Home » Rubriche »Very Important Planet » Valerio Berruti: ritorno ad Alba, tra Terra e Luna:

Valerio Berruti: ritorno ad Alba, tra Terra e Luna

luglio 20, 2018 Rubriche, Very Important Planet

Valerio Berruti è nato ad Alba, in Piemonte, nel 1977. Laureato in critica d’arte al D.A.M.S. di Torino, nel 2005 viene selezionato dall’International Studio and Curatorial Program di New York, nel 2006 realizza l’installazione “Se ci fosse la luna” per Palazzo Bricherasio a Torino, che presenta l’anno successivo sulla facciata di Palazzo Re Enzo a Bologna. Poi mostre alla Keumsan Gallery di Seul e la collettiva “Detour” al Centre Pompidou di Parigi. Nel 2009 è il più giovane artista del Padiglione Italia della 53°Biennale di Venezia con la video-animazione “La figlia di Isacco”, colonna sonora di Paolo Conte. Ancora musica di livello mondiale nel 2011 con la partecipazione di Ryuichi Sakamoto per la personale “Kizuna” al Pola Museum di Tokyo. La sua prossima esposizione sarà un “ritorno alle origini”, in occasione dell’88°Fiera Internazionale del Tartufo di Alba, con tema “Tra terra e luna“…

D) Valerio le tue opere si possono ammirare nei cinque continenti, hai fatto il giro del mondo artistico, ma hai uno stretto legame con Alba, con il tuo territorio, e quest’anno sarai presente con le tue opere alla Fiera del Tartufo…

R) Si, con una mostra che riguarda il backstage di un cartone animato che sto realizzando, ci saranno dei fotogrammi, una giostra per l’animazione e si racconta la storia dell’animazione senza vedere l’animazione. Il tema è intimista e tocca le relazioni tra le persone…

D) Ho visto il video “Dove il cielo s’attacca alla collina“, l’opera d’arte che hai realizzato alla Cantina Ceretto “Bricco Rocche” a Castiglione Falletto. In quel caso hai inserito delle figure che rappresentano un ostacolo alla vista del panorama e costringono il visitatore ad ammirare la natura da un’altra prospettiva.,,

R) Si tratta di un intervento site-specific, che è pensato e si inserisce in quel determinato luogo ed è fatto in modo che lo spettatore possa inquadrare il paesaggio. Si vuole aprire al dialogo con la natura. Uno sguardo mediato per riprendersi la natura e una consapevolezza che a volte perdiamo. Diamo per scontate troppe cose…

D) Quanto il valore ambientale ha influenzato la tua produzione artistica?

R) Posso rispondere che ha avuto una buona influenza. Ho fatto diversi lavori di land art, in Sud Africa per esempio. A 40 chilometri da Johannesburg ho fatto un disegno di pietre – si vede con Google Earth – all’interno di una riserva del WWF. Una fondazione si occupa di coinvolgere artisti internazionali che poi lavorano su spazio, ambiente e natura. Io ci sono stato nel 2015.

D) Nella tua biografia si legge che hai vissuto in una chiesa sconsacrata del XVII secolo a Verduno, è vero?

R) E’ stato il mio studio per anni, ho vissuto in quel luogo per 15 anni.  Si trova al centro del paese…

D) Un rifugio per meditare… A proposito, il Pianeta è in pericolo: quale pensi che sia oggi il problema ambientale più urgente?

R) L’inquinamento è un grande problema e di inquinamenti ce ne sarebbero cosi tanti che se uno ci pensa gli viene la depressione!

D) Purtroppo è vero… Ma al di là della passione per la natura che trapela dalle tue opere, tu cosa fai, concretamente, nella vita quotidiana per ridurre la tua impronta sulla Terra?

R) Quello che fanno tutte le persone “normali”: non scendo in piazza ma nel mio piccolo cerco di fare cose utili, curando al massimo la raccolta differenziata, comprando prodotti con imballaggi semplici. Per quanto riguarda il mio lavoro, non uso colori che abbiano chimica dentro, ma sono fatti con terre, sabbia, materiali che non creano danni nella loro produzione ed uso. La mia impronta poi la lascio perché uso l’aereo, ma sul tema posso incidere ben poco…

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende