Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Un’idea di trekking in regalo alle Pro Loco. Piercarlo Perassi e il cammino da Torino al Monviso:

Un’idea di trekking in regalo alle Pro Loco. Piercarlo Perassi e il cammino da Torino al Monviso

ottobre 11, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Il disegno di un itinerario tra natura e cultura, tra pianura e montagna, può trasformarsi in leva di marketing territoriale, sull’esempio dei grandi cammini europei come quello di Santiago o la via Francigena? E generare così piccole (ma utili) ricadute economiche tra le comunità di montagna? Ne è convinto Piercarlo “Nanni” Perassi, nato a Paesana ma da anni cittadino di Torino, dove lavora nel settore delle assicurazioni, nonostante al “paesello” ci torni ogni fine settimana. Un amante della montagna, “non per forza alpinista”, che pratica spesso il trekking e ha pensato bene di ideare e poi collaudare il percorso Torino-Monviso, dalla centralissima Piazza Castello alla vetta della montagna! In numeri: da 239 a 3.841 metri sul livello del mare.

Un’escursione divisa in cinque tappe ricche di rimandi a tematismi storici e naturali. E senza nessun pregiudizio. Non aspettatevi, dunque, solo campi, alberi, cicale, casali e panorami naturali. Piercarlo ha inserito anche Mirafiori, la capitale dell’operaismo italiano, mito dell’industrializzazione nazionale. “E subito dopo la tappa proletaria segue quella aristocratica della Reggia di Venaria, come dire il diavolo e l’acqua santa” sottolinea Perassi che ha “riempito” di contenuti il trekking tra città e montagna.

Un lavoro impegnativo, ma non per il nostro “Campione” di oggi, che di viaggi e carte geografiche se ne intende: “Sono coordinatore dei gruppi dell’Angolo dell’Avventura. Sono stato nelle Ande, in Bolivia, in Alaska, ho fatto safari…”. Esperienza tornata utile in questo viaggio forse meno avventuroso, ma non meno emozionante.

“Ho cercato di limitare la compagnia perché si è trattata di una prova sperimentale con la valutazione dei tempi di percorrenza – osserva Piercarlo – Un tentativo di segnare un tragitto, riuscito. Ho studiato, mi sono preparato con la logica di fare un cammino simile a quelli percorsi in tutta Europa dagli amanti del trekking, evitando vie asfaltate o trafficate. L’obiettivo è quello di partire in forma autogestita. Ho scelto punti significativi dal punto di vista storico e inserito come tappa finale il Monviso”. Anche se sul “traguardo” da tagliare è flessibile: “L’idea è di limitare il giro al rifugio perché è accessibile quasi a tutti, rispetto all’ascensione in vetta che richiede competenze di un certo livello“.

Un progetto chiaro, disegnato anche con gli amici  che lo hanno accompagnato lungo alcune tappe dell’itinerario, molto vissuto: “Le notti sono state quattro, nella parte in pianura ho pernottato in un hotel, poi a Paesana dove ho dormito a casa mia; nella terza tappa ci siamo fermati in un rifugio a bassa quota ed infine al Rifugio Quintino Sella da dove poi si è partiti per la vetta”.

Dopo il racconto del cammino Piercarlo spiega il modello organizzativo: “Un percorso, con la classificazione di tempi e dislivelli, da gestire senza scopo di lucro dalle Pro Loco o da associazioni di camminatori. Regalo volentieri il progetto perché credo in questo tipo di turismo a basso impatto ambientale, che valorizza anche i siti storici, architettonici, naturali”.

Il progetto è ad alto contenuto emozionale e non solo per i paesaggi naturali. E’ avvincente la storia dei valdesi di Ostana, il paese dove furono perseguitati: non potevano seppellire i propri cari. I cadaveri venivano, dunque,  spostati di notte e di nascosto  fino alla frazione Calcinere di Paesana. Insomma si passa per la ‘via dei mort’ o “Vio d’i mort” in occitano. Poi il Santuario di San Chiaffredo di Crissolo dove si possono ammirare una gran quantità di ex voto.

Storia antica e storia recente: “Ho coinvolto un signore che conosce bene il sentiero e ci ha fatto vedere alcune fenditure dove si rifugiavano i partigiani durante la resistenza e sono presenti ancora diversi cimeli”. Un altro tema di forte interesse per Piercarlo.
Il sentiero c’è, il modello organizzativo pure e non manca l’interesse degli enti del territorio come il Parco naturale del Monviso, con il presidente che ha apprezzato il lavoro e non esclude il patrocinio. Qualcosa finalmente si muove.

Intanto per chi vuole provarlo, si tratta di circa un centinaio di chilometri. Piercarlo consiglia di attraversarlo: “da maggio a fine giugno o da settembre fino ad ottobre. Sono i periodi migliori per apprezzare i colori e per il clima più accogliente”. Una esperienza a basso costo: “Scarpe, acqua… E’ un modo per lanciare anche un messaggio di sostenibilità. Ci sono tanti giardini davanti a casa, come questo sentiero, da valorizzare”…

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende