Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Vancouver, non solo Olimpiadi:

Vancouver, non solo Olimpiadi

febbraio 22, 2010 Impressioni di viaggio, Rubriche

Con il reportage da Vancouver (Canada) di Andrea Gandiglio, continua la serie delle “impressioni di viaggio” di Greenews.info, per capire meglio come la sostenibilità ambientale venga vissuta e praticata nei principali paesi del mondo.

Vancouver, Ecology CentreIl viaggio inizia bene. A parte Alberto Tomba e il team olimpico tedesco – dei quali non ho modo di testare la sensibilità ambientale – il fato fa sedere al mio fianco, nel volo da Francoforte a Vancouver (compensato dal programma olimpico di Offsetters?), Linus Almqvist che, nonostante il nome da atleta scandinavo, è Head of Marketing Communication di Vattenfall, il colosso nordeuropeo dell’energia, nonché sponsor del team svedese alle XXI Olimpiadi Invernali di Vancouver.

What is Vattenfall doing? si domanda il sito aziendale. The journey towards making the electricity clean (il viaggio verso la produzione di energia pulita), è la risposta. In barba alle estenuanti trattative politiche del dopo Copenhagen, Vattenfall, che già oggi investe massicciamente sull’eolico, sull’idroelettrico, sulle biomasse, sull’energia delle onde oceaniche e sullo stoccaggio di anidride carbonica, ha infatti l’ambizione di diventare il primo gruppo energetico climate neutral al mondo entro il 2050 (2030 nei paesi scandinavi). Ma questa è un’altra storia, che l’instancabile gentilezza di Linus nel rilasciare informazioni – durante 10 ore di volo - ci consentirà di trattare in un articolo a parte.

Arrivato a Vancouver, alla vigilia della Cerimonia di Apertura dei Giochi, inizio, come mio solito, a “sondare il terreno”, passeggiando per le strade della città, leggendo i giornali locali, entrando nei negozi e parlando casualmente con gli avventori di Starbucks, nella convinzione che queste banali azioni possano costituire un primo buon termometro della green fever di un paese. La cosa che più stupisce (ma anche rallegra) i miei interlocutori canadesi è che ci sia in città un giornalista giunto dall’Europa per parlare esclusivamente di sostenibilità ambientale e non di sport o spettacolo: “Cool!”.      

Venue Energy Tracker, Courtesy of Vancouver.caEppure il Vanoc, il Comitato Organizzatore, ha voluto posizionare queste Olimpiadi come le più verdi nella storia dei Giochi Invernali, per cui immagino che qualche altro “collega” in giro ci sia. Sull’effettiva sostenibilità dei greenest games però non tutti sono d’accordo, a partire ovviamente dai No Games, i contestatori fisiologici di ogni evento olimpico. La loro voce non è tuttavia isolata. La volontà degli organizzatori è indubbiamente stata forte, così come ampio e strutturato è stato il programma di sostenibilità progettato – e questo merito va riconosciuto senza esitazione. Ma, a quanto ci risulta da fonti interne al comitato, qualcosa non ha funzionato e non tutto ciò che era stato promesso è stato effettivamente realizzato. Complice anche l’imprevista crisi, che ancora attanaglia le economie mondiali e che ha imposto pure al Vanoc pesanti tagli di budget.

Il sindaco Robertson con il certificato Leed consegnato al Villaggio Olimpico di Vancouver

Il sindaco Robertson con il certificato Leed consegnato al Villaggio Olimpico di Vancouver

Olimpiadi a parte, Vancouver resta una città di ottima vivibilità, una piccola New York a misura d’uomo, premiata dal Corporate Knights, il magazine del capitalismo “pulito”, come la più sostenibile delle città canadesi. Gregor Robertson, il sindaco, non ha dubbi e, nel volume distribuito al pubblico internazionale della Cerimonia di Apertura, dichiara esplicitamente l’obiettivo di diventare la Green Capital canadese, il luogo dove investire e localizzare il green business, un vero e proprio hub in cui far convergere innovatori, imprenditori e aziende, per dimostrare che “going green is good for business“. Ragion per cui l’ambizione di Vancouver non si ferma qui. La città vuole addirittura diventare ”the world’s greenest city by 2020“, la città più verde del mondo entro il fatidico 2020. Quanto di tutto ciò sia visione (elettorale) di un politico e quanto realtà lo si potrà giudicare nei prossimi anni. Quello che è sicuro è che la città ha le carte in regola per giocarsi la partita. Basta testare il sistema pubblico di trasporti, la nuovissima Canada Line e gli Sky Train - e notare le poche auto in circolazione nonostante i Giochi in corso – per capire quanto le città italiane siano purtroppo ancora lontane da una mobilità sostenibile.

Il 15 febbraio si è tenuto nel BC Media Centre della vivacissima Robson Street, in pieno centro, il “Clean Energy Day“, in cui l’impegno ambientale della città è stato contestualizzato nella più ampia sfida del British Columbia, la provincia di cui Vancouver fa parte. Parlando alla platea, con in mano una manciata di trucioli di legno (wood-pellet), il premier locale Gordon Campbell ha presentato le novità introdotte dal Clean Energy Act, ricordando che il British Columbia è già oggi sede di un migliaio di imprese  focalizzate sulle tecnologie pulite e i servizi ambientali, nonché  il terzo più grande  distretto di ricerca e sviluppo al mondo in questo settore.

Per mettere a frutto queste enormi potenzialità il BC deve però farle conoscere al mondo. E’ così che è nato il progetto Clean Works BC, uno strumento di marketing comune che descrive le opportunità nei settori delle rinnovabili e del clean-tech locali, come un grande affare da 100 miliardi di dollari - un modo molto pragmatico e anglosassone di “raccontare al mercato internazionale dei capitali cosa sta succedendo in British Columbia, una storia degna di nota”, nelle  parole di Jonathan Rhone, amministratore delegato di Nexterra Energy e rappresentante delle imprese riunitesi sotto l’ombrello Clean Works.

Un’altra opportunità per presentare al mondo la propria leadership nelle tecnologie green Vancouver se la giocherà dal 24 al 26 marzo 2010, in occasione di Globe 2010, una delle più grandi fiere al mondo per il “business dell’ambiente“, dove ogni anno si concentrano più di 10.000 professionisti del settore da oltre 70 paesi.

In tutto questo fermento la Regione Piemonte – ospite dei precedenti giochi olimpici invernali, nonchè aspirante regione più verde d’Italia – aveva stipulato con il Brisith Columbia un accordo noto come Olympic Business Bridge, che avrebbe dovuto fare da ponte alle relazioni e allo sviluppo di business tra le due economie green-oriented. Alla Camera di Commercio Italo-Canadese di Vancouver non sono più giunte notizie, che fine ha fatto? Sarebbe un peccato tipicamente italiano perdere questo treno…

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

ottobre 28, 2020

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

La salvaguardia dell’ambiente dagli elementi inquinanti è il tema del quarto appuntamento con “A qualcuno piace Green”, il viaggio in un’Italia sorprendentemente sensibile e innovativa sui temi ambientali con il biologo marino e divulgatore Raffaele Di Placido, in onda giovedì 29 ottobre alle ore 21.10 su laF (Sky 135, on Demand su Sky e su Sky Go). “Salute e benessere” [...]

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende