Home » Very Important Planet » Davide Demichelis, da documentarista esotico a testimonial di “Corona Verde”:

Davide Demichelis, da documentarista esotico a testimonial di “Corona Verde”

maggio 10, 2013 Very Important Planet

“E’ prima di tutto per questo che l’uomo emigra, lascia la sua terra natale, per andare alla ricerca di lavoro, relazioni, sicurezze”. E’ così che è nato il suo Radici, il programma di Rai3 dove gli immigrati che vivono in Italia fanno con il conduttore un “viaggio di ritorno” verso le loro origini lontane. E’ un viaggiatore instancabile, Davide Demichelis,  un vero esploratore dei tempi moderni. Avventuriero dei paesaggi incantati e sperduti, dei luoghi, dai popoli che raramente vengono raccontati.

Lo intervistiamo di ritorno dalla Cina, in qualità di testimonial di un progetto “verde” che per una volta è pensato nei confini di casa nostra: il principe gentile dei documentari, che con la sua voce ha incantato milioni di telespettatori su National Geographic, France 5, la Rai, la Televisione Svizzera Italiana, è il volto della neonata Corona Verde della prima cintura del torinese, un piano di tutela e riqualificazione ambientale lanciato dalla Regione Piemonte, che coinvolge ben 93 comuni, connettendo tra loro parchi, fiumi, habitat naturali, aree agricole, paesaggi rurali e residenze reali dell’intera area metropolitana e della collina, per 90 chilometri e 165 mila ettari di terreno.

D) Dalla natura che sembra incontaminata alle metropoli più inquinate della terra, come Shangai. Quali sono le zone più devastate dall’uomo?

R) La Repubblica del Congo, nella zona di Goma, città situata nella parte orientale, sul lago Kiva, è una delle aree più sfregiate dalla mano dell’uomo. Al confine con il Ruanda, con l’Uganda, dove c’è la natura più fantastica dell’Universo, con foreste incredibili, le miniere di coltan hanno segnato una ferita profondissima. Cos’è il coltan? Perché ci dovrebbe interessare? E’ una sostanza che utilizziamo tutti noi tutti i giorni. Serve per allungare la vita alle batterie dei telefonini. Si trova solo lì. Finché c’è guerra non c’è speranza in Congo, finché non ci sarà un governo forte, piccole bande avranno la giurisdizione per quattro soldi su una zona che stanno deturpando, saccheggiando.

D) Lei torna spesso in Africa, soprattutto per documentarne la fauna, che ha del leggendario: tigri, gorilla, leoni. La quintessenza del documentario, forse, ha come casa il Continente Nero. C’è una terra, un Paese, in cui gli uomini vivono in armonia con la natura?

R) Ce ne sarebbero tanti, ma a pensarci bene racconterò un episodio particolarmente divertente. Ero in viaggio in Camerun, nella foresta tropicale africana, nel bacino del Congo. Giravamo con alcuni pigmei che dovevano mostrarci la strada per raggiungere i gorilla di pianura, animali timidissimi, difficilissimi da avvistare. Un pigmeo di nome Maurice ci aveva presi in carico. Dovevano guidarci lungo tutto il percorso, ma quei giorni lì era di scena una grande festa, così Maurice ci ha portato al festeggiamento e si è ubriacato bevendo marissa, la birra prodotta dalla fermentazione delle foglie di banano. Urlava, saltava, era ciucco perso. Dovevamo affrontare due ore di macchina e poi camminare nella foresta per scovare il punto di osservazione. Il pigmeo ci chiede l’anticipo sul viaggio, che poco dopo spende già, tutto in alcol. Ero preoccupato. Maurice portava con sé 20 bottiglie da 1 litro e mezzo di acqua sulla schiena, con una liana tenuta con la fronte. Canticchiava. Arriviamo nell’area degli appostamenti. Gli faccio riferire da un altro pigmeo che avrebbe dovuto smetterla di gridare, perché si spaventavano i gorilla.

D) Come reagisce?

R) Quasi si offende, prende e se ne va. Arriva la peggior tempesta che io abbia mai visto in Africa. Dopo ore di cammino credevo che Maurice fosse disperso, ubriaco con le casse d’acqua chissà dove, che non fosse più del gruppo, chissà se sopravvissuto alla tormenta. Me lo vedo spuntare all’orizzonte. Era tempo che ci aspettava. Era andato avanti per aprirci il varco, ci attendeva nel punto più comodo per attraversare il fiume da un guado. Lì ho capito che, a distanza di paralleli, chilometri, paradigmi, il pigmeo a differenza mia era perfettamente in grado di sopravvivere alla natura in cui era nato, in perfetta armonia con lei.

D) Pigmei, un popolo stranissimo, diviso dalle guerre e dalle spartizioni politiche della storia. Che impressione ha di questa gente?

R) E’ un popolo difficile. Un missionario che ho conosciuto giù mi raccontava che dopo 30 anni non era ancora riuscito a far capire loro che dovevano farsi pagare per il “lavoro” tra virgolette che fornivano ai governi. Loro che, piccolissimi, si avventurano sotto terra nelle miniere dell’oro in condizioni disumane, in cambio del pranzo. Non concepiscono il concetto di salario, non hanno concetto del do ut des, si fanno sfruttare purtroppo, e la loro cultura non ammette, o comunque fa fatica ad accettare deroghe a questa realtà che in verità è triste.

D) Per contro, qual è il luogo più inospitale del mondo?

R) Credo la Cina, da cui sono tornato 2 settimane fa. L’impatto di 30 milioni di persone che non vedono mai il sole, a Shanghai. E’ l’estremo opposto della foresta del Congo. Molti cinesi vivono al limite dell’impossibile, dello stress psicofisico. Proprio a proposito del progetto della Corona Verde del Piemonte ho scoperto che ci sono figure di psicologi ambientali, che studiano i danni prodotti sull’uomo dall’assenza della natura.

D) Forse, però, in Cina non si percepiscono.

R) Sì, è così. Ho conosciuto dei ragazzi di una scuola che visitavano gli orti urbani, sul tetto di un palazzone di 20 piani. Erano adolescenti, erano invitati a toccare le piante, a mettere le mani della terra, molti per la prima volta. Erano terrorizzati dal fango, perché era un giorno piovoso. E’ pazzesco, l’elemento da cui proveniamo e in cui dovremmo andare a finire non l’avevano mai visto in vita loro, o comunque li atterriva. E’ curioso, d’altra parte, che spesso gli ascoltatori mi scrivano, mi chiedono perché faccio documentari sulla fauna lontana e non mi concentro mai su filmati che potrebbero essere educativi per i nostri figli, sugli animali nostrani. Molti dei bimbi di oggi non sanno distinguere una capra da una pecora, perché non hanno mai avuto occasione di vederla.

D) Il suo paradiso in Terra?

R) L’elenco sarebbe interminabile. Dovendo proprio scegliere, dico le isole Falkland. Hanno un rapporto con tra la natura e l’uomo di uno a uno. A un’ora da aero dalla Terra del Fuoco, sono 400 isole che occupano un territorio pari al Galles. Due le principali, gran parte sono isolotti disabitati. Ci vivono 3.000 persone, di cui 2.000 nella capitale. Ce n’è una, in particolare, che è grande come l’Elba, dove vive una sola famiglia di settepersone, con una fattoria sterminata. Prendiamo la macchina, il Land Rover, ci portano su una scogliera per fare le riprese dei nidi degli albatros, i leggendari animali da un paio di metri di apertura alare, stupendi, con le loro sopracciglia nere che sembrano disegnate a matita. Bianchi nel verde dell’erba, con un clima simile a quello della Scozia, gli scogli grigi alla luce delicata. C’erano qualcosa come 12.000 albatri; adulti maschi, femmine e cuccioli. C’è una notte dell’anno in cui migrano, lasciando lì solo i piccoli, ma nessuno è ancora riuscito a capire quando. Io, da quella scogliera non volevo più venire via.

Letizia Tortello

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende