Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Up Sens, la start up trentina che punta al “wellness dell’abitare”:

Up Sens, la start up trentina che punta al “wellness dell’abitare”

giugno 8, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Misurare l’inquinamento dentro casa con un piccolo strumento, senza essere laureati o tecnici specializzati. E’ la promessa di UpSens, una start up innovativa, con base a Trento, che intende lanciare sul mercato dispositivi economici – meno di 200 euro – e facili da usare che permettano di valutare la qualità dell’ambiente casalingo e di lavoro. Il gruppo di ricercatori - Marco Facchini, Daniele Cortellazzi e Alfredo Maglione – guidati da Ketty Paller, fondatrice e CEO, di UpSens, nasce e si forma in Optoelettronica Italia, che nel 1995 diventa il primo spin-off della Divisione Microsistemi di FBK, la Fondazione Bruno Kessler (allora ITC-Irst).

Il collettivo ha ideato e sta realizzando i prototipi di Air e Wave: “Air - spiega Ketty Paller - è in grado di misurare il monossido di carbonio (CO), i VOC (composti organici volatili), la CO2 (con misura indiretta), l’umidità e la temperatura di casa“. In particolare i VOC (o COV in italiano) sono quei composti chimici particolarmente diffusi negli edifici residenziali, come il limonene, il toluene, e la formaldeide, “il più importante da un punto di vista tossicologico e mutageno”.

In pratica, anche se si parla molto poco di inquinamento indoor, dentro casa si nascondono una serie di inquinanti come i materiali da costruzione e gli arredi, ma anche i prodotti per la pulizia, i cosmetici, i deodoranti, i dispositivi di riscaldamento e molti altri. L’insieme di queste fonti può provocare seri problemi “dal disagio sensoriale, fino a gravi alterazioni dello stato di salute“, spiega Ketty, che ricorda come anche il monossido di carbonio, l’anidride carbonica e addirittura l’umidità possano causare allergie e problemi respiratori.

Non sono gli unici pericoli che rendono poco sane le nostre quattro mura, c’è da considerare anche lo smog elettromagnetico prodotto dagli elettrodomestici a iniziare dal router del WI FI, per passare ai cordless, al forno a microonde, televisori e schermi di computer. “Il nostro sensore Wave misura il livello dell’intensità del campo elettrico in un determinato punto della nostra abitazione – illustra il prodotto Ketty – in questo modo è possibile calcolare la distanza ottimale a cui è consigliabile porsi per ridurre il livello delle radiazioni. Wave è unico nel panorama di mercato perché non ha bisogno di collegarsi ad uno smartphone o altro dispositivo per funzionare”.

La filosofia della start up è chiara: strumenti non per operatori professionali, ma a disposizione di tutti (molto belli come design, tra l’altro), per rispondere all’esigenza di quello che Ketty definisce il wellness dell’abitare. Sulla scia del wellness della persona, “uno dei grandi mercati di oggi, 2 miliardi di euro l’anno senza contare quello del cibo sano, il wellness dell’abitare lo diventerà nei prossimi anni”. L’esigenza captata e studiata è quella di vivere e lavorare in ambienti salubri privi di polveri sottili, di emissioni elettromagnetiche, d’inquinanti derivati da vernici e materiali. Del resto “si vive l’80 % del tempo all’interno di edifici – casa, scuola, ufficio – dove sono presenti inquinanti, polveri e aria malsana. Mal di testa, asma, allergie e malattie respiratorie, ma anche tumori, sono spesso dovuti alla qualità dell’aria che respiriamo e all’inquinamento degli ambienti, indoor e outdoor, in cui viviamo”.

I sensori non risolvono il problema, ma sfornano la diagnosi utile per agire: “puntiamo alla creazione di una community per realizzare un data base che permetta di avere indicatori oggettivi – sottolinea Ketty – e ad un blog dove fornire le indicazioni per limitare l’inquinamento”. E’evidente l’interazione con settori come la bioedilizia.

Per poter produrre in serie Air, Wave (oggi prototipi) ed altri dispositivi il team UpSens dovrà però raccogliere altri finanziamenti, che intende trovare grazie ad una piattaforma di equity crowdfunding .Servono 195 mila euro per realizzare l’industrializzazione e fare il lancio di mercato – dice Ketty – ma il target di raccolta ottimale è fissato a 300 mila euro per accelerare i tempi e strutturare al meglio il lavoro. Pensiamo di arrivare  sul mercato italiano ad aprile 2017 prevalentemente con la vendita on line ma in un secondo momento vogliamo stringere accordi con la Grande Distribuzione perché siamo sicuri che molte persone che hanno minore cultura digitale sono comunque  interessate ai nostri sensori”.

Ketty e soci, intanto, pensano già a strumenti da utilizzare anche fuori casa. I loro dispositivi sono infatti modulari e ad una base comune si possono montare sensori specifici. Per farsi un’idea degli sviluppi, anche internazionali, di questo mercato delle “rilevazioni”, basta pensare ad un paese, come la Cina, dove il problema dell’inquinamento atmosferico è particolarmente critico e misurare l’aria diventerà se non obbligo, una necessità per i cittadini.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende