Home » Green Economy »Impressioni di viaggio »Rubriche » Verso i “Green Days 2017″: il Trentino Alto Adige ripensa la mobilità per i passi dolomitici:

Verso i “Green Days 2017″: il Trentino Alto Adige ripensa la mobilità per i passi dolomitici

La conferenza stampa di sabato 10 settembre al Passo Sella, in occasione del tour Alperia ECOdolomites 2016, segna un momento storico nella strategia di sviluppo turistico dell’area dolomitica: le Province autonome di Trento e Bolzano e i Comuni di accesso ai principali passi alpini delle Valli Gardena, Fassa e Badia, hanno trovato, con il supporto della Fondazione Dolomiti UNESCO, una formula partecipata e condivisa per sperimentare la mobilità montana del futuro. Tra vent’anni (forse prima) riguardando le immagini d’archivio del traffico automobilistico e motociclistico – che oggi sfregia i paesaggi Patrimonio dell’Umanità con rumore e inquinamento dell’aria – proveremo la stessa impressione di quando rivediamo le vecchie pubblicità delle linee aeree, in cui tutti fumavano a bordo… E la domanda spontanea sarà: “come abbiamo potuto permetterlo?“.

La presa di coscienza definitiva è arrivata con i dati di uno studio sui flussi di traffico commissionato, nel 2014, all’EURAC di Bolzano. Non previsioni e simulazioni, ma rilevazioni sul campo, con telecamere e stazioni di monitoraggio. Il risultato è allarmante: circa 1 milione di mezzi a motore (“metà del traffico del Brennero”, fa notare la direttrice della Fondazione Marcella Morandini) attraversa ogni anno i Passi Sella, Gardena, Pordoi e Campolongo, concentrati, per il 70%, durante il semestre “estivo”. Un’invasione che, come ricorda il sindaco di Canazei, Silvano Parmesani, pone anche seri problemi di sicurezza, oltre che ambientali.

E’dunque necessario ripartire dalle raccomandazioni della IUCN (International Union for Conservation of Nature), che richiede, per i Beni UNESCO, che il turismo venga gestito con “criteri di qualità e sostenibilità“. Per evitare quello che Michil Costa – storico albergatore di Corvara, presente alla conferenza stampa – chiama “il turismo pornoalpino“ (pubblicheremo l’intervista integrale a Costa nella rubrica VIP – Very Important Planet di Greenews.info venerdì 16 settembre).

“Il percorso descritto oggi – dice l’Assessore all’Ambiente della Provincia di Trento, Mauro Gilmozzi – vuole essere un punto di partenza, un’assunzione di comune responsabilità da parte dei territori rispetto ad un processo di fruizione e salvaguardia di beni ambientali, paesaggistici, storici e culturali  di quest’area dolomitica“. Un coordinamento che ha richiesto la condivisione di un principio di base: meno automobili e più persone, così da poter migliorare anche il giudizio dei turisti provenienti da Germania e Austria (il gruppo più numeroso dopo gli Italiani), che oggi, secondo lo studio, valutano la qualità dell’offerta locale come “mediocre”, proprio a causa dell’eccesso di traffico e dei problemi di parcheggio (punto sottolineato anche dal sindaco di Selva Val Gardena, Roland Demetz). Un boomerang inaccettabile per una regione con le risorse del Trentino Alto Adige.

Per questo parte ora la sfida dei “Green Days 2017″, in cui le amministrazioni e gli enti coinvolti, sono determinati a testare, in giornate ricorrenti del prossimo periodo estivo, forme di mobilità sostenibile che portino a potenziare il trasporto pubblico, regolamentare i flussi e stimolare la mobilità a ridotto impatto acustico e ambientale, da quella pedonale-escursionistica a quella ciclistica, fino a quella elettrica.

Ecco perché i tre giorni del tour ECOdolomites – organizzato dalla Let’s Move di Daniel Campisi - sono stati, sia per i partecipanti che per gli spettatori a bordo strada, un esempio concreto importantissimo di cosa possa significare la transizione alla mobilità elettrica in aree di particolare pregio naturalistico e paesaggistico. Bisogna provare, infatti, per capirlo fino in fondo: vedere (e sentire) una colonna di mezzi che si snoda lungo i tornanti di montagna senza emissioni nocive e in pieno silenzio – se non i campanacci delle mucche al pascolo –  è un’esperienza “liberatrice” che auguro e suggerisco a chiunque!

In questi eventi ti rendi conto, inoltre, che la dimensione “pionieristica” di qualche anno fa sta, progressivamente, lasciando spazio a quella – fondamentale – della quotidianità. Non solo più mezzi avveniristici (a volte un po’strampalati e inaccessibili ai più) per spiriti curiosi e avventurosi, ma auto, moto e cicli che cominciano ad avere le caratteristiche per entrare nella nostra vita – privata e professionale – di ogni giorno. Ci sono le Zero Motorcycles costruite in California da una start up che in 10 anni è passata da negozietto di periferia ad azienda internazionale (con 150 dipendenti e vari concessionari nel mondo), i tricicli della tedesca Twike, le “berline” Nissan Leaf, BMWi3 e Renault Zoe. Anche le novità, come il cingolato Mattro, vengono proposte, durante il tour altoatesino, non come stravaganze per il divertimento di qualche milionario ma, come ci spiega il distributore locale, nella loro applicazione (ben più utile) all’attività agricola e turistica nelle vallate alpine.

I due nei rimangono ancora la diffusione dell’infrastruttura di ricarica e i prezzi. A spingere la prima sta contribuendo, tra gli altri, la milanese evway di Franco Barbieri (ex manager Fiat folgorato dalla visione di una mobilità elettrica europea interconnessa e accessibile a tutti), partner di ECOdolomites. Al problema dei prezzi dovranno invece pensare non solo i costruttori, ma soprattutto i politici nazionali e gli amministratori locali, con forme di incentivazione necessarie in questa fase iniziale. Deve essere infatti chiaro che non si tratta di favorire una lobby piuttosto che un’altra, ma di orientare i consumi verso quei prodotti e servizi che, oggettivamente, generano meno “esternalità” e portano, al contrario, benefici alla collettività facendo risparmiare lo Stato e gli enti locali sulle spese sanitarie, le bonifiche e molte altre voci di costo che potrebbero essere dirottate verso investimenti più lungimiranti.

Andrea Gandiglio

Visita la galleria fotografica di Alperia ECOdolomites 2016 sulla pagina Facebook di Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende