Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Vai col vento! eTa Blades e la rigenerazione dei parchi eolici a fine vita:

Vai col vento! eTa Blades e la rigenerazione dei parchi eolici a fine vita

maggio 8, 2019 Campioni d'Italia, Rubriche

Anche per i primi parchi eolici è giunta l’ora del fine vita: pale e turbine da rottamare. Un’operazione costosa sia economicamente che nell’impatto ambientale. Ma ora esiste una soluzione alternativa: invece di staccare la spina è possibile allungare la vita alle turbine, cambiando solo le pale. Un bel risparmio in materia prima e risorse da impiegare.

Il progetto di rigenerazione senza ruspe è firmato da eTa Blades una ex start up di Fano, nelle Marche, diventata ormai azienda adulta. In Italia è leader nella progettazione, sviluppo e produzione di pale: ne ha realizzate  oltre 2.000 dal 2012 ad oggi.

Una storia di successo che nasce in mare, come ci spiega l’ingegnere  Giovanni Manni fondatore e amministratore delegato di eTa Blades: “Nasciamo nel 2011, dopo circa 1 anno di lavoro dedicato a capire se l’idea avesse un senso“. Lunga e meditata riflessione: “Veniamo dal settore nautico di altissimo livello. Io sono laureato in ingegneria, ho avuto la cattedra per 8 anni nel Master di Yacht Design, poi 10 anni come direttore qualità materiali compositi a Wally e direttore qualità del gruppo Ferretti“.

Ma come avviene il salto dal settore nautico alla nuova avventura imprenditoriale? Anche questa – come per tanti “Campioni d’Italia” di cui abbiamo raccontato la genesi – è una storia in cui la crisi diventa un’opportunità. “Nel 2010 il mercato navale crolla – ci spiega Manni – Abbiamo pensato allora all’applicazione del materiale composito, molto utilizzato nelle navi, per la costruzione delle pale eoliche“. Puntare su questo materiale nel settore energetico rappresenta il perno per l’investimento imprenditoriale: “Coltivavo da tempo l’idea che le pale potessero essere molto più performanti grazie a una costruzione ‘spinta’ con il composito”.

Il primo obiettivo di eTa Blades è proporre sul mercato delle pale con efficienze maggiori di quelle già presenti: “Mi dicevano che al massimo avremmo potuto ottenere un aumento dell’efficienza pari al 2/3 % , ma io ero convinto che non fosse sufficiente e di poter arrivare al 15/20%. Ho trovato un gruppo di imprenditori che hanno creduto in me. Dopo 1 anno e mezzo era pronto il primo prototipo che sulla carta produceva il 18% in più rispetto alla pala che doveva sostituire“. L’avvio della sperimentazione però si scontra con le consuete lungaggini burocratiche. Poi finalmente il risultato sul campo: “Si è montato il primo prototipo su una turbina e dopo 2 anni di monitoraggio abbiamo avuto curve di potenza certificate tra il 15 e il 20%” ricorda Manni, che non cela un certo orgoglio per aver vinto la sua battaglia navigando controvento.

“Iniziammo le installazioni in parchi eolici e in molte aziende, tra i maggiori player del settore. Queste pale offrivano, per la prima volta sul mercato, la doppia possibilità di essere installate su turbine nuove o su quelle vecchie”. Questa opzione è fondamentale in un’ottica di sostenibilità. “L’elemento più critico sulla lunga distanza – ci spiega l’ingegnere – è il rotore. La turbina ha un ciclo di vita di 20 anni e poi deve essere sostituita. Ma l’elemento più esposto all’usura sono le pale. Le nostre, oltre a produrre di più, incidono di meno sugli altri componenti e si allunga così il ciclo di vita dell’intero sistema”. In parole povere cambiando solo le pale si riesce ad allungare la vita dei parchi. Il concetto chiave di eTa Blades è il  re-blading, ovvero il miglioramento delle performance e l’allungamento del ciclo di vita dell’impianto eolico. “Bisogna rafforzarli, tenerli in piedi, renderli più efficienti con la produzione di maggiore energia – aggiunge Manni -. Una grande percentuale di parchi entro il 2022/23 arriverà a fine vita. I primi grandi parchi risalgono infatti al 2004/2005. Che ne facciamo? Smantellare è un disastro. E rispetto alle nuove esigenze i siti sono troppo piccoli”.

Inoltre, va ricordato anche che siamo vicini al fine vita degli incentivi e se la produzione di energia deve essere sostenibile ecologicamente, lo deve essere pure economicamente. “Il nostro progetto permette di ottenere più energia dai siti meno ventosi quindi generare profitto anche dai parchi più marginali. Le nuove pale permettono di sfruttare meglio le ventosità minori. In Italia abbiamo sempre comprato le turbine dei paesi del Nord Europea, dove c’è più vento, mentre le nostre sono state progettate studiando le condizioni tipiche del Mediterraneo”. Genio italico.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende