Home » Bollettino Europa »Rubriche » Verso COP21: la Francia presenta il testo preliminare:

Verso COP21: la Francia presenta il testo preliminare

novembre 2, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

L’attesa conferenza sul clima di Parigi (COP21) si avvicina e Stati, organizzazioni internazionali, associazioni e società civile cominciano ad affilare le armi in vista di quello che ormai, senza ombra di dubbio, si profila come un vero appuntamento con la Storia.

Dopo che dal 19 al 23 ottobre a Bonn si è tenuto l’ultimo round dei negoziati tecnici, cresce l’attesa per la pubblicazione, da parte dell’ONU, del rapporto che fa il punto sugli effetti dei contributi di riduzione delle emissioni a livello globale presentati fino a questo momento. L’accordo finale dovrà trovare il via libera di 196 Paesi. Il lavoro è ancora lungo, visto che nella sua versione attuale, il testo contiene circa mille opzioni su cui i partecipanti alla conferenza dovranno concordare, ad esempio il punto che riguarda la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra, raccoglie ben 16 diverse opzioni.

A tirare le fila, a soli trenta giorni dall’inizio della COP21, ci ha pensato il Ministro degli Esteri francese Laurent Fabius, che presiederà la grande conferenza di novembre. In un’audizione all’Europarlamento ha tracciato la roadmap verso l’incontro. Affermando che il testo in discussione per arrivare ad un accordo globale sul clima è ormai ridotto a 50 pagine, ma molti nodi rimangono aperti.

Sono quattro le condizioni che, secondo Fabius, saranno necessarie perché la conferenza venga definita un successo. La prima è una questione di contenuto. Occorre, cioè, arrivare a un accordo che limiti il riscaldamento globale da qui alla fine del secolo da 2°C ad 1.5°C. Fabius si schiera quindi al fianco dei leader Buddisti, a Papa Francesco e alle piccole nazioni insulari, che altrimenti rischiano di essere sommerse. A sostenere il francese, c’è anche il Ministro dell’Ambiente peruviano Manuel Pulgar-Vidal, presidente di COP20, in carica tecnicamente fino al 30 novembre. La seconda riguarda la forma: l’accordo deve essere giuridicamente vincolante per garantire il raggiungimento dei giusti obiettivi a breve termine. Al contrario di quanto richiesto dagli USA. La terza chiama in campo, invece, l’aspetto economico e tecnologico. Il vincolo giuridico consentirebbe ai Paesi più poveri di ricevere aiuti economici da parte di quelli più ricchi, attraverso un fondo istituito ad hoc che prevede, a partire dal 2020, 100 miliardi di dollari l’anno da investire in sviluppo e tecnologia nei Paesi in via di sviluppo, sostenendo  le iniziative taglia-C02 e di adattamento. La quarta, infine, guarda a l futuro. “mi batterò per la clausola di revisione, uno strumento che ogni cinque anni ci permetta di fare il punto e rivedere gli impegni“, ha dichiarato il Ministro francese.

Per lavorare su questi quattro punti cardine, Fabius, prima dell’incontro ufficiale, riunirà a Parigi una sorta di ‘Pre-COP’, con 80 ministri. Le tappe successive saranno poi la riunione del G20 in Turchia a metà novembre e poi quella del Commonwealth a Malta. “Il mio compito è quello di raggiungere un compromesso ambizioso. Non abbiamo un piano B perché non esiste un Pianeta B”, ha aggiunto.

Nel suo discorso davanti agli Eurodeputati Fabius ha, infine, posto l’accento sulla responsabilità della nostra generazione, a cui è affidato il compito di salvare la vivibilità sulla Terra. Secondo lui non siamo più o meno cattivi o sfruttatori delle generazioni precedenti, ma siamo gli unici ad avere coscienza del problema e della sua estrema gravità, gli unici ad avere la coscienza e le competenze adatte per fare un’inversione di marcia.

Sul fronte dell’Unione Europea, dal 1990 al 2014 il vecchio Continente, ha già ridotto le sue emissioni di gas serra del 23%, superando quindi il target fissato del 20% per il 2020, ma per arrivare all’obiettivo del 40% per il 2030 dovrà fare molto di più. Come indicato dall’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA). Per i target fissati per il 2020 che includono anche rinnovabili ed efficienza energetica, “l’UE è sulla rotta giusta” ha, infatti, affermato Hans Bruyninckx, direttore esecutivo dell’EEA, ma allo stesso tempo “per centrare i nostri obiettivi per il 2030 e 2050 sono necessari cambiamenti fondamentali nel modo in cui produciamo e usiamo energia in Europa“.

Dello stesso avviso Miguel Arias Canete, Commissario Europeo al Clima, che ha poi dichiarato: “gli impegni taglia-CO2 assunti finora a livello globale costituiscono un fatto senza precedenti, ma da soli non saranno sufficienti per mantenere il riscaldamento globale entro i due gradi centigradi”, cioè la soglia critica. Secondo Canete, inoltre, “a Parigi abbiamo bisogno di concordare un obiettivo a lungo termine”. Il nuovo accordo atteso dal summit parigino “deve mostrare al mondo che i Governi sono uniti, determinati e seri quando si tratta di lottare i cambiamenti climatici” ha concluso il Commissario.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende