Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Up Sens, la start up trentina che punta al “wellness dell’abitare”:

Up Sens, la start up trentina che punta al “wellness dell’abitare”

giugno 8, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Misurare l’inquinamento dentro casa con un piccolo strumento, senza essere laureati o tecnici specializzati. E’ la promessa di UpSens, una start up innovativa, con base a Trento, che intende lanciare sul mercato dispositivi economici – meno di 200 euro – e facili da usare che permettano di valutare la qualità dell’ambiente casalingo e di lavoro. Il gruppo di ricercatori - Marco Facchini, Daniele Cortellazzi e Alfredo Maglione – guidati da Ketty Paller, fondatrice e CEO, di UpSens, nasce e si forma in Optoelettronica Italia, che nel 1995 diventa il primo spin-off della Divisione Microsistemi di FBK, la Fondazione Bruno Kessler (allora ITC-Irst).

Il collettivo ha ideato e sta realizzando i prototipi di Air e Wave: “Air - spiega Ketty Paller - è in grado di misurare il monossido di carbonio (CO), i VOC (composti organici volatili), la CO2 (con misura indiretta), l’umidità e la temperatura di casa“. In particolare i VOC (o COV in italiano) sono quei composti chimici particolarmente diffusi negli edifici residenziali, come il limonene, il toluene, e la formaldeide, “il più importante da un punto di vista tossicologico e mutageno”.

In pratica, anche se si parla molto poco di inquinamento indoor, dentro casa si nascondono una serie di inquinanti come i materiali da costruzione e gli arredi, ma anche i prodotti per la pulizia, i cosmetici, i deodoranti, i dispositivi di riscaldamento e molti altri. L’insieme di queste fonti può provocare seri problemi “dal disagio sensoriale, fino a gravi alterazioni dello stato di salute“, spiega Ketty, che ricorda come anche il monossido di carbonio, l’anidride carbonica e addirittura l’umidità possano causare allergie e problemi respiratori.

Non sono gli unici pericoli che rendono poco sane le nostre quattro mura, c’è da considerare anche lo smog elettromagnetico prodotto dagli elettrodomestici a iniziare dal router del WI FI, per passare ai cordless, al forno a microonde, televisori e schermi di computer. “Il nostro sensore Wave misura il livello dell’intensità del campo elettrico in un determinato punto della nostra abitazione – illustra il prodotto Ketty – in questo modo è possibile calcolare la distanza ottimale a cui è consigliabile porsi per ridurre il livello delle radiazioni. Wave è unico nel panorama di mercato perché non ha bisogno di collegarsi ad uno smartphone o altro dispositivo per funzionare”.

La filosofia della start up è chiara: strumenti non per operatori professionali, ma a disposizione di tutti (molto belli come design, tra l’altro), per rispondere all’esigenza di quello che Ketty definisce il wellness dell’abitare. Sulla scia del wellness della persona, “uno dei grandi mercati di oggi, 2 miliardi di euro l’anno senza contare quello del cibo sano, il wellness dell’abitare lo diventerà nei prossimi anni”. L’esigenza captata e studiata è quella di vivere e lavorare in ambienti salubri privi di polveri sottili, di emissioni elettromagnetiche, d’inquinanti derivati da vernici e materiali. Del resto “si vive l’80 % del tempo all’interno di edifici – casa, scuola, ufficio – dove sono presenti inquinanti, polveri e aria malsana. Mal di testa, asma, allergie e malattie respiratorie, ma anche tumori, sono spesso dovuti alla qualità dell’aria che respiriamo e all’inquinamento degli ambienti, indoor e outdoor, in cui viviamo”.

I sensori non risolvono il problema, ma sfornano la diagnosi utile per agire: “puntiamo alla creazione di una community per realizzare un data base che permetta di avere indicatori oggettivi – sottolinea Ketty – e ad un blog dove fornire le indicazioni per limitare l’inquinamento”. E’evidente l’interazione con settori come la bioedilizia.

Per poter produrre in serie Air, Wave (oggi prototipi) ed altri dispositivi il team UpSens dovrà però raccogliere altri finanziamenti, che intende trovare grazie ad una piattaforma di equity crowdfunding .Servono 195 mila euro per realizzare l’industrializzazione e fare il lancio di mercato – dice Ketty – ma il target di raccolta ottimale è fissato a 300 mila euro per accelerare i tempi e strutturare al meglio il lavoro. Pensiamo di arrivare  sul mercato italiano ad aprile 2017 prevalentemente con la vendita on line ma in un secondo momento vogliamo stringere accordi con la Grande Distribuzione perché siamo sicuri che molte persone che hanno minore cultura digitale sono comunque  interessate ai nostri sensori”.

Ketty e soci, intanto, pensano già a strumenti da utilizzare anche fuori casa. I loro dispositivi sono infatti modulari e ad una base comune si possono montare sensori specifici. Per farsi un’idea degli sviluppi, anche internazionali, di questo mercato delle “rilevazioni”, basta pensare ad un paese, come la Cina, dove il problema dell’inquinamento atmosferico è particolarmente critico e misurare l’aria diventerà se non obbligo, una necessità per i cittadini.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende