Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Un’idea di trekking in regalo alle Pro Loco. Piercarlo Perassi e il cammino da Torino al Monviso:

Un’idea di trekking in regalo alle Pro Loco. Piercarlo Perassi e il cammino da Torino al Monviso

ottobre 11, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Il disegno di un itinerario tra natura e cultura, tra pianura e montagna, può trasformarsi in leva di marketing territoriale, sull’esempio dei grandi cammini europei come quello di Santiago o la via Francigena? E generare così piccole (ma utili) ricadute economiche tra le comunità di montagna? Ne è convinto Piercarlo “Nanni” Perassi, nato a Paesana ma da anni cittadino di Torino, dove lavora nel settore delle assicurazioni, nonostante al “paesello” ci torni ogni fine settimana. Un amante della montagna, “non per forza alpinista”, che pratica spesso il trekking e ha pensato bene di ideare e poi collaudare il percorso Torino-Monviso, dalla centralissima Piazza Castello alla vetta della montagna! In numeri: da 239 a 3.841 metri sul livello del mare.

Un’escursione divisa in cinque tappe ricche di rimandi a tematismi storici e naturali. E senza nessun pregiudizio. Non aspettatevi, dunque, solo campi, alberi, cicale, casali e panorami naturali. Piercarlo ha inserito anche Mirafiori, la capitale dell’operaismo italiano, mito dell’industrializzazione nazionale. “E subito dopo la tappa proletaria segue quella aristocratica della Reggia di Venaria, come dire il diavolo e l’acqua santa” sottolinea Perassi che ha “riempito” di contenuti il trekking tra città e montagna.

Un lavoro impegnativo, ma non per il nostro “Campione” di oggi, che di viaggi e carte geografiche se ne intende: “Sono coordinatore dei gruppi dell’Angolo dell’Avventura. Sono stato nelle Ande, in Bolivia, in Alaska, ho fatto safari…”. Esperienza tornata utile in questo viaggio forse meno avventuroso, ma non meno emozionante.

“Ho cercato di limitare la compagnia perché si è trattata di una prova sperimentale con la valutazione dei tempi di percorrenza – osserva Piercarlo – Un tentativo di segnare un tragitto, riuscito. Ho studiato, mi sono preparato con la logica di fare un cammino simile a quelli percorsi in tutta Europa dagli amanti del trekking, evitando vie asfaltate o trafficate. L’obiettivo è quello di partire in forma autogestita. Ho scelto punti significativi dal punto di vista storico e inserito come tappa finale il Monviso”. Anche se sul “traguardo” da tagliare è flessibile: “L’idea è di limitare il giro al rifugio perché è accessibile quasi a tutti, rispetto all’ascensione in vetta che richiede competenze di un certo livello“.

Un progetto chiaro, disegnato anche con gli amici  che lo hanno accompagnato lungo alcune tappe dell’itinerario, molto vissuto: “Le notti sono state quattro, nella parte in pianura ho pernottato in un hotel, poi a Paesana dove ho dormito a casa mia; nella terza tappa ci siamo fermati in un rifugio a bassa quota ed infine al Rifugio Quintino Sella da dove poi si è partiti per la vetta”.

Dopo il racconto del cammino Piercarlo spiega il modello organizzativo: “Un percorso, con la classificazione di tempi e dislivelli, da gestire senza scopo di lucro dalle Pro Loco o da associazioni di camminatori. Regalo volentieri il progetto perché credo in questo tipo di turismo a basso impatto ambientale, che valorizza anche i siti storici, architettonici, naturali”.

Il progetto è ad alto contenuto emozionale e non solo per i paesaggi naturali. E’ avvincente la storia dei valdesi di Ostana, il paese dove furono perseguitati: non potevano seppellire i propri cari. I cadaveri venivano, dunque,  spostati di notte e di nascosto  fino alla frazione Calcinere di Paesana. Insomma si passa per la ‘via dei mort’ o “Vio d’i mort” in occitano. Poi il Santuario di San Chiaffredo di Crissolo dove si possono ammirare una gran quantità di ex voto.

Storia antica e storia recente: “Ho coinvolto un signore che conosce bene il sentiero e ci ha fatto vedere alcune fenditure dove si rifugiavano i partigiani durante la resistenza e sono presenti ancora diversi cimeli”. Un altro tema di forte interesse per Piercarlo.
Il sentiero c’è, il modello organizzativo pure e non manca l’interesse degli enti del territorio come il Parco naturale del Monviso, con il presidente che ha apprezzato il lavoro e non esclude il patrocinio. Qualcosa finalmente si muove.

Intanto per chi vuole provarlo, si tratta di circa un centinaio di chilometri. Piercarlo consiglia di attraversarlo: “da maggio a fine giugno o da settembre fino ad ottobre. Sono i periodi migliori per apprezzare i colori e per il clima più accogliente”. Una esperienza a basso costo: “Scarpe, acqua… E’ un modo per lanciare anche un messaggio di sostenibilità. Ci sono tanti giardini davanti a casa, come questo sentiero, da valorizzare”…

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende