Home » Rubriche »Very Important Planet » Vasco Brondi: “alla fine la Terra si salverà”:

Vasco Brondi: “alla fine la Terra si salverà”

ottobre 13, 2017 Rubriche, Very Important Planet

Veronese di nascita, ma ferrarese ed emiliano nell’animo, Vasco Brondi è un cantautore insolito. Il suo progetto  Le luci della centrale elettrica non è solo note, ma il contaminarsi di diversi linguaggi artistici: il cinema, il fumetto, il videoclip, l’illustrazione, la pittura, la danza e la scrittura. Mentre Per combattere l’acne”, una delle sue canzoni più popolari, entrò nella colonna sonora del film di Federico RizzoFuga dal call center”, del 2009. Poi le parole, quelle del libro “Cosa racconteremo di questi cazzo di anni zero” per Baldini&Castoldi. E ancora il fumetto: “Come le strisce che lasciano gli aerei” con Andrea Bruno. Vasco è culturalmente onnivoro, difficilmente catalogabile e riesce a entusiasmare anche vecchie volpi della musica italiana come Jovanotti e Francesco De Gregori, con cui  ha condiviso il palco.. La sua ultima creatura musicale è “Terra” del 2017. Tutta da ascoltare.

D) Vasco, che peso hanno le tematiche ambientali nei tuoi testi?

R) Nelle canzoni ci deve essere tutto: amore e guerra, cielo e terra, megalopoli e villaggi in mezzo alla natura. L’ultimo disco si chiama “Terra” e ho pensato a questo titolo quando ero alle Azzorre, in giro per queste isole sperdute e quasi disabitate, tra gli ultimi posti al mondo dove si può bere dai torrenti e con inquinamento intorno allo 0%. L’ultimo posto del Pianeta in cui si sono insediati gli esseri umani – e in effetti sembrava proprio di essere su un altro pianeta…

D) Qual è il problema ambientale che ritieni più urgente?

R) L’emergenza più pericolosa è l’inconsapevolezza umana, che è addirittura oltre l’ignoranza, perché ormai sappiamo tutti com’è la questione: è un’inconsapevolezza che ha qualcosa di autodistruttivo.

D) Pessimismo totale sul genere umano, dunque?

R) Credo che alcuni di noi comincino ad essere consapevoli dei propri gesti, a vedere che quello che facciamo è connesso a tutto il resto, che ha delle conseguenze che possono essere anche molto positive. Con un po’ di attenzione…

D) Sembra che molti però non vogliano cambiare “stile di vita”…

R) Mi colpisce sempre chi dice che sarà difficile per noi “rinunciare a qualcosa del nostro stile di vita” per renderlo più sostenibile…Quando in pochi decenni – proprio a causa del nostro stile di vita - abbiamo già dovuto rinunciare a cose fondamentali come respirare aria che non sia velenosa o poter bere acqua che non sia necessariamente filtrata e depurata! Per non parlare del cibo, trattato in ogni modo e impoverito. Ma credo che una buona parte della popolazione ormai se ne sia resa conto e che senta molto chiaramente la voce del nostro Pianeta (che comunque sa benissimo come difendersi).

D) Intendi dire che comunque si comporti l’uomo alla fine la Terra si salverà?

R) Non esattamente. Qualcuno ha scritto però che la Terra non è in pericolo, nel senso che troverà il modo di rigenerarsi. Sono gli esseri umani che potrebbero avere un bel po’ di difficoltà continuando così!

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende