Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Vai col vento! eTa Blades e la rigenerazione dei parchi eolici a fine vita:

Vai col vento! eTa Blades e la rigenerazione dei parchi eolici a fine vita

maggio 8, 2019 Campioni d'Italia, Rubriche

Anche per i primi parchi eolici è giunta l’ora del fine vita: pale e turbine da rottamare. Un’operazione costosa sia economicamente che nell’impatto ambientale. Ma ora esiste una soluzione alternativa: invece di staccare la spina è possibile allungare la vita alle turbine, cambiando solo le pale. Un bel risparmio in materia prima e risorse da impiegare.

Il progetto di rigenerazione senza ruspe è firmato da eTa Blades una ex start up di Fano, nelle Marche, diventata ormai azienda adulta. In Italia è leader nella progettazione, sviluppo e produzione di pale: ne ha realizzate  oltre 2.000 dal 2012 ad oggi.

Una storia di successo che nasce in mare, come ci spiega l’ingegnere  Giovanni Manni fondatore e amministratore delegato di eTa Blades: “Nasciamo nel 2011, dopo circa 1 anno di lavoro dedicato a capire se l’idea avesse un senso“. Lunga e meditata riflessione: “Veniamo dal settore nautico di altissimo livello. Io sono laureato in ingegneria, ho avuto la cattedra per 8 anni nel Master di Yacht Design, poi 10 anni come direttore qualità materiali compositi a Wally e direttore qualità del gruppo Ferretti“.

Ma come avviene il salto dal settore nautico alla nuova avventura imprenditoriale? Anche questa – come per tanti “Campioni d’Italia” di cui abbiamo raccontato la genesi – è una storia in cui la crisi diventa un’opportunità. “Nel 2010 il mercato navale crolla – ci spiega Manni – Abbiamo pensato allora all’applicazione del materiale composito, molto utilizzato nelle navi, per la costruzione delle pale eoliche“. Puntare su questo materiale nel settore energetico rappresenta il perno per l’investimento imprenditoriale: “Coltivavo da tempo l’idea che le pale potessero essere molto più performanti grazie a una costruzione ‘spinta’ con il composito”.

Il primo obiettivo di eTa Blades è proporre sul mercato delle pale con efficienze maggiori di quelle già presenti: “Mi dicevano che al massimo avremmo potuto ottenere un aumento dell’efficienza pari al 2/3 % , ma io ero convinto che non fosse sufficiente e di poter arrivare al 15/20%. Ho trovato un gruppo di imprenditori che hanno creduto in me. Dopo 1 anno e mezzo era pronto il primo prototipo che sulla carta produceva il 18% in più rispetto alla pala che doveva sostituire“. L’avvio della sperimentazione però si scontra con le consuete lungaggini burocratiche. Poi finalmente il risultato sul campo: “Si è montato il primo prototipo su una turbina e dopo 2 anni di monitoraggio abbiamo avuto curve di potenza certificate tra il 15 e il 20%” ricorda Manni, che non cela un certo orgoglio per aver vinto la sua battaglia navigando controvento.

“Iniziammo le installazioni in parchi eolici e in molte aziende, tra i maggiori player del settore. Queste pale offrivano, per la prima volta sul mercato, la doppia possibilità di essere installate su turbine nuove o su quelle vecchie”. Questa opzione è fondamentale in un’ottica di sostenibilità. “L’elemento più critico sulla lunga distanza – ci spiega l’ingegnere – è il rotore. La turbina ha un ciclo di vita di 20 anni e poi deve essere sostituita. Ma l’elemento più esposto all’usura sono le pale. Le nostre, oltre a produrre di più, incidono di meno sugli altri componenti e si allunga così il ciclo di vita dell’intero sistema”. In parole povere cambiando solo le pale si riesce ad allungare la vita dei parchi. Il concetto chiave di eTa Blades è il  re-blading, ovvero il miglioramento delle performance e l’allungamento del ciclo di vita dell’impianto eolico. “Bisogna rafforzarli, tenerli in piedi, renderli più efficienti con la produzione di maggiore energia – aggiunge Manni -. Una grande percentuale di parchi entro il 2022/23 arriverà a fine vita. I primi grandi parchi risalgono infatti al 2004/2005. Che ne facciamo? Smantellare è un disastro. E rispetto alle nuove esigenze i siti sono troppo piccoli”.

Inoltre, va ricordato anche che siamo vicini al fine vita degli incentivi e se la produzione di energia deve essere sostenibile ecologicamente, lo deve essere pure economicamente. “Il nostro progetto permette di ottenere più energia dai siti meno ventosi quindi generare profitto anche dai parchi più marginali. Le nuove pale permettono di sfruttare meglio le ventosità minori. In Italia abbiamo sempre comprato le turbine dei paesi del Nord Europea, dove c’è più vento, mentre le nostre sono state progettate studiando le condizioni tipiche del Mediterraneo”. Genio italico.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende