Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Vai col vento! eTa Blades e la rigenerazione dei parchi eolici a fine vita:

Vai col vento! eTa Blades e la rigenerazione dei parchi eolici a fine vita

maggio 8, 2019 Campioni d'Italia, Rubriche

Anche per i primi parchi eolici è giunta l’ora del fine vita: pale e turbine da rottamare. Un’operazione costosa sia economicamente che nell’impatto ambientale. Ma ora esiste una soluzione alternativa: invece di staccare la spina è possibile allungare la vita alle turbine, cambiando solo le pale. Un bel risparmio in materia prima e risorse da impiegare.

Il progetto di rigenerazione senza ruspe è firmato da eTa Blades una ex start up di Fano, nelle Marche, diventata ormai azienda adulta. In Italia è leader nella progettazione, sviluppo e produzione di pale: ne ha realizzate  oltre 2.000 dal 2012 ad oggi.

Una storia di successo che nasce in mare, come ci spiega l’ingegnere  Giovanni Manni fondatore e amministratore delegato di eTa Blades: “Nasciamo nel 2011, dopo circa 1 anno di lavoro dedicato a capire se l’idea avesse un senso“. Lunga e meditata riflessione: “Veniamo dal settore nautico di altissimo livello. Io sono laureato in ingegneria, ho avuto la cattedra per 8 anni nel Master di Yacht Design, poi 10 anni come direttore qualità materiali compositi a Wally e direttore qualità del gruppo Ferretti“.

Ma come avviene il salto dal settore nautico alla nuova avventura imprenditoriale? Anche questa – come per tanti “Campioni d’Italia” di cui abbiamo raccontato la genesi – è una storia in cui la crisi diventa un’opportunità. “Nel 2010 il mercato navale crolla – ci spiega Manni – Abbiamo pensato allora all’applicazione del materiale composito, molto utilizzato nelle navi, per la costruzione delle pale eoliche“. Puntare su questo materiale nel settore energetico rappresenta il perno per l’investimento imprenditoriale: “Coltivavo da tempo l’idea che le pale potessero essere molto più performanti grazie a una costruzione ‘spinta’ con il composito”.

Il primo obiettivo di eTa Blades è proporre sul mercato delle pale con efficienze maggiori di quelle già presenti: “Mi dicevano che al massimo avremmo potuto ottenere un aumento dell’efficienza pari al 2/3 % , ma io ero convinto che non fosse sufficiente e di poter arrivare al 15/20%. Ho trovato un gruppo di imprenditori che hanno creduto in me. Dopo 1 anno e mezzo era pronto il primo prototipo che sulla carta produceva il 18% in più rispetto alla pala che doveva sostituire“. L’avvio della sperimentazione però si scontra con le consuete lungaggini burocratiche. Poi finalmente il risultato sul campo: “Si è montato il primo prototipo su una turbina e dopo 2 anni di monitoraggio abbiamo avuto curve di potenza certificate tra il 15 e il 20%” ricorda Manni, che non cela un certo orgoglio per aver vinto la sua battaglia navigando controvento.

“Iniziammo le installazioni in parchi eolici e in molte aziende, tra i maggiori player del settore. Queste pale offrivano, per la prima volta sul mercato, la doppia possibilità di essere installate su turbine nuove o su quelle vecchie”. Questa opzione è fondamentale in un’ottica di sostenibilità. “L’elemento più critico sulla lunga distanza – ci spiega l’ingegnere – è il rotore. La turbina ha un ciclo di vita di 20 anni e poi deve essere sostituita. Ma l’elemento più esposto all’usura sono le pale. Le nostre, oltre a produrre di più, incidono di meno sugli altri componenti e si allunga così il ciclo di vita dell’intero sistema”. In parole povere cambiando solo le pale si riesce ad allungare la vita dei parchi. Il concetto chiave di eTa Blades è il  re-blading, ovvero il miglioramento delle performance e l’allungamento del ciclo di vita dell’impianto eolico. “Bisogna rafforzarli, tenerli in piedi, renderli più efficienti con la produzione di maggiore energia – aggiunge Manni -. Una grande percentuale di parchi entro il 2022/23 arriverà a fine vita. I primi grandi parchi risalgono infatti al 2004/2005. Che ne facciamo? Smantellare è un disastro. E rispetto alle nuove esigenze i siti sono troppo piccoli”.

Inoltre, va ricordato anche che siamo vicini al fine vita degli incentivi e se la produzione di energia deve essere sostenibile ecologicamente, lo deve essere pure economicamente. “Il nostro progetto permette di ottenere più energia dai siti meno ventosi quindi generare profitto anche dai parchi più marginali. Le nuove pale permettono di sfruttare meglio le ventosità minori. In Italia abbiamo sempre comprato le turbine dei paesi del Nord Europea, dove c’è più vento, mentre le nostre sono state progettate studiando le condizioni tipiche del Mediterraneo”. Genio italico.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

aprile 29, 2020

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

Le offerte “verdi” dell’energia elettrica (quelle cioè provenienti da fonti rinnovabili) non possono più essere considerate “alternative”, perché ormai rappresentano la maggior parte di tutte le tariffe disponibili sul mercato. Per il gas, invece, c’è ancora tanta strada da fare. Sono, in sintesi, i risultati dell’analisi che Selectra – azienda che mette a confronto le tariffe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende