Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Vai col vento! eTa Blades e la rigenerazione dei parchi eolici a fine vita:

Vai col vento! eTa Blades e la rigenerazione dei parchi eolici a fine vita

maggio 8, 2019 Campioni d'Italia, Rubriche

Anche per i primi parchi eolici è giunta l’ora del fine vita: pale e turbine da rottamare. Un’operazione costosa sia economicamente che nell’impatto ambientale. Ma ora esiste una soluzione alternativa: invece di staccare la spina è possibile allungare la vita alle turbine, cambiando solo le pale. Un bel risparmio in materia prima e risorse da impiegare.

Il progetto di rigenerazione senza ruspe è firmato da eTa Blades una ex start up di Fano, nelle Marche, diventata ormai azienda adulta. In Italia è leader nella progettazione, sviluppo e produzione di pale: ne ha realizzate  oltre 2.000 dal 2012 ad oggi.

Una storia di successo che nasce in mare, come ci spiega l’ingegnere  Giovanni Manni fondatore e amministratore delegato di eTa Blades: “Nasciamo nel 2011, dopo circa 1 anno di lavoro dedicato a capire se l’idea avesse un senso“. Lunga e meditata riflessione: “Veniamo dal settore nautico di altissimo livello. Io sono laureato in ingegneria, ho avuto la cattedra per 8 anni nel Master di Yacht Design, poi 10 anni come direttore qualità materiali compositi a Wally e direttore qualità del gruppo Ferretti“.

Ma come avviene il salto dal settore nautico alla nuova avventura imprenditoriale? Anche questa – come per tanti “Campioni d’Italia” di cui abbiamo raccontato la genesi – è una storia in cui la crisi diventa un’opportunità. “Nel 2010 il mercato navale crolla – ci spiega Manni – Abbiamo pensato allora all’applicazione del materiale composito, molto utilizzato nelle navi, per la costruzione delle pale eoliche“. Puntare su questo materiale nel settore energetico rappresenta il perno per l’investimento imprenditoriale: “Coltivavo da tempo l’idea che le pale potessero essere molto più performanti grazie a una costruzione ‘spinta’ con il composito”.

Il primo obiettivo di eTa Blades è proporre sul mercato delle pale con efficienze maggiori di quelle già presenti: “Mi dicevano che al massimo avremmo potuto ottenere un aumento dell’efficienza pari al 2/3 % , ma io ero convinto che non fosse sufficiente e di poter arrivare al 15/20%. Ho trovato un gruppo di imprenditori che hanno creduto in me. Dopo 1 anno e mezzo era pronto il primo prototipo che sulla carta produceva il 18% in più rispetto alla pala che doveva sostituire“. L’avvio della sperimentazione però si scontra con le consuete lungaggini burocratiche. Poi finalmente il risultato sul campo: “Si è montato il primo prototipo su una turbina e dopo 2 anni di monitoraggio abbiamo avuto curve di potenza certificate tra il 15 e il 20%” ricorda Manni, che non cela un certo orgoglio per aver vinto la sua battaglia navigando controvento.

“Iniziammo le installazioni in parchi eolici e in molte aziende, tra i maggiori player del settore. Queste pale offrivano, per la prima volta sul mercato, la doppia possibilità di essere installate su turbine nuove o su quelle vecchie”. Questa opzione è fondamentale in un’ottica di sostenibilità. “L’elemento più critico sulla lunga distanza – ci spiega l’ingegnere – è il rotore. La turbina ha un ciclo di vita di 20 anni e poi deve essere sostituita. Ma l’elemento più esposto all’usura sono le pale. Le nostre, oltre a produrre di più, incidono di meno sugli altri componenti e si allunga così il ciclo di vita dell’intero sistema”. In parole povere cambiando solo le pale si riesce ad allungare la vita dei parchi. Il concetto chiave di eTa Blades è il  re-blading, ovvero il miglioramento delle performance e l’allungamento del ciclo di vita dell’impianto eolico. “Bisogna rafforzarli, tenerli in piedi, renderli più efficienti con la produzione di maggiore energia – aggiunge Manni -. Una grande percentuale di parchi entro il 2022/23 arriverà a fine vita. I primi grandi parchi risalgono infatti al 2004/2005. Che ne facciamo? Smantellare è un disastro. E rispetto alle nuove esigenze i siti sono troppo piccoli”.

Inoltre, va ricordato anche che siamo vicini al fine vita degli incentivi e se la produzione di energia deve essere sostenibile ecologicamente, lo deve essere pure economicamente. “Il nostro progetto permette di ottenere più energia dai siti meno ventosi quindi generare profitto anche dai parchi più marginali. Le nuove pale permettono di sfruttare meglio le ventosità minori. In Italia abbiamo sempre comprato le turbine dei paesi del Nord Europea, dove c’è più vento, mentre le nostre sono state progettate studiando le condizioni tipiche del Mediterraneo”. Genio italico.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende