Home » Rubriche »Very Important Planet » Valeria Straneo: “correre mette in contatto con la natura”:

Valeria Straneo: “correre mette in contatto con la natura”

luglio 24, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Una delle maratonete del team azzurro, la 39enne Valeria Straneo dal 2011 gareggia ai massimi  livelli sulle piste internazionali. Si è aggiudicata l’oro nel 2013 con la mezza maratona dei Giochi del Mediterraneo e due argenti nelle maratone  dei Mondiali 2013 e degli Europei 2014. Questo è stato però un anno difficile per Valeria, che a causa di ripetuti problemi di salute non è riuscita ad allenarsi il necessario per partecipare ai Mondiali di Atletica di Pechino il prossimo fine agosto. Ma a Greenews.info ha raccontato i suoi prossimi obiettivi.

D) Valeria, hai declinato la partecipazione a Pechino, quale sarà il tuo prossimo obiettivo agonistico?

R) Purtroppo per Pechino non ce la faccio, quest’anno ho avuto troppi problemi fisici. Per ora mi riposo, poi nel 2016 parteciperò alle Olimpiadi. Spero di riuscire a fare una maratona ancora a fine anno, ma dipende molto dalla mia guarigione, preferisco lasciarmi alle spalle tutti i problemi prima di ricominciare.

D) La tua è una vita dedicata alla corsa e allo sport, ma non solo: quali sono gli altri valori importanti per te e come li realizzi?

R) Cerco di essere sana nel corpo e nello spirito, credo che il rispetto per tutto e tutti sia molto importante, dall’ambiente agli animali alle persone. A partire dal gioco, come lo insegniamo ai nostri figli, fino a tutti gli ambiti più seri della vita.

D) Qual è il tuo rapporto con l’ambiente? Quali sono i gesti quotidiani che compi per rispettarlo?

R) Per me è un anti-stress, quando voglio rilassarmi mi godo la natura senza gente intorno. Nella vita di tutti i giorni cerco di ridurre al minimo i consumi: spengo sempre le luci, riciclo l’acqua usata per lavare le verdure dandola da bere alle piante, non tengo il rubinetto aperto mentre mi lavo i denti, faccio la differenziata, smaltisco pile e medicinali nel modo corretto, insegno ai miei figli che la carta si tiene in tasca se non c’è il bidone. Mi dà molto fastidio vedere spazzatura in giro per le strade e ancora di più in montagna, in mezzo alla natura.

D) Puoi affermare che lo sport abbia aiutato il tuo modo di vivere la natura?

R) Si, penso sia una prerogativa soprattutto della maratona. Gli sport non strettamente legati alla pista stabiliscono un buon rapporto con l’ambiente, perché diventa il posto del tuo allenamento. Correre lo puoi fare ovunque, ho ricordi bellissimi di paesaggi o di luoghi nuovi scoperti proprio grazie alla corsa.

D) Dove preferisci correre per allenarti?

R) Prediligo i percorsi senza traffico. Fortunatamente ad Alessandria abbiamo gli argini dell’Arno, c’è un tratto di circa 6 km protetto, frequentato da tanti runner. Lo preferisco perché posso correre tranquilla, senza malintenzionati o cani lasciati in libertà. Se invece corro in mezzo alla natura mi piace molto andare in montagna, nei parchi naturali.

D) Sei molto legata a Camogli, cosa rappresenta per te il mare?

R) Ci andavo sempre da piccola con le mie sorelle percorrendo spesso la passeggiata da Camogli a San Fruttuoso, su tragitti anche faticosi ma circondati da un paesaggio stupendo. Ho dei bellissimi ricordi. Ma grazie a mio marito, che è apneista, ho imparato a vivere il mare anche da dentro: viaggiando in barca, facendo immersioni.

D) Sei molto appassionata di montagna: come la vivi?

R) La montagna per me è vacanza e relax per eccellenza, detesto il mare affollato e rumoroso. La vivo facendo molto sport: quando posso corro, ma giro anche in mountain bike, faccio passeggiate e camminate con la mia famiglia per goderci tranquilli la natura.

D) Hai due figli: secondo la tua esperienza, le nuove generazioni come e quanto sentono le problematiche ambientali?

R) I miei figli hanno 8 e 10 anni, grazie alla scuola sono già molto consapevoli delle problematiche dell’ambiente. Noi poi come genitori ci teniamo molto ad educarli su queste tematiche, notiamo comunque una loro propensione naturale per il rispetto dell’ambiente e un interesse spontaneo.

D) Pensi che un’alimentazione vegetariana o vegana possa convivere con lo sport agonistico?

R) Non sono esperta in questi temi, ma conosco sportivi vegetariani o vegani che conducono attività fisica intensa senza problemi. Io non sono né l’uno né l’altro, ma ho deciso comunque di ridurre il consumo di carne e latticini per seguire una dieta più salutare.

D) Se potessi scegliere un percorso in mezzo alla natura per correre una gara, anche non agonistica, quale sceglieresti e perché?

R) Una volta chiuso con l’attività sportiva mi piacerebbe fare le corse in altura o l’ecomaratona del Chianti, in mezzo alla Toscana e a paesaggi bellissimi. Appena finisco con gli allenamenti le faccio tutte e mi sfogo!

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende