vado in Vespa o in taxi o in auto. Ma vedo persone felici inforcare le bici gialle e rilasciarle al loro posto dopo l’uso, in una perfetta esecuzione della partitura di un paese nordico.

D) Quanto a traffico e inquinamento?

R) Sull’inquinamento non mi pronuncio, credo all’amaro verdetto delle statistiche, assai preoccupanti. Sul traffico, a istinto, mi pare di poter dire, con ogni grano di onestà, che ci sono grandi città messe peggio.

D) La letteratura si sta dedicando sempre più ai temi ambientali: ad esempio Ian McEwan, uscito negli scorsi mesi con il nuovo libro “Solar”, ma anche molti italiani, autori di romanzi per lo più catastrofici sulle sorti ecologiche del mondo. Il grande topos della “Natura” è destinato ad acquisire ormai una declinazione apocalittica?

R) Non si deve parlare mai di “ormai” quando si discute di letteratura di qualità. E’ un limite, e nel superamento di tali limiti alligna il senso della ricerca formale, linguistica ed espressiva delle arti, e della letteratura in quanto arte. Il tono apocalittico è parte dell’eredità genetica della sensibilità contemporanea, ma a tutt’oggi ci sono grandi scrittori che lavorano sull’elegiaco puro come fossimo nel Settecento.

D) Hai mai pensato di scrivere un romanzo sul genere?

R) Sì. Ogni tanto capita che mi svegli di notte con qualche idea di un mondo annegato, essicato, petroliferizzato: poi smetto di pensarci quando vengo atterrito piacevolmente dai primi raggi di sole, e d’altro canto realizzo che viviamo già in un mondo del genere, in parte. Ciononostante, il sole il cielo e il paesaggio delle città e delle campagne mi confortano e rendono felice di essere qui, vivo, ora.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende