Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Up Sens, la start up trentina che punta al “wellness dell’abitare”:

Up Sens, la start up trentina che punta al “wellness dell’abitare”

giugno 8, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Misurare l’inquinamento dentro casa con un piccolo strumento, senza essere laureati o tecnici specializzati. E’ la promessa di UpSens, una start up innovativa, con base a Trento, che intende lanciare sul mercato dispositivi economici – meno di 200 euro – e facili da usare che permettano di valutare la qualità dell’ambiente casalingo e di lavoro. Il gruppo di ricercatori - Marco Facchini, Daniele Cortellazzi e Alfredo Maglione – guidati da Ketty Paller, fondatrice e CEO, di UpSens, nasce e si forma in Optoelettronica Italia, che nel 1995 diventa il primo spin-off della Divisione Microsistemi di FBK, la Fondazione Bruno Kessler (allora ITC-Irst).

Il collettivo ha ideato e sta realizzando i prototipi di Air e Wave: “Air - spiega Ketty Paller - è in grado di misurare il monossido di carbonio (CO), i VOC (composti organici volatili), la CO2 (con misura indiretta), l’umidità e la temperatura di casa“. In particolare i VOC (o COV in italiano) sono quei composti chimici particolarmente diffusi negli edifici residenziali, come il limonene, il toluene, e la formaldeide, “il più importante da un punto di vista tossicologico e mutageno”.

In pratica, anche se si parla molto poco di inquinamento indoor, dentro casa si nascondono una serie di inquinanti come i materiali da costruzione e gli arredi, ma anche i prodotti per la pulizia, i cosmetici, i deodoranti, i dispositivi di riscaldamento e molti altri. L’insieme di queste fonti può provocare seri problemi “dal disagio sensoriale, fino a gravi alterazioni dello stato di salute“, spiega Ketty, che ricorda come anche il monossido di carbonio, l’anidride carbonica e addirittura l’umidità possano causare allergie e problemi respiratori.

Non sono gli unici pericoli che rendono poco sane le nostre quattro mura, c’è da considerare anche lo smog elettromagnetico prodotto dagli elettrodomestici a iniziare dal router del WI FI, per passare ai cordless, al forno a microonde, televisori e schermi di computer. “Il nostro sensore Wave misura il livello dell’intensità del campo elettrico in un determinato punto della nostra abitazione – illustra il prodotto Ketty – in questo modo è possibile calcolare la distanza ottimale a cui è consigliabile porsi per ridurre il livello delle radiazioni. Wave è unico nel panorama di mercato perché non ha bisogno di collegarsi ad uno smartphone o altro dispositivo per funzionare”.

La filosofia della start up è chiara: strumenti non per operatori professionali, ma a disposizione di tutti (molto belli come design, tra l’altro), per rispondere all’esigenza di quello che Ketty definisce il wellness dell’abitare. Sulla scia del wellness della persona, “uno dei grandi mercati di oggi, 2 miliardi di euro l’anno senza contare quello del cibo sano, il wellness dell’abitare lo diventerà nei prossimi anni”. L’esigenza captata e studiata è quella di vivere e lavorare in ambienti salubri privi di polveri sottili, di emissioni elettromagnetiche, d’inquinanti derivati da vernici e materiali. Del resto “si vive l’80 % del tempo all’interno di edifici – casa, scuola, ufficio – dove sono presenti inquinanti, polveri e aria malsana. Mal di testa, asma, allergie e malattie respiratorie, ma anche tumori, sono spesso dovuti alla qualità dell’aria che respiriamo e all’inquinamento degli ambienti, indoor e outdoor, in cui viviamo”.

I sensori non risolvono il problema, ma sfornano la diagnosi utile per agire: “puntiamo alla creazione di una community per realizzare un data base che permetta di avere indicatori oggettivi – sottolinea Ketty – e ad un blog dove fornire le indicazioni per limitare l’inquinamento”. E’evidente l’interazione con settori come la bioedilizia.

Per poter produrre in serie Air, Wave (oggi prototipi) ed altri dispositivi il team UpSens dovrà però raccogliere altri finanziamenti, che intende trovare grazie ad una piattaforma di equity crowdfunding .Servono 195 mila euro per realizzare l’industrializzazione e fare il lancio di mercato – dice Ketty – ma il target di raccolta ottimale è fissato a 300 mila euro per accelerare i tempi e strutturare al meglio il lavoro. Pensiamo di arrivare  sul mercato italiano ad aprile 2017 prevalentemente con la vendita on line ma in un secondo momento vogliamo stringere accordi con la Grande Distribuzione perché siamo sicuri che molte persone che hanno minore cultura digitale sono comunque  interessate ai nostri sensori”.

Ketty e soci, intanto, pensano già a strumenti da utilizzare anche fuori casa. I loro dispositivi sono infatti modulari e ad una base comune si possono montare sensori specifici. Per farsi un’idea degli sviluppi, anche internazionali, di questo mercato delle “rilevazioni”, basta pensare ad un paese, come la Cina, dove il problema dell’inquinamento atmosferico è particolarmente critico e misurare l’aria diventerà se non obbligo, una necessità per i cittadini.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende