Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Vacanze eco-solidali in fattoria. L’esperienza ventennale di WWOOF Italia:

Vacanze eco-solidali in fattoria. L’esperienza ventennale di WWOOF Italia

settembre 7, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Far conoscere i ritmi della natura, valorizzare la vita rurale e promuovere il lavoro agricolo con l’ospitalità nelle fattorie, ma pure organizzare campi di lavoro sulla bioedilizia e sostenere filiere ecosolidali. Sono nobili gli obiettivi di WWOOFWorld-Wide Opportunities on Organic Farms, associazione nata nel Regno Unito quasi 50 anni fa (nel 1971 per la precisione) e approdata in Italia ufficialmente nel 2000. Un movimento, quello nazionale, che conta oggi oltre 800 aziende associate e che ha saputo tracciare una originale “via italiana”, ripresa dalle associazioni gemelle di altre nazioni, andando oltre il tradizionale scambio (vitto e alloggio in azienda contro lavoro nei campi). Da noi funziona in modo diverso, come ci spiega Claudio Pozzi, presidente nazionale di WWOOF.

“La missione principale dell’associazione è mettere in contatto le aziende che fanno agricoltura organica con le persone interessate a vivere l’esperienza di vita rurale – sintetizza Pozzi – ma in Italia abbiamo sviluppato una visione olistica con un’ attenzione verso aspetti legati alla qualità della vita quotidiana. Da noi la formula WWOOF non è mai stata vitto e alloggio in cambio di lavoro, un’equazione che riteniamo riduttiva. Il nostro scambio non è riconducibile ad un’attività subordinata, il volontario non paga l’accoglienza con la sua prestazione“.

Se si scorrono le pagine del sito internet dell’associazione si scoprono, infatti, attività diverse e legate a progetti di solidarietà come Made in Italy, Made in World dove i soci WWOOF sostengono – anche con il lavoro organizzativo e di promozione – la coltivazione di cotone bio in Tanzania che viene poi lavorato e confezionato da artigiani e cooperative di Biella. Un circuito solidale rispettoso dell’ambiente e dei diritti dei lavoratori. “Abbiamo una forte attenzione alla finanza etica, partecipiamo a Banca Etica, Mag6, Caes e sosteniamo, anche economicamente, dei progetti sul campo con i fondi dell’associazione – sostiene il responsabile nazionale – ma non li finanziamo mai al 100%: devono avere un riconoscimento di utilità sociale da parte del territorio dove nascono. Sarebbe assurdo puntare su progetti slegati dai luoghi e dalle comunità di origine”.

Tra le prossime iniziative di WWOOF, ad esempio, ci sono i campi di lavoro in Valledolmo, in provincia di Palermo, dall’ 1 al 25 ottobre, dove si sta costruendo in bioedilizia il Villaggio Garcia con materiali locali (pietra, paglia, terra cruda e canne) come si legge nel programma di lavoro: tetto in canne, intonaco  interno in terra cruda ed esterno in calce,  finestre con le bottiglie. Tutto naturale. “Nei campi si assolve un compito specifico: dall’ intonacatura all’impianto di fitodepurazione”, illustra il presidente, “in questo modo si va a condividere un’ esperienza specifica e non la quotidianità. Sono progetti nuovi, sta crescendo l’interesse verso queste esperienze di autocostruzione dove si consolidano le relazioni tra i soci. Stiamo costruendo una rete, un processo lento ma siamo vicini al traguardo”.

Si raccolgono i frutti di un lavoro iniziato quasi vent’anni fa. “L’associazione ha preso piede in Centro Italia dove si è sviluppato un interessante movimento a favore dell’ agricoltura biologica“, dice Pozzi. “All’inizio le persone interessate erano soprattutto stranieri che volevano vivere un’esperienza rurale in Italia, poi con la riscoperta del mondo agricolo sono aumentati i volontari italiani. E’ cresciuta anche l’accoglienza nelle residenze agricole che non sono necessariamente aziende, ci sono liberi professionisti o insegnanti che vivono e si dedicano all’autoproduzione e offrono ospitalità”. Il lato economico non è rilevante, vince la filosofia della condivisione dei principi della vita rurale.

Più che una agenzia che mette in contatto rurali e neo-rurali, per usare un termine caro ai sociologi, WWOOF Italia è un ‘associazione che promuove la cultura agricola e difende il ruolo e la figura del contadino/agricoltore. “Collaboriamo con la Rete Semi Rurali per la tutela della biodiversità, puntando allo sviluppo di progetti di ricerca per l’innovazione, naturalmente compatibili con l’agricoltura organica”. Si lavora, in sostanza, per un futuro delle campagne denso di esperienze e tecniche recuperata dal passato: va bene il progresso, purché sia tutto al naturale.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende