Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Un’idea di trekking in regalo alle Pro Loco. Piercarlo Perassi e il cammino da Torino al Monviso:

Un’idea di trekking in regalo alle Pro Loco. Piercarlo Perassi e il cammino da Torino al Monviso

ottobre 11, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Il disegno di un itinerario tra natura e cultura, tra pianura e montagna, può trasformarsi in leva di marketing territoriale, sull’esempio dei grandi cammini europei come quello di Santiago o la via Francigena? E generare così piccole (ma utili) ricadute economiche tra le comunità di montagna? Ne è convinto Piercarlo “Nanni” Perassi, nato a Paesana ma da anni cittadino di Torino, dove lavora nel settore delle assicurazioni, nonostante al “paesello” ci torni ogni fine settimana. Un amante della montagna, “non per forza alpinista”, che pratica spesso il trekking e ha pensato bene di ideare e poi collaudare il percorso Torino-Monviso, dalla centralissima Piazza Castello alla vetta della montagna! In numeri: da 239 a 3.841 metri sul livello del mare.

Un’escursione divisa in cinque tappe ricche di rimandi a tematismi storici e naturali. E senza nessun pregiudizio. Non aspettatevi, dunque, solo campi, alberi, cicale, casali e panorami naturali. Piercarlo ha inserito anche Mirafiori, la capitale dell’operaismo italiano, mito dell’industrializzazione nazionale. “E subito dopo la tappa proletaria segue quella aristocratica della Reggia di Venaria, come dire il diavolo e l’acqua santa” sottolinea Perassi che ha “riempito” di contenuti il trekking tra città e montagna.

Un lavoro impegnativo, ma non per il nostro “Campione” di oggi, che di viaggi e carte geografiche se ne intende: “Sono coordinatore dei gruppi dell’Angolo dell’Avventura. Sono stato nelle Ande, in Bolivia, in Alaska, ho fatto safari…”. Esperienza tornata utile in questo viaggio forse meno avventuroso, ma non meno emozionante.

“Ho cercato di limitare la compagnia perché si è trattata di una prova sperimentale con la valutazione dei tempi di percorrenza – osserva Piercarlo – Un tentativo di segnare un tragitto, riuscito. Ho studiato, mi sono preparato con la logica di fare un cammino simile a quelli percorsi in tutta Europa dagli amanti del trekking, evitando vie asfaltate o trafficate. L’obiettivo è quello di partire in forma autogestita. Ho scelto punti significativi dal punto di vista storico e inserito come tappa finale il Monviso”. Anche se sul “traguardo” da tagliare è flessibile: “L’idea è di limitare il giro al rifugio perché è accessibile quasi a tutti, rispetto all’ascensione in vetta che richiede competenze di un certo livello“.

Un progetto chiaro, disegnato anche con gli amici  che lo hanno accompagnato lungo alcune tappe dell’itinerario, molto vissuto: “Le notti sono state quattro, nella parte in pianura ho pernottato in un hotel, poi a Paesana dove ho dormito a casa mia; nella terza tappa ci siamo fermati in un rifugio a bassa quota ed infine al Rifugio Quintino Sella da dove poi si è partiti per la vetta”.

Dopo il racconto del cammino Piercarlo spiega il modello organizzativo: “Un percorso, con la classificazione di tempi e dislivelli, da gestire senza scopo di lucro dalle Pro Loco o da associazioni di camminatori. Regalo volentieri il progetto perché credo in questo tipo di turismo a basso impatto ambientale, che valorizza anche i siti storici, architettonici, naturali”.

Il progetto è ad alto contenuto emozionale e non solo per i paesaggi naturali. E’ avvincente la storia dei valdesi di Ostana, il paese dove furono perseguitati: non potevano seppellire i propri cari. I cadaveri venivano, dunque,  spostati di notte e di nascosto  fino alla frazione Calcinere di Paesana. Insomma si passa per la ‘via dei mort’ o “Vio d’i mort” in occitano. Poi il Santuario di San Chiaffredo di Crissolo dove si possono ammirare una gran quantità di ex voto.

Storia antica e storia recente: “Ho coinvolto un signore che conosce bene il sentiero e ci ha fatto vedere alcune fenditure dove si rifugiavano i partigiani durante la resistenza e sono presenti ancora diversi cimeli”. Un altro tema di forte interesse per Piercarlo.
Il sentiero c’è, il modello organizzativo pure e non manca l’interesse degli enti del territorio come il Parco naturale del Monviso, con il presidente che ha apprezzato il lavoro e non esclude il patrocinio. Qualcosa finalmente si muove.

Intanto per chi vuole provarlo, si tratta di circa un centinaio di chilometri. Piercarlo consiglia di attraversarlo: “da maggio a fine giugno o da settembre fino ad ottobre. Sono i periodi migliori per apprezzare i colori e per il clima più accogliente”. Una esperienza a basso costo: “Scarpe, acqua… E’ un modo per lanciare anche un messaggio di sostenibilità. Ci sono tanti giardini davanti a casa, come questo sentiero, da valorizzare”…

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende