Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Vancouver, non solo Olimpiadi:

Vancouver, non solo Olimpiadi

febbraio 22, 2010 Impressioni di viaggio, Rubriche

Con il reportage da Vancouver (Canada) di Andrea Gandiglio, continua la serie delle “impressioni di viaggio” di Greenews.info, per capire meglio come la sostenibilità ambientale venga vissuta e praticata nei principali paesi del mondo.

Vancouver, Ecology CentreIl viaggio inizia bene. A parte Alberto Tomba e il team olimpico tedesco – dei quali non ho modo di testare la sensibilità ambientale – il fato fa sedere al mio fianco, nel volo da Francoforte a Vancouver (compensato dal programma olimpico di Offsetters?), Linus Almqvist che, nonostante il nome da atleta scandinavo, è Head of Marketing Communication di Vattenfall, il colosso nordeuropeo dell’energia, nonché sponsor del team svedese alle XXI Olimpiadi Invernali di Vancouver.

What is Vattenfall doing? si domanda il sito aziendale. The journey towards making the electricity clean (il viaggio verso la produzione di energia pulita), è la risposta. In barba alle estenuanti trattative politiche del dopo Copenhagen, Vattenfall, che già oggi investe massicciamente sull’eolico, sull’idroelettrico, sulle biomasse, sull’energia delle onde oceaniche e sullo stoccaggio di anidride carbonica, ha infatti l’ambizione di diventare il primo gruppo energetico climate neutral al mondo entro il 2050 (2030 nei paesi scandinavi). Ma questa è un’altra storia, che l’instancabile gentilezza di Linus nel rilasciare informazioni – durante 10 ore di volo - ci consentirà di trattare in un articolo a parte.

Arrivato a Vancouver, alla vigilia della Cerimonia di Apertura dei Giochi, inizio, come mio solito, a “sondare il terreno”, passeggiando per le strade della città, leggendo i giornali locali, entrando nei negozi e parlando casualmente con gli avventori di Starbucks, nella convinzione che queste banali azioni possano costituire un primo buon termometro della green fever di un paese. La cosa che più stupisce (ma anche rallegra) i miei interlocutori canadesi è che ci sia in città un giornalista giunto dall’Europa per parlare esclusivamente di sostenibilità ambientale e non di sport o spettacolo: “Cool!”.      

Venue Energy Tracker, Courtesy of Vancouver.caEppure il Vanoc, il Comitato Organizzatore, ha voluto posizionare queste Olimpiadi come le più verdi nella storia dei Giochi Invernali, per cui immagino che qualche altro “collega” in giro ci sia. Sull’effettiva sostenibilità dei greenest games però non tutti sono d’accordo, a partire ovviamente dai No Games, i contestatori fisiologici di ogni evento olimpico. La loro voce non è tuttavia isolata. La volontà degli organizzatori è indubbiamente stata forte, così come ampio e strutturato è stato il programma di sostenibilità progettato – e questo merito va riconosciuto senza esitazione. Ma, a quanto ci risulta da fonti interne al comitato, qualcosa non ha funzionato e non tutto ciò che era stato promesso è stato effettivamente realizzato. Complice anche l’imprevista crisi, che ancora attanaglia le economie mondiali e che ha imposto pure al Vanoc pesanti tagli di budget.

Il sindaco Robertson con il certificato Leed consegnato al Villaggio Olimpico di Vancouver

Il sindaco Robertson con il certificato Leed consegnato al Villaggio Olimpico di Vancouver

Olimpiadi a parte, Vancouver resta una città di ottima vivibilità, una piccola New York a misura d’uomo, premiata dal Corporate Knights, il magazine del capitalismo “pulito”, come la più sostenibile delle città canadesi. Gregor Robertson, il sindaco, non ha dubbi e, nel volume distribuito al pubblico internazionale della Cerimonia di Apertura, dichiara esplicitamente l’obiettivo di diventare la Green Capital canadese, il luogo dove investire e localizzare il green business, un vero e proprio hub in cui far convergere innovatori, imprenditori e aziende, per dimostrare che “going green is good for business“. Ragion per cui l’ambizione di Vancouver non si ferma qui. La città vuole addirittura diventare ”the world’s greenest city by 2020“, la città più verde del mondo entro il fatidico 2020. Quanto di tutto ciò sia visione (elettorale) di un politico e quanto realtà lo si potrà giudicare nei prossimi anni. Quello che è sicuro è che la città ha le carte in regola per giocarsi la partita. Basta testare il sistema pubblico di trasporti, la nuovissima Canada Line e gli Sky Train - e notare le poche auto in circolazione nonostante i Giochi in corso – per capire quanto le città italiane siano purtroppo ancora lontane da una mobilità sostenibile.

Il 15 febbraio si è tenuto nel BC Media Centre della vivacissima Robson Street, in pieno centro, il “Clean Energy Day“, in cui l’impegno ambientale della città è stato contestualizzato nella più ampia sfida del British Columbia, la provincia di cui Vancouver fa parte. Parlando alla platea, con in mano una manciata di trucioli di legno (wood-pellet), il premier locale Gordon Campbell ha presentato le novità introdotte dal Clean Energy Act, ricordando che il British Columbia è già oggi sede di un migliaio di imprese  focalizzate sulle tecnologie pulite e i servizi ambientali, nonché  il terzo più grande  distretto di ricerca e sviluppo al mondo in questo settore.

Per mettere a frutto queste enormi potenzialità il BC deve però farle conoscere al mondo. E’ così che è nato il progetto Clean Works BC, uno strumento di marketing comune che descrive le opportunità nei settori delle rinnovabili e del clean-tech locali, come un grande affare da 100 miliardi di dollari - un modo molto pragmatico e anglosassone di “raccontare al mercato internazionale dei capitali cosa sta succedendo in British Columbia, una storia degna di nota”, nelle  parole di Jonathan Rhone, amministratore delegato di Nexterra Energy e rappresentante delle imprese riunitesi sotto l’ombrello Clean Works.

Un’altra opportunità per presentare al mondo la propria leadership nelle tecnologie green Vancouver se la giocherà dal 24 al 26 marzo 2010, in occasione di Globe 2010, una delle più grandi fiere al mondo per il “business dell’ambiente“, dove ogni anno si concentrano più di 10.000 professionisti del settore da oltre 70 paesi.

In tutto questo fermento la Regione Piemonte – ospite dei precedenti giochi olimpici invernali, nonchè aspirante regione più verde d’Italia – aveva stipulato con il Brisith Columbia un accordo noto come Olympic Business Bridge, che avrebbe dovuto fare da ponte alle relazioni e allo sviluppo di business tra le due economie green-oriented. Alla Camera di Commercio Italo-Canadese di Vancouver non sono più giunte notizie, che fine ha fatto? Sarebbe un peccato tipicamente italiano perdere questo treno…

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende