Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Un’idea di trekking in regalo alle Pro Loco. Piercarlo Perassi e il cammino da Torino al Monviso:

Un’idea di trekking in regalo alle Pro Loco. Piercarlo Perassi e il cammino da Torino al Monviso

ottobre 11, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Il disegno di un itinerario tra natura e cultura, tra pianura e montagna, può trasformarsi in leva di marketing territoriale, sull’esempio dei grandi cammini europei come quello di Santiago o la via Francigena? E generare così piccole (ma utili) ricadute economiche tra le comunità di montagna? Ne è convinto Piercarlo “Nanni” Perassi, nato a Paesana ma da anni cittadino di Torino, dove lavora nel settore delle assicurazioni, nonostante al “paesello” ci torni ogni fine settimana. Un amante della montagna, “non per forza alpinista”, che pratica spesso il trekking e ha pensato bene di ideare e poi collaudare il percorso Torino-Monviso, dalla centralissima Piazza Castello alla vetta della montagna! In numeri: da 239 a 3.841 metri sul livello del mare.

Un’escursione divisa in cinque tappe ricche di rimandi a tematismi storici e naturali. E senza nessun pregiudizio. Non aspettatevi, dunque, solo campi, alberi, cicale, casali e panorami naturali. Piercarlo ha inserito anche Mirafiori, la capitale dell’operaismo italiano, mito dell’industrializzazione nazionale. “E subito dopo la tappa proletaria segue quella aristocratica della Reggia di Venaria, come dire il diavolo e l’acqua santa” sottolinea Perassi che ha “riempito” di contenuti il trekking tra città e montagna.

Un lavoro impegnativo, ma non per il nostro “Campione” di oggi, che di viaggi e carte geografiche se ne intende: “Sono coordinatore dei gruppi dell’Angolo dell’Avventura. Sono stato nelle Ande, in Bolivia, in Alaska, ho fatto safari…”. Esperienza tornata utile in questo viaggio forse meno avventuroso, ma non meno emozionante.

“Ho cercato di limitare la compagnia perché si è trattata di una prova sperimentale con la valutazione dei tempi di percorrenza – osserva Piercarlo – Un tentativo di segnare un tragitto, riuscito. Ho studiato, mi sono preparato con la logica di fare un cammino simile a quelli percorsi in tutta Europa dagli amanti del trekking, evitando vie asfaltate o trafficate. L’obiettivo è quello di partire in forma autogestita. Ho scelto punti significativi dal punto di vista storico e inserito come tappa finale il Monviso”. Anche se sul “traguardo” da tagliare è flessibile: “L’idea è di limitare il giro al rifugio perché è accessibile quasi a tutti, rispetto all’ascensione in vetta che richiede competenze di un certo livello“.

Un progetto chiaro, disegnato anche con gli amici  che lo hanno accompagnato lungo alcune tappe dell’itinerario, molto vissuto: “Le notti sono state quattro, nella parte in pianura ho pernottato in un hotel, poi a Paesana dove ho dormito a casa mia; nella terza tappa ci siamo fermati in un rifugio a bassa quota ed infine al Rifugio Quintino Sella da dove poi si è partiti per la vetta”.

Dopo il racconto del cammino Piercarlo spiega il modello organizzativo: “Un percorso, con la classificazione di tempi e dislivelli, da gestire senza scopo di lucro dalle Pro Loco o da associazioni di camminatori. Regalo volentieri il progetto perché credo in questo tipo di turismo a basso impatto ambientale, che valorizza anche i siti storici, architettonici, naturali”.

Il progetto è ad alto contenuto emozionale e non solo per i paesaggi naturali. E’ avvincente la storia dei valdesi di Ostana, il paese dove furono perseguitati: non potevano seppellire i propri cari. I cadaveri venivano, dunque,  spostati di notte e di nascosto  fino alla frazione Calcinere di Paesana. Insomma si passa per la ‘via dei mort’ o “Vio d’i mort” in occitano. Poi il Santuario di San Chiaffredo di Crissolo dove si possono ammirare una gran quantità di ex voto.

Storia antica e storia recente: “Ho coinvolto un signore che conosce bene il sentiero e ci ha fatto vedere alcune fenditure dove si rifugiavano i partigiani durante la resistenza e sono presenti ancora diversi cimeli”. Un altro tema di forte interesse per Piercarlo.
Il sentiero c’è, il modello organizzativo pure e non manca l’interesse degli enti del territorio come il Parco naturale del Monviso, con il presidente che ha apprezzato il lavoro e non esclude il patrocinio. Qualcosa finalmente si muove.

Intanto per chi vuole provarlo, si tratta di circa un centinaio di chilometri. Piercarlo consiglia di attraversarlo: “da maggio a fine giugno o da settembre fino ad ottobre. Sono i periodi migliori per apprezzare i colori e per il clima più accogliente”. Una esperienza a basso costo: “Scarpe, acqua… E’ un modo per lanciare anche un messaggio di sostenibilità. Ci sono tanti giardini davanti a casa, come questo sentiero, da valorizzare”…

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende